Definizione di: Teoria sistemica | Concetto, significato e che cosa è: Teoria sistemica


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano
Teoria sistemica (chiamato anche la sistemica) è un approccio multidisciplinare che studia le proprietà comuni a varie entità. È il biologo austriaco Ludwig von Bertalanffy (1901-1972), che gli diede questo nome, metà del XX secolo.
Considerato una teoria delle teorie, perché sembra per le regole di valore generale che possono essere applicate a qualsiasi sistema e qualsiasi livello di realtà. Va osservato che i sistemi sono moduli ordinati elementi interdipendenti e che interagiscono tra loro.
Uno può fare la distinzione tra un concettuale o ideale (il tutto organizzato delle definizioni, simboli e altri strumenti di pensiero) e un sistema reale (un'entità fisica con componenti organizzate che interagiscono in modo che le proprietà dell'insieme non possono completamente separata dalle proprietà delle parti).
Anche se la teoria sistemica è nato attraverso un esperto in biologia, nel corso del tempo, si è sparso in vari campi di studio come la cibernetica e la teoria dell'informazione. Il sociologo tedesco Niklas Luhmann (1927-1998) è uno di quelli che hanno implementato la teoria sistemica nelle scienze sociali.
Tra i principi della teoria sistemica, esistono invece di menzionare l'uso degli stessi concetti per descrivere le caratteristiche principali di sistemi diversi, la ricerca di leggi generali che facilitano la comprensione delle dinamiche di qualsiasi sistema e la formalizzazione delle descrizioni della realtà.
Infine, la teoria sistemica ha un approccio dinamico, multidimensionale e multidisciplinare.
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.