Definizione di: Punto di equilibrio | Concetto, significato e che cosa è: Punto di equilibrio


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

Equilibrio, dalla aequilibrĭum di Latino, è lo stato dove due forze che sono trovati / incrocio si compensano e distruggeranno a vicenda. L'equilibrio è l'armonia tra diverse cose ed equanimità.
Punto di equilibrio (chiamato anche punto di pareggio) è un concetto di finanza che fa riferimento al livello delle vendite cui sono coperti i costi fissi e variabili. Detto questo, l'azienda, al suo punto di equilibrio, ha un beneficio che è uguale a zero (non perde soldi, ma perde non sia).
Tuttavia, il bilanciamento del punto, l'azienda a volte a coprire i costi e le spese. Se incrementa il proprio venduto, sarà sopra il punto di equilibrio e otterrà un beneficio positivo (o redditività positiva). D'altra parte, se le vendite si precipitano dal punto di equilibrio, può causare perdite.
La stima del punto di equilibrio permette all'azienda, prima ancora di iniziare le sue operazioni, per sapere quale livello di vendite che è necessario recuperare il denaro investito. Nel caso in cui non è in grado di coprire i costi, sarà necessario apportare modifiche finché trova un nuovo punto di equilibrio.
Per trovare il suo punto di equilibrio, l'azienda deve sapere quali sono i costi. Questo calcolo prende in considerazione tutte le erogazioni (cioè, tutti i soldi lasciando casse dell'impresa). Inoltre, esso deve determinare se i costi sono variabili (quelli che variano a seconda del livello di attività) o fissa. L'approccio seguito è quello di trovare il costo unitario variabile, che è il risultato della divisione tra il numero di unità prodotte e vendute unità. Quindi sarà in grado di applicare la formula per il punto di equilibrio, verificare i risultati e analizzarli.
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.