Definizione di: Proprietario terriero | Concetto, significato e che cosa è: Proprietario terriero


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.
Proprietario terriero è un termine composto da due parole: proprietario e Terran. Il concetto si riferisce pertanto a qualsiasi persona che possiede la terra/terra. Il suo utilizzo è spesso legata a coloro che hanno grandi superfici agricole. Esempi: "il Presidente ha sottolineato che grandi proprietari terrieri non sono esenti dai loro obblighi,"John Milboard Paternusis è un proprietario terriero che possiede più di 20.000 ettari di campi nel sud del paese "," Mi chiedo come ha fatto per diventare un proprietario terriero in soli tre anni.
Il concetto di proprietario è emerso nella tradizione monarchica del paese. I proprietari terrieri erano i nobili con le fortune della famiglia dal Medioevo. Dopo la rivoluzione francese, la collezione di grandi appezzamenti di terreno nelle mani di pochi ha la tendenza a cambiare e la distribuzione della terra è stato promosso.
Il contesto storico e geografico determina la nozione di proprietario terriero. In Argentina, ad esempio, gli storici sostengono che i proprietari terrieri hanno formato una borghesia politicamente potente fin dai primi anni dell'indipendenza nazionale, pur determinando lo sviluppo del paese. Nonostante i cambiamenti storici e sociali, è ancora un gruppo molto influente nella politica.
A Cuba, d'altra parte, i proprietari terrieri hanno beneficiato il potere economico e politico della rivoluzione socialista. Lo sfruttamento delle loro terre è stato effettuato da indiano e Métis impiegati, ma anche attraverso il lavoro degli schiavi.
In generale, i proprietari terrieri si oppongono cambiamenti sociali perché rappresentano una classe privilegiata e, di conseguenza, qualsiasi cambiamento nello status quo è contrario al loro interesse.