Definizione di: Paura | Concetto, significato e che cosa è: Paura


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

La parola paura proviene il termine latino pavor. È una sensazione di ansia in presenza di un pericolo o un reale o immaginato minaccia. Allo stesso modo, il concetto si riferisce alla paura o apprensione che ci sentiamo ogni volta che si è convinto che accadrà a noi l'opposto di quello che vogliamo.
La paura è un'emozione caratterizzata da un'intensa sensazione di solito sgradevole causata dalla percezione del pericolo, presente o futuro, effettivi o presunti tali. La paura è una delle emozioni primarie derivanti dalla naturale avversione alla minaccia, questo entrambi gli animali e gli esseri umani sono umani.
Dal punto di vista della biologia, la paura è uno schema di Adaptive ed è un meccanismo di sopravvivenza e di difesa che permette all'individuo di rispondere rapidamente ed efficacemente in situazioni avverse.
Per la neurologia, la paura è una forma comune di organizzazione del cervello primitivo degli esseri umani vivi, con l'attivazione dell'amigdala che si trova nel lobo temporale.
Dal punto di vista della psicologia, la paura è uno stato affettivo ed emotivo necessario per permettere al corpo di adattarsi all'ambiente.
Per quanto riguarda l'aspetto sociale e cultura, la paura è parte del carattere di una persona o un'organizzazione sociale; detto questo, è possibile imparare a non avere paura.
Paura appare nel campo dell'arte come una forma di intrattenimento. Ecco perché essa costituisce di per sé un genere narrativo (come storie o romanzi horror) e un film di genere (film horror).
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.