Definizione di: Ode | Concetto, significato e che cosa è: Ode


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

ODE è una parola latina, preso in prestito dal greco e che fa riferimento a una composizione poetica del genere operistico. Ode può essere sviluppato in varie intonazioni e forme e in grado di affrontare qualsiasi temi di indolo. In generale, è diviso in strofe o parti uguali.
Le odi originale sono state cantate al suono di uno strumento musicale come la lira. Le odi erano monodie (cantate da una voce sola) o cori (eseguite da un gruppo di persone).
Nonostante la sua varietà tematica, l'ode esprime ammirazione per qualcosa o qualcuno. Detto questo, un'ode è una poesia crea per rendere omaggio o fare un'esaltazione. Diversi poeti greci erano odi dedicati per dei, atleti, guerrieri ed eroi; altri, invece, ha preferito esaltare la figura di amore e di piaceri.
Il poeta cileno Pablo Neruda è uno dei migliori rappresentanti dell'inno latino-americana. Neruda ha scritto odi basati su temi spirituale (ad esempio di gioia), ma anche per rendere omaggio ai suoi colleghi (Federico García Lorca, Walt Whitman) e oggetti apparentemente irrilevanti (delle odi alla cipolla e calzini, per esempio).
Il tedesco Friedrich Schiller è l'autore di "Ode alla gioia" ("«Ode an die Freude" dal suo nome originale "). Questa poesia ha ispirato Ludwig van Beethoven, quando compose la Sinfonia n. 9, noto anche come l'inno alla gioia.
Symphony No 9 di Beethoven e Schiller poesia ha dato alla luce l'inno europeo, applicato dall'Unione europea nel 1985. Questo capolavoro, che include le modifiche al poema originale, è stato interpretato per la prima volta il 29 maggio 1985.
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.