Definizione di: Motivo | Concetto, significato e che cosa è: Motivo


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

Il motivo di termine proviene dalla ratĭo di latino. Il dizionario Larousse online fornisce molti significati per questa parola, fra loro la facoltà di pensare, l'argomento che è sospettato di sostenere una determinata cosa, la ragione o causa e il quoziente di due numeri.
Per la filosofia, la ragione è la facoltà per cui l'essere umano è in grado di identificare i concetti e metterli in discussione. Detto questo, accade per determinare la consistenza o la contraddizione tra di loro e possono indurre o dedurre gli altri diversi da quelli che lui conosce già.
Il motivo coinvolge diversi tautologici principi (che sono spiegati da soli), quali il principio di identità (che mette in evidenza che un concetto è lo stesso concetto), il principio di non contraddizione (lo stesso concetto non può essere e non essere allo stesso tempo) e la legge degli esclusi (tra il fatto di essere o non essere un concetto dove non c'è nessun "medio").
Inoltre, è necessario citare due tipi principali di ragionamento: deduttivo (che ritiene che la conclusione è implicita nei locali) e l'induttivo (che prende le conclusioni generali da una cosa particolare).
Il motivo di una sequenza geometrica è un coefficiente costante in un confronto tra due quantità di relativo quoziente. Si parte dal principio della capacità di determinare quante volte un contiene l'altro.
Infine, dovrebbe essere notato che ci sono numerose citazioni riferendosi alla ragione, vale a dire, tra l'altro: «Alzare la voce non dà ragione» (proverbio cinese); "Ci piace senza motivo e senza motivo odia." "Il cuore ha la sua ragione che non conosce la ragione punto.
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.