Definizione di: Morte | Concetto, significato e che cosa è: Morte


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

La morte è la fine della vita a causa della incapacità biologica a sostenere il processo omeostatico. È la fine dell'organismo che è stato creato dalla nascita.
Il concetto di morte, tuttavia, si è evoluto nel corso della storia. Precedentemente, si è ritenuto che la morte, come un evento, avvenuto al momento quando il cuore ha smesso di battere e vivente essendo cessato di respirare. A causa dei progressi nella scienza, la morte è venuto ad un processo che, in un dato momento, diventi irreversibile.
Al momento, se una persona cessa di respirare da sola, ha la possibilità di avere accesso a un ventilatore e una vita più o meno normale. Inoltre, c'è menzione la morte cerebrale, che è attività cerebrale totale e irreversibile, cioè, la persona è ancora viva, ma il suo cervello non funziona più.
Oltre alla biologia, c'è un disegno sociale e religioso rispetto alla morte che sarebbe stata la separazione tra il corpo e l'anima. In altre parole, la morte è la fine della vita fisica, ma non l'esistenza. La credenza nella reincarnazione è anche abbastanza comune.
Uno scheletro coperto di una specie di tunica con una falce simboleggia la morte. Parque (una dea) conosciuto come Morta rappresenta la morte. Secondo la mitologia greca e romana, ha tagliato il filo per misurare la durata della vita di ogni mortale.
Infine, la morte è la distruzione o la fine di qualcosa: "la morte della squadra Argentina ha avuto luogo dal momento in cui dove Diego Maradona si ritirò sport".
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.