Definizione di: Invertebrati | Concetto, significato e che cosa è: Invertebrati


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano
Gli invertebrati sono animali che non hanno nessuna colonna vertebrale; in altre parole, essi sono privi di vertebre. Tuttavia, animali invertebrati sono che tutti sono quelli che non fanno parte delle vertebre del subphylum di phylum dei Cordati.
Lo sviluppo del concetto di invertebrati è il naturalista francese Jean-Baptiste Lamarck (1744-1829), che ha visto, nel corso del tempo che ci sono diverse classi di questo tipo di animali e le classificazioni proposte di molluschi, vermi, insetti e anellidi, tra gli altri.
In generale, vengono riconosciuti due principali gruppi di invertebrati: gli artropodi e non artropodi. Artropodi sono il ramo più diversa del Regno animale, con più di 1 milione di specie (insetti, crostacei, aracnidi).
Invertebrati possono avere protezione esterna, quali coleotteri, anche se alcuni animali non hanno alcuna protezione, come è il caso del polipo (sono privi di shell, che è una copertura rigida e all'aperto che hanno molte specie).
Spugne o spugna, per esempio, sono animali invertebrati acquatici a forma di una borsa o un tubo con una sola apertura.
Insetti, a loro volta, sono invertebrati ritenuti di presentare un paio di antenne, tre paia di zampe e due paia di ali, ma questi importi possono variare a seconda della specie.
Crostacei, come granchi, aragoste, gamberi e aragoste sono invertebrati che vivono in ambiente acquatico, sia in acqua dolce che in acqua di mare e in tutte le profondità. Si tratta solo di artropodi che hanno due paia di antenne.
Infine, non c'è menzione i vermi anellidi, come lombrichi e sanguisughe.

Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.