Definizione di: Impulso | Concetto, significato e che cosa è: Impulso


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.
In psicoanalisi, l'impulso è l'energia psichica e profonda che viene eseguita l'azione per un determinato scopo e che Scarica stanno raggiungendo. Il concetto si riferisce a qualcosa di dinamico che è influenzata dall'esperienza dell'individuo. È ciò che differenzia l'impulso dell'istinto, che è congenita (ereditato attraverso la genetica).
L'istinto caratteristiche di animali non-razionali con oggetti fissi per il loro soddisfacimento. L'unità, tuttavia, non ha predeterminato oggetto. Esorta, pertanto, è collegati a dalle forze di tensione somatica degli esseri umani con diverse fonti e modi di manifestarsi.
Il concetto di impulso è stato sviluppato dall'austriaco Sigmund Freud, alla fine del XIX secolo quando ha cominciato a riflettere sul comportamento umano che vanno oltre l'istinto e anche può contraddirlo.
Così, Freud stabilito che l'impulso è la tensione del corpo che tende a oggetti diversi e che viene scaricato accedendo lo stesso, anche se temporaneamente, dato che l'unità non è mai completamente soddisfatto.
Il padre della psicoanalisi distingue diversi momenti dell'unità come l'origine (origine residenti nel somatico), sforzo o drang (la tensione che si traduce in impulso), la destinazione (come il passivo o attivo) e l'oggetto (che riduce temporaneamente la tensione).
Per alcuni psicoanalisti impulsi si verificano l'assenza iniziale di un oggetto istintivo. A causa di questa mancanza, il desiderio si traduce in impulsi che obiettivi momentanei di destinazione. Una volta raggiunta questa volta, l'unità si riavvia il processo.