Definizione di: Fiume | Concetto, significato e che cosa è: Fiume


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

Il termine fiume deriva dal latino fluvius. È un flusso continuo di acqua naturale che conduce a un fiume, un lago o sul mare. Se un fiume conduce ad un altro, prende il nome di affluente.
Ogni fiume ha un flusso, che non è davvero costante durante l'anno. Durante i periodi dove le piogge sono molto pesanti, il flusso tende ad aumentare. In altra parte, se non piove abbastanza o temperature elevate, flusso verso il basso e il fiume può asciugarsi in condizioni estreme.
Un fiume può essere sostenibile se il corso d'acqua si trova in aree con forti piogge o dove l'acqua è sufficiente; stagionale, se è in una regione dove le stagioni sono sufficientemente differenziate e che il clima è Mediterraneo; transitorio, si trova in una zona dove il clima è asciutto o desertico; o alloctoni, si trova in una zona arida e le sue acque provengono altre regioni più piovose.
È possibile classificare i fiumi secondo loro geomorfologia. Dritti fiumi presentano un basso sinuosità e hanno solo un singolo canale. I fiumi intrecciati, d'altra parte, hanno molti canali e un'ad alta capacità trasporto e sedimentazione. Infine, i fiumi serpeggianti hanno forte sinuosities e un singolo canale.
Il più grande fiume del mondo è l'Amazzonia, la cui estensione è di 6.800 chilometri. Dopo di lui, c'è il Nilo, con 6,450 chilometri.
Nella lingua letteraria, il fiume di parola è usato per riferirsi a quello che si dice con abbondanza ("dovrebbe essere scorrere fiumi d'inchiostro solo per scrivere la storia del Presidente"). Come l'apposizione (parole composte), è usato per indicare qualcosa di eccessiva lunghezza. Il corso della narrazione dei fiumi romanzi, per esempio, a volte rapidamente, a volte lentamente prendendo posto.
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.