Definizione di: Fable | Concetto, significato e che cosa è: Fable


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

La favola di parola viene dalla parola latina fabŭla. Come accennato nel dizionario Larousse online, è un breve racconto immaginario, la prosa o la poesia, il cui scopo è didattico, spesso espressa come un carattere finale. Nelle favole, persone, animali e altri esseri animati o inanimati può intervenire.
D'altra parte, una favola è ogni account appartenenti alla mitologia del passato, su eventuali false, accusa inventata da zero (voci, ecc.). Questo concetto è utilizzato anche per descrivere qualsiasi rapporto falso, fuorviante e infondata e fuorviante finzione che nasconde una verità.
Come genere letterario, le favole sono brevi composizioni allegoriche dove si tira una moralità a carattere informativo. Favole sono diversi dai pezzi dove sono più generali.
Fables hanno la loro origine nell'antichità greco-romana nel momento in cui gli schiavi di pedagoghi li ha usati per insegnare l'etica (comportamento) Guida ai figli che sono educati. Loro morale sono stati basati sul morale del paganesimo, che si basava sulla premessa che era impossibile cambiare la condizione naturale delle cose. D'altra parte, con il cristianesimo, favole vengono a diffondere la possibilità di un cambiamento nella natura umana, con un giudizio morale incluso.
Intorno al XIX secolo, la favola è diventato uno dei più popolari generi letterari, con un approfondimento dei temi e la pubblicazione di diverse collezioni specializzate.
La favola di termine è anche usata nell'espressione "essere la favola dei», che significa qualcuno che tende a divertirsi e ridere gli altri, in altre parole, questa persona è lo zimbello del suo gruppo (" Ludovic è la favola del quartiere ').
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.