Definizione di: Esistenzialismo | Concetto, significato e che cosa è: Esistenzialismo


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

Esistenzialismo è una conoscenza alla ricerca filosofica della realtà attraverso l'esperienza immediata della propria esistenza. Tuttavia, non esiste nessuna teoria precisa o esatta che definisce cosa si intende esistenzialismo.
Ciò che è certo, è che questo movimento della filosofia luogo individuo umano come il creatore del significato della sua vita. È la temporalità del soggetto e la sua esistenza concreta del mondo che lo ha reso quello che è e non un presunto più astratto essenza.
Gli esistenzialisti credono che ogni individuo sia un'integrità gratis da sé piuttosto che una parte di un tutto. Possedere l'esistenza di una persona (l'esperienza umana) è ciò che definisce la sua essenza e non una condizione umana generale.
In altre parole, gli esseri umani esiste dal momento in cui che è in grado di generare qualsiasi tipo di pensiero. Pensare permette alla persona di essere libera: senza libertà, non c'è nessuna esistenza sia.
Questa stessa libertà converte l'individuo in un essere responsabile delle sue azioni. È quindi un'etica della responsabilità individuale. Appartiene solo alla persona responsabile per gli atti che si realizza nell'esercizio della sua libertà.
Il francese Jean-Paul Sartre (1905-1980) e Albert Camus (1913-1960) sono due tra i più importanti esponenti dell'esistenzialismo. Questa corrente può essere diviso in tre scuole, vale a dire esistenzialismo teistico (quale metteva in dubbio l'esistenza di Dio e dello spirito), esistenzialismo (che nega il divino) ateo e agnostico esistenzialismo (che ritiene che l'esistenza di Dio non ha alcuna importanza per l'esistenza umana).
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.