Definizione di: Diritto del lavoro | Concetto, significato e che cosa è: Diritto del lavoro


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

Il ramo del diritto di governare le relazioni che si svolgono attraverso il lavoro umano è il diritto del lavoro. Questo è l'insieme delle norme giuridiche che garantiscono il rispetto degli obblighi delle parti di un rapporto di lavoro.
Il diritto del lavoro considera il lavoro come attività che una persona fa per cambiare il mondo esterno e attraverso cui lei riesce a ottenere i mezzi materiali o beni economici per sopravvivere.
Come un fatto sociale, lavoro comprende l'instaurazione di relazioni che non sono abbastanza simmetrici. Il datore di lavoro (quella che assume il lavoratore) ha una grande forza contro il dipendente. È per questo motivo che il diritto del lavoro è stato inteso limitare un po' la libertà dell'azienda di proteggere il rapporto squilibrato presunta.
Per effettuare questa operazione, il diritto al lavoro si basa il principio della tutela, a differenza di diritto privato, di cui il principio è che l'uguaglianza giuridica. Detto questo, il diritto al lavoro deve applicarsi, per quanto riguarda le norme del concorso, uno che è più favorevole al lavoratore.
Rapporti di lavoro sono disciplinati da un contratto di diritto del lavoro e diverse altre giurisdizioni. Tuttavia, ciascuna zona di produzione ha le sue regole per governare le relazioni per non violare la legge del contratto di lavoro.
Inoltre, ci sono i contratti collettivi di lavoro applicabili a diversi gruppi professionali. Questi accordi, che vengono concordati tra le due parti (datori di lavoro contro dipendenti) devono essere deve essere approvata dallo stato.
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.