Definizione di: Diritto commerciale | Concetto, significato e che cosa è: Diritto commerciale


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano
Diritto commerciale è il ramo della regolamentazione rapporti di diritto relazionati alle persone, atti, luoghi e contratti commerciali.
Diritto commerciale è una branca del diritto privato e comprende tutti gli standard per i commercianti durante l'esercizio della loro professione. A livello generale, ci sono invece di dire che è il ramo del diritto che regola l'esercizio dell'attività aziendale.
È possibile distinguere tra due criteri nel diritto commerciale. La prova oggettiva è che che interessa gli stessi atti di commercio. D'altra parte, la prova soggettiva ha a che fare con la persona che svolge il ruolo di mercante.
Diritto del commercio non è statico, come si adatta alle mutevoli esigenze di business, mercato e società in generale. Tuttavia, cinque principi di base sono sempre rispettati: è una legge professionale (nella misura in cui risolve i conflitti specifici imprenditori), individualista (è parte del diritto privato e regola i rapporti tra gli individui), consuetudine (è basato sulle usanze dei mercanti), progressiva (cambiamenti nel tempo) e internazionalizzazione (si adatta al fenomeno della globalizzazione).
Infine, diritto commerciale è inteso a strutturare l'organizzazione imprenditoriale moderna e regolare lo status giuridico del contraente, cioè la persona che compie atti di commercio. Inoltre, gli atti di commercio sono quelli che vengono condotti per ottenere profitto.
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.