Definizione di: Codice civile | Concetto, significato e che cosa è: Codice civile


Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano
Un codice è, nel campo della legge, tutte le norme giuridiche sistematiche su qualche materia in modo unitario. Il codice commerciale, ad esempio, riunire norme e precetti che regolano le relazioni commerciali (business).
Il codice civile consiste organizzato, sistematizzato e unitario standard appartenendo a diritto privato. Detto questo, è le norme che regolano i rapporti civili delle persone fisiche e giuridiche, anche privato pubblico (in questo caso, quando persone agiscono come individui).
Il Codex Maximilianeus Bavaricus Civilis di 1756 fu che il primo corpo di leggi ha usato l'indicazione del codice civile. Il concetto si è evoluto nel tempo e, del XIX secolo, la maggior parte dei paesi hanno cominciato a emanare i propri codici civili.
Il primo codice civile moderno e che assomiglia più da vicino i codici attuali è il codice civile francese promulgato da Napoleone Bonaparte nel 1804. Napoleone voleva consolidare i diversi aspetti della tradizione giuridica francese in un corpo giuridico, in modo che la struttura giuridica del vecchio Regime ha perso i suoi effetti.
Codice napoleonico ha ispirato e incoraggiato, per intenderci, lo sviluppo dei codici civili della maggior parte dei paesi europeo e americano.
Oltre alle differenze in ogni caso, un codice civile riguarda generalmente il diritto delle persone, degli obblighi (ad esempio i contratti) e cose (merci). Per quanto riguarda la sua struttura, c'è necessario distinguere tra persone (personam), cose (res, diviso a sua volta in successione e obblighi) e azioni (actiones).
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.