Civiltà di Gandhara | Enciclopedia di Storia Antica.

Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.

Definizione

clip_image049
Gandhara era il nome dato alla terra e la sua civiltà associato che ha esistito in che cosa ora è del Nord, Pakistan e Afghanistan dal metà 1 ° millennio A.C. all'inizio del 2 ° millennio CE e consisteva di più dinastie che governarono l'area stessa, ma che erano collegate per la maggior parte di loro adozione del Buddhismo come religione e anche della tradizione artistica Indo-Greco come identità culturale.

Nella misura del Gandhara

Anche Gandhara è stato storicamente conosciuto quanto l'impero achemenide e più precisamente durante il Regno di Ciro il grande (558-28 A.C.), fu solo il pellegrinaggio di XuanXang nel VII secolo D.C., verso la fine della civiltà di Gandhara, che vediamo prima un account descrittivo della regione verso il basso per l'estensione dell'area stessa così come i vari luoghi e siti che possono essere identificati oggi.
Si è ipotizzato che Ganhara era un triangolare tratto di terra circa 100 chilometri a est-ovest e 70 km a nord a sud, che si trova principalmente a ovest del fiume di Indus e delimitata a nord dai Monti Hindukush. (1 li = 500 metri o 1640 piedi)
Nella misura del Gandhara corretta effettivamente inclusa la valle di Peshawar, le colline di Swat, Dir, Buner e Bajaur, tutti che si trovano all'interno dei limiti del nord della nazione moderna giorno del Pakistan. Tuttavia i limiti di Gandhara maggiore (o regioni dove l'egemonia cultura e politica del Gandhara ha tenuto l'ondeggiamento) esteso verso la valle di Kabul in Afghanistan e l'altopiano di Potwar nella provincia del Punjab in Pakistan, nella prossimità vicina a città capitale di Islamabad e delimitata fuori dalla posizione del grande Mankiyala Stupa alla periferia della capitale.
clip_image030[1]
Mappa di Gandhara
Origine del Gandhara nome
Il nome di Gandhara può avere diversi significati che la teoria più importante riguarda il suo nome alla parola Qand/Gand , che significa "profumo" e Har , che significa "atterra" da qui la definizione più semplice essendo 'Terra di fragranza'. Tuttavia, quando analizzato criticamente, la regione conosciuta come il nucleo del Gandhara intorno alla valle di Peshawar non hanno storicamente qualsiasi associazione storicamente verificabili o importanza per quanto riguarda la fragranza, sia attraverso i fiori, spezie, cibi, ecc.
Un'altra teoria geograficamente supportata e più probabile è che la parola Qand/Gand è evoluta da Kun che significa 'bene' o 'pozza d'acqua' e in effetti la parola che Gand appare con molti altri nomi di luogo connesso con acqua cioè Gand-ao o Gand-ab (pozza d'acqua) e anche Gand-Dheri (tumulo di acqua). Tashkand (pietra murata piscina) e Yarkand sono anche nomi associati e quindi tiene a ragione che la terra potrebbe sono stata conosciuta come 'Terra della Lake(s)' come questo indica la regione tra i fiumi Indo e Kabul, che era una regione fertile ricca nelle forniture di acqua e soprattutto nei dintorni di Peshawar.

Storia politica di Gandhara

Gandhara testimoniato la regola di diverse potenze principali dell'antichità come indicato qui:
  1. Achemenidi (~ 600-400 A.C.)
  2. Greci (~ 326-324 A.C.),
  3. Venne (~ 324-185 A.C.),
  4. Indo-Greci (~ 250-190 A.C.),
  5. Sciti (~ II secolo ai secolo A.C.),
  6. Parthians (~ 1 ° secolo A.C. ai secolo D.C.),
  7. Kushan (~ 1 ° al 5 ° secolo D.C.),
  8. Unni bianchi (~ 5 ° secolo D.C.)
  9. Shahi indù (~ 9 ° al 10 ° secolo D.C.).
Questo è stato seguito da conquiste musulmane, dal momento che veniamo al periodo medievale della storia indiana.

Achemenidi & alexander

Darius ho aggiunto Gandhara all'impero achemenide intorno 556 A.C. ma la sua occupazione di esso non durò a lungo. Più tardi e invece era noto per essere un tributario dichiari degli achemenidi (noti come una satrapia) e successivamente pagato tributi e dedotti ospitalità ad Alessandro Magno, che alla fine lo hanno conquistato (insieme al resto dell'Impero Achemenide). L'egemonia di Achaemenian nel Gandhara durò dal VI secolo A.C. al 327 A.C..
Alexander si dice che hanno attraversato la zona di quello che viene chiamato Gandhara di entrare in Punjab corretto (come infatti questa regione ancora è usata oggi per la stessa funzione) e gli fu offerto alleanza dal sovrano di Taxila Ombhi, contro il re Porus, che era una costante fonte di agitazione per Taxila e le regioni limitrofe. Che cosa è accaduto dopo questo presso la battaglia dell'Idaspe (letteralmente) è storia antica. Comunque, soggiorno di Alexander qui è stato breve e andò sud attraverso il fiume di Indus e incrociate sopra in che cosa è oggi Balochistan sul viaggio di ritorno.
Popolazioni consistenti sinistra di Alexander dei greci in ogni regione ha conquistato e Gandhara era un'eccezione, con artigiani, soldati e altri seguaci incoraggiati a Inter- sposare e si fondono con la gente del posto e portare a loro i frutti della civiltà greca. Quando Alessandro morì nel giugno 323 A.C., suo occupante greco, disperata di tornare a casa, iniziato il viaggio indietro indipendentemente gli ordini per soggiornare nella regione e questa parte di sinistra un grande vaccuum in già sottilmente diffusa forza di occupazione greca in Gandhara. Comunque, abbastanza centri greci sono stati creati nella regione di influenzare la sua storia nei secoli a venire.

regola di Mauryan

316 a.c., Chandragupta re del Magadha (321-297 A.C.) si trasferì nel e conquistò la valle dell'Indo, quindi annettendo Gandhara e denominazione Taxila un capoluogo di provincia del suo impero di Mauryan neonata. Chandragupta venne succeduto da suo figlio Bindusara, che venne succeduto da suo figlio Ashoka (che precedentemente era rimasta un governatore di Taxila per qualche tempo). Ashoka notoriamente propagato la diffusione del buddismo e creato un grande monastero a est del fiume Tamra a Taxila. Questo è il monastero di Dharmarajika, famosa per la sua stupa, e si dice che Ashoka sepolti numerose reliquie del Buddha. Tuttavia l'impero di Mauryan si è disintegrato dopo la morte di Ashoka e Gandhara era ancora in palio.
clip_image050
Maruyan Impero
Indo Greci
Nel 184 A.C., i greci (che erano rimasto forti in Battria, moderno Afghanistan settentrionale), invase Gandhara nuovamente sotto re Demetrio e fu lui che ha costruito una nuova città sulla sponda opposta del fiume da Bhir Mound. Questa nuova incarnazione di Taxila è conosciuta ora come Sirkap (che significa 'testa mozzata') ed è stato costruito secondo il piano di Hippodamaean seguendo un modello di campo di football.
Il Regno di Demetrio ha consistito di Gandhara, Arachosia (giorno moderno Kandahar in Afghanistan), il Punjab e una parte della valle del Gange. Era una società multietnica, dove vivevano greci, indiani, battriani e Western iraniani. Prova di ciò è trovata in tutto II secolo A.C. Taxila, come un santuario di Zoroastrian presso Jandial, direttamente a nord di Sirkap.
clip_image051
Impero greco-battriano

Scito-parthians

L'acquisizione graduale del Punjab da Sciti nomadi dell'Asia centrale è iniziata circa 110 A.C.. Queste tribù erano state abituate a invadendo territori settentrionali come quelli in Bactia, ma erano state tenute indietro dagli achemenidi nel passato. Essi si erano stabiliti in Drangiana, giorno moderno Sistan in Iran e invaso Punjab, infiltrazione attraverso la valle di Indus meridionale, conquistando alla fine Taxila.
Nel primo trimestre del 1 ° secolo D.C., il Parthians spostato e ha cominciato a prendere sopra i regni di Petty greco in Gandhara e il Punjab. Gondofare, leader dei parti che visse a Taxila si dice che sono stati battezzati dall'apostolo Thomas, non un reclamo totalmente impossibile poiché la città ha già ospitato un numero di fedi religiose e potrebbe avere accolto un cristiano uno alle prime armi.

Kushan

In 80 CE, i Kushan strappò il controllo di Gandhara da Scito-Parthians. La città principale a Taxila rifondata nuovamente a un altro sito e il nuovo nome Sirsukh dato ad esso. Ha assomigliato ad una grande base militare, con un muro 5 km lunga e non meno di 6 metri di spessore. Ora è diventato un fulcro di attività buddista e ospitato i pellegrini dall'Asia centrale e Cina. L'epoca Kushana è l'alto punto di arte, architettura e cultura di Gandhara e considerato un periodo d'oro nella storia di questa regione. I Kushan erano una tribù che migrati a Gandhara intorno ai secolo D.C. da Asia centrale e l'Afghanistan. La tribù selezionato Peshawar come sede del potere e successivamente ampliato est nel heartland dell'India per stabilire l'impero di Kushan, che durò fino al III secolo D.C..
clip_image052
Impero di Kushan & Stati confinanti
Il filosofo greco Appolonius di Tyana anche visitato la città di Taxila e rispetto le sue dimensioni a quella di Ninive in Assiria. Una descrizione di Taxila (probabilmente Sirsukh) può essere trovata nella vita di Appolonius di Tyana dall'autore Filostrato:
Ho già descritto il modo in cui la città è murata, ma dicono che è stato diviso in strade strette in maniera irregolare come in Atene, e che le case erano costruite in modo tale che, se li guardi da fuori che avevano solo un piano, mentre se sei andato in uno di loro , hai subito trovato camere sotterranee che si estende fino sotto il livello della terra come hanno fatto gli alloggiamenti di cui sopra. (Filostrato, vita di Apollonio, 2.23; TR. F.C. Conybeare)
Alla fine della coda della regola Kushan vide un susseguirsi di brevi dinastie vissute prendendo il controllo della regione del Gandhara, e ciò ha provocato una situazione dove la regione era costantemente hanno fatto irruzione, hanno invaso o in qualche modo o altro in subbuglio. Rapida successione di regola i Sasanidi, Kidariti (o poco Kushan) e infine gli Unni bianchi dopo l'affievolirsi della regola di Kushan ha condotto ai religiosi di giorno in giorno, commercio e attività sociale arrivando a un punto morto. In circa 241 CE, i Kushan furono poi sconfitti dai Sasanidi di Persia sotto la regalità di Shahpur 1 e Gandhara divenne annesso all'impero persiano. Tuttavia, i Sasanidi non possono pronunciarsi direttamente la regione a causa di essere tassati ai loro confini occidentali e settentrionali e controllo di questa regione è caduto ai discendenti dei Kushan precedente che è venuto essere conosciuto come i Kidariti o Kidar Kushans che letteralmente significa piccolo Kushan.

Unni bianchi

I Kidariti riuscì a mantenere una stretta della regione, portando avanti le tradizioni dei loro predecessori i Kushan fino alla metà del 5 ° CE cento quando gli Unni bianchi o Eftaliti, invasero la regione. Come il buddismo e per estensione che la cultura Gandhara era già a un riflusso di questo tempo, l'invasione ha provocato entrambi distruzione fisica e, a causa di adozione degli Unni della fede Shivite (soprattutto del loro sovrano Mihirakula) e di estensione della cultura dell'Impero Gupta indù che in questo momento era ascendente, l'importanza del buddismo cominciò a calare con velocità ancora più alta.
Durante le invasioni di Unni bianchi, il carattere religioso della regione ha spostato gradualmente verso l'induismo e il buddismo è stato evitato in favore di induismo, come si è ritenuto politicamente conveniente dai governanti Unni bianchi, poiché hanno cercato di fare alleanze con l'impero di Gupta indù contro i Sasanidi a ovest. Il cambiamento di carattere religioso (che è alla base di tutta la vita sociale) ha condotto ad un declino nella prosperità della regione di Gandhara nel suo complesso.
Alleanza degli Unni bianchi con l'impero di Gupta contro i Sassanidi causato anche la cultura del buddismo a essere moderato nella misura in cui alla fine la religione si è trasferito nord attraverso i valichi del Nord in Cina e oltre. L'Induismo quindi preso ondeggiare sopra la regione e la gente si trasferì lontano da qui, come il restante pochi secoli visto invasioni costanti dalla conquista occidentale, soprattutto musulmana, che ha permesso a nessuna cultura prominente sviluppare o essere sostenuto lungo le antiche linee. La vecchia città e luoghi di culto di importanza quindi caddero memoria insufficiente per i prossimi anni 1500 fino a quando essi sono stati riscoperti a metà del 1800 CE dalle forze coloniali britanniche.
clip_image053
Impero di Hun bianco (Huna)
Gandhara, quindi, ha avuto più governanti nel corso dei secoli, ma le prove archeologiche ci mostra che l'uniformità della sua tradizione culturale ha persistito durante questi cambiamenti in regola. Anche se i territori erano dislocati su vaste aree, i confini culturali delle regioni di Mathura e Gandhara erano ben definiti e ci permettono di identificarlo in modo univoco oggi.

Arte del Gandhara

Gli inizi della tradizione artistica di Gandhara possono essere ricondotte ai secolo A.C. con la Luna calante della tradizione che si verificano circa nel VIII secolo CE e includevano di pittura, scultura, monete, ceramiche e tutti gli elementi associati di una tradizione artistica. E ' davvero preso il volo durante l'epoca Kushan e soprattutto quella del re Kanishka durante il i secolo D.C. che deificato il Buddha e probabilmente per la prima volta introdotto l'immagine di Buddha che ha continuato a diventare così prolifico come per definire l'intera cultura di Gandhara. Migliaia di queste immagini sono state prodotte e sono state sparse in ogni angolo e fessura della regione che vanno dalla lancetta dei minuti ritenuta Buddha gigante statue monumentali, messi in atto in luoghi di culto più sacri.
Infatti è stato durante il tempo di Kanishka che il buddismo ha visto sua seconda rinascita dopo Asoka. La storia della vita del Buddha è diventato materia fiocco per qualsiasi aspetti dell'arte del Gandhara, e il gran numero di ensrhined di immagini di Buddha in cappelle, stupa e monasteri continuano a essere trovati in gran numero a questo giorno. Opera d'arte era dedicato esclusivamente alla propagazione degli ideali religiosi, nella misura in cui anche gli oggetti d'uso quotidiano erano pieni di immagini religiose. Il fuoco era sulla storia della vita del Buddha, e ogni pezzo di scultura ha qualcosa da dire sulla vita di questo personaggio.
I materiali utilizzati erano kanjur pietra finiti con intonaco e vernice o pietra scistosa. Kanjur è fondamentalmente fossilizzati roccia che può essere facilmente modellato in forme che sono utilizzati come base per vari elementi decorativi in arte Gandhara come lesene, figure di Buddha, staffe e altri elementi. Dopo la forma di base è stata tagliata in pietra, questo è poi intonacato con intonaco a calce per dargli un aspetto finito. Foglia d'oro e gemme preziose sono state anche applicate per selezionare elementi di grande prestazione e la qualità delle opere d'arte varia a seconda degli utilizzi. La dimensione massima che la pietra di scisto era in grado di produrre in era di 2,5 m Piazza al fine di avere facilmente trasportabile e quindi le statue e i rilievi più grandi sono fatti di argilla e stucco.
clip_image054
Gandhara Buddha
Il Buddha è stato adorato attraverso queste rappresentazioni scultoree che aveva uno stile distinto associato con loro che è rimasto in gran parte costante con alcune modifiche a causa di abilità o mestiere essere visti. Il Buddha è sempre raffigurato in semplici abiti monastici, con i suoi capelli legati in una crocchia conosciuta come l'usnisa e l'espressione sul suo volto è quasi sempre uno dei contenuti. Considerando che originariamente queste sculture erano dipinte a colori vivaci, ora solo l'intonaco o pietra resti e a malapena una manciata di elementi sono stati trovati con i loro colori originali intatte. Varie immagini di culto del Buddha sono state fatte per i diversi culti della regione che aveva le proprie caratteristiche distinte di identificazione vale a dire il Laksanas (divine marchi), Mudra (gesti delle mani) e vari tipi di accappatoi.
Qualunque fosse il caso, Buddha sempre avuto il ruolo centrale in questi pezzi e può essere immediatamente identificato dall'aureola e il suo abbigliamento semplice. Molte figure mitologiche sono anche visti come una parte di queste scene insieme a coppie, dèi, semidei, celestiali, principi, regine, maschile guardie, guardie donne, musicisti, royal cappellani, soldati e anche persone comuni. Più così, arte Gandhara ricrea queste scene in modo che gli elementi architettonici e oggetti di uso quotidiano, come letti e vasi ecc possono essere visto chiaramente in loro e anche dare un sguardo nella coltura della costruzione dell'antichità. Arte del Gandhara può quindi fornire noi con un'idea non solo un aspetto della vita antica della regione, ma anche della totalità della vita quotidiana antica buddista.
Uno degli elementi più duraturi dell'arte del Gandhara oltre il Buddha è il Bodhisattva, che è essenzialmente lo stato del Buddha prima ha raggiunto la sua illuminazione. Più Bodhisattva dalle varie vite precedenti del Buddha è raffigurati nell'arte di Gandhara con Avalokatishvara, Matrya, Alessandra e Manjsuri essere prominente. Rispetto per l'austerità di immagini del Buddha, il Bodhisattva sculture e immagini raffigurano un alto grado di lusso con molte varianti sui vari elementi quali gioielli, copricapo, perizoma, Sandali e così via e le varie incarnazioni di Bodhisattva sono riconoscibili dai loro vestiti e posture, per la maggior parte delle mani nei sette mudra.
Architettura di Gandhara
Molto può essere detto circa la tradizione architettonica di Gandhara, ma la caratteristica più prominente e unica di esso era la proliferazione di stupa e altri stabilimenti religiosi associati quali monasteri che hanno formato il nucleo dell'identità regionale per quasi 1000 anni.
Gli stupa sono stati costruiti principalmente per la venerazione delle spoglie di maestri buddisti e i più importanti tenuto i resti del Buddha stesso. Oltre al Buddha, monaci di alta statura venivano venerati anche avendo stupa costruito per loro e questi edifici hanno segnato i luoghi dove si diceva si sono verificati determinati eventi leggendari legati alla varie vite del Buddha. La proliferazione di stupa in tutta l'India è detto di essere stato il segno distintivo della regola di Asoka che risepolti le ceneri del Buddha in stupa più tutto il suo Regno.
Anche se era principalmente una prodezza architettonica, lo stupa era comunque un vaso per l'esposizione e l'adorazione del Gandhara prolifico arte, che comprende sculture, rilievi, dipinti ed altre altamente decorato elementi che ha incassato la struttura e aggiunto immensamente a non solo la sua bellezza ma sua venerazione come un sito religioso. Queste immagini levato in piedi contro le pareti, nei tribunali, all'interno di nicchie e cappelle e stucchi adornavano le pareti delle corti di stupa e monasteri.
Stupa inizialmente sono state costruite con basi circolari ed era di modeste dimensioni, ma come il culto del Buddha crebbe di importanza nella regione, questi centri di culto erano riccamente progettati e ornati di Spinta la statura della religione e di attirare più adoratori. La Stupa originale alle Kunala e Dharmarajika era piccoli affari che sono stati successivamente ampliati a grande proporzioni dai governanti come Asoka e Kanishka.
Una base (medhi), circolare o quadrata, sosterrebbe un tamburo o un cilindro sulla cui sommità si troverebbe la cupola (anda). Passaggi sono stati utilizzati per superare la piattaforma e per iniziare il circumbobulation in senso orario intorno alla cupola lungo il percorso processionale (Pradakshina Patha) che era delimitata da una ringhiera (Emilio). A volte la base avrebbe più storie circolare aumentando l'altezza dello stupa. Gli angoli della base erano solitamente apposto con pilastri capitale del Leone e la parte superiore della cupola aveva prima un harmika, un recinto quadrato invertito su cui si trovava il yasti o pilastro che aveva i vari chattras o ombrelloni diminuendo dimensioni equamente distribuiti lungo di essa.clip_image055
Stupa - etichettati vista isometrica
La stupa è venuto a rappresentare l'apice del successo architettonico del buddista nella regione e naturalmente, come con l'opera, che sono anche stati concepiti esclusivamente per promuovere le strutture di potere religiose. Stupa stessi era decorate con pannelli di rilievo non numerabile e fregi raffiguranti storie religiose ed eventi consolidando ulteriormente il loro ruolo.
Lo stupa fu il principale centro di culto e nel supporto aveva il monastero, una struttura con i propri contenuti completamente zona living per i monaci. Il monastero o Sangharama è diventato una parte enorme della tradizione buddista e nel corso del tempo è venuto per essere una propria unità autosufficiente, con le terre per la coltivazione di colture e ricchezza riversato su di loro da laici e royalty sia per le loro benedizioni. Nella sua forma definitiva il monastero aveva alcuni elementi definiti che adatta le sue funzioni di base e questi erano:

• Mensa/servizio Hall: Upatthana-sala

• Cucina: Aggi-sala

• Promenade di Clausura: Chankamana-sala (per camminare/esercizio)

• Bagno: Jantaghara accanto al serbatoio dell'acqua centrale

• Ripostiglio: Kotthaka

• Archiviazione medica e generale: Kappiya-kuti

Questi edifici erano usualmente tradotta in intonaco di fango e questo è stato poi dipinto sopra sia completamente o come in alcune scene di casi (come il monastero di Jina Wali Dheri a Taxila) della vita di buddha.
clip_image056
Piano di monastero buddista (Gandhara)
Oltre a questi edifici religiosi c'era naturalmente architettura civica pure che varia e cambiato rispetto al culturale prevalente nella regione. Città hanno variate da insediamenti biologici liberamente programmato come Bhir a più rigida e pianificato insediamenti come Sirsukh, con la città di Sirkap da qualche parte in mezzo in termini di pianificazione e di layout.
Le città più grandi tendono ad essere più organicamente strutturate mentre quelli più recenti sembrano essere molto direttamente ispirato dal piano greco carovaniera quali superfici più tardi nel 1 ° A.C. cento. Negozi, passeggiate, palazzi, templi, meridiane, casupole, capanne, ville, insulae, pavillions, strade, strade, torri di avvistamento, porte e mura di fortificazione, tutti fanno parte del tessuto urbano che è vero delle più antiche città pure.
Anche se il panorama religioso è stato dominato dalla fede buddista, ci ha tuttavia è ampia evidenza di altre fedi, la mescolanza e fiorente nel tessuto sociale come Giainismo, Zoroastrismo e Induismo precoce tra i vari altri culti. Il Tempio di Jandial è detto di essere zoroastriano in natura, considerando che un tempio Jain e un tempio del sole è in evidenza sulla strada principale della città di Sirkap insieme vari stupa.
Uno dei resti più ben noti è la doppia aquila intestata stupa a Sirkap che contiene il suo motivo omonimo dell'aquila bicipite apposto su tre diversi tipi di archi decorativi vale a dire lo stile classico greco, persiano e indiano dell'arco. Questo dimostra il grado di mescolanza delle culture nella regione che possiamo dedurre dai resti archeologici.
clip_image057
Aquila bicipite Stupa

Conclusione

Come possiamo vedere, la vita quotidiana nelle città di Gandhara era molto varia e grazie alla sua posizione a un bivio vicino al fiume di Indus, ha visto costantemente invasori, commercianti, pellegrini, monaci e ogni altro tipo di viaggiatore attraversare attraverso le sue terre. In direzione ovest dall'India o dalla Persia in direzione est, l'itinerario attraverso la regione di Gandhara ha reso il centro del percorso di ogni viaggiatore. Questo è lo stesso percorso attraverso il quale l'Islam entrata nella regione e probabilmente ha colpito l'ultimo chiodo nella bara del buddismo nella zona. In realtà lo stesso percorso sarebbe essere utilizzato per secoli anche dopo Gandhara è sprofondato fino alla venuta dei viaggi di scoperta e la protuberanza di viaggio navale attraverso vie di mare.
Le ricchezze del Gandhara, anche se ben noto ai cacciatori di tesori per secoli, non essere scoperti ancora per oltre 2000 anni fino all'era di regola coloniale britannica nel subcontinente indiano, dove le tradizioni artistiche di questa perduta civiltà erano riscoperto e conseguentemente ricercate e comprate alla luce nel tardo 19 ° e in tutto il 20 ° secoli CE, il cui studio continua a questo giorno.
Traduzione autorizzata dal sito: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica