Passa ai contenuti principali

Biografia di Chandrasekhara Venkata Raman | Scienziati famosi.

Uno dei più eminenti scienziati indiani nella storia, C.V. Raman fu il primo indiano a vincere il premio Nobel per la scienza per la sua scoperta 1930 illustre, ora comunemente noto come "Effetto Raman". È immensamente sorprendente che Raman usato attrezzature vale la pena semplicemente Rs.200 per fare questa scoperta. L'effetto Raman è ora esaminato con l'aiuto di apparecchiature del valore quasi milioni di rupie.

Primi anni di vita:

Chandrasekhara Venkata Raman nacque a Tiruchirapalli nel Tamil Nadu, il 7 novembre 1888 da un insegnante di fisica. Raman era uno studente molto forte. Dopo aver fatto la sua matricola alle 12, lui doveva per andare all'estero per studi superiori, ma dopo l'esame medico, un chirurgo britannico suggerito contro di esso. Raman frequentò invece Presidenza College di Madras. Dopo aver completato la sua laurea nel 1904 e m.SC. in fisica nel 1907, Raman messo attraverso varie ricerche significative nel campo della fisica. Ha studiato la diffrazione della luce e la sua tesi sull'argomento è stato pubblicato nel 1906.
Raman è stata fatta il vice ragioniere generale a Calcutta nel 1907, dopo un esame competitivo servizio civile con successo. Molto occupato a causa del suo lavoro, trascorse il suo tempo libero la sera lo svolgimento di ricerca scientifica presso il laboratorio dell'associazione indiana per la coltivazione delle scienze. In certe occasioni, ha anche trascorso notti intere lì. Tale era la sua passione che nel 1917, si è dimesso dalla posizione di diventare professore di fisica all'Università di Calcutta.

Contributi e realizzazioni:

Su un viaggio per mare verso l'Europa nel 1921, Raman curiosamente notato il colore blu dei ghiacciai e del Mediterraneo. Egli era appassionato di scoprire il motivo per il colore blu. Una volta Raman tornò in India, eseguì molti esperimenti per quanto riguarda la diffusione della luce da acqua e trasparente blocchi di ghiaccio. Secondo i risultati, ha fondato la spiegazione scientifica per il colore blu del mare e del cielo.
C'è un evento accattivante che è servito da ispirazione per la scoperta dell'effetto Raman. Raman è stato occupato a fare qualche lavoro in una sera di dicembre nel 1927, quando il suo allievo, K.S. Krishnan (che in seguito divenne il direttore del National Physical Laboratory, New Delhi), gli ha dato la notizia che il Professor Compton aveva vinto il premio Nobel sullo scattering di raggi x. Ciò ha condotto Raman ad avere alcuni pensieri. Ha commentato che se l'effetto Compton è applicabile per i raggi x, deve anche essere vero per la luce. Ha svolto alcuni esperimenti per stabilire il suo commento.
Raman impiegato luce monocromatica da un arco di mercurio che penetrato materiali trasparenti e fu lasciato cadere su uno spettrografo per registrare il suo spettro. Durante questo, Raman rilevato alcune nuove linee nello spettro che furono successivamente chiamano 'Linee Raman'. Dopo pochi mesi, Raman ha presentato la sua scoperta del 'Effetto Raman' in un incontro di scienziati a Bangalore il 16 marzo 1928, per il quale ha vinto il premio Nobel per la fisica nel 1930.
L'effetto Raman è considerato molto significativo nell'analizzare la struttura molecolare di composti chimici. Dopo un decennio della sua scoperta, la struttura di circa 2000 composti era stata studiata. Grazie all'invenzione del laser, l'effetto Raman ha dimostrato di essere uno strumento molto utile per gli scienziati.
Alcuni altri interessi di Raman erano la fisiologia della visione umana, l'ottica dei colloidi e l'anisotropia elettrica e magnetica.

Vita e morte successive:

Sir C.V. Raman divenne Fellow della Royal Society di Londra nel 1924. Un anno più successivamente, ha fondato Raman Research Institute vicino a Bangalore, dove ha continuato la ricerca scientifica fino alla sua morte che è stata causata da un forte attacco di cuore il 21 novembre 1970. Il suo sincero consiglio agli aspiranti scienziati è che "ricerca scientifica aveva bisogno pensiero indipendente e duro lavoro, non di attrezzature".
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…