Passa ai contenuti principali

Biografia di Avicenna | Scienziati famosi.

Anche popolarmente conosciuta come 'Avicenna', Ibn Sina era infatti un vero erudito con suoi contributi che vanno da medicina, psicologia e farmacologia a geologia, fisica, astronomia, chimica e filosofia. Fu anche un poeta e un erudito islamico e teologo. Suo più importante contributo alla scienza medica era suo famoso libro al-Qanun, conosciuto come il "canone" in Occidente. Questo libro è un'immensa Enciclopedia della medicina tra cui più di 1 milione di parole e come libri più arabi riccamente è diviso e suddiviso. Esso comprende l'intera conoscenza medica disponibile da fonti antiche e musulmane.

Primi anni di vita:

Questo grande scienziato nacque a circa 980 D.C. nel villaggio di Afshana, vicino a Bukhara, che è anche la città natale di sua madre. Suo padre, Abdullah un fautore della setta ismailita, era da Balkh, che ora è una parte dell'Afghanistan. Ibn Sina ha ricevuto la sua educazione precoce nella sua città natale e all'età di dieci anni è diventato un Quran Hafiz. Aveva eccezionali capacità intellettuali, che gli permise di superare i suoi insegnanti all'età di quattordici anni. Durante i prossimi anni dedicò alla giurisprudenza musulmana, filosofia e scienze naturali e studiato logica, Euclide e la Almeagest.
Ibn Sina era un uomo molto religioso. Quando era ancora giovane, Ibn Sina altamente fu sconcertato da Aristotele metafisica tanto modo che ha usato per lasciare tutto il lavoro e pregare Dio di guidarlo. Infine, dopo aver letto un manuale di un famoso filosofo al-Farabi, ha trovato le soluzioni alle sue difficoltà.

Contributi e realizzazioni:

All'età di sedici anni ha dedicato tutti i suoi sforzi per imparare la medicina e il tempo aveva diciotto anni ottenne lo status di un medico di famoso. Durante questo periodo che fu anche fortunato a curare Nooh Ibn Mansoor, il re di Bukhhara, di una malattia in cui tutti i rinomati medici avevano rinunciato alla speranza. Su questo grande sforzo, il re volle premiare lui, ma il consenso di giovane medico acquisito solo per suo uso esclusivamente rifornito biblioteca dei Samanidi.
Alla morte di suo padre, quando Ibn Sina aveva ventidue anni, lasciò Bukhara e si trasferì a Jurjan vicino Mar Caspio dove insegnò logica e astronomia. Qui incontrò anche il suo famoso contemporaneo Abu Raihan al-Biruni. Più tardi si recò a Rai e poi a Hamadan, dove scrisse il che suo famoso libro Al-Qanun fi al-Tibb. Qui curò anche Shams al-Daulah, re di Hamadan, per gravi coliche.
Da Hamadan, si trasferì a Isfahn, dove molti dei suoi scritti epica terminò. Tuttavia, ha continuato a viaggiare e la sforzo troppo mentale, così come il caos politico ha rovinato la sua salute. Ultimi dieci o dodici anni della sua vita, passò al servizio di Abu Ja'far ' Ala Addaula, che accompagnò come medico e consulente letterario e scientifico generale. Morì durante giugno 1037 D.C. e fu sepolto a Hamedan, Iran.
Oltre alle sue opere monumentali, Ibn Sina ha contribuito anche alla matematica, fisica, musica e altri campi. Ha spiegato il concetto e l'applicazione del "casting fuori nines". Ha fatto diverse osservazioni astronomiche e messo a punto un mezzo simile a venire, per migliorare la precisione delle letture strumentali. In fisica, il suo contributo comprende lo studio delle diverse forme di energia, calore, luce e meccaniche e tali concetti come forza, vuoto e infinito.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…