Biografia di Alexander Fleming | Scienziati famosi.


Biografie di personaggi famosi e storici
Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.
clip_image024
Vissuto 1881 – 1955.
Alexander Fleming scoprì la penicillina, il cui uso ha salvato innumerevoli milioni di vite. Meno noto è che prima di fare questa scoperta di cambiare il mondo, aveva già dato un contributo significativo alla scienza medica.

Inizi

Alexander Fleming nacque il 6 agosto 1881 a fattoria dei suoi genitori situato vicino la piccola città di Darvel, in Scozia, Regno Unito.
I suoi genitori, Hugh Fleming e Grace Stirling Morton, erano entrambi da famiglie contadine. Salute di suo padre era fragile; e ' morto quando Alexander aveva solo sette anni.
Scuola più in anticipo di Alexander, fra le età di cinque e otto, era ad una scuola di moorland minuscolo dove 12 allievi di tutte le età sono stati insegnati in una singola classe.
Scuola di Darvel era prossima scuola di Alexander, che ha coinvolto un giro di otto miglia a piedi ogni giorno di scuola. All'età di 11 anni è stato riconosciuto il suo potenziale accademico e ricevette una borsa di studio alla Kilmarnock Academy, dove si era imbarcato per circa due anni prima di partire per la città di Londra.
Alexander è arrivato a Londra all'inizio del 1895, da 13 anni. Questo è stato l'anno suo collega Scot, Arthur Conan Doyle, pubblicate Le memorie di Sherlock Holmes, in cui i lettori erano inorriditi per imparare che il loro eroe era morto cadendo sopra le cascate di Reichenbach.
Alexander ha vissuto nella casa di un fratello maggiore, Tom, che era un medico della medicina. La maggior parte della famiglia Fleming ha finito per vivere con Tom, lasciando il fratello maggiore, Hugh, che gestisce l'azienda agricola.
Alexander frequentò la scuola politecnica, dove ha studiato business e commercio. Ha iniziato in una classe appropriata alla sua età, ma i suoi insegnanti presto resi conto che aveva bisogno di lavoro più impegnativo. Egli è stato spostato in una classe con i ragazzi due anni più di lui e finite le scuole da 16 anni.

Lavoro e scuola medica

La sua formazione di affari lo ha aiutato a ottenere un lavoro in un ufficio di spedizione, ma non poté godere lavorare lì.
Nel 1901, all'età di 20, ha ereditato un po' di soldi da suo zio, John Fleming. Ha deciso di utilizzare il denaro per andare a scuola medica; voleva diventare un medico come suo fratello Tom.
In primo luogo, aveva bisogno di qualifiche adatte per permettergli di Iscriviti a una scuola di medicina. Questo non ha presentato alcun grandi difficoltà; ha passato gli esami con il massimo dei voti di ogni studente nel Regno Unito.
Nel 1903, 22 anni, Alexander frequentò St. Mary londinese Hospital Medical School, diplomandosi con lode tre anni più tardi come Bachelor di medicina, Bachelor di chirurgia.
Piuttosto che seguire le orme di Tom, Alexander fu persuaso da Almroth Wright, un'autorità nel campo dell'immunologia, per diventare un ricercatore nel suo gruppo di batteriologia a St. Mary Hospital Medical School. Mentre questa ricerca Fleming è laureato, nel 1908, con una laurea in batteriologia e la medaglia d'oro per il miglior studente. St. Mary Hospital Medical School quindi lo ha promosso al ruolo di docente di batteriologia.
Almroth Wright era interessato nella capacità naturale dei nostri corpi a combattere le infezioni. Fleming è diventato particolarmente affascinato dal fatto che, anche se molte persone hanno sofferto di infezioni batteriche di volta in volta, la maggior parte delle difese naturali della gente evitate infezioni da prendendo piede.

Più significativi contributi di Fleming alla scienza

Dimostrando che gli antisettici uccidono piuttosto che cura
Nel 1914 scoppiò la seconda guerra mondiale 1 e Fleming, 33 anni, si arruolò nell'esercito, diventando capitano nel Royal Army Medical Corps, lavorano in ospedali da campo in Francia.
Lì, in una serie di brillanti esperimenti, ha stabilito che agenti antisettici usati per trattare le ferite e prevenire l'infezione in realtà stavano uccidendo più soldati delle infezioni erano!
Antisettici, quali acido fenico, acido borico e perossido di idrogeno, stavano fallendo uccidere i batteri in profondità nelle ferite; peggio ancora, essi erano infatti abbassamento naturale resistenza del soldato all'infezione perché essi stavano uccidendo le cellule bianche del sangue.
Fleming ha dimostrato che agenti antisettici erano solo utili nel trattamento di ferite superficiali, ma erano dannosi quando applicato a ferite profonde.
Almroth Wright ha creduto che una soluzione salina – acqua salata – dovrebbe essere usato per pulire profonde ferite, perché questo non ha interferito con le difese del corpo e infatti attratto globuli bianchi. Fleming ha dimostrato questo risultato nel campo.
Wright e Fleming pubblicato i loro risultati, ma la maggior parte dei medici dell'esercito ha rifiutato di cambiare i loro modi, causando molti morti evitabili.
clip_image025
Infermieri vengono in aiuto di un soldato ferito. Fleming ha salvato vite di molti soldati durante la prima guerra mondiale mediante lavaggio ferite profonde con soluzione salina, anziché antisettici consigliati da manuali medici.
Scoperta del lisozima
Nel 1919 Fleming restituito alla ricerca presso St. Mary Hospital Medical School a Londra. Sua esperienza della guerra aveva stabilito saldamente il suo punto di vista che gli agenti antibatterici devono essere utilizzati solo se hanno lavorato con le difese naturali del corpo, piuttosto che contro di loro; in particolare, essi non devono danneggiare globuli bianchi.
Sua prima scoperta di tale agente è venuto nel 1922, quando aveva 41 anni.
Fleming aveva preso le secrezioni all'interno del naso di un paziente affetto da un raffreddore di testa. Ha coltivato le secrezioni per crescere tutti i batteri che è capitato di essere presenti. Nelle secrezioni, ha scoperto un nuovo batterio che chiamò Micrococcus lysodeikticus, ora chiamato M luteus.
Pochi giorni dopo, Fleming stava esaminando questi batteri. Ora egli stesso soffriva di un raffreddore di testa, e cadde una goccia di muco dal naso verso i batteri. I batteri nella zona che la goccia era caduto quasi immediatamente sono stati distrutti. Sempre alla ricerca di assassini di batteri naturali, questa osservazione eccitato Fleming enormemente.
Ha verificato l'effetto di altri fluidi dal corpo, come il siero del sangue, saliva e lacrime, su questi batteri e trovato che i batteri non crescerebbe dove era stata posta una goccia di uno di questi fluidi.
Fleming scoprì il fattore comune nei fluidi di un enzima.
Chiamò la sua recente scoperta dell'enzima lisozima. L'effetto di lisozima doveva distruggere determinati tipi di microbo, rendendoli innocui per le persone. La presenza di lisozima nei nostri corpi impedisce di nuocere noi alcuni microbi potenzialmente patogeni. Ci dà immunità naturale di un numero di malattie.
Tuttavia, l'utilità di lisozima come una medicina è piuttosto limitata, perché ha poco o nessun effetto su molti altri microbi che infettano gli esseri umani.
Che, tuttavia, significa che Fleming aveva scoperto un antibiotico naturale che non ha ucciso le cellule bianche del sangue. Se solo lui poteva trovare un antibiotico più potente, medicina potrebbe essere trasformata.
Oggi, il lisozima è usato come alimento e vino conservante. È naturalmente presente in concentrazioni particolarmente grande in albumi, offrendo protezione contro l'infezione ai pulcini.
Serve anche a farmaci, in particolare in Asia, dove viene utilizzato nei trattamenti per raffreddori, piede d'atleta e le infezioni della gola.
clip_image026
Lisozima è mostrato qui in blu. È un enzima, che significa che è un tipo di proteina. Distrugge i batteri, abbattendo le loro pareti cellulari, mostrati in rosa.
"La vista è stata tenuta generalmente che la funzione di lacrime, saliva e dell'espettorato, per quanto riguardano le infezioni, era di liberare il corpo di microbi lavandole meccanicamente via... Tuttavia, è abbastanza chiaro che queste secrezioni, insieme con la maggior parte dei tessuti del corpo, hanno la proprietà di distruggere i microbi di un grado molto elevato."
Alexander Fleming
Batteriologo

Scoperta della penicillina

Nel mese di agosto 1928, Fleming ha fatto qualcosa di molto importante. Ha goduto di una lunga vacanza con la moglie e il figlio giovane.
Lunedì 3 settembre, tornò al suo laboratorio e ha visto un mucchio di capsule di Petri che aveva lasciato sul suo banco. I piatti conteneva colonie di batteri di stafilococco . Mentre lui era via, uno dei suoi assistenti aveva lasciato una finestra aperta e i piatti avevano contaminati dai microbi diversi.
Infastidito, Fleming guardato attraverso i piatti e trovato che qualcosa di straordinario era avvenuto in uno di loro.
Un fungo stava crescendo e le colonie batteriche intorno ad esso erano stato ucciso. Più lontano il fungo, i batteri sembrava normali. Eccitato dalla sua osservazione, ha mostrato il piatto a un assistente, che ha sottolineato il suo simile come questo sembrava famosa scoperta di Fleming di lisozima.
Sperando che aveva scoperto un antibiotico naturale meglio di lisozima, Fleming ora dedica alla crescita più del fungo. Egli ha individuato che apparteneva al genere Penicillium e che essa ha prodotto un liquido che uccide i batteri. Il 7 marzo 1929 è nominato formalmente l'antibiotico – sarebbe stato conosciuto come penicillina.
Fleming pubblicò i suoi risultati, mostrando che la penicillina ha ucciso una varietà di batteri che erano allora il flagello dell'umanità, compresi quelli responsabili della scarlattina, polmonite, meningite e la difterite. Inoltre, penicillina era non tossico e che non ha fatto attaccare globuli bianchi.
Purtroppo, il mondo scientifico è stata in gran parte deludente, ignorando la sua scoperta.
Fleming ha affrontato una serie di problemi:
  • e ' stato difficile isolare penicillina dal fungo che lo produce
  • non riusciva a trovare un modo di produrre penicillina in alte concentrazioni
  • penicillina sembrava di essere ad azione lenta
  • test clinico della penicillina come superficie antisettica ha mostrato che non era particolarmente efficace
  • Capo di Fleming, Almroth Wright, ha avuto un'avversione generalizzata dei chimici e ha rifiutato di consentire loro nel suo laboratorio. La presenza di un farmacista qualificato sarebbe stato un enorme vantaggio in termini di isolamento, purificazione e concentrandosi penicillina.
Indipendentemente da questi problemi, Fleming ha continuato con alcuni lavori sulla penicillina nel 1930, ma mai fatto la svolta che aveva bisogno di produrla in quantità grande, concentrata. Altri, tuttavia, hanno fatto.
Verso il 1940 un grande team di scienziati di Università di Oxford ha condotto dal farmacologo Howard Florey ed Ernst Boris Chain biochimico infine trasformato penicillina in medicina che conosciamo oggi.
Nel 1945 Alexander Fleming ha condiviso il premio Nobel per la medicina o fisiologia con Florey e Chain. Il premio è stato realizzato:
"per la scoperta della penicillina e il suo effetto curativo in varie malattie infettive".
Nel suo premio Nobel discorso nel 1945, Fleming ha avvertito di un pericolo che oggi sta diventando sempre più pressante:
"Non è difficile fare i microbi resistenti alla penicillina in laboratorio mediante esposizione a concentrazioni non sufficienti per ucciderli, e la stessa cosa è successa occasionalmente nel corpo. Il tempo può venire quando penicillina possa essere acquistata da chiunque nei negozi. Poi c'è il pericolo che l'uomo ignorante può facilmente underdose se stesso ed esponendo suoi microbi per quantitativi non letali della droga li rendono resistenti."
Alexander Fleming
Batteriologo
Fleming era sempre nauseante in sua lode per Florey, catena e il loro team, e lui ha minimizzato il proprio ruolo nella storia di penicillina. Nonostante la sua modestia, divenne un eroe in tutto il mondo. Milioni di persone ha dovuto le loro vite all'antibiotico che aveva scoperto.
Nel 1945 egli tourneè in America, dove aziende chimiche gli offrirono un dono personale di 100.000 dollari come un segno di rispetto e gratitudine per il suo lavoro. In genere di Fleming, egli non accettò il regalo per se stesso: egli donò ai laboratori di ricerca presso la St. Mary Hospital Medical School.
Alcuni dati personali e alla fine
Nel 1915, mentre un capitano nella Medical Corps, Fleming ha sposato Sarah Marion McElroy. Il loro unico figlio, Robert, è diventato un medico generico.
Nel 1944 fu nominato cavaliere e divenne Sir Alexander Fleming.
Sua moglie Sarah morì nel 1949.
Nel 1953 Fleming sposò Dr. Amalia Koutsouri-Voureka, che stava lavorando nel suo gruppo di ricerca alla St. Mary Hospital Medical School.
Alexander Fleming morì 73 anni di infarto a Londra il 11 marzo 1955. Le sue ceneri sono state collocate nella Cattedrale di St Paul.

Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.