Passa ai contenuti principali

Biografia di Albrecht von Haller | Scienziati famosi.

Uno dei biologi più grandi e più influente del XVIII secolo, scientst svizzero Albrecht von Haller è spesso accreditato come il "padre della fisiologia sperimentale". I suoi contributi andavano in anatomia, fisiologia, embriologia, botanica e poesia.

Vita e carriera:

Nato a Berna, in Svizzera, nel 1708, Albrecht von Haller, come un bambino prodigio, ha scritto parecchie traduzioni metriche da Ovidio, Orazio e Virgilio quando aveva appena quindici anni. Ha studiato la forma e la funzione di uno organo dopo l'altro, lanciando anatomia come una scienza sperimentale e anche far rispettare le regole dinamiche per lo studio della fisiologia.
Haller analizzato l'irritabilità del muscolo e la sensibilità dei nervi, studiando il tempo di circolazione e l'azione automatica del cuore. Egli ha dato il primo a dare una spiegazione dettagliata della respirazione.
Sua pubblicazione "Elementa Physialogiae Carports Hamani" (elementi di fisiologia, 1757-66) ha dimostrato di essere una delle opere influente sull'argomento. Haller costantemente ampliato il campo di anatomia, e relative alla fisiologia di sperimentazione e implementato le regole dinamiche per complessi problemi fisiologici.
L'approccio di Albrecht von Haller è stato preciso, analitico e oggettivo. Fu la prima persona a scoprire che solo i nervi producono sensazione e solo quelle parti del corpo collegate al sistema nervoso possono subire una sensazione. Probabilmente il suo contributo più notevole è stata la formulazione del metodo di ricerca fisiologica.

Vita e morte successive:

Salute di Albrecht von Haller ha cominciato sostanzialmente in calo dopo il 1773. Morì il 12 dicembre 1777. Aveva 69 anni.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…