Passa ai contenuti principali

Studio della “Torre di Guardia” con testi biblici | Settimana del 10-16 agosto 2015

Rimanere casti è possibile: Informazioni per studio personale

TESTI BIBLICI PER LO STUDIO


(Salmo 12:8) I malvagi camminano tutt’intorno, Perché la viltà è esaltata tra i figli degli uomini.
(1 Tessalonicesi 4:3-5) Poiché questo è ciò che Dio vuole, la vostra santificazione, che vi asteniate dalla fornicazione; 4 che ciascuno di voi sappia possedere il proprio vaso in santificazione e onore, 5 non in concupiscenza di appetito sessuale come l’hanno anche le nazioni che non conoscono Dio;

[ 2 ]

(Giacomo 1:14, 15) Ma ciascuno è provato essendo attirato e adescato dal proprio desiderio. 15 Quindi il desiderio, quando è divenuto fertile, partorisce il peccato; a sua volta il peccato, quando è stato compiuto, produce la morte.

[ 3 ]

(Galati 5:16) Ma io dico: Continuate a camminare secondo lo spirito e non seguirete nessun desiderio carnale.

[ 4 ]

(Giacomo 4:8) Accostatevi a Dio, ed egli si accosterà a voi. Mondate le vostre mani, o peccatori, e purificate i vostri cuori, o indecisi.
(Salmi 24:3, 4) Chi può ascendere al monte di Geova, E chi può levarsi nel suo luogo santo? 4 Chiunque è innocente di mani e mondo di cuore, Che non ha portato la Mia anima all’assoluta indegnità, Né ha fatto giuramento con inganno.
(Salmo 51:6) Ecco, hai provato diletto nella stessa veracità nelle parti interiori; E nell’intimo voglia tu farmi conoscere la completa sapienza.
(Filippesi 4:8) Infine, fratelli, tutte le cose vere, tutte le cose di seria considerazione, tutte le cose giuste, tutte le cose caste, tutte le cose amabili, tutte le cose delle quali si parla bene, se c’è qualche virtù e qualche cosa degna di lode, continuate a considerare queste cose.
(Genesi 6:5, 6) Di conseguenza Geova vide che la cattiveria dell’uomo era abbondante sulla terra e che ogni inclinazione dei pensieri del suo cuore era solo cattiva in ogni tempo. 6 E Geova si rammaricò di aver fatto gli uomini sulla terra, e se ne addolorò nel suo cuore.

[ 5 ]

(Salmo 19:14) I detti della mia bocca e la meditazione del mio cuore Divengano piacevoli dinanzi a te, o Geova mia Roccia e mio Redentore.
(Salmi 139:23, 24) Scrutami, o Dio, e conosci il mio cuore. Esaminami, e conosci i miei inquietanti pensieri, 24 E vedi se c’è in me qualche via dolorosa, E guidami nella via del tempo indefinito.
(Matteo 6:13) E non ci condurre in tentazione, ma liberaci dal malvagio’.

[ 6 ]

(Salmo 51:10) Crea in me anche un cuore puro, o Dio, E metti dentro di me uno spirito nuovo, saldo.
(Salmo 51:12) Rendimi l’esultanza della salvezza da te, E voglia tu sostenermi pure con uno spirito volenteroso.
(Salmo 119:133) Fissa solidamente i miei propri passi nel tuo detto, E non mi domini nessuna cosa nociva.

[ 7 ]

(Giacomo 3:17) Ma la sapienza dall’alto è prima di tutto casta, quindi pacifica, ragionevole, pronta a ubbidire, piena di misericordia e di buoni frutti, senza parziali distinzioni, senza ipocrisia.
(Salmo 19:7) La legge di Geova è perfetta, ridona l’anima. Il rammemoratore di Geova è degno di fede, rende saggio l’inesperto.
(Salmo 19:11) Inoltre, il tuo proprio servitore è stato da esse avvertito; Nell’osservarle c’è una grande ricompensa.
(Salmo 119:9) 9 Come monderà il giovane il suo sentiero? Stando in guardia secondo la tua parola.
(Salmo 119:11) Nel mio cuore ho custodito il tuo detto, Per non peccare contro di te.

[ 8 ]

(Proverbi 5:8) Tieni lontana da lei la tua via, e non avvicinarti all’ingresso della sua casa,
(Proverbi 7:1-27) 7 Figlio mio, osserva i miei detti, e voglia tu far tesoro dei miei propri comandamenti presso di te. Osserva i miei comandamenti e continua a vivere, e la mia legge come la pupilla dei tuoi occhi. 3 Legateli alle dita, e scrivili sulla tavoletta del tuo cuore. 4 Di’ alla sapienza: “Sei mia sorella”; e voglia tu chiamare lo stesso intendimento “Parente”, 5 perché ti custodiscano dalla donna estranea, dalla straniera che ha reso dolci i suoi propri detti. 6 Poiché, stando alla finestra della mia casa, guardai attraverso la mia grata, 7 per scorgere gli inesperti. Mi interessava discernere tra i figli un giovane che mancava di cuore, 8 il quale passava per la strada vicino al suo angolo, e marciava nella via verso la casa di lei, 9 al crepuscolo, nella sera del giorno, all’appressarsi della notte e della caligine. 10 Ed ecco, c’era una donna che gli veniva incontro, con la veste di una prostituta e astuta di cuore. 11 Essa è tumultuosa e ostinata. I suoi piedi non continuano a risiedere nella sua casa. 12 Ora è di fuori, ora è nelle pubbliche piazze, e vicino a ogni angolo sta in agguato. 13 E lo ha afferrato e gli ha dato un bacio. Ha assunto un’aria sfacciata, e comincia a dirgli: 14 “Dovevo fare sacrifici di comunione. Oggi ho pagato i miei voti. 15 Perciò ti sono uscita incontro, per cercare la tua faccia, per trovarti. 16 Ho ammantato di drappi il mio divano, di cose dai molti colori, di lino d’Egitto. 17 Ho cosparso il mio letto di mirra, aloe e cinnamomo. 18 Vieni, beviamo in modo da saziarci d’amore fino al mattino; godiamo l’un dell’altro con espressioni d’amore. 19 Poiché il marito non è nella sua casa; è andato in viaggio per una via abbastanza distante. 20 Ha preso in mano una borsa di denaro. Verrà a casa sua il giorno della luna piena”. 21 Essa lo ha sviato con l’abbondanza della sua persuasione. Lo seduce con la dolcezza delle sue labbra. 22 All’improvviso egli le va dietro, come un toro che va fino al macello, e proprio come se fosse stato messo ai ceppi per la disciplina di uno stolto, 23 finché una freccia gli spacca il fegato, proprio come un uccello si affretta nella trappola, ed egli non ha saputo che vi è implicata la sua medesima anima. 24 E ora, o figli, ascoltatemi e prestate attenzione ai detti della mia bocca. 25 Il tuo cuore non si volga verso le sue vie. Non errare nei suoi sentieri. 26 Poiché sono molti quelli che ha fatto cadere uccisi, e tutti quelli che sono stati uccisi da lei sono numerosi. 27 Le vie dello Sceol sono la sua casa; scendono alle stanze interne della morte.
(Proverbi 7:6-27) Poiché, stando alla finestra della mia casa, guardai attraverso la mia grata, 7 per scorgere gli inesperti. Mi interessava discernere tra i figli un giovane che mancava di cuore, 8 il quale passava per la strada vicino al suo angolo, e marciava nella via verso la casa di lei, 9 al crepuscolo, nella sera del giorno, all’appressarsi della notte e della caligine. 10 Ed ecco, c’era una donna che gli veniva incontro, con la veste di una prostituta e astuta di cuore. 11 Essa è tumultuosa e ostinata. I suoi piedi non continuano a risiedere nella sua casa. 12 Ora è di fuori, ora è nelle pubbliche piazze, e vicino a ogni angolo sta in agguato. 13 E lo ha afferrato e gli ha dato un bacio. Ha assunto un’aria sfacciata, e comincia a dirgli: 14 “Dovevo fare sacrifici di comunione. Oggi ho pagato i miei voti. 15 Perciò ti sono uscita incontro, per cercare la tua faccia, per trovarti. 16 Ho ammantato di drappi il mio divano, di cose dai molti colori, di lino d’Egitto. 17 Ho cosparso il mio letto di mirra, aloe e cinnamomo. 18 Vieni, beviamo in modo da saziarci d’amore fino al mattino; godiamo l’un dell’altro con espressioni d’amore. 19 Poiché il marito non è nella sua casa; è andato in viaggio per una via abbastanza distante. 20 Ha preso in mano una borsa di denaro. Verrà a casa sua il giorno della luna piena”. 21 Essa lo ha sviato con l’abbondanza della sua persuasione. Lo seduce con la dolcezza delle sue labbra. 22 All’improvviso egli le va dietro, come un toro che va fino al macello, e proprio come se fosse stato messo ai ceppi per la disciplina di uno stolto, 23 finché una freccia gli spacca il fegato, proprio come un uccello si affretta nella trappola, ed egli non ha saputo che vi è implicata la sua medesima anima. 24 E ora, o figli, ascoltatemi e prestate attenzione ai detti della mia bocca. 25 Il tuo cuore non si volga verso le sue vie. Non errare nei suoi sentieri. 26 Poiché sono molti quelli che ha fatto cadere uccisi, e tutti quelli che sono stati uccisi da lei sono numerosi. 27 Le vie dello Sceol sono la sua casa; scendono alle stanze interne della morte.

[ 10 ]

(1 Timoteo 5:2) le donne anziane come madri, le giovani come sorelle con ogni castità.

[ 11 ]

(Genesi 39:7, 8) Ora, dopo queste cose, accadde che la moglie del suo padrone alzava gli occhi su Giuseppe e diceva: “Giaci con me”. 8 Ma egli rifiutava e diceva alla moglie del suo padrone: “Ecco, il mio signore non sa che cos’è presso di me nella casa, e mi ha dato in mano tutto ciò che ha.
(Genesi 39:10) Avvenne dunque che, mentre essa parlava a Giuseppe di giorno in giorno, egli non l’ascoltò mai per giacerle accanto, per restare con lei.
(Genesi 39:12) Quindi essa lo afferrò per la veste, dicendo: “Giaci con me!” Ma egli le lasciò la veste in mano e si diede alla fuga, e uscì fuori.

[ 12 ]

(Matteo 5:28) Ma io vi dico che chiunque continua a guardare una donna in modo da provare passione per lei ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.
(2 Samuele 11:2) E al tempo della sera avvenne che Davide si levava dal suo letto e camminava sulla terrazza della casa reale; e dalla terrazza scorse una donna che faceva il bagno e la donna era di ottimo aspetto.

[ 13 ]

(Giobbe 31:1) 31 “Ho concluso un patto con i miei occhi. Come potrei dunque mostrarmi attento a una vergine?
(Giobbe 31:7) Se il mio passo devia dalla strada, O il mio cuore ha camminato semplicemente dietro ai miei occhi, O qualche difetto si è attaccato alle palme delle mie proprie mani,
(Giobbe 31:9) Se il mio cuore è stato adescato verso una donna, Ed ero in agguato al medesimo ingresso del mio compagno,
(Giacomo 1:21-25) Quindi allontanate ogni sudiciume e quella cosa superflua, la malizia, e accettate con mitezza che sia piantata [in voi] la parola che può salvare le vostre anime. 22 Comunque, divenite operatori della parola, e non solo uditori, ingannando voi stessi con falsi ragionamenti. 23 Poiché se qualcuno è uditore della parola, e non operatore, costui è simile a un uomo che guarda la sua faccia naturale in uno specchio. 24 Poiché si guarda, e se ne va e immediatamente dimentica quale sorta di uomo egli sia. 25 Ma chi guarda attentamente nella legge perfetta che appartiene alla libertà e persiste in [essa], questi, poiché è divenuto non uditore dimentico, ma operatore dell’opera, sarà felice nel suo operare.

[ 15 ]

(Proverbi 18:1) 18 Chi si isola cercherà [la sua propria] brama egoistica; irromperà contro ogni saggezza.
(Ebrei 3:12, 13) Badate, fratelli, che non sorga in alcuno di voi un cuore malvagio privo di fede che si allontani dall’Iddio vivente; 13 ma continuate ad esortarvi gli uni gli altri ogni giorno, finché può chiamarsi “Oggi”, affinché nessuno di voi sia indurito dal potere ingannatore del peccato.

[ 16 ]

(Giacomo 5:13-15) C’è fra voi qualcuno che soffre il male? Preghi. C’è qualcuno in buono spirito? Canti salmi. 14 C’è qualcuno malato fra voi? Chiami gli anziani della congregazione presso [di sé], e preghino su di lui, spalmando[lo] d’olio nel nome di Geova. 15 E la preghiera della fede farà star bene l’indisposto e Geova lo desterà. E se ha commesso dei peccati, gli sarà perdonato.

[ 17 ]

(Giacomo 1:15) Quindi il desiderio, quando è divenuto fertile, partorisce il peccato; a sua volta il peccato, quando è stato compiuto, produce la morte.
(Salmo 141:5) Se mi colpisse il giusto, sarebbe amorevole benignità; E se mi riprendesse, sarebbe olio sulla mia testa, Che la mia testa non vorrebbe rifiutare. Poiché ancora ci sarebbe pure la mia preghiera durante le loro calamità.
(Ebrei 12:5, 6) ma avete interamente dimenticato l’esortazione rivoltavi come a figli: “Figlio mio, non disprezzare [la] disciplina di Geova e non venir meno quando sei corretto da lui; 6 poiché Geova disciplina colui che ama; infatti, flagella ognuno che riceve come figlio”.

[ 18 ]

(Salmi 119:5, 6) Oh siano le mie vie fermamente stabilite Per osservare i tuoi regolamenti! 6 In tal caso non dovrei provare vergogna, Quando guardo tutti i tuoi comandamenti.

Clicca sull'immagine per Scaricare informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…