Studio della “Torre di Guardia” con testi biblici | Settimana del 3-9 agosto 2015

Gesù amava le persone: Informazioni per studio personale

TESTI BIBLICI PER LO STUDIO


(Proverbi 8:22-31) “Geova stesso mi produsse come il principio della sua via, la prima delle sue imprese di molto tempo fa. 23 Da tempo indefinito fui insediata, dall’inizio, da tempi anteriori alla terra. 24 Quando non c’erano le acque degli abissi fui data alla luce come con dolori di parto, quando non c’erano sorgenti assai cariche d’acqua. 25 Prima che fossero fondati gli stessi monti, prima dei colli, fui data alla luce come con dolori di parto, 26 quando egli non aveva ancora fatto la terra e gli spazi aperti e la prima parte delle masse di polvere del paese produttivo. 27 Quando egli preparò i cieli io ero là; quando decretò un circolo sulla faccia delle acque dell’abisso, 28 quando rese ferme le masse di nuvole di sopra, quando rese forti le fonti delle acque dell’abisso, 29 quando fissò al mare il suo decreto che le acque stesse non oltrepassassero il suo ordine, quando decretò le fondamenta della terra, 30 allora ero accanto a lui come un artefice, ed ero colui del quale egli specialmente si deliziava di giorno in giorno, allietandomi io dinanzi a lui in ogni tempo, 31 allietandomi per il paese produttivo della sua terra, e le cose che mi dilettavano erano presso i figli degli uomini.

[ 2 ]

(Filippesi 2:5-8) Mantenete in voi questa attitudine mentale che fu anche in Cristo Gesù, 6 il quale, benché esistesse nella forma di Dio, non prese in considerazione una rapina, cioè che dovesse essere uguale a Dio. 7 No, ma vuotò se stesso e prese la forma di uno schiavo, divenendo simile agli uomini. 8 Per di più, quando si trovò in figura d’uomo, umiliò se stesso e divenne ubbidiente fino alla morte, sì, la morte su un palo di tortura.
(Matteo 20:28) Proprio come il Figlio dell’uomo non è venuto per essere servito, ma per servire e per dare la sua anima come riscatto in cambio di molti”.
(Luca 4:43) Ma egli disse loro: “Anche ad altre città devo dichiarare la buona notizia del regno di Dio, perché per questo sono stato mandato”.

[ 4 ]

(Marco 1:39, 40) E andò, predicando nelle loro sinagoghe in tutta la Galilea ed espellendo i demoni. 40 E venne da lui un lebbroso, che lo supplicò perfino in ginocchio, dicendogli: “Se vuoi, mi puoi rendere puro”.
(Luca 5:12) In un’altra occasione mentre era in una delle città, ecco, un uomo pieno di lebbra! Avendo scorto Gesù, cadde sulla sua faccia e lo implorò, dicendo: “Signore, se tu vuoi, puoi rendermi puro”.

[ 5 ]

(Levitico 13:43-46) E il sacerdote lo deve guardare; e se c’è un’eruzione della piaga bianco-rossiccia nella calvizie della sommità della sua testa o della sua fronte simile all’aspetto della lebbra nella pelle della carne, 44 egli è lebbroso. È impuro. Il sacerdote lo deve dichiarare impuro. La sua piaga è sulla testa. 45 In quanto al lebbroso in cui è la piaga, le sue vesti devono essere strappate, e la sua testa deve divenire scompigliata, ed egli deve coprirsi i baffi e gridare: ‘Impuro, impuro!’ 46 Sarà impuro tutti i giorni che la piaga sarà in lui. È impuro. Deve dimorare isolato. Il suo luogo di dimora è fuori del campo.
(Luca 5:13) Ed egli, stesa la mano, lo toccò, dicendo: “Lo voglio. Sii reso puro”. E immediatamente la lebbra sparì da lui.
(Luca 5:17) Durante uno di quei giorni egli insegnava, e là eran seduti farisei e maestri della legge venuti da ogni villaggio della Galilea e della Giudea e da Gerusalemme; e la potenza di Geova era là perché egli sanasse.

[ 6 ]

(Matteo 15:31) così che la folla provò meraviglia vedendo parlare i muti, camminare gli zoppi e vedere i ciechi, e glorificò l’Iddio d’Israele.
(Giovanni 4:46-54) Così venne di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva mutato l’acqua in vino. Ora c’era un servitore del re il cui figlio era malato a Capernaum. 47 Avendo quest’uomo udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, andò da lui e gli chiedeva di scendere a sanare suo figlio, poiché stava per morire. 48 Comunque, Gesù gli disse: “Se non vedete segni e prodigi, non credete affatto”. 49 Il servitore del re gli disse: “Signore, scendi prima che il mio fanciullino muoia”. 50 Gesù gli disse: “Va, tuo figlio vive”. L’uomo credette alla parola dettagli da Gesù e se ne andò. 51 Ma già mentre scendeva gli vennero incontro i suoi schiavi per dirgli che il suo fanciullo viveva. 52 Perciò domandava loro in quale ora la sua salute era migliorata. Quindi gli dissero: “Ieri, alla settima ora, la febbre lo ha lasciato”. 53 Perciò il padre seppe che era la stessa ora in cui Gesù gli aveva detto: “Tuo figlio vive”. E credettero, lui e tutta la sua casa. 54 Di nuovo questo fu il secondo segno che Gesù compì quando dalla Giudea venne in Galilea.
(Salmo 72:13) Proverà commiserazione per il misero e per il povero, E salverà le anime dei poveri.

[ 7 ]

(Isaia 61:1, 2) 61 Lo spirito del Sovrano Signore Geova è su di me, per la ragione che Geova mi ha unto per annunciare la buona notizia ai mansueti. Mi ha mandato a fasciare quelli che hanno il cuore rotto, a proclamare la libertà a quelli che sono in schiavitù e la completa apertura [degli occhi] anche ai prigionieri; a proclamare l’anno di buona volontà da parte di Geova e il giorno di vendetta da parte del nostro Dio; a confortare tutti quelli che fanno lutto;
(Luca 4:18-21) “Lo spirito di Geova è su di me, perché egli mi ha unto per dichiarare la buona notizia ai poveri, mi ha mandato per predicare la liberazione ai prigionieri e il ricupero della vista ai ciechi, per mettere in libertà gli oppressi, 19 per predicare l’anno accettevole di Geova”. 20 Quindi avvolse il rotolo, lo riconsegnò al servitore e si mise a sedere; e gli occhi di tutti nella sinagoga erano fissi su di lui. 21 Quindi cominciò a dir loro: “Oggi questa scrittura che avete appena udito si è adempiuta”.

[ 9 ]

(Giovanni 5:5-9) Ma c’era là un uomo che era stato trentotto anni nella sua malattia. 6 Vedendo quest’uomo a giacere, e sapendo che stava [male] già da molto tempo, Gesù gli disse: “Vuoi essere sanato?” 7 Il malato gli rispose: “Signore, non ho un uomo che mi metta nella riserva d’acqua quando l’acqua si agita; ma mentre io vengo un altro vi scende prima di me”. 8 Gesù gli disse: “Alzati, prendi la tua branda e cammina”. 9 Allora l’uomo fu immediatamente sanato e, presa la sua branda, camminava. Ora quel giorno era un sabato.

[ 11 ]

(Marco 5:25-34) Ora c’era una donna soggetta da dodici anni a una perdita di sangue, 26 e da molti medici era stata sottoposta a molte pene e aveva speso tutte le sue risorse e non ne aveva ricevuto nessun beneficio, ma, anzi, era peggiorata. 27 Avendo udito parlare di Gesù, venne da dietro tra la folla e gli toccò il mantello; 28 poiché diceva: “Se solo tocco le sue vesti sarò sanata”. 29 E immediatamente la fonte del suo sangue si seccò, e sentì nel suo corpo che era stata sanata dalla dolorosa malattia. 30 E immediatamente Gesù riconobbe in se stesso che della potenza era uscita da lui, e, voltatosi nella folla, diceva: “Chi ha toccato le mie vesti?” 31 Ma i suoi discepoli gli dicevano: “Tu vedi la folla che ti preme, e dici: ‘Chi mi ha toccato?’” 32 Comunque, egli guardava attorno per vedere colei che aveva fatto questo. 33 Ma la donna, spaventata e tremante, sapendo che cosa le era accaduto, venne e cadde davanti a lui, dicendogli tutta la verità. 34 Egli le disse: “Figlia, la tua fede ti ha sanata. Va in pace, e sii ristabilita dalla tua dolorosa malattia”.
(Levitico 15:19) “‘E nel caso che una donna abbia uno scolo, e risulti che lo scolo dalla sua carne è sangue, deve stare sette giorni nella sua impurità mestruale, e chiunque la tocchi sarà impuro fino alla sera.
(Levitico 15:25) “‘In quanto alla donna, nel caso che lo scolo del suo sangue scorra per molti giorni quando non è il tempo regolare della sua impurità mestruale, o nel caso che abbia un flusso più lungo della sua impurità mestruale, tutti i giorni del suo scolo impuro saranno come i giorni della sua impurità mestruale. Essa è impura.

[ 12 ]

(Ebrei 4:15) Poiché non abbiamo come sommo sacerdote uno che non possa compatire le nostre debolezze, ma uno che è stato provato sotto ogni aspetto come noi, ma senza peccato.
(1 Pietro 3:8) Infine, siate tutti dello stesso pensiero, mostrando i medesimi sentimenti, avendo affetto fraterno, teneramente compassionevoli, di mente umile,

[ 13 ]

(Giovanni 11:33-36) Gesù, perciò, vedendola piangere e vedendo piangere i giudei venuti con lei, gemé nello spirito e si turbò; 34 e disse: “Dove l’avete posto?” Gli dissero: “Signore, vieni e vedi”. 35 Gesù cedette alle lacrime. 36 Perciò i giudei dicevano: “Vedi, che affetto aveva per lui!”
(Giovanni 11:43, 44) E, dette queste cose, gridò ad alta voce: “Lazzaro, vieni fuori!” 44 L’[uomo] che era stato morto venne fuori con i piedi e le mani avvolti in fasce, e il viso avvolto in un panno. Gesù disse loro: “Scioglietelo e lasciatelo andare”.

[ 14 ]

(Ebrei 1:3) Egli è il riflesso della [sua] gloria e l’esatta rappresentazione del suo stesso essere, e sostiene ogni cosa mediante la parola della sua potenza; e dopo aver fatto la purificazione dei nostri peccati si mise a sedere alla destra della Maestà nei luoghi eccelsi.
(Giovanni 5:28, 29) Non vi meravigliate di questo, perché l’ora viene in cui tutti quelli che sono nelle tombe commemorative udranno la sua voce 29 e ne verranno fuori, quelli che hanno fatto cose buone a una risurrezione di vita, quelli che hanno praticato cose vili a una risurrezione di giudizio.

[ 15 ]

(Isaia 40:26) “Alzate gli occhi in alto e vedete. Chi ha creato queste cose? Colui che ne fa uscire l’esercito perfino a numero, che tutte chiama perfino per nome. A motivo dell’abbondanza di energia dinamica, essendo egli anche vigoroso in potenza, non [ne] manca nessuna.

[ 16 ]

(Isaia 33:24) E nessun residente dirà: “Sono malato”. Il popolo che dimora [nel paese] sarà quello perdonato del suo errore.
(Isaia 35:5, 6) In quel tempo gli occhi dei ciechi saranno aperti, e i medesimi orecchi dei sordi saranno sturati. 6 In quel tempo lo zoppo salterà proprio come fa il cervo, e la lingua del muto griderà di gioia. Poiché nel deserto saranno sgorgate le acque, e torrenti nella pianura desertica.
(Rivelazione 21:4) Ed egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e la morte non ci sarà più, né ci sarà più cordoglio né grido né dolore. Le cose precedenti sono passate”.
(Salmo 115:16) Riguardo ai cieli, i cieli appartengono a Geova, Ma la terra l’ha data ai figli degli uomini.

[ 17 ]

(Rivelazione 7:9) Dopo queste cose vidi, ed ecco, una grande folla, che nessun uomo poteva numerare, di ogni nazione e tribù e popolo e lingua, che stavano in piedi dinanzi al trono e dinanzi all’Agnello, vestiti di lunghe vesti bianche; e nelle loro mani c’erano rami di palme.
(Giovanni 10:11) Io sono il pastore eccellente; il pastore eccellente cede la sua anima per le pecore.
(Giovanni 15:12, 13) Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come vi ho amati io. 13 Nessuno ha amore più grande di questo, che qualcuno ceda la sua anima a favore dei suoi amici.
(Giovanni 5:19) Perciò, rispondendo, Gesù proseguì e disse loro: “Verissimamente vi dico: Il Figlio non può fare una sola cosa di propria iniziativa, ma solo ciò che vede fare dal Padre. Poiché qualunque cosa Egli faccia, questa fa pure il Figlio in modo simile.

[ 18 ]

(Romani 8:22) Poiché sappiamo che tutta la creazione continua a gemere insieme e ad essere in pena insieme fino ad ora.
(Malachia 4:2) E per voi che avete timore del mio nome certamente rifulgerà il sole della giustizia, con la guarigione nelle sue ali; e in effetti uscirete e calpesterete il suolo come vitelli ingrassati”.

Clicca sull'immagine per Scaricare informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone