Passa ai contenuti principali

Biografia di Robert Bunsen | Scienziati famosi.


clip_image003

Di Robert Bunsen primi anni ed educazione

Robert Wilhelm Eberhard Bunsen nacque il 30 marzo 1811, a Göttingen, Germania. Era il più giovane di quattro figli.
Suo padre era Christian Bunsen, professore di lingue moderne e capo bibliotecario presso l'Università di Gottinga. Sua madre proveniva da una famiglia di militari.
Dopo che era diventato un famoso professore, Bunsen ha ricordato una volta che era stato a volte un bambino ribelle, ma sua madre lo ha tenuto in linea.
Ha frequentato la scuola elementare e la high school a Gottinga. Quando raggiunse l'età di 15 che si trasferisce alla scuola di grammatica a Holzminden, circa 40 miglia (60 km) da Göttingen.
Nel 1828, 17 anni, ha iniziato a lavorare per la sua laurea presso l'Università di Gottinga. Ha frequentato i corsi di chimica, fisica e matematica, con alcuni geologia e botanica. Ha vinto un premio per il suo lavoro su un misuratore di umidità. Quando ha scritto questo lavoro nel 1830, conseguì un pH.d. in chimica – aveva solo 19 anni.
Bunsen ha soggiornato a Gottinga fino a quando non ha vinto una borsa di studio del governo di viaggiare intorno a studia chimica Europa. Ha trascorso la maggior parte del 1832 e 1833 apprendimento tecniche chimiche nei laboratori in Germania, Austria, Svizzera e Francia. In Francia ha speso il tempo a Parigi lavorando con il famoso chimico Joseph Gay-Lussac.
Ricordando le differenze tra il proprio tempo come uno studente universitario e molti anni più tardi, Bunsen ha detto:
"Ai miei tempi, abbiamo studiato scienza e non, come oggi spesso accade, solo uno di loro".

Scoperte di Robert Bunsen e contributi alla scienza

Arsenico – un trionfo e un disastro

Nel 1833, 22 anni, Bunsen ha iniziato a lavorare come docente di chimica all'Università di Gottinga. Aveva ottenuto la sua licenza per insegnare, ma non ricevuto nessun stipendio dall'Università. Egli imparare dall'Esperto Mosse studenti e svolto attività di ricerca nei laboratori di chimica.
clip_image004
Nei primi anni della sua carriera, Bunsen ricercato composti di arsenico – lavori pericolosi.
Nel 1834 pubblicò il suo primo lavoro importante – un trionfo. Lavorando con il medico Arnold Berthold ha scoperto un antidoto all'avvelenamento da arsenico.
Ha trovato che l'aggiunta di ossido di ferro idrato a una soluzione in cui arsenico composti sono disciolte cause l'arsenico composti a cadere fuori la soluzione come metalli ferroso arseniato, che è un solido insolubile, innocuo.
Bunsen ha sviluppato una passione in corso per studiare i composti dell'arsenico. Come il buon chimico era, che ha cercato di prendere precauzioni contro gli effetti tossici di questi composti, ha ideato una maschera con un tubo di respirazione che correva fuori per dargli aria pulita mentre lavorava.
Alcuni composti di arsenico, tuttavia, sono esplosivi. Senza preavviso, possono esplodere in aria secca.
Nel 1843, nove anni dopo aver trovato l'antidoto all'avvelenamento da arsenico, Bunsen divenne vittima di una tale esplosione quando un campione di un composto di arsenico chiamato cianuro cacodile esplose, infrangendo la sua maschera e accecante definitivamente il suo occhio di destra.
L'esplosione ha provocato anche Bunsen che soffrono di avvelenamento da arsenico severo.
Fu salvato dalla morte dall'antidoto di idrato di ossido di ferro che aveva scoperto nove anni prima.

Invenzione della batteria zinco-carbone

Nel 1841 Bunsen inventò la cella di zinco-carbone – spesso chiamata la batteria di Bunsen. Ha visto questo come un miglioramento sulla cella Grove costoso, che è stato utilizzato, ad esempio, alle linee di telegrafo di alimentazione. La cella di Grove era una cella di zinco-platino. Il disco di platino in esso reso molto costoso.
Bunsen combinate le sue cellule di zinco-carbonio in grosse batterie, che ha usato per isolare i metalli dai loro minerali. Fu la prima persona a produrre su larga scala campioni di puro magnesio metallico.
Sua sostituzione del platino costoso con carbonio economico anche ammessi altri ricercatori che erano stato dissuaso dai costi per svolgere lavorano in elettrochimica.

Analisi dei gas e grandi vittorie per industria

Bunsen ha sviluppato una varietà di nuove tecniche per analizzare i gas. Tra il 1838 e il 1846 ha usato i suoi metodi per studiare i gas prodotti dalle industrie. Ha trovato che nel settore siderurgico, dove il calore è stato prodotto dalla combustione di carbone di legna, gran parte del carbone di legna non stava bruciando completamente. Esso era in fiamme per formare monossido di carbonio, anziché anidride carbonica, che produce molto più calore.
Per migliorare l'efficienza, Bunsen raccomandato che i gas di scarico dalla combustione di carbone devono essere riciclati per generare più energia di bruciarli. Egli stima forni tedeschi stavano sprecando il 50 per cento della loro energia e forni britannico l'80 per cento. Alla fine, le industrie riluttante cambiato le loro abitudini e ha adottato raccomandazioni di Bunsen.

Una spedizione in Islanda – Bunsen scopre come geyser operare

Bunsen era interessato in geologia ed analisi dei gas. È stato invitato in Islanda nel 1846 per studiare l'attività vulcanica. Il lavoro che ha fatto dato contributi fondamentali alla geochimica.
Da coraggiosamente in piedi ai lati del geyser e abbassamento apparecchio scientifico nelle loro profondità, ha scoperto che il geyser aveva alla loro base un serbatoio di acqua surriscaldata: quest'acqua è molto più caldo di 100 ° C. Si è mantenuto liquido ad alta pressione sotto terra. Quando quest'acqua sale dal basso, la pressione scende, e l'acqua bolle esplosivo producendo un geyser.
clip_image005
"Il paesaggio estremo nord è assolutamente desolato ma è meravigliosamente bello, e non sarò mai rimpianto che ho visto, anche se mi è costato l'incredibile privazioni e fatiche che soffriamo qui."
Robert Bunsen

Il bruciatore di Bunsen

Chimici ed alchimisti prima di loro erano consapevoli che se spruzzato un campione di una sostanza in una fiamma, il colore che hai visto ti ha aiutato identificare elementi chimici nel campione. Composti di litio, per esempio, brucia con una fiamma di rosa-rosso, mentre potassio composti bruciare con una fiamma Lilla.
Questo è visto nella chimica dei fuochi d'artificio, dove diversi colori vengono prodotti utilizzando sali di elementi diversi.
Bunsen aveva osservato che composti del sodio ha dato una fiamma giallo-arancio.
Tuttavia, il colore della fiamma stessa, prima di qualsiasi prodotti chimici furono sepolti in esso, poteva interferire con il test, che lo rende inaffidabile.
clip_image006
Il bruciatore di Bunsen
La risposta di Bunsen era suo bruciatore a gas. Con l'introduzione di aria nel gas nella corretta proporzione prima brucia, viene prodotta una fiamma pulita, libera da fuliggine, quasi incolore. Utilizzando il suo bruciatore, Bunsen usato fiamma test per analizzare sostanze molto più affidabile che mai.
I bruciatori che ha progettato sono state fatte da Peter Desaga, suo assistente di laboratorio.
Bunsen pubblicato il design del bruciatore nel 1857, ma lui non ha fatto suo disegno di brevetto. Egli non ha voluto fare profitti dalla scienza; credeva che le ricompense intellettuale erano più che sufficienti.
Il bruciatore è ora usato non solo per i test di fiamma. Esso viene utilizzato per riscaldare i campioni e per sterilizzare attrezzature nei laboratori medici in tutto il mondo.

La spettrometro e la scoperta di nuovi elementi

Amico di Bunsen e Gustav Kirchhoff collega era interessato nella scienza infantile della spettroscopia.
Spettroscopia era la scienza della scissione del sole nei colori dell'arcobaleno usando un prisma – tanto quanto a Isaac Newton nel 1666.
clip_image007
Un prisma si divide un fascio di luce in uno spettro colorato di luce.
Molti anni dopo, nel 1802, William Hyde Wollaston ripetuto esperimento di Newton, ma hanno visto un colorato spettro della luce solare utilizzando una lente di ingrandimento. Ha visto più che i colori dell'arcobaleno: vide sette linee scure all'interno i colori.
Nel 1812, Josef Fraunhofer studiato uno spettro molto ingrandito di colori dalla luce del sole e ha visto oltre 500 di queste linee scure. (Ora sappiamo che ci sono più di 3000 righe.)
Fraunhofer non potrebbe spiegare le linee.
clip_image008
Fraunhofer visto linee scure quando ha ingrandito lo spettro della luce solare da un prisma.
Immettere Gustav Kirchhoff.
Bunsen prima met Kirchhoff e ha lavorato con lui presso l'Università di Breslavia, quando egli passò un anno nel 1851. Nel 1852 Bunsen aveva preso la cattedra di chimica all'Università di Heidelberg. Nel 1854, ha organizzato che il suo amico Kirchhoff dovrebbe seguire lui, per assumere la cattedra di fisica. La coppia formata quindi una partnership di ricerca altamente produttiva.
Kirchhoff interessava la nuova scienza della spettroscopia. Ha voluto spiegare le linee scure nello spettro del sole. Fece la scoperta storica che sono stati causati dai gas refrigerante in atmosfera del sole assorbendo particolari lunghezze d'onda della luce solare. Questi spettri buio-foderato sono ora chiamati spettri di assorbimento.
Nel 1859, Kirchhoff e Bunsen ha riunito uno spettroscopio e un becco Bunsen per studiare gli spettri dalle prove di fiamma di Bunsen. I due scienziati hanno visto gli spettri di una varietà di diverse sostanze quando erano nella calda fiamma del bruciatore Bunsen.
Lo spettroscopio di Kirchhoff-Bunsen con bruciatore di Bunsen
clip_image009
CHIAVE: (A) la casella, di colore nero all'interno; (B) e (C) telescopi; (D) bruciatore di Bunsen; (E) porta campione; (F) Prisma; (G) mirror; (H) maniglia per ruotare il prisma e specchio.
I risultati erano stupendi. Linee luminose è comparso nello spettro: gli elementi, quando fortemente riscaldati a fiamma del bruciatore Bunsen, luce emessa a particolari colori o lunghezze d'onda. Questi spettri luminosi alberati sono ora chiamati spettri di emissione.
Linee nello spettro che si è rivelato per essere un'affidabile delle impronte digitali per gli elementi chimici. Ogni elemento assorbe o emette lunghezze d'onda caratteristiche di luce, che conduce alle diverse 'impronte digitali' di linee per i diversi elementi.
Spettro di emissione dell'idrogeno
clip_image010
Spettro di emissione del ferro
clip_image011
Era nata una nuova scienza – spettroscopia chimica.
Usando il loro metodo recentemente inventato, Bunsen e Kirchhoff scoperto due nuovi elementi: cesio nel 1860 e rubidio nel 1861.
La bellezza di spettroscopia è che piccole tracce di una sostanza possono essere rilevate. Questo ha aperto un nuovo campo di analisi chimica dove elementi potrebbero essere rilevati quando le loro concentrazioni erano eccezionalmente bassi.
Ad esempio, spettroscopio Bunsen e Kirchhoff ha rivelato il cesio elemento nuovo, anche se c'era solo una piccola quantità di cesio nell'acqua minerale che è stato scoperto nel. Infatti, quando Bunsen ha cercato di ottenere un campione del nuovo elemento, ha dovuto elaborare 40 tonnellate di acqua minerale da 50 grammi di sale al cesio di estrarre da esso.
Dopo Bunsen e Kirchhoff pubblicato il loro lavoro, altri scienziati rapidamente capito il potere della nuova tecnologia. Ciò ha condotto alla scoperta di più elementi, tra cui Indio (1863), Elio (1868), europio (1896), gallio (1875) e afnio (1922).
Kirchhoff è stato in grado di identificare alcuni degli elementi che sono presenti nel nostro sole. Altri scienziati hanno visto le stelle e scoperto che essi sono fatti esattamente gli stessi elementi come la troviamo nel nostro sole e sulla nostra terra.
Oggi, spettroscopia comprende tutte le lunghezze d'onda dello spettro elettromagnetico, luce non appena visibile. È un metodo enormemente importante per risolvere una grande varietà di problemi scientifici. Anche esseri viventi possono essere analizzati con spettroscopia, ad esempio quando la spettroscopia a risonanza magnetica è utilizzata per identificare malattie nelle persone.

Invenzione della fotografia con il Flash

Nel 1864, Bunsen e il suo allievo di ricerca Henry Enfield Roscoe inventato flash fotografia quando hanno usato la luce intensa e brillante dalla combustione di magnesio come fonte di luce per consentire fotografie da adottare nella scarsa luce ambientale.

L'uomo

Bunsen mai sposato e non aveva figli.
Egli aveva una reputazione come un divertimento persona per essere intorno, piena di risate, ma non troppo attento sul suo aspetto personale – ha avuto un uso migliore per il suo tempo di disperderlo sulla selezione di vestiti e cercando in se stesso allo specchio. Moglie di un altro professore ha detto una volta che lei vorrebbe baciarlo, ma avrebbe dovuto lavare lui prima!
Era una persona che aveva una grande reputazione per affettuosità e godere di scherzi e di divertimento. Suoi studenti lo ammirava grandemente. Ha detto un grande molti aneddoti. Questi sono stati pubblicati dopo la sua morte in un breve libro chiamato Bunseniana.
Il suo lavoro con arsenico e con gas velenosi, suo studio delle reazioni chimiche esplosive e la sua disponibilità a portare l'attrezzatura in crateri dei vulcani attivi e abbassarlo in geyser suggerisce che gli piaceva vivere pericolosamente. Nel 1868 c'era un'altra esplosione nel suo laboratorio. Questo uno coinvolto iridio e rodio polveri metalliche, che possono prendere fuoco spontaneamente in aria. Bunsen ha scritto:
"È ancora difficile per me scrivere, come le mie mani non sono abbastanza guarite... il toccare il metallo finemente suddivisi... con il mio dito, il tutto improvvisamente esploso con l'energia di speronato-in polvere da sparo... La mia mano sinistra... salvato i miei occhi, come il mio viso e gli occhi erano solo superficialmente bruciati dalle fiamme che penetrarono attraverso le mie dita. I miei occhi sono, con l'eccezione di pizzicarmi sopracciglia e ciglia, illesa, e così l'esplosione fortunatamente si lascerà alle spalle nessuna traccia seria."
Una delle attività preferite di Bunsen stava camminando per i boschi e le colline intorno ad Heidelberg – qui ha avuto tempo per pensare. Su queste passeggiate, ha detto, le sue idee migliori sarebbero venuto a lui.
Bunsen ha fatto personalmente una grande quantità del suo lavoro di laboratorio. Egli era un esperto soffiatore di vetro, e ha preferito fare esperimenti di scienza qualcos'altro potrebbe offrirgli.
clip_image012
"Come un investigatore che era grande, come un insegnante era maggiore, come uomo e amico egli era più grande."
Sir Henry Enfield Roscoe, 1833-1915
Chimico

Premi

Bunsen ha lavorato nei giorni di pre-Nobel Premio. Nel 1860 ha ricevuto l'equivalente del premio Nobel, a forma di medaglia Copley della Royal Society britannica; ha anche vinto Davy Medal della Royal Society nel 1877. Egli fu eletto membro straniero della Royal Society e nel 1883 divenne uno degli otto membri stranieri dell'Accademia francese delle scienze.

La fine

Robert Bunsen morì il 16 agosto 1899 a Heidelberg, età di 88 anni.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…