Passa ai contenuti principali

Biografia di Omar Khayyam | Scienziati famosi.


clip_image036
Omar Khayyam era uno dei più importanti matematici e astronomi del periodo medievale. Fu riconosciuto come l'autore del più importante trattato sull'algebra prima dei periodi moderni. Questo si riflette nel suo trattato sulla dimostrazione dei problemi di Algebra dà un metodo geometrico per la risoluzione di equazioni cubiche intersecando un'iperbole con un cerchio. Sua importanza come un filosofo e insegnante e le sue opere filosofiche restante pochi, non ha ricevuto la stessa attenzione come i suoi scritti scientifici e poetico.

Vita e carriera:

Omar Khayyam è Nato il 18 maggio 1048 D.C. in Iran. Nome completo di Omar Khayyam era Ghiyath al-Din Abu ' l-Fath Umar Ibn Ibrahim Al-Nisaburi al-Khayyami. Egli nacque in una famiglia di produttori di tenda. Egli trascorse parte della sua infanzia nella città di Balkh, Afghanistan settentrionale, studiando con lo Sceicco Muhammad Mansuri. In seguito studiò sotto Imam Mowaffaq Nishapuri, che era considerato uno dei più grandi maestri della regione Khorassan. Khayyam aveva lavori degni di nota in geometria, in particolare sulla teoria delle proporzioni.
Era un erudito persiano, matematico, filosofo, astronomo, medico e poeta. Scrisse trattati sulla meccanica, geografia e musica. Il trattato di Khayyam può essere considerato come il primo trattamento di assioma paralleli che non si basa sul principio di petizione, ma il postulato più intuitiva. Khayyam confuta i precedenti tentativi di altri matematici greci e persiani, di dimostrare la proposizione. E ha rifiutato l'uso di movimento nella geometria.
Khayyam fu il matematico che ha notato l'importanza di un teorema binomiale generale. L'argomento a sostegno della domanda che Khayyam aveva un teorema binomiale generale si basa sulla sua capacità di estrarre le radici. Khayyam era parte di un pannello che ha introdotto diverse riforme del calendario persiano. Il 15 marzo, 1079, sultano Malik Shah, accettato questo calendario corretto come il calendario persiano ufficiale.
Opera poetica di Khayyam ha eclissato la sua fama come un matematico. Ha scritto su versi di un mille quattro-linea o quartine. Nel mondo anglofono, è stato introdotto attraverso il Rubáiyát di Omar Khayyam che sono piuttosto a ruota libera inglese traduzioni da Edward FitzGerald (1809-1883). Convinzioni personali di Khayyam sono distinguibili dalla sua opera poetica. Nei suoi scritti, Khayyam rifiuta la rigorosa struttura religiosa e una concezione letteralista dell'aldilà.
Khayyam ha insegnato per decenni la filosofia di Avicenna, soprattutto nella sua città natale Nishapur, fino alla sua morte. Khayyam, il filosofo può essere compreso da due fonti piuttosto distinte. Uno è attraverso il suo Rubaiyat e l'altro attraverso le proprie opere alla luce delle condizioni intellettuali e sociali del suo tempo. Quest'ultimo potrebbe essere informato da valutazioni di opere di Khayyam da studiosi e filosofi come Bayhaqi, Nezami Aruzi e Zamakhshari e Sufi poeti e scrittori Nishapuri Attar e Najmeddin Razi. Come un matematico, Khayyam ha dato contributi fondamentali alla filosofia della matematica, specialmente nel contesto del persiano matematica e filosofia persiana con cui, la maggior parte delle altre persiani scienziati e filosofi come Avicenna, Biruni, e Tusi sono associati.

Morte:

Omer Khayyam scomparso il 1131 il 4 dicembre a Nishapur, ora conosciuto come Iran Persia.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…