Biografia di Maria Goeppert-Mayer | Scienziati famosi.


clip_image026[4]
Il matematico e fisico tedesco, Maria Goeppert-Mayer è prominente per i suoi numerosi contributi al campo della fisica che le è valso un premio Nobel per la fisica nel 1963. Lei è stata la prima donna a vincere il premio Nobel per la fisica teorica e la seconda donna nella storia a vincere un premio Nobel — il primo fu Marie Curie. Lei è più famosa per aver proposto il modello nucleare shell del nucleo atomico.

Vita e carriera:

Maria Goeppert Mayer era Nato il 28 giugno 1906, a Kattowitz, Germania (oggi Katowice, Polonia). Lei era l'unico figlio di Friedrich Goeppert, professore di pediatria presso l'Università di Gottinga e Maria nee Wolff, un insegnante di musica ex progressivo. Quando era molto giovane sua famiglia si trasferì a Göttingen nel 1910, dove Maria fu educata alla scuola di grammatica di ragazze operata da Suffragette. La scuola è fallita dopo il suo anno junior, ma ha superato un esame collegiato senza un diploma della high school e conseguito il dottorato di ricerca sotto Max Born all'Università di Gottinga nel 1930. Lo stesso anno che si sposò con il Dr. Joseph Edward Mayer, un assistente di James Franck. Dopo il matrimonio entrambi si trasferirono a Stati Uniti d'America.
Le donne in quel periodo erano generalmente considerate inadatto nei regni superiori del mondo accademico, e nonostante il dottorato per anni fu in gran parte limitata al lavoro non retribuito e non ufficiale presso laboratori universitari, sua presenza hanno accettato solo perché suo marito. In seguito alcuni anni, Goeppert-Mayer ha lavorato presso posizioni non ufficiale o volontari, inizialmente presso la Johns Hopkins University di Baltimora, Maryland, dal 1931 – 39, quindi Columbia University nel 1940-46 e dopo che l'Università di Chicago. Più successivamente inoltre ha preso diverse posizioni che è venuto il suo modo: un posto di insegnante presso il Sarah Lawrence College, una posizione di ricerca sostituto lega materiali progetto presso la Columbia University e con il progetto di opacità. Ha inoltre trascorso qualche tempo presso il laboratorio di Los Alamos.
Durante il tempo del marito all'Università di Chicago, Goeppert-Mayer si offrì di diventare un professore associato di fisica presso la scuola. Entro pochi mesi del suo arrivo, quando la vicina Argonne National Laboratory è stato fondato il 1° luglio 1946, Goeppert-Mayer è stato offerto un lavoro part-time come fisico Senior nella divisione di fisica teorica. Questa era la prima volta nella sua carriera che lei stava lavorando e pagato ad un livello commisurato alla sua formazione ed esperienza. Due anni più tardi ha fatto la svolta che ha guadagnato la sua enorme fama e rispetto nel suo campo.
Durante il 1960, Goeppert-Mayer fu nominato per una posizione come (completo) professore di fisica presso l'Università di California a San Diego.

Sviluppo della struttura delle coperture del nucleare:

Fu durante il suo tempo a Chicago e Argonne che ha sviluppato un modello matematico per la conformazione dei gusci nucleare. Con Edward Teller (uno dei suoi colleghi all'Argonne National Laboratory) ha condotto indagini sull'origine degli elementi e notato la ripetizione dei sette "numeri magici", come li chiamò — 2, 8, 20, 28, 50, 82 e 126. Gli elementi con un "numero magico" di protoni o neutroni erano costantemente più stabili di elementi con altri numeri di protoni o neutroni. Sulla base di questo, ha proposto in quanto all'interno del nucleo, protoni e neutroni sono disposti in una serie di strati del nucleone, come gli strati di una cipolla, con neutroni e protoni rotante intorno a vicenda ad ogni livello. Durante il tempo stesso, ma lavorando in modo indipendente, fisico tedesco J. Hans D. Jensen ha raggiunto la stessa conclusione.
Goeppert-Mayer è stato assegnato il premio Nobel per la fisica nel 1963, ha condiviso con J. Hans D. Jensen ed Eugene Paul Wigner per la loro proposta del modello nucleare shell.

Morte:

Goeppert-Mayer morì a causa di un guasto di cuore a San Diego, in California, il 20 febbraio 1972.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici