Antica Grecia > Antonine Parete | Enciclopedia di storia antica

Enciclopedia di storia antica

  1. Antica Grecia
  2. Antica Persia
  3. Roma antica
  4. Angizia
  5. Zootecnia
  6. Anjar
  7. Ankhsenamun
  8. Antigonos ho
  9. Antiochia
  10. Antiochia ad Cragum
  11. Antistene di Atene
  12. Antonine parete

Antica Grecia

Definizione

clip_image001
La Grecia è un paese in Europa sud-orientale, conosciuta in greco come Hellas o Ellada, composti da un continente e un arcipelago di isole. La Grecia è il luogo di nascita della filosofia occidentale (Socrate, Platone e Aristotele), letteratura (Homer e Hesiod), matematica (Pitagora e Euclide), storia (Erodoto), dramma (Sofocle, Euripide e Aristofane), i giochi olimpici e la democrazia. Il concetto di un universo atomico in primo luogo è stato postulato in Grecia attraverso l'opera di Democrito e Leucippo. Il processo del metodo scientifico odierno è stato introdotto attraverso il lavoro di Talete di Mileto e coloro che lo seguirono. L'alfabeto latino deriva anche dalla Grecia, essendo stata introdotta nella regione dai Fenici nel VIII secolo A.C., e primi lavori in fisica e ingegneria è stato introdotto da Archimede, della colonia greca di Siracusa, tra gli altri.
Grecia continentale è una grande penisola circondata su tre lati dal mare Mediterraneo (ramificazione in Ionio ad ovest e il Mar Egeo a est) che comprende anche le isole conosciute come le Cicladi e il Dodecaneso (tra cui Rodi), Isole Ionie (tra cui Corcyra), l'isola di Creta e penisola meridionale conosciuta come il Peloponneso.
La geografia della Grecia notevolmente influenzato la cultura in quanto, con poche risorse naturali e circondata dall'acqua, la gente alla fine ha preso al mare per il loro sostentamento. Montagne coprono l'80% della Grecia e solo piccoli fiumi attraversano un paesaggio roccioso che, per la maggior parte, fornisce piccolo incoraggiamento per l'agricoltura. Di conseguenza, i primi greci colonizzarono le isole vicine e fondarono insediamenti lungo la costa dell'Anatolia (anche conosciuta come Asia minore, moderno giorno Turchia). I greci divennero abili navigatori e commercianti che, possedendo un'abbondanza di materie prime per la costruzione in pietra e grande abilità, alcune delle più imponenti strutture costruite nell'antichità.
Grecia ha raggiunto le vette in quasi ogni area del sapere umano.

Etimologia di Hellas

L'indicazione Hellas deriva da Hellen, figlio di Deucalione e Pirra che caratterizzano prominente nel racconto di Ovidio del diluvio nelle Metamorfosi. Il mitico Deucalione (figlio del Titano Prometeo portando a fuoco) era il Salvatore dell'umanità dal diluvio universale, allo stesso modo che Noah è presentato nella versione biblica o Utnapishtim in Mesopotamian uno. Deucalione e Pirra ripopolare la terra una volta che le acque si sono ritirate da pietre casting che diventano persone, il primo è Hellen. Contrariamente all'opinione popolare, Hellas ed Ellada non hanno nulla a che fare con Helen of Troy dall'Iliade di Omero. Ovidio, tuttavia, non moneta l'indicazione. Tucidide scrive, nel libro I della sua storia:
Io sono propenso a pensare che il nome non è stato ancora dato a tutto il paese e in realtà non esisteva affatto prima del tempo di Hellen, figlio di Deucalione; le tribù differenti, di cui i Pelasgi era il più diffuso, ha dato i loro nomi ai diversi distretti. Ma quando Hellen e i suoi figli divennero potenti in Ftiotide, loro aiuto è stato richiamato da altre città e coloro che essi associati gradualmente cominciarono a chiamarsi Elleni, però molto tempo trascorso prima che il nome era diffuso in tutto il paese. Di questo, Homer offre la miglior prova; per lui, anche se ha vissuto molto tempo dopo la guerra di Troia, nulla utilizza questo nome collettivamente, ma si limita ai seguaci di Achille da Phthiotis, che erano l'originale Elleni; Quando si parla dell'intero host, li chiama Danäans, o Argivi o Achei.

clip_image002

Bull minoica del salto

Storia antica della Grecia

Storia greca è più facilmente comprensibile dividendolo in periodi di tempo. La regione era già abitata, e l'agricoltura ha avviato, durante il Paleolitico come testimoniano reperti alle grotte di Petralona e Franchthi (due le abitazioni umane più antiche del mondo). Il Neolitico (c. c. 6000 - 2900 A.C.) è caratterizzato da insediamenti permanenti (principalmente nel nord della Grecia), addomesticamento degli animali e l'ulteriore sviluppo dell'agricoltura. Reperti archeologici nel nord della Grecia (Tessaglia, Macedonia e Sesklo, tra gli altri) suggeriscono una migrazione dall'Anatolia che la ceramica tazze e ciotole e figure trovano ci condividere qualità distintiva di reperti del Neolitico in Anatolia. Questi coloni dell'entroterra erano principalmente contadini, come Grecia settentrionale era più favorevole all'agricoltura che altrove nella regione e vissuto in case di pietra di una camera con un tetto di legno e argilla imbrattare.
La civiltà Cicladica (c. 3200-1100 A.C.) nelle isole del Mar Egeo (tra cui Delos, Naxos e Paros) e fornisce le prime testimonianze di insediamenti umani continua in quella regione. Durante il periodo delle Cicladi, case e templi sono stati costruiti di pietra finiti e la gente ha fatto loro vivendo di pesca e del commercio. Questo periodo è solitamente diviso in tre fasi: inizio delle Cicladi, cicladico medio e tardo cicladico con uno sviluppo costante in arte e architettura. Queste ultime due fasi si sovrappongono e infine si fondono con la civiltà minoica, e le differenze tra i periodi diventano indistinguibili.
La civiltà minoica (2700-1500 A.C.) sviluppato sull'isola di Creta e rapidamente divenne la potenza dominante del mare nella regione. Il termine 'Minoico' fu coniato dall'archeologo Sir Arthur Evans, che ha scoperto il Palazzo di Cnosso a 1900 CE e denominato la cultura per l'antico re cretese Minosse. Non è noto il nome con cui la gente si è conosciuto. La civiltà minoica era fiorente, come civiltà cicladica sembra essere stata, molto tempo prima le date accettate moderne che segnano la sua esistenza e probabilmente precedenti a 6000 A.C..
I minoici ha sviluppato un sistema di scrittura conosciuto come lineare A (che non è ancora stata decifrata) e progressi nella costruzione navale, edilizia, ceramica, arti e scienze e guerra. King Minos è stato accreditato dagli storici antichi (Tucidide fra loro) come la prima persona a stabilire una flotta con cui ha colonizzato o conquistato, Cicladi. Prove archeologiche e geologiche sulla Creta suggeriscono che questa civiltà è caduto a causa di un uso eccessivo della terra causando deforestazione però, tradizionalmente, è accettato che furono conquistati dai Micenei. L'eruzione del vulcano sulla vicina isola di Thera (l'odierna Santorini) tra il 1650 e il 1550 A.C. e il conseguente tsunami, è riconosciuto come la causa finale per la caduta dei minoici. L'isola di Creta era allagato e città e villaggi distrussero. Questo evento è stato spesso citato come fonte d'ispirazione di Platone nel creare il suo mito di Atlantide nei suoi dialoghi del Timeo e Crizia.
clip_image003
Maschera mortuaria di Agamennone

I micenei & loro dèi

La civiltà micenea (circa 1900-1100 A.C.) è comunemente riconosciuta come l'inizio della cultura greca, anche se non sappiamo quasi nulla di micenei salvare ciò che può essere determinato attraverso reperti archeologici e account della loro guerra con Troy come registrato nell'Iliadedi Omero. Sono accreditato con la creazione della cultura a causa principalmente della loro anticipazioni architettonici, loro lo sviluppo di un sistema di scrittura (noto come lineare B, una prima forma di greco disceso da lineare A minoica) e la costituzione o il potenziamento di, riti religiosi. I micenei sembrano sono stati notevolmente influenzati dai minoici di Creta nel loro culto di divinità norrene e divinità del cielo, che, nel tempo, diventano il pantheon classico dell'antica Grecia.
Dei e Dee fornito i greci con un solido paradigma della creazione dell'universo, il mondo e gli esseri umani. Un mito iniziale si riferisce come, all'inizio, non c'era nulla ma caos sotto forma di acque senza fine. Da questo caos è venuto la dea Eurinome che separato l'acqua dall'aria e cominciò la sua danza della creazione con il serpente Ophion. Da loro danza, di creazione sgorgato ed Eurynome era, originariamente, la grande dea madre e creatore di tutte le cose.
Con il tempo di Esiodo e Omero stavano scrivendo (VIII secolo A.C.), questa storia era cambiato nel mito più familiare riguardante i Titani, guerra di Zeus' contro di loro e la nascita dell'Olimpo con Zeus come loro capo. Questo cambiamento indica un movimento da una religione matriarcale ad un paradigma patriarcale. Qualunque sia il modello è stato seguito, tuttavia, i dèi chiaramente interagito regolarmente con gli esseri umani che li adoravano ed erano una grande parte della vita quotidiana nell'antica Grecia. Prima dell'arrivo dei Romani, l'unica strada in Grecia che non era un percorso di mucca continentale era la via sacra che correva tra la città di Atene e la città Santa di Eleusi, luogo di nascita dei misteri eleusini, che celebra la dea Demetra e sua figlia Persefone.
1100 A.C. le grandi città micenea della Grecia sud-ovest erano state abbandonate e, alcuni sostengono, loro civiltà distrutta da un'invasione di dorico greci. Testimonianze archeologiche è inconcludente per quanto riguarda ciò che ha portato alla caduta dei micenei. Come nessun documenti scritti di questo periodo sopravvivere (o devono ancora essere scoperti) si può solo speculare sulle cause. Le compresse di lineare B script trovato finora contengono solo gli elenchi della merce venduta in commercio o tenuti in magazzino. La storia del tempo non è ancora emerso. Sembra chiaro, tuttavia, che dopo quello che è conosciuto come Medioevo ellenico (circa 1100-800 A.C., così chiamato a causa dell'assenza di documentazione scritta) i greci ulteriormente colonizzarono gran parte dell'Asia minore e le isole che circondano la Grecia continentale e ha cominciato a fare significativi progressi culturali. A partire dal filosofo greco di c. 585 A.C. la prima, Thales, era impegnato in quello che, oggi, sarebbero riconosciute come indagine scientifica l'insediamento di Mileto sulla costa dell'Asia minore e questa regione di colonie ioniche renderebbe scoperte significative nei campi della filosofia e della matematica.
clip_image004
Il Partenone

Dall'arcaico ai periodi classici

Il periodo arcaico (800-500 A.C.) è caratterizzato dall'introduzione delle repubbliche invece di monarchie (che, ad Atene, spostato verso la regola democratica) organizzato come una singola città-stato o polis, l'istituzione delle leggi (riforme di Draco ad Atene), che la grande festa di Panathenaeic è stata stabilita, ceramica greca distintiva e scultura greca sono nati e le prime monete coniate il Regno dell'isola di Egina. Questo, quindi, imposta il palcoscenico per il fiorire del periodo classico della Grecia dato come 500-400 A.C. o, più precisamente, come 480-323 A.C., dalla vittoria greca a Salamina per la morte di Alessandro Magno. Questo è stato l'età d'oro di Atene, quando Pericle inizia la costruzione dell'Acropoli e parlava di un suo famoso elogio per l'uomo morto per difendere la Grecia nella battaglia di maratona nel 490 A.C.. Grecia ha raggiunto le vette in quasi ogni area della formazione umana durante questo tempo e fiorirono i grandi pensatori e artisti dell'antichità (Phidias, Platone, Aristofane, per citare solo tre). Leonida e i suoi 300 spartani è caduto alle Termopili e, nello stesso anno (480 A.C.), Temistocle ha vinto la vittoria contro la flotta navale persiana superiore a Salamina portando poi alla sconfitta finale dei persiani a platea nel 379 A.C..
Democrazia (letteralmente Demos = popolo e Kratos = potere, così potere del popolo) è stata fondata ad Atene permettendo tutti i cittadini maschi sopra l'età di vent'anni una voce nel governo. I filosofi presocratici, seguendo l'esempio Talete, avviato quello che sarebbe diventato il metodo scientifico a esplorare fenomeni naturali. Uomini come Anixamander, Anassimene, Pitagora, Democrito, Xenophanes ed Eraclito abbandonato il modello teistico dell'universo e si è sforzato per scoprire il sottostante, causa prima della vita e dell'universo.
I loro successori, tra i quali erano Euclide e Archimede, continuarono indagine filosofica e più ulteriormente ha stabilito matematica come una disciplina seria. L'esempio di Socrate e gli scritti di Platone e Aristotele dopo di lui, hanno influenzato la cultura occidentale e società per oltre duemila anni. Questo periodo vide anche gli avanzamenti nell'architettura e l'arte con un movimento via dal ideale al realistico. Opere famose di greco scultura come i marmi del Partenone e Discobolos (il lanciatore di disco) data da questo tempo e compendiare l'interesse dell'artista nel raffigurare realisticamente, realizzazione, bellezza ed emozione umana, anche se quelle qualità sono presentate in opere immortali.
Tutti questi sviluppi nella cultura sono state rese possibili dall'ascesa di Atene dopo la vittoria sui persiani nel 480 A.C.. La pace e la prosperità che seguì la sconfitta persiana fornito le finanze e la stabilità per la cultura a fiorire. Atene divenne la superpotenza della sua giornata e, con la più potente marina militare, è stato in grado di esigere tributi dalle altre città dichiara e far rispettare i suoi desideri. Atene ha formato la lega Delio-Attica, un'alleanza difensiva cui scopo dichiarato era quello di scoraggiare i persiani da ulteriori ostilità.
La città-stato di Sparta, tuttavia, hanno dubitato ateniese sincerità e formò la propria associazione per la protezione contro i loro nemici, la Lega peloponnesiaca (così chiamato per la regione del Peloponneso dove si trovavano Sparta e gli altri). Le città-stato che sempre più si schierarono con Sparta percepito Atene come un prepotente e un tiranno, mentre quelle città che si schierò con Atene hanno visto Sparta e i suoi alleati con crescente diffidenza. La tensione tra queste due parti alla fine scoppiò in quello che è diventato noto come le guerre del Peloponneso. Il primo conflitto (c. 460-445 A.C.) si concluse con una tregua e continua prosperità per entrambe le parti mentre il secondo (431-404 A.C.) ha lasciato Atene in rovina e Sparta, il victor, in bancarotta dopo la lunga guerra con Tebe.
Questa volta si riferisce generalmente come il periodo tardo classico (c. 400-330 A.C.). Il vuoto di potere lasciato dalla caduta di queste due città è stato riempito da Philip II di Macedonia (382-336 A.C.) dopo la sua vittoria sopra le forze ateniesi e i loro alleati alla battaglia di Cheronea nel 338 A.C.. Philip Regno la città greca dichiara sotto il dominio macedone e, al momento del suo assassinio nel 336 A.C., suo figlio Alessandro salì al trono.
clip_image005
Alessandro il grande

Alexander il grande e la venuta di Roma

Alexander il grande (356-323 A.C.) riportata su piani di suo padre per un'invasione su larga scala di Persia in rappresaglia per l'invasione della Grecia nel 480 A.C.. Come aveva quasi tutta la Grecia sotto il suo comando, un esercito permanente di notevoli dimensioni e forza, e un tesoro pieno, Alexander non ha bisogno di preoccuparsi con alleati né con chiunque consulenza per quanto riguarda il suo piano per l'invasione e così condusse il suo esercito in Egitto, in Asia minore, attraverso la Persia e infine in India. Istruito nella sua giovinezza da allievo di Platone grande Aristotele, Alexander sarebbe diffondere gli ideali della civiltà greca attraverso le sue conquiste e, così facendo, trasmesso filosofia greca, cultura, lingua e arte per ogni regione che è venuto in contatto con.
Nel 323 A.C. Alessandro morì e il suo vasto impero fu diviso tra quattro dei suoi generali. Questo iniziato quello che è venuto per essere conosciuta agli storici come l'età ellenistica (323-31 A.C.) durante il quale greco pensato e cultura è diventato dominante nelle varie regioni sotto l'influenza di questi generali. Dopo una serie di lotte tra il Diodachi (generali 'successori' come Alessandro è venuti essere conosciuto) generale Antigonus fondata la dinastia antigonide in Grecia che ha poi perso. Essa è stata riguadagnata da suo nipote, Antigono II Gonatus, 276 a.c. che ha governato il paese dal suo palazzo a Macedon.
La Repubblica romana è diventato sempre più coinvolti negli affari della Grecia in questo periodo e, nel 168 A.C., Macedon sconfitto alla battaglia di Pidna. Dopo questa data, la Grecia è venuto costantemente sotto l'influenza di Roma. Nel 146 A.C. la regione fu designata un protettorato di Roma e Romani cominciarono a emulare moda greca, filosofia e, in una certa misura, sensibilità. Nel 31 A.C. Cesare Ottaviano annesso il paese come una provincia di Roma, dopo la sua vittoria su Marco Antonio e Cleopatra alla battaglia di Azio. Ottaviano è diventato Cesare Augusto e Grecia una parte dell'Impero Romano.

Antica Persia

Definizione

clip_image006
Dopo la morte del padre nel 559 A.C., Ciro il grande divenne re di Anshan, ma come i suoi predecessori, Cyrus ha dovuto riconoscere la sovranità di Mede. Nel 552 A.C. Cyrus ha condotto i suoi eserciti contro i medi e catturato Ecbatana nel 549 A.C., efficacemente conquistando l'impero mediano e anche ereditando Assyria. Cyrus venne in seguito conquistata Lidia e Babilonia. Cyrus il grande ha creato il Cyrus Cylinder, considerato la prima dichiarazione dei diritti dell'uomo e fu il primo re cui nome ha il suffisso "Grande". Dopo la morte di Cyrus', suo figlio Cambise II regnò per sette anni (531-522 A.C.) e continuò il lavoro di suo padre della conquista, facendo significativi guadagni in Egitto. Una lotta di potere seguì la morte di Cambise e, nonostante la suo tenue collegamento verso la linea royal, Dario il grande fu dichiarato re (governato 522-486 A.C.).
Prima capitale Darius era a Susa, e ha iniziato il programma di costruzione a Persepoli. È durante il suo Regno che prima menzione della strada reale, una grande autostrada che si estende tutta la strada da Susa a sardi con stazioni di registrazione a intervalli regolari. La lingua persiana antica appare nelle iscrizioni reali, scritti in una versione adattata di caratteri cuneiformi. Sotto Ciro il grande e Darius il grande, l'impero persiano divenne il più grande impero nella storia dell'umanità fino a quel punto, governando e l'amministrazione su gran parte dell'allora conosciuta in tutto mondo.
In 499 supporto A.C. Atene ha prestato per una rivolta a Mileto che ha provocato il saccheggio dei sardi. Ciò ha condotto ad una campagna di achemenide contro Grecia conosciuta come guerre Greco-persiane che durò la prima metà del v secolo A.C.. Durante il Greco-Persiano guerre Persia fatto alcuni vantaggi importanti e razed Atene nel 480 A.C.. Ma dopo una serie di vittorie greche i persiani furono costretti a ritirarsi. Combattimento si concluse con la pace di Callia nel 449 A.C.. Nel 404 A.C., dopo la morte di Dario II, Egitto si ribellò sotto Amonirdisu. Più tardi faraoni egiziani con successo resistito persiano tenta di riconquistare l'Egitto fino al 343 A.C. quando l'Egitto fu riconquistata da Artaserse III di Persia.
Nel 334 A.C.-331 A.C. Alessandro Magno sconfisse Dario III nelle battaglie di Granico, isso e Gaugamela, rapidamente conquistando l'impero persiano nel 331 A.C.. Impero di Alessandro si sciolse poco dopo la sua morte, e generale di Alessandro, Seleuco I Nicatore, prese il controllo della Persia, Mesopotamia e più tardi Siria e Asia minore. Sua famiglia regnante è conosciuta come la dinastia seleucide. Arte, filosofia e lingua greca è venuto con i coloni. Durante la dinastia seleucide in tutta l'ex Impero di Alessandro, greco divenne la lingua comune della diplomazia e della letteratura.
L'impero di Seleucid era lontano da stabile, come è stato difficile di affermare il controllo sopra i vasti domini orientali dei seleucidi. Diodoto, governatore del territorio battriano, ha asserito l'indipendenza a circa 245 A.C., anche se la data esatta è tutt'altro che certa, per formare il Regno Greco-battriano. Il satrapo seleucide di Partia, denominato Andragora, prima indipendenza ha sostenuto, in un parallelo alla secessione del suo prossimo della Battriana. Poco dopo, tuttavia, un capo tribale dei parti chiamato Arsace ha assunto il territorio dei parti circa 238 A.C. per formare il Dynasty di Arsacid — il punto di partenza del potente impero dei parti.

Roma antica

Definizione

clip_image007
Secondo la leggenda, antica Roma è stata fondata da due fratelli e semidei, Romolo e Remo, il 21 aprile 753. Le attestazioni di leggenda che, in un argomento per chi dovesse guidare la città (o, in un'altra versione, dove la città sarebbe situata) Romolo uccise Remus e chiamano la città dopo se stesso. Questa storia della Fondazione di Roma è il più noto, ma non è l'unico. Altre leggende sostengono che la città fu chiamata dopo una donna, di Roma, che ha viaggiato con Enea e gli altri sopravvissuti da Troia dopo la caduta di quella città. Al momento dello sbarco sulle rive del fiume Tevere, Roma e le altre donne ha obiettato quando gli uomini volevano andare avanti. Lei a condurre le donne la combustione delle navi Trojan e così efficacemente incagliato i sopravvissuti Trojan sul sito che sarebbe poi diventato Roma. Enea di Troia è anche in questa leggenda, notoriamente, Virgil di Eneide, come dei fondatori di Roma e l'antenato di Romolo e Remo, collegando così Roma con la grandiosità e potrebbe che una volta era Troia.

Roma precoce

Originariamente una piccola città sulle rive del fiume Tevere, Roma è cresciuta in dimensioni e forza, all'inizio attraverso il commercio. La posizione della città ha fornito commercianti con un facilmente navigabile su cui loro merci del traffico. Cultura greca e civiltà, che è venuto a Roma via colonie greche a sud, fornito i primi Romani con un modello su cui costruire la propria cultura. Dai greci hanno preso in prestito l'alfabetizzazione e religione così come i fondamenti dell'architettura. Gli Etruschi, a nord, ha fornito un modello per il commercio e lusso urbano. Etruria era anche ben ubicato per il commercio e gli antichi romani o imparato le abilità del commercio da esempio etrusco o sono stati insegnati direttamente dagli Etruschi che fatto incursioni nella zona intorno a Roma tra il 650 e il 600 A.C.. All'inizio i Romani ha mostrato un talento per prendere in prestito e migliorare le competenze e i concetti di altre culture. Il Regno di Roma crebbe rapidamente da una città commerciale a una prospera città tra l'ottavo e sesto secolo A.C.. Quando l'ultimo dei sette re di Roma, Tarquinio il superbo, fu deposto nel 509 A.C., il suo rivale per il potere, Lucius Junius Brutus, riformato il sistema di governo e stabilito la Repubblica romana.
era guerra che renderebbe Roma una forza potente nel mondo antico.

Guerra & espansione

Anche se Roma doveva la sua prosperità al commercio nei primi anni, fu guerra che renderebbe la città una forza potente nel mondo antico. Le guerre con la città nordafricana di Cartagine (conosciuto come le guerre puniche, 264-146 A.C.) consolidarono il potere di Roma e ha aiutato la città crescere in ricchezza e prestigio. Roma e Cartagine erano rivali in commercio nel Mediterraneo occidentale e, con Cartagine sconfitto, Roma ha tenuto quasi assoluta dominanza sopra la regione (c'erano ancora le incursioni dei pirati che hanno impedito il completo controllo romano del mare). Come la Repubblica di Roma è cresciuto in potere e il prestigio, la città di Roma ha cominciato a soffrire dagli effetti di corruzione, avidità e l'eccessivo affidamento sulla manodopera straniera slave. Bande di disoccupati romani, togliere il lavoro dall'afflusso di schiavi portati attraverso conquiste territoriali, si è assunto come teppisti a fare l'offerta di qualunque ricco senatore avrebbero pagato loro. L'elite ricca della città, i patrizi, è diventato sempre più ricco a scapito di classe inferiore di lavoro, la plebe. Nel II secolo A.C., i fratelli Gracchi, Tiberio e Gaio, due tribuni romani, conducono un movimento per la riforma agraria e riforma politica in generale. Anche se entrambi i fratelli sono stati uccisi in questa causa, loro sforzi stimolare riforme legislative e la corruzione dilagante del Senato è stata accorciata (o, almeno, i senatori è diventato più discreti nelle loro attività corrotti). Dal momento del primo triumvirato, sia la città e la Repubblica di Roma erano in piena fioritura.
clip_image008
Postumo busto di Cesare

La Repubblica

Anche così, Roma si trovò divisa attraverso le linee di classe. La classe dirigente si è denominato ottimati (gli uomini migliori) mentre le classi inferiori, o coloro che simpatizzava con loro, erano conosciuti come i Populares (il popolo). Questi nomi sono stati applicati semplicemente a chi ha tenuto una certa ideologia politica; Essi non erano partiti politici rigorosi né erano tutti della classe dirigente ottimati, né tutte le classi inferiori Populares. In generale, gli Ottimati tenuto con valori politici e sociali tradizionali, che hanno favorito il potere del Senato di Roma e il prestigio e la superiorità della classe dirigente. Populares, favorito ancora in generale, di riforma e la democratizzazione della Repubblica romana. Queste opposte ideologie sarebbe notoriamente in contrasto sotto forma di tre uomini che, senza volerlo, si avrebbe la fine della Repubblica romana.
Marcus Licinius Crassus e suo rivale politico, Gnaeus Pompeius Magnus (Gneo Pompeo Magno) Unito con un altro, più giovane, politico, Gaius Julius Caesar, a formare quello che moderno gli storici chiamano il primo triumvirato di Roma (anche se i romani del tempo mai usarono quel termine, né ha fatto i tre uomini che comprendeva il triumvirato). Crasso e Pompeo entrambi tenuto la linea politica Optimate mentre Cesare era un Populare. I tre uomini erano altrettanto ambiziosi e, in lizza per il potere, erano in grado di tenersi reciprocamente in scacco contribuendo nel contempo a rendere Roma prosperare. Crasso era l'uomo più ricco di Roma e corrotto al punto di costringere i cittadini ricchi a pagare lui 'sicurezza'. Se il cittadino pagato, Crassus non sarebbe bruciare la casa di quella persona, ma se soldi non erano imminenti, il fuoco potrebbe essere illuminato e Crassus sarebbe poi pagare una tassa per inviare uomini a spegnere l'incendio. Anche se il motivo dietro l'origine di questi vigili del fuoco era lontano dal nobile, Crassus efficacemente ha creato il primo reparto di fuoco che, più tardi, risulterebbe di grande valore per la città.
Sia Pompeo e Cesare erano grandi generali che, attraverso le loro rispettive conquiste, garantirono Roma. Anche se l'uomo più ricco di Roma (e, è stato sostenuto, il più ricco di tutta la storia romana) Crassus desiderato le stesse persone di rispetto accordato Pompeo e Cesare per i loro successi militari. Nel 53 A.C. guidò una forza considerevole contro i parti a Carre, nell'odierna Turchia, dove è stato ucciso quando i negoziati tregua si ruppe. Con crasso gone, il primo triumvirato disintegrato e Pompeo e Cesare dichiarò guerra a vicenda. Pompeo ha cercato di eliminare il suo rivale attraverso mezzi legali e ha avuto l'ordine di Senato Caesar a Roma a stare prova accusa assortiti. Invece di restituire alla città in umiltà per affrontare queste spese, Caesar, attraversato il fiume Rubicone con il suo esercito nel 49 A.C. e immesso Roma alla testa di esso. Ha rifiutato di rispondere alle accuse e diretto la sua attenzione verso l'eliminazione di Pompeo come un rivale. Pompeo e Cesare incontrato nella battaglia di Pharsalus in Grecia dove forza numericamente inferiore di Caesar sconfitto uno maggiore di Pompeo. Pompeo stesso fuggì in Egitto, aspettandosi di trovare il Santuario, ma è stato assassinato dopo il suo arrivo. La notizia della grande vittoria di Cesare contro la schiacciante numeri a Pharsalus aveva si è diffusa rapidamente e molti ex amici e alleati di Pompeo rapidamente si allearono con Caesar, credendo che egli è stato favorito dagli dèi.
clip_image009
Testa in bronzo di Augusto

Verso Impero

Julius Caesar ora era l'uomo più potente di Roma. Egli ha concluso efficacemente il periodo della Repubblica avendo il Senato a proclamarlo dittatore. La sua popolarità tra la gente era enorme e i suoi sforzi per creare un governo centrale forte e stabile significava una maggiore prosperità per la città di Roma. Fu assassinato da un gruppo di Roman Senators nel 44 A.C., tuttavia, proprio a causa di questi risultati. I congiurati, Bruto e Cassio fra loro, sembravano temere che Cesare stava diventando troppo potente e che alla fine egli potrebbe abolire il Senato. Dopo la sua morte, suo braccio destro e il cugino, Marcus Antonius (Mark Antony) hanno unito le forze con Cesare nipote ed erede, Gaius Octavius Thurinus (Ottaviano) e amico di Caesar, Marcus Aemilius Lepidus, per sconfiggere le forze di Bruto e Cassio al Battaglia di Phillippi nel 42 A.C..
Ottaviano, Antonio e Lepido formano il secondo triumvirato di Roma ma, come con la prima, questi uomini erano anche altrettanto ambiziosi. Lepido è stata efficacemente neutralizzata quando Antonio e Ottaviano ha accettato che egli dovrebbe avere Hispania e Africa a governare e quindi gli impediva qualsiasi gioco di potere a Roma. Si è convenuto che Octavian regolerebbe che Roman atterra nell'ovest e Antony nell'est. Coinvolgimento di Antony con la regina egiziana Cleopatra VII, tuttavia, sconvolgere l'equilibrio Octavian aveva sperato di mantenere e i due entrarono in guerra. Antonio e di Cleopatra forze combinate furono sconfitte nella battaglia di Azio nel 31 A.C., e sia più successivamente ha preso la propria vita. Ottaviano è emerso come la competenza esclusiva a Roma. Nel 27 A.C. egli era concessi poteri straordinari da parte del Senato e prese il nome di Augusto, primo imperatore di Roma. Gli storici sono d'accordo che questo è il punto in cui ha inizio la storia di estremità di Roma e la storia dell'Impero Romano.

Angizia

Definizione

Angizia, che compare anche epigraficamente come Angita, Arigitia o Anguita, era una dea tra i popoli Osco-umbri e corsivo pre-romane dell'Italia centrale e crede di avere mantenuto come una figura di culto domestico anche nel periodo romano repubblicano.
Il poeta romano Virgilio scrisse che una tale pre-romana corsivo tribù conosciuta come i Marsi, che risiedeva nella regione Abruzzo giorno moderno dell'Italia centrale, affermavano di discendere da una figlia del leggendario re colchica Aeëtes. Questa figlia, secondo lo storico romano Gnaeus Gellius, era conosciuta come Angizia, la terza delle figlie dei Re Aeëtes a fianco di Medea e Circe. Gli studiosi del Medioevo credevano che Angizia e Medea fossero la stessa persona, come Arigitia è stato registrato da Silius Italicus e successive Servius Honoratus come il nome Marrubians dato in primo luogo Medea al suo volo dalla Colchide in Italia, dove ha insegnato in particolare i locali suoi arti curative. Angizia e Medea condividere questa conoscenza rara delle arti magiche e rimedi vegetali e Angizia, come Medea, si dice che hanno insegnato i Marsi per curare febbri e morsi di serpente. Ovidio racconta come a suo tempo Marsi sarebbe arrivato per le strade di Roma a vendere preparazioni a base di erbe, cure e dimostrare la loro padronanza sopra animali selvatici come lupi e serpenti. Come i loro antenati, contemporanea Abruzzese serpari anche rivendicare il potere sopra i serpenti ed ereditario immunità dai morsi di serpente.
Folklore abruzzese conserva la leggenda che Angizia era una volta una sacerdotessa greca che costruì la sua casa sulle sponde dell'antico lago Fucino e ha insegnato la gente del posto l'arte segreta del serpente incantevole e cure di morso di serpente, divinazione e guarigione. Per questo, santuari sono stati costruiti in suo onore, e serpenti sono stati offerti come sacrifici da coloro che cercano la guarigione. Questa tradizione popolare è supportata dalle iscrizioni a Luco dei Marsi (noto ai Romani come Lucus Angitiae), il boschetto sacro di Angizia. Il suo nome compare anche su una dedicatoria cippo da Civita d'Antino, nelle Tavole Iguvine umbra e nelle iscrizioni nei territori del Peligni, Vestini e Sabini - che attestano la sua popolarità in queste regioni.
Il Romans ha derivato il nome Angizia/Anguita da anguis, cui serpenti e anguille serpente-come appare nelle sue rappresentazioni in tutta Italia. Questa associazione di serpenti con la guarigione è diffusa nel mondo greco-romano, come dimostrato nelle rappresentazioni cultuali di Aesklepius, Hygeia e Apollo.

Zootecnia

Definizione

clip_image010
Zootecnia è una branca dell'agricoltura interessato con l'addomesticamento di, cura per e l'allevamento di animali come cani, bovini, cavalli, pecore, capre, maiali e altri come creature. Agricoltura animale ha cominciato nel cosiddetta neolitica ('new stone') rivoluzione circa 10.000 anni fa, ma può avere cominciato molto prima. Si è ipotizzato che gli esseri umani usato il fuoco per cucinare cibo 1,5 milioni di anni fa, ma l'evidenza solo archeologica ottenuto finora imposta la data dell'uso del fuoco per la cottura a 12.500 anni fa, come indicato dalla scoperta di argilla pentole in Asia orientale e in Mesopotamia.
Poco dopo questa data, prove di ossa di animali addomesticate lasciati dalla umane incontri sociali come cene emerge; ha detto che le ossa essendo stata scoperte negli scavi di pozzi di fuoco nelle antiche cucine. Se prima era probabilmente comune addomesticamento degli animali, è certo che capre e pecore sono state addomesticate in tutta l'Asia dall'8000 A.C.. Grano è stato addomesticato e in largo uso in Mesopotamia 7700 a.c., capre dal 7000 A.C., pecore 6700 a.c. e maiali da 6500 A.C.. Dal momento dell'insediamento della prima città mesopotamica di Eridu nel 5400 A.C., zootecnia era ampiamente praticato e addomesticati animali utilizzati nella forza di lavoro (ad esempio in aratura) come animali domestici e come fonte di cibo. I cavalli sono stati domati da 4000 A.C. e, nel tempo, è diventato una componente importante nella guerra nel disegno i grandi carri di vari Stati nazione. Alla fine, elefanti, tigri e leoni sono stati impiegati sul campo di battaglia; specialmente in questi ultimi casi delle campagne di persiane, la resistenza indiana ad Alessandro Magno ed, il più famoso, di Annibale di Cartagine contro i Romani.
L'addomesticamento degli animali ammessi per la costruzione di insediamenti permanenti.
Addomesticamento degli animali ha prodotto un cambiamento radicale nel modo in cui la gente viveva. Civiltà che si era basata sulla caccia e la raccolta come un mezzo di sussistenza ora costruito insediamenti permanenti e impegnati in un'esistenza pastorale basandosi sulla loro bestiame e colture. Una volta che la gente ha capito che potevano essere addomesticati gli animali, le creature si sono inserite nei rituali più semplice e diffusi della cultura. Culto di animali in Egitto è ben noto (in particolare loro riverenza per il gatto che simboleggiava la dea del focolare e della casa, Bastet) ma molte antiche culture includesse immagini animali nelle loro icone religiose e pratiche. Animali selvatici, è venuto a rappresentare selvagge forze dell'universo (ad esempio i leoni della dea Inanna in Mesopotamia) mentre creature addomesticate simboleggiati comfort e sicurezza (ad esempio, il cane in Grecia e Roma). In India, secondo lo storico Durant, "non c'era alcun reale divario tra animali e uomini; animali come pure gli uomini avevano anime e anime erano perennemente passando da uomini in animali e tornare nuovamente; tutte queste specie sono state intrecciate in una rete infinita di karma e reincarnazione. L'elefante, ad esempio, è diventato il Dio Ganesha e fu riconosciuto come figlio di Shiva; Egli personificata natura animale dell'uomo e, allo stesso tempo, la sua immagine servita come un fascino contro la malvagia fortuna"(509). Gli animali domestici è venuto a simboleggiare ordine in contrasto con il caos del mondo selvaggio.
clip_image011
Cinghiale, mosaico romano
Scavi di depositi di rifiuti di fuori le città della regione della Mesopotamia mostrano un declino graduale nel numero di gazzella selvatici ossa dopo il 7000 A.C. (che, esso è stato suggerito, Mostra uno svuotamento della selvaggina selvatica) mentre il numero di ossa di capra e pecora addomesticata cresce in numero dopo lo stesso anno. Questo stesso modello di base è stato determinato in Cina, India ed Egitto. Gli studiosi hanno determinato che queste pecore e capre sono stati addomesticati e non selvaggio, basa la condizione delle ossa e, naturalmente, il lavoro di Scritture e l'arte delle culture. Si ritiene probabile che le pecore selvatiche e capre è venuto a pascolare nei dintorni di insediamenti umani nel tentativo di fuggire dai predatori naturali che avrebbero evitato il contatto con gli esseri umani. Nel tempo, questi animali è cresciuto sempre più docili e divennero una fonte facilmente accessibile di cibo. Si ritiene anche che questo stesso processo di addomesticare graduale di un animale selvaggio di stretta associazione con gli esseri umani sono stati i mezzi di cui cani sono stati addomesticati e, inizialmente, gatti pure.
Agricoltura animale raggiunse il suo culmine, nel mondo antico, in Egitto, dove cani e gatti sono stati curati come se fossero parte della famiglia umana in cui vivevano. Mummie di cani e gatti sono stati scoperti nelle tombe in Egitto e così ha fatto gli egiziani sentire profondamente per i loro gatti, Erodoto ci dice, che essi sarebbe radere loro sopracciglia e formano un corteo funebre di lutto dopo la morte di uno di questi animali domestici. Un'illustrazione più drammatica dell'importanza dei gatti, soprattutto, ma anche di altri animali, è la famosa battaglia di Pelusio nel 525 A.C. in cui Cambise II di Persia sconfisse le forze dell'Egitto avendo i suoi soldati dipingere l'immagine della dea grande gatto Bastet sugli scudi e, ulteriormente, guidando gli animali amati dagli Egizi prima loro linee del fronte. Gli egiziani, paura di offendere i loro dèi di ferire gli animali, ha ceduto la loro posizione e fuggirono in una disfatta, durante il quale la maggior parte furono massacrata. In questo modo Cambise II di Persia conquistò l'Egitto e fu così sprezzante degli egiziani per preferendo la sicurezza degli animali per la propria libertà che scagliò gatti nei volti degli egiziani durante la sua marcia trionfale dopo la battaglia.
Gli studi recenti suggeriscono che la zootecnia potrebbe aver iniziato in Europa, piuttosto che Asia o Medio Oriente, attraverso l'addomesticamento delle "creature simili a cani" nella regione ora conosciuta come la Germania. Questi studi, tuttavia, non riescono a prendere in considerazione le prove dalle regioni precedenti e sembrano concentrati esclusivamente sulla domesticazione dei lupi o, più vagamente, un canino non-lupo che non era direttamente correlato al cane. Prove di addomesticamento diffusa in Mesopotamia, Cina e India, tuttavia, sostiene per quelle regioni come tra i primi a pratiche zootecniche con Europa seguendo la prassi più tardi. Tuttavia essa ha iniziato, la cura e allevamento di animali di continuare, naturalmente ed è ancora una parte importante di ogni cultura nel mondo al giorno d'oggi.

Anjar

Definizione

clip_image012
La città di Anjar si pone come l'unico sito di Umayyad in Libano, situato nei pressi del fiume Litani e 58 km dalla capitale di Beirut. Anjar è stata fondata durante il periodo omayyade sotto il califfo Walid ibn ' Abd al-Malak (CE r. 705-715) e prende il nome dal termine arabo ' ayn al-jaar, che significa acqua dalla roccia - un riferimento per i ruscelli che nascono dal Libano adiacente e montuosa dell'Anti-Libano.
La città prosperò per un periodo relativamente breve di 20-30 anni, proseguendo sotto il figlio di Walid, califfo Ibrahim (CE r. 744). Era nel 744 CE che gli Abbasidi, espandendo il loro potere in un'acquisizione del califfato islamico, sconfissero Ibrahim e invasero la città. Il raid lasciato Anjar devastata, inaugurando un lungo periodo di inutilizzo e abbandono.
Le rovine di Anjar forniscono una testimonianza della civiltà di Umayyad, come essi sono precisamente datati in iscrizioni trovate in tutta la recinzione. Il sito rivela un lungo periodo di occupazione precoce dai greci e romani si riflettono in edifici paleocristiani che risalgono al CE c. 395.
Anjar era un centro commerciale nell'entroterra al crocevia di due importanti vie.
Anjar era un centro commerciale nell'entroterra all'incrocio di due itinerari importanti: uno che ha condotto da Beirut a Damasco e l'altra che ha attraversato la valle della Bekaa, che conduce da Homs a Tiberiade. Essa prosperò come una città commerciale, come era strategicamente situato a questo punto cruciale tra le rotte commerciali nord-sud ed est-ovest della penisola arabica.
La città di Anjar, mai costruito al suo massimo potenziale e piuttosto, abbandonata dagli Omayyadi dopo una nascente 30 anni, ha visto solo un breve periodo di d'oro. Al relativo picco, Anjar ospitava più di 600 portici del mercato separate da colonne in stile romano tipico, come pure case del bagno, due palazzi e una moschea.
Vestigia della città di Anjar costituisce un esempio unico di pianificazione urbana VIII secolo CE effettuati all'inizio del periodo islamico. La natura delle sue rovine segna un'evoluzione nel tempo da una cultura proto-bizantino per lo sviluppo precoce di arte islamica - evidenziato attraverso la presenza di varie tecniche di costruzione - e gli elementi architettonici e decorativi, catturati nei suoi monumenti.
clip_image013
Arco, Anjar

Impianto architettonico

Anjar è una città fortificata, circondata da mura e quaranta torri dislocate su un'area rettangolare di 385 x 350 metri. Struttura della città è dominata dai cancelli fiancheggiate da portici ed è diviso in quattro quadranti uguali da un asse nord-sud e asse est-ovest più breve sovrapposte sopra i collettori di fognatura principale.
Uso pubblico ed edifici privati residenziali sono strutturati secondo un piano strutturato: la Moschea e il Palazzo del califfo nel quarto sudorientale occupa la parte più elevata del sito, mentre i piccoli palazzi (harem) e dagli stabilimenti balneari si trovano nel quartiere nord-est, facilitando la corretta evacuazione delle acque reflue. Servizio speciale, mestiere aree e zone soggiorno sono distribuite nei quartieri nord-ovest e sud-ovest.
Le rovine rivelano spettacolari vestigia di un monumentale tetrapyle (quattro vie arco), così come dalle pareti e colonnati del Palazzo di Umayyad, tre su quattro livelli di cui sono stati conservati. Queste strutture incorporano elementi decorativi o architettonici di epoca romana, ma sono anche degno di nota per le tecniche di abbellimento eccezionale di arredamento contemporaneo all'interno della costruzione.

Ankhsenamun

Definizione

clip_image014
Ankhsenamun (Nato c. 1350 A.C. e noto come Ankhesenpaaten nella gioventù) era la figlia di Akhenaton e Nefertiti della XVIII dinastia d'Egitto. Lei era sposata con suo padre e può avere partorito una figlia, Ankhesenpaaten Tasherit ('Ankhesenpaaten the Younger'), prima di lei aveva tredici anni. Mentre ancora una giovane ragazza e possibilmente già sposato per Akhenaton, lei era promessa in sposa a suo fratellastro Tutankhaten che è meglio conosciuto come Tutankhamon. E ' sopravvissuta sia suo padre e suo marito ed è la prima donna egiziana di sangue reale conosciuta per hanno cercato di sposare un principe straniero e fargli Faraone. Il suo tentativo non riuscito, tuttavia, e quello che è diventato in seguito di lei è sconosciuto, come è l'anno della sua morte.

Gioventù e matrimonio

Akhenaton, possibilmente con convinzione religiosa, ma probabilmente per ragioni politiche, proscritto la religione tradizionale dell'Egitto e ha soppresso le pratiche religiose. Il culto popolare del Dio Amon era indirizzato soprattutto per persecuzione, perché i sacerdoti dei complessi Tempio di Amon erano cresciuta in ricchezza e potenza a rivaleggiare con quella della casa reale. Terra era la fonte di ricchezza nell'antico Egitto e, al tempo della riforma religiosa di Akhenaton, i sacerdoti di proprietà più terra di Faraone. Al posto del tradizionale politeismo che gli egiziani avevano sempre saputo, Akhenaton ha istituito un rigoroso monoteismo incentrato su un Dio supremo Aten, rappresentato dal disco solare.
Akhenaten spostò la sede del potere dal palazzo tradizionale a Tebe a un complesso di nuova costruzione in una città che ha fondato, Akhetaten, (più tardi conosciuto come Amarna) e sarebbe stato qui che Ankhsenamun è cresciuto come una bambino-sposa di suo padre e, quindi, promessa sposa di suo fratellastro Tutankhaten. L'egittologo Zahi Hawass osserva che,
i due bambini devono sono cresciuti insieme e forse giocare insieme nei giardini del palazzo. I bambini reali avrebbero avuto lezioni da insegnanti e gli scribi, che avrebbero dato loro istruzioni in saggezza e conoscenza circa la nuova religione di Aton (50).
'Possiamo sentire l'amore tra di loro come vediamo la Regina in piedi davanti al marito dandogli fiori'. Hawass
A un certo punto, esattamente quando non è chiaro, lei avrebbe dato vita a sua figlia, ma è possibile che Ankhesenpaaten Tasherit non era suo figlio, ma la figlia di Akhenaton e sua moglie minore Kiya (madre di Tutankhamon). Ankhesenpaaten Tasherit è noto solo dalle iscrizioni danneggiate che rendono la determinazione sua madre problematica. Per quanto tempo il bambino ha vissuto o quando è morta è sconosciuta.

Ankhsenamun & Tutankhamon

Akhenaton morì nel 1336 A.C. e suo figlio salì al trono. Poco dopo, il re del ragazzo conosciuto come Tutankhaten abrogato proscrizioni religiosa di suo padre e ripristinò le tradizionali pratiche religiose dell'Egitto. I templi sono stati riaperti e i riti sono stati ancora eseguiti secondo tradizione. Gli egiziani considerato equilibrio e armonia gli aspetti più importanti della vita e onorato quei concetti attraverso una legge eterna conosciuto come Maat (armonia). Agli egiziani, monoteismo e la persecuzione della religione di Akhenaton aveva sconvolto Maat ed era il dovere del nuovo re per ripristinare l'ordine e l'equilibrio. Tutankhaten e Ankhesenpaaten si sono sposati in un matrimonio reale e, come loro primo passo in equilibrio di ritorno in Egitto, cambiò il suo nome in Tutankhamon e Ankhsenamun; aveva otto o nove anni al momento e lei era di 13 o 14.
Tutankhamon trasferì la sede tradizionale a Tebe e Memphis con il governo e stabilito di cercare di riparare il danno che editti del padre avevano causato. Con i suoi consiglieri Ay e Horemheb per guidarlo, Tutankhamon ri-costruito templi e ristrutturato il vecchio palazzo. Hawass osserva che,
Presso i templi principali, Tutankhamon e la sua regina avrebbe avuto un piccolo palazzo cerimonia, completa con una zona reception, sala del trono e stanze private, tra cui bagni ad uso reale. Il 'golden king' avrebbe usato il suo palazzo a Tebe per importanti feste religiose, e varie case di riposo sparsi intorno al paese per battute di caccia (54).
Sembrerebbe, da dipinti e iscrizioni, che Ankhsenamun era suo compagno quasi costante su questi viaggi. Hawass scrive,
A giudicare dalla loro rappresentazione nell'arte che riempie la tomba del re d'oro, questo è stato sicuramente il caso [che amavano uno altro]. Possiamo sentire l'amore tra di loro come vediamo la Regina in piedi davanti al marito dandogli fiori e che lo accompagnano mentre era a caccia (51).
Essi sembrano essere stati inseparabili fino a Tutankhamon morì improvvisamente nel 1327 A.C. intorno all'età di 18.
clip_image015
Tutankhamon

Ankhsenamun & il re ittita

Horemheb, come comandante in capo dell'esercito, stava facendo una campagna contro gli Ittiti a nord quando Tutankhamon morì e così hanno assunto il ruolo tradizionale del successore nel seppellire il re morto. Per il suo ruolo deve essere riconosciuto vedova del re avrebbe dovuto essere solennemente promessa a lui per il servizio funebre e sembra che questo è quello che è successo. Ay e Ankhsenamun officiata alla sepoltura del re, ma non sembrano essere stati effettivamente sposato. È stato presupposto, tuttavia, che Ay, come successore, avrebbe preso Ankhsenamun per la sua sposa royal legittimare la sua regola.
La regina di venti - tre anni, tuttavia, aveva diversi piani in mente. Lei non voleva sposare Ay, che era molto più vecchio (e molto probabilmente suo nonno) e così mi ha scritto per l'ittita re Suppiluliuma I chiedendo aiuto. Nella sua lettera lei afferma:
Mio marito è morto e non ho figli. Che dicono di te che hai molti figli. Potrebbe darmi uno dei tuoi figli per diventare mio marito. Mai devo scegliere un servo della miniera e farlo mio marito.
Fatta questa richiesta senza precedenti da una regina egiziana il re ittita sospetti e mandò un emissario in Egitto per incontrare con lei. L'uomo tornato con un'altra lettera che leggi:
Avuto un figlio, avrebbe scritto sulla mia e la vergogna del mio paese in un paese straniero? Tu non mi credeva e lei ha detto così tanto per me. Colui che era il mio marito è morto. Un figlio che non ho! Mai dovrei prendere un servo mio e farlo mio marito. Ho scritto a nessun altro paese; solo a te ho scritto. Dicono che i tuoi figli sono molti; quindi dammi uno dei tuoi figli. Per me lui sarà il marito, ma in Egitto egli sarà re.
clip_image016
La tomba di Horemheb
Suppiluliuma, una volta certi della legittimità dell'offerta, mandò il suo figlio Zananza in Egitto per sposare Ankhsenamun, ma il Principe è stato ucciso prima di raggiungere il confine. Il suo omicidio ha compreso da tempo di essere il lavoro di Horemheb generale, eventualmente con il supporto o la collusione di Ay. Hawass scrive:
Forse Ay ha detto il comandante dell'esercito, Horemheb, ciò che aveva fatto la giovane regina, o forse Ay e Horemheb erano essi stessi coinvolti in una lotta per il trono. Forse i due uomini hanno deciso insieme fermare il principe ittita, perché esso avrebbe portato vergogna sulla nazione per una regina egiziana di sposare uno straniero - una cosa del genere sarebbe hanno invertito il giusto ordine delle cose. Forse era Ay, o il suo successore, Horemheb, che ha avuto il principe ittita ucciso; e forse Ankhsenamun fu costretto, dopo tutto, a sposare gli anziani Ay. In realtà, non abbiamo alcun indizio al suo destino finale. Il suo nome non è menzionato nella tomba di Ay, che si trova nella Valle dei re, dove si vede solo il nome di sua moglie principale, Tiye (68).

Scomparsa di Ankhsenamun

Non più è noto di Ankhsenamun dopo questo incidente. Ay regnò per tre anni, ma nessuna menzione è fatto su di lei come sua moglie, né a qualunque altro titolo ad eccezione di un anello che potrebbe indicare era sposata con Ay. L'anello è considerato prova inconcludente, tuttavia, come si può semplicemente fare riferimento il matrimonio cerimonia per il funerale di Tutankhamon e non un matrimonio reale. Quando morì, Ay, Horemheb salì al trono e, per legittimare la sua regola, istituito ortodossia religiosa, sostenendo che gli antichi dèi avevano scelto lui per restituire il paese ai valori tradizionali e per cancellare il nome della famiglia del re eretico dalla storia. Tutti i monumenti pubblici generati da Akhenaton sono stati distrutti o cancellati e Horemheb anche provato ad eliminare ogni traccia di Tutankhamon. La giovane coppia reale aveva governato per dieci anni e, in quel momento, ha tentato di ripristinare Egitto alla gloria aveva conosciuto prima riforme monoteistiche di Akhenaton. È molto probabile che c'erano iscrizioni e stele eretta che ha registrato le realizzazioni del loro regno breve ma questi sarebbe stato distrutto sotto gli editti di Horemheb.
È possibile che Ay, o Horemheb, aveva anche Ankhsenamun assassinato per il suo coraggio di contattare il re ittita, ma, come tutto il resto della sua vita successiva, questo non può essere confermato. Tutto ciò che è chiaramente noto è che, dopo le sue lettere a Suppiluliuma I, Ankhsenamun scompare dalla storia. È stato speculato che una delle due mummie femminile, trovate in 21 KV (tomba 21 della Valle dei re), è Ankhsenamun basata sopra prova di DNA nel 2010 CE che corrisponde a DNA di questa mummia a quella dei due bambini nati di Tutankhamon e Ankhsenamun trovato nella tomba di Tutankhamon; ma i risultati sono inconcludenti. Mummia di Akhenaton è stato identificato positivamente e il suo DNA non corrisponde a quello della mummia pensata per essere di Ankhsenamun. È anche certo che Ankhsenamun era la figlia di Akhenaton e Nefertiti. Come Tutankhamon non era noto per aver avuto qualsiasi altra moglie, gli studiosi sono in perdita per spiegare che la mummia di KV21 potrebbe essere. Le conclusioni di due che DNA presenta sono che Ankhsenamun non era figlia di Akhenaton o Tutankhamon aveva un'altra moglie che non è presente il record storico. Nessuna di queste possibilità sembra plausibile sulla base delle informazioni attuali e così il destino finale del Ankhsenamun rimane un mistero.

Antigonos ho

Definizione

clip_image017
Antigonos I Monophthalmos ("l'Orbo") (382-301 A.C.) fu uno dei re successore di Alexander il grande, controllo della Macedonia e Grecia.
Quando Alessandro Magno morì nel 323 A.C., è seguito un dibattito sul suo regno enorme che si estende dalla Grecia all'India. Alla fine è stato diviso fra tre dei suoi generali più fedeli e le loro famiglie - Ptolemy I e i suoi discendenti (tra cui regina Cleopatra) avrebbe governato l'Egitto; Seleucos e la sua famiglia governò in Siria e le province orientali vicini, e, infine, i discendenti di Antigonos governarono la Macedonia e la Grecia. Anche se questo era il modo che si è conclusa, è stato non come è cominciato. Le lotte che seguirono la morte di Alessandro e la battaglia sul suo Regno è durato oltre trent'anni, e uno di quelli che hanno voluto essere il successore del grande Alexander era Antigonos il monocolo.
Antigonos fu un generale macedone e nobile che hanno servito abilmente sotto entrambi Alexander il grande e suo padre Phillip II. Dopo la morte di Phillip di assassinio per mano sua ex guardia del corpo Pausanias, Alexander ha deciso di seguire il sogno di suo padre e attraversare l'Ellesponto in Anatolia per incontrare e sconfiggere Dario III e conquistare l'impero persiano. Antigonos, all'età di sessant'anni, seguito Alexander su questa campagna.
Antigonos fu un generale macedone e nobile che hanno servito abilmente sotto entrambi Alexander il grande e suo padre Phillip II.
Dopo aver attraversato l'Ellesponto, Alexander ha marciato le sue truppe verso nord, fermandosi brevemente per rendere omaggio agli eroi omerici, Achille e i greci caduti a Troia. Si trasferisce poi verso sud sconfiggendo i persiani alla battaglia di Granico in maggio 334 A.C.. Prima di lasciare per finalmente incontrare e sconfiggere Dario III a Isso (novembre 333 A.C.), Alexander lasciato Antigonos come satrapo della Frigia (Anatolia occidentale) con una forza di 1500 soldati per difendere la satrapia, mantenendo un capitale a Celanae. Sarebbe rimasto lì per il resto della guerra di Alexander contro i persiani. Responsabilità primaria degli Antigonos era quello di mantenere linee di Alexander di alimentazione e comunicazione; Tuttavia, suo soggiorno non sono andate bene. Dopo Alexander e il suo imponente esercito spostato ulteriore sud in Siria, i persiani tentarono di riconquistare alcuni del territorio che avevano perso. Antigonos e il suo esercito ha dovuto difendere il suo dominio in Frigia in tre diverse occasioni, vincendo tutte le tre battaglie. Una di queste battaglie era contro il greco Memnon mercenario (fedele a Darius) che recentemente era stato sconfitto al Granico.
Nel 323 A.C. Alessandro morì a Babilonia, ma appena prima di morire, Alexander ha consegnato il suo anello con sigillo al suo ufficiale di cavalleria senior Perdicca, una possibile indicazione ad alcuni che Alexander era nominandolo come successore. Periccas immediatamente portato gli altri generali insieme per discutere del futuro dell'Impero. Meleagro, un leader di fanteria, è stato considerato (almeno nella sua mente) di essere secondo in comando..--una posizione egli non rimarrebbe per lungo tempo. Perdicca aveva giustiziato: un'indicazione che l'aspettavano una lotta sopra regency dell'Impero. La questione principale è rimasto: chi era a regola? Perdicca eletto aspettare fino a quando nacque figlio Roxanne e di Alexander, il figlio che sarebbe diventato Alexander IV. Tuttavia, il giovane Alessandro non avrebbe mai governato, come Roxanne sia giovane Alexander sono stati eseguiti dal figlio di Antipatro Cassandro nel 310 A.C., risolvendo il problema dell'intera eredità.
I generali finalmente accettato di dividere l'impero di Alessandro nella spartizione di Babilonia. La partizione concesso Antigonos la satrapia della Frigia, nonché Pamphylia e Lycia (Anatolia nord-occidentale). Antipatro rimase reggente di Macedonia mentre suo figlio, Cassandro, ricevuto Caria (Anatolia del sud-ovest). Tolomeo è rimasto come reggente in Egitto. Eumene fu dato in Cappadocia e Paflagonia (Anatolia orientale) a dominare mentre Tracia (Grecia nord-orientale) è andato a Lysimaches; Siria è stato dato a Selecucos I. Questa divisione, tuttavia, non doveva rimanere. Non ci sarebbe più vent'anni di guerra. Alleanze andavano e venivano, pace era incoerente e gelosia è rimasto in tutto.
Gli argomenti sopra il territorio iniziarono quando Perdicca è diventato arrabbiato con Antigonos perché si rifiutò di aiutare Eumene di mantenere il controllo del suo territorio assegnato. Antigonos voleva evitare conflitto con Periccas così lui e suo figlio tredicenne Demetrios ha cercato rifugio nella Macedonia, guadagnando favore di Antipatro - essi Uniti contro Perdiccus ed Eumene di Cardia. Eumene fu sconfitto e imprigionato nel 321 A.C.. Successivamente, Antigonos si alleò con Antipatro, Tolomeo e Lysimachos contro Perdicca. Perdicca morì assassinato nel 321 A.C., mettendo così fine all'Alleanza.
Alla morte di suo padre Antipatro nel 319 A.C., Cassandro è stata negata la reggenza della Macedonia; Antipatro aveva creduto troppo giovane per opporsi altri reggenti. Invece, è nominato Poliperconte il nuovo reggente, che si alleò con Eumene per mantenere la sua reggenza (anche se Eumene fu ancora imprigionato nella fortezza di Nora). Altri reggenti rifiutarono di riconoscere l'autorità di Poliperconte, temendo una minaccia per la loro propria regency. Eumene fuoriuscito dalla sua prigionia, tuttavia, per facilitare Polypheron. Antigonos combattuto Eumene due volte, averlo sconfitto entrambe le volte, con il risultato che Eumene famosi scudi d'argento, un'elite reggimento macedone, consegnato alla Antigonos che sommariamente lo fece giustiziare.
Al fine di ottenere la reggenza che si sentiva che meritava, Cassandro si rivolse a Antigonos e Lysimaches per aiuto. Antigonos voleva il controllo della Macedonia, così accettato per l'Alleanza. Cassandro acquisì il controllo della Macedonia costringendo Polypheron fuori. Con Eumene sconfitto, Antigonos controllava gran parte del Mediterraneo orientale. I soldati hanno marciato in Babilonia causando Seleucos a fuggire in Egitto e formare un'alleanza con Tolomeo. Dopo Antigonos assediò la città isola di tiro, si trasferì le sue forze in Siria; Tuttavia, le sue avances sono stati fermati da Tolomeo e da Seleucos.
Questo desiderio di riunire il Regno di Alexander sotto la sua guida ha portato Antigonos contro le forze unite di Tolomeo, Lysimachos, Cassandro e Seleucos. Dopo il figlio di Antigonos Demetrios fu sconfitto da Tolomeo al Battaglia di Gaza, Seleucos ha portato indietro Babylon. Con questa sconfitta, è stata dichiarata una pace limitata, dura da 315 a 311 A.C.. L'accordo di pace lasciato Antigonos in controllo di tutto dell'Asia minore e Siria. La pace inquieta finì quando Antigonos ha deciso di fare un'altra mossa a sostenendo la Macedonia e la Grecia estendendo un'offerta di pace per la città-stato greche, concedendo loro autogoverno e ritiro di tutte le truppe macedoni.
Lo spoke di Diodoro storico di questa estensione di una mano quando ha dichiarato nella sua Storia del mondo:
Tutti i greci dovrebbero essere libero, esenti da guarnigioni e autonoma. I soldati hanno trasportato il movimento e Antigonos inviò messaggeri in ogni direzione per annunciare la risoluzione. Ha calcolato come segue: speranze dei greci per libertà renderebbe loro alleati disposti in guerra, mentre i generali e i satrapi in satrapie, chi sospetta Antigonos che cercano di rovesciare i re che erano succeduto ad Alexander, sarebbero cambiare le loro menti e volentieri inviare ai suoi ordini, quando lo videro chiaramente riprendendo la guerra per loro conto.
Mentre ha guadagnato il supporto della città greca dichiara, Antigonos provocò l'ira degli altri che alleati contro di lui: Lysimachos invase l'Asia minore dalla Tracia, proteggere il vecchio greco ionica città e Seleucos hanno marciato attraverso la Mesopotamia e della Cappadocia. Le guerre ritorno e continuarono per un certo numero di anni.
Tolomeo, Seleucos, Cassandro e Lysimachos infine Unito le loro forze e incontrato Antigonos in Frigia nel 301 A.C.. All'età di 80, Antigonos morì nella battaglia di ipso, dal semplice lancio di un giavellotto. Demetrios fuggì in Macedonia per garantire speriamo che la sua regola di là. Per quasi due decenni, lui e suo figlio Antigonos Gonata combatterono per il controllo della Macedonia, alla fine di acquisire il controllo, stabilendo la dinastia antigonide.
Come si può valutare Antigonos? Era un grande generale? Plutarco nella sua Vita di Demetrio ha detto:
Se Antigonos potrebbe hanno portato solo per fare alcune concessioni insignificante, e se aveva mostrato alcuna moderazione nella sua passione per l'Impero, egli potrebbe hanno mantenuto per sé fino alla sua morte e lasciò al figlio dietro di lui il primo posto fra i re. Ma egli era di uno spirito violento e arrogante; e offensivo parole così come le azioni in cui si è permesso non potevano essere sopportate dai principi giovani e potenti e li ha provocato in combinazione contro di lui.
Plutarco affermò successivamente che, come gli eserciti dei suoi nemici è venuto verso di lui alla battaglia di ipso, era fiducioso che Demetrios sarebbe ancora salvarlo (Demetrios era impegnato altrove nella battaglia). Antigonos rimase tale fino a "fino a quando"egli è stato portato da tutta la moltitudine dei dardi e cadde.

Antiochia

Definizione

Antiochia (Antiochia) era un'antica città situata sul fiume Oronte vicino Monti Amanos in Siria. La "terra delle quattro città"---Seleucia, Apamea, Laodicea e Antiochia---è stata fondata da Seleucos I Nikator (Victor) tra 301 e 299 A.C.. Alcuni di credito iniziale della città fondare come Antigoneia a Antigono l'One-Eyed che ha perso la zona di Seleucos dopo la battaglia di ipso nel 301 A.C.. Secondo alcune fonti antiche, Seleucos è stato considerato uno dei successori più capaci all'impero fondato da Alexander il grande. Seleucos non era uno del popolo nel cerchio interno di Alexander, che serve come uno dei comandanti della hypaspists, una guardia eletta che è servito come un buffer tra di Alexander cavalleria e fanteria. Anche se poco menzione è fatta di lui e la sua relazione con Alexander, lui e i suoi discendenti avrebbero governato un impero che comprendeva Antiochia per quasi duecento e cinquanta anni.
Dopo la morte di Alessandro nel 323 A.C. il suo impero e del suo futuro giaceva in rovina. Perché Alexander non avevano nominato un successore, uno dei suoi generali, Perdiccos, ha voluti ritardare qualsiasi decisione riguardante la nomina di un nuovo leader fino a dopo la nascita del figlio Alessandro e di Rossane. Un altro generale, Tolomeo, d'altra parte, voleva l'Impero diviso immediatamente (ha avuto il suo occhio sull'Egitto)---le guerre dei successori ha cominciato e sarebbe continuata per quasi tre decenni. Dopo Tolomeo ha rubato il corpo di Alexander nel suo cammino verso la Macedonia e lo portò a Alessandria, Perdiccos e il suo esercito attaccò Tolomeo e le sue forze in Egitto---Seleucos, anche se inizialmente fedele al Perdiccos, tornito e si schierò con Ptolemy. Dopo la sconfitta e la morte di Perdiccos, Seleucos è stata premiata per la sua lealtà con il territorio circostante Babylon, un'area ad est di Siria
Seleucos non è riuscito a mantenere il controllo del suo territorio neo-acquisita e quando fu invaso dalla sua nemesi Antigonos cel Orb, ha cercato aiuto da Tolomeo. Nel 312 A.C. Seleucos finalmente sconfitto Antigonos al Battaglia di Gaza e ha riguadagnato il suo Regno. Dopo la battaglia di ipso, si dimostrò molto capace comandante espandendo il suo impero in Siria, Asia minore e l'India. Suo figlio, Antiochos I (281 – 261 A.C.) ha affrontato una serie di rivolte dopo l'assassinio di suo padre nel 281 A.C. e fu costretto a cedere il territorio al fine di mantenere la pace. Purtroppo, suo figlio, Antiochos II, (261 – 247 A.C.) ereditato una guerra contro i Tolomei d'Egitto, la seconda guerra siriana, da suo padre.
La città sarebbe mantenere il suo status come una capitale anche nel periodo dell'Impero Romano.
Nel tentativo di fare la pace, Antiochos II hanno deciso di divorziare e sua moglie Laodice ed i loro figli per sposare la figlia di Tolomeo II, Berenice Syra l'esilio. Quando morì, la moglie (Berenice) ed ex-moglie (Laodice) combattuto sopra cui figlio dovrebbe essere nominati erede. Berenice, che aveva il sostegno del popolo di Antiochia, chiesto di suo fratello e il nuovo sovrano d'Egitto, Tolomeo III, per proteggere il diritto del figlio neonato di sedersi sul trono. Quando Tolomeo arrivati in Antiochia, ha trovato sua sorella e nipote era stato assassinato. Scoppiò una guerra, la terza guerra siriana o guerra Laodicea. Pace ha portato il controllo della porta di Antiochia, Seleucia, a Tolomeo, ma Seleucos II (figlio Antiochos e di Laodice) ereditò il trono ed era in grado di trattenere Antiochia, rende nuova capitale del suo impero.
La città sarebbe mantenere il suo status come una capitale anche nel periodo dell'Impero Romano. A causa della sua posizione su diverse rotte commerciali principali (principalmente il commercio delle spezie), la città e la sua popolazione internazionale servito come un centro strategico, economico e intellettuale per sia il Seleucid così come impero romano. L'importanza della città all'Impero Romano a volte rivaleggiava con quella di città capo dell'Egitto Alessandria.
Dovuto il Regno di diversi sovrani deboli, nel 64 A.C. Pompeo fatti della regione una provincia romana. Come con altre città romane, la città dovrebbe beneficiare di dominazione romana. Antiochia sarebbe diventato Romanized contenente acquedotti, bagni pubblici e anche un anfiteatro. Suoi sontuosi palazzi (costruite dai re Selecuid) divennero residenze di vacanza di molti imperatori romani. Septimus Severus tolse l'indipendenza della città quando hanno sostenuto Pescennio Nigro della Siria invece di lui per imperatore romano. Perché era situato su un errore grave, la città venne danneggiata da un grande incendio e da diversi terremoti (terremoti avvenuti sotto Tiberio, Caligola, Adriano e Diocleziano). Antiochia fu ricostruita dall'imperatore romano Traiano, che serve come d'inverno del suo esercito quarti. Dopo che l'impero fu diviso durante il Regno di Diocleziano, la città cadde nella metà orientale o bizantina. Sotto il governo di Costantino quando si riunì, sarebbe una città leader nell'ascesa del cristianesimo, contenente anche una scuola per gli studi biblici. Quando l'ultimo imperatore pagano, Julian l'Apostata (361 – 363 CE) passato attraverso Siria il suo modo di combattere i persiani, si fermò ad Antiochia nel 362 CE. La città fu costretto a casa e nutrire il suo esercito. La conseguente crisi sopra il prezzo del grano, alla fine, ha portato ai tumulti una carestia e il cibo. Più tardi, sarebbe saccheggiata dagli Unni nel 5° secolo e infine catturato dagli Arabi nel 7° secolo.

Antiochia ad Cragum

Definizione

Situato nella Cilicia in Anatolia, annuncio di Antiochia Cragum è stato anche chiamato Antiochetta e Antiohia Parva, che fondamentalmente a tradurre 'little Antiochia'. Il suo nome 'Cragum' deriva dalla sua posizione sulla montagna di Cragus che domina la costa. È situato nella zona di moderno Guney circa 12 km dalla moderna città di Gazipasa. La città fu fondata ufficialmente da Antiochis IV attorno al 170 A.C. quando venne a governare su Rough Cilicia. Il sito copre un'area di circa tre ettari e contiene i resti di Terme, luoghi di mercato, strade colonnate con un gateway, una basilica paleocristiana, tombe monumentali, un tempio e diverse strutture che devono ancora essere identificati. Gli scavi sono attualmente intraprese dall'annuncio di Antiochia Cragum Archaeological Research Project guidato dalla University of Nebraska-Lincoln.
Il sito e il suo porto probabile servì come uno dei molti paradisi per i pirati cilici lungo la costa sud dell'Anatolia, probabilmente a causa delle sue piccole baie e insenature nascoste. Purtroppo non rimane alcuna precisa pirata non sono visibili in tempi moderni. Suo pirata passato si è conclusa con la vittoria di Pompeo nei secolo A.C. e la presa in consegna da Antiochis IV. Occupazione iniziale sembra accadere nella classica ed ellenistica, seguita da un'ondata di attività in questi periodi romani. La città è stata costruita sul terreno digradante che scende dalla montagna Taurus che termina presso la riva creando scogliere ripide; in alcuni punti alta diverse centinaia di metri. Il complesso del tempio è situato sul punto più alto della città e la maggior parte del materiale da costruzione rimane anche se in uno stato compresso. C'è anche la prova di una palestra complesso nelle vicinanze.
Il porto di Antiochia ad Cragum misura circa 250.000 metri quadrati ed è uno dei pochi porti lungo la costa tra Alanya e Selinus grandi, Cassetta di sicuri. Sul suo lato orientale sono due piccole insenature adatte per una o due navi ma con limitate opportunità di navigazione e della pesca a causa di attività di onda. La zona è ben posizionata come una posizione difendibile contro gli invasori. Recente sondaggio terrestre presso Antiochia ad Cragum ha avuto l'accento sulla ricerca di prove di attività pirata che è stato limitato, ma ha alzato ceramica principalmente dal periodo bizantino con ulteriore ceramica del tardo in età del bronzo, ellenistico e alcuni dai periodi romani. Ci è poca prova di occupazione pre-romana nella fortezza o Covo dei presso Antiochia ad Cragum. Terrazzamenti di banana può aver causato molte prove sono stati cancellati. L'indagine marittimo ha alzato di vasetti di spedizione, trasporto le anfore e ancore da bizantino, Romano e periodi ellenistici, nonché una gamma di articoli vari. L'assemblaggio viene visualizzato per indicare l'inizio attività a ovest del porto verso est nel corso del tempo.

Antistene di Atene

Definizione

clip_image018
Antistene di Atene (c. 445-365 A.C.) è stato un filosofo greco che ha fondato la scuola di cinico. Egli era un seguace di Socrate e appare nel Fedone di Platone come uno dei presenti alla morte di Socrate. Egli è uno degli interlocutori primari nelle opere di Senofonte Memorabilia e Simposio. Antistene, come Critone, era tra i più vecchi studenti di Socrate e Charles Kahn scrive che fu considerato come seguace di Socrate più importanti (Kahn, 4-5). Egli credeva che la virtù può essere insegnata e che solo i virtuosi erano veramente nobili. Dovrebbe essere notato, tuttavia, che 'Virtù' qui è una traduzione dalla parola greca 'arete' che significava qualcosa di più vicino al 'eccellenza personale' rispetto la parola inglese 'virtù'. A Meno di Platone sosteneva che arete non poteva essere insegnata (padri altro nobili avrebbero prodotto figli nobili e tale non era, empiricamente, il caso) ma Antisthenes altrimenti sostenuto in quanto aveva imparato arete da Socrate e, di conseguenza, potrebbe essere insegnato arete .
Tutti gli studenti di Socrate fondarono scuole filosofiche di uno gentile o un altro e tutti loro erano così diversi che è una testimonianza della qualità espansiva della filosofia di Socrate che tanti uomini potrebbero interpretare i suoi insegnamenti in tali modi diversi. Il filosofo edonistico Aristippo, ad esempio, sosteneva di essere seguente esempio Socrate nel vivere una vita all'inseguimento di piacere mentre Platone sosteneva che portava sulla visione di Socrate attraverso una disciplina ascetica della mente. Antistene, inoltre, affermato che la sua filosofia era fondato sulla visione originale di Socrate. Sembra quasi impossibile, in un primo momento, quel Aristippo, Platone e Antisthenes avrebbe potuto avere lo stesso insegnante, così diverse sono le loro filosofie a prima vista. Alla base di tutti e tre, tuttavia, è quella stessa virtù che Socrates ha tenuto tanto caro: l'importanza di essere liberi di essere fedeli a se stessi e le proprie convinzioni in vita. Il cinico scuola Antistene fondata ha sottolineato l'importanza di prevalente sulle avversità con l'accettazione di esso, che arete è lo stesso per le donne come per gli uomini, e che questa eccellenza personale viene visualizzato in atto più così che in parola. Questi stessi valori, espressi in modo diverso, è sono insegnati da Platone e da Aristippo.
Per quanto riguarda la sua vita in anticipo, il biografo Diogene Laerzio (3 ° secolo D.C.) scrive:
Antistene era un ateniese, figlio di Antistene. E si diceva di non essere un legittimo ateniese; in riferimento a che ha detto a qualcuno che era rimproverare lui con la circostanza, "la madre degli dèi è troppo un frigio;" perché si pensava di aver avuto una madre Tracia. Su quale account, come egli stesso aveva sopportato con coraggio nella battaglia di Tanagra, diede occasione a Socrate per dire che il figlio di due ateniesi non avrebbe potuto essere cosi ' coraggioso. E lui stesso, quando denigrare gli ateniesi che si è dato grande arie come essendo nato dalla terra stessa, ha detto che non erano più nobile in quanto che è andato di lumache e locuste.
Originariamente era un allievo di Gorgia retore; a causa della quale circostanza egli impiega lo stile retorico del linguaggio nei suoi dialoghi, soprattutto nella sua verità e nella sue esortazioni. Ed Ermippo dice, che originariamente aveva inteso nel suo discorso all'Assemblea, a causa dei Giochi Istmici, all'attacco e anche di lode gli Ateniesi, Tebani e lacedemoni; ma che in seguito abbandonò il design, quando vide che c'erano un grande molti spettatori provengono da quelle città. In seguito, egli stesso attaccato a Socrate e fatto tali progressi in filosofia mentre con lui, che consigliò tutti proprio gli studenti a diventare suoi compagni a scuola di Socrates. E come lui ha vissuto nel Pireo, salì quaranta furlong alla città ogni giorno, al fine di sentire Socrates, dal quale ha imparato l'arte di sopportare e di essere indifferente alle circostanze esterne, e così divenne il fondatore della scuola cinica (I, II).
L'obiettivo del lavoro di Antistene era etica (anche se scrisse anche fisica, logica e letteratura) e lui sembra avere dedicò ampiamente a quell'argomento. Ha anche scritto una critica letteraria il Odyssey, un saggio sul morire e funziona affrontare ogni argomento dalla musica agli 'usi del vino'. Diogene Laerzio afferma che ci "sono dieci volumi dei suoi scritti esistenti" però, oggi, solo il suo Ajax e suo Odysseus rimangono. Egli è considerato il primo filosofo cinico ('cinico' dal greco 'cane', Kynoso Kynikos che significa cane-come) e, con l'esempio, insegnato a Diogene di Sinope e altri, come casse, come vivere veramente e spudoratamente. Per quanto riguarda l'origine di scrive il nome 'cinico' Diogene Laerzio, "ha usato a lezione in palestra, chiamata Cinosarge [che significa luogo del cane bianco] non lontano i cancelli; e alcune persone dicono che è da quel luogo che la setta ha preso il nome di cinici. E lui stesso è stato chiamato Haplocyon (vero e proprio cane)". La parola 'cinico' non ha avuto lo stesso significato al tempo come non in tempi moderni e ha fatto dire 'scettico' o fare riferimento a qualcuno che crede che gli esseri umani sono solo motivati da interesse personale e desideri personali, ma significava 'cane-come' in quanto i cinici sono stati pensati per vivere come cani. Antistene e i suoi seguaci ha avuto pochi possessi di là di loro mantelli e borse, vissuti dove poteva trovare riparo e non sembrano esercitare qualsiasi tipo di lavoro. L'evoluzione della parola 'cinico' al suo significato presente può venire dalla mancanza dei cinici di proposito per teorie accettate sull'etica, morale, i dèi e il modo corretto di vivere la propria vita.
La scuola di cinico è stata caratterizzata dalla disciplina di abnegazione e di rifiuto degli oggetti materiali inutili.
Se Antistene era, infatti, il fondatore della scuola cinica o se questo onore appartiene a Diogenes di Sinope lungo è stato disputato. Si argomenta che Antisthenes potrebbe non avere insegnato sia Diogenes di Sinope e casse di Tebe e impossibile che casse ha continuato a insegnare Zenone di Cizio, come lui ha vissuto molto tempo dopo la morte di questi uomini. Questo argomento più ulteriormente sostiene che la cronologia disputata è stata creata dagli stoici più tardi al fine di collegarsi direttamente gli insegnamenti di Zenone di Cizio Socrates. Da altra parte sostiene che Antisthenes ha, infatti, hanno Diogenes di Sinope e casse di Tebe come pupille e casse sicuramente potrebbero avere insegnato e influenzato Zenone di Cizio. Questa affermazione più ulteriormente è disputata da studiosi che sostengono che Diogene è venuto ad Atene dopo Antistene era morto e precisano che Aristotele si riferisce ai seguaci di Antistene come 'Antistheneans' e non come 'Cinici'. Non esiste una soluzione a questo dibattito nei circoli accademici finora, ma la maggior parte sostengono che Antistene fondò la scuola di cinico e insegnato Diogenes di Sinope la filosofia cinica che trova piena espressione più successivamente attraverso Zenone di Cizio.
La scuola di cinico è stata caratterizzata dalla disciplina di abnegazione che ha rifiutato di lussi, status sociale e l'acquisizione di ricchezza e di inutili oggetti materiali. Si è pensato che, di liberarsi da quelle convenzioni sociali associate 'essere qualcuno' che uno sarebbe libero di diventare se stessi. Poiché potrebbe essere insegnato la virtù, e virtù (o, in particolare, l'eccellenza personale), portato a contentezza, uno potrebbe condurre la vita più felice inserendo il perseguimento della propria virtù prima di tutto. Poiché guadagno materiale è stato visto spesso interferire con tale un inseguimento, è stata respinta in favore della vita ascetica. Ulteriormente, preoccupazioni circa il futuro e destino sono state considerate superflue e una distrazione inutile. Gli aderenti della filosofia di Antisthenes sono stati incoraggiati a concentrarsi sul presente e accontentarsi di ciò che avevano e che cosa stavano facendo nel giorno presente piuttosto che preoccuparsi di perdere tempo su ciò che potrebbe essere fatto o dove potrebbe essere domani. Per quanto riguarda la filosofia di Antistene, Diogene Laerzio scrive:
E le dottrine adottò erano questi. Ha usato per insistere che virtù era una cosa che potrebbe essere insegnata; Inoltre, che il nobilmente nata e virtuosamente disposti, erano le stesse persone; per questo virtù era di per sé sufficiente per la felicità. E aveva bisogno di nulla, tranne la forza di Socrate. Egli guardò anche virtù come una specie di lavoro, che non vogliono molti argomenti, o molta istruzione; e ha insegnato che l'uomo saggio è stato sufficiente per se stesso; per tutto ciò che apparteneva a qualsiasi altro apparteneva a lui. Egli considerava oscurità di fama, una buona cosa e altrettanto buono con del lavoro. E diceva che l'uomo saggio sarebbe regolare la sua condotta come cittadino, non secondo le leggi stabilite dello stato, ma secondo la legge della virtù. E che avrebbe sposato per amore di avere figli, selezionando la donna più bella per sua moglie. E che lui l'avrebbero amata; per questo l'uomo saggio solo sapeva quali oggetti meritato amore (V).
Antistene morì ad Atene di una malattia che potrebbe essere stato il consumo. Si dice che hanno sopportato la malattia e la morte imminente con calma e accettazione come semplicemente un'altra parte della vita egli aveva goduto di così e così non vedeva alcuna ragione di lamentarsi.

Antonine Parete

Definizione

clip_image019
La parete di Antonine era la frontiera nord-occidentale dell'Impero Romano. Situato in Scozia centrale, a nord di Edimburgo e Glasgow, il muro era una barriera lineare che si estendeva dal Firth of Forth vicino Bo'ness all'estuario Clyde presso Old Kilpatrick. Cronologicamente, la parete post-risale la costruzione del Vallo di Adriano e probabilmente è stata costruita nel primi 140s E.V., su ordine dell'imperatore Antoninus Pius, che assunse il trono alla morte di Adriano.

Scopo

La parete era una frontiera imperiale piuttosto di breve durata, e la preponderanza di prova suggerisce che fu abbandonata dal CE 160s precoce, quando è stata rimessa di Adriano. Mentre limitata — e non stratificato — ritrovamenti sono stati datati a periodi successivi, e c'è prova per attività romana continuata fino al e di là del muro (come, ad esempio, con le brevi campagne di Septimius Severus entro l'inizio del III secolo D.C.), le testimonianze archeologiche favorisce fortemente la vista che il Vallo Antonino era mai rimessa o rioccupato dall'esercito romano dopo la precoce CE 160s. Può essere visto, quindi, come una frontiera che aveva le sue origini, la vita funzionale e alla fine probabilmente interamente entro il Regno di circa due decenni di Antonino; è, dunque, abbastanza appropriato che è ora conosciuto con il nome "Vallo".

Architettura

Come con molte altre frontiere, il Vallo Antonino era un complesso di varie funzioni interconnesse. Questi possono essere classificati come entrambi componenti lineari che si estendono lungo quasi tutta la lunghezza del muro, o come installazioni aggiuntive che si verificano in punti specifici lungo questa linea. Mentre la percezione pubblica del termine "parete" spesso ruota attorno a una struttura o un bastione contenitore — generalmente di legno, pietra o mattoni — il termine "Vallo" è usato da studiosi e dirigenti di patrimonio per fare riferimento a un insieme di caratteristiche, di cui un bastione, o "muro", è solo uno interconnesse. Questo è simile al Vallo di Adriano, dove il monumento consiste di oltre la Cortina di pietra, tra cui il Vallum e i monticelli associati, la fossa del Nord, berm e tumulo, fortezze, miliari, torri, torrette e altre installazioni.
La parete inoltre ha caratterizzato una gamma di installazioni, tra cui almeno 17 forti.
La parete era composta di diverse caratteristiche lineari che veniva quasi continuamente da un'estremità a altra, tra cui la strada militare (o strada romana), Bastione, Berm, fossa e tumulo esterno. Un calcolo suggerisce che lavoro su tutte queste caratteristiche lineari sono stata completata solo circa otto mesi, anche se è possibile che il lavoro era suddivisa in diverse stagioni. A differenza con il Vallo di Adriano, Rampart di Vallo Antonino non è stato costruito di pietra, ma, piuttosto, tappeto erboso o terra affacciano dalle guancie di argilla o di tappeto erboso in cima ad una base di pietra kerbed. Non sorprende che la sovrastruttura non è sopravvissuto molto bene e, per la maggior parte della lunghezza della parete, il bastione non è più visibile sulla superficie, con la fossa che rappresenta la caratteristica lineare più identificabile. Questa mancanza di conservazione, come la parte superiore del bastione era finito rimane sconosciuto: esso era probabilmente al quadrato piatto sul piano e potrebbe hanno caratterizzato stakes impostato nella parte superiore, o, "più probabilmente, la parte superiore piatta era coperto da una camminata di pedana in legno, e lungo il bordo nord... ci avrebbe potuto essere un parapetto in legno o palizzata" (Robertson 2001 11). Mentre c'è una certa prova che il piano originale potrebbe essere stato per costruire (o eventualmente ricostruire) il Bastione in pietra, questo era mai agito.
La parete inoltre ha caratterizzato una gamma di installazioni, tra cui almeno 17 forti (su un totale ipotizzato di 19) e un numero di intermedi osstituiti (di cui nove sono attualmente noti, ma che possano essere stati situati ad intervalli di un miglio romano). La maggior parte delle fortezze sono stati trovati per includere un ulteriore spazio fortificato, chiamato una "dependance". Il preciso scopo e la natura di questi allegati rimangono incerti; in alcuni casi la dependance è significativamente più grande nella zona che la fortezza stessa, e questi sono probabilmente sono state aggiunte successive; pochi sono stati scavati, anche se molti hanno prodotto i resti delle case del bagno. In poche posizioni, ci è prova per attività aggiuntive o insediamento di fuori il forte e la dependance, che rappresenta probabilmente l'insediamenti civili non militari, o vici, ed è possibile che gli allegati giocato un doppio ruolo, che serve entrambe le comunità civili e militari.

Iscrizioni

Diciannove o venti inscritto in pietra compresse, più scoperto prima del XX secolo CE e due successivamente perso, registra il lavoro della costruzione del muro. Conosciuto come "lastre di distanza", queste pietre sopportare un'iscrizione in onore dell'imperatore Antoninus Pius e registrano il nome della Legione responsabile e la distanza completata. È stato suggerito che ci può essere stato altretanto come 60 di queste iscrizioni e, mentre le iscrizioni di edificio sono comuni in tutto il mondo romano, distanza del muro le lastre sono in una classe di loro, essendo non solo iscrizioni ma spesso elaborate sculture. I paralleli più vicini il Vallo di Adriano o Limes germanico sono molto più semplici, solo l'imperatore e responsabile unità militare senza i dettagli ornati di registrazione o notato distanze. Cosa importante, due delle lastre si riferiscono all'attività ricorda come opus valli, "il lavoro della parete," suggerendo che essi possono riferirsi specificamente alla costruzione del Bastione stesso. Totale della costruzione del muro, le varie caratteristiche lineari, fortezze e altre installazioni abbia preso dodici anni o più per completare.
Il muro ha anche una ricca storia post-romana, con numerosi castelli medievali, essendo costruiti sulla sua linea, e un canale da Costa a Costa (il Forth e Clyde Canal) in costruzione parallela e attraverso di esso durante la rivoluzione industriale. Questi periodi hanno ricevuto meno attenzione di storici ed archeologi rispetto al periodo di circa 20 anni di vita funzionale del muro come una frontiera romana.
Tradotto dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica