Passa ai contenuti principali

Accostiamoci a Geova: Studio con testi biblici | settimana del 3 agosto

Studio biblico di congregazione | Informazioni di studio per il libro: Accostiamoci a Geova

cl cap. 28 §§ 10-17 (30 min)


CAPITOLO 28

“Tu solo sei leale”


10. In che modo Geova mostra lealtà riguardo alle sue norme?


10 Inoltre Geova mostra lealtà ai suoi servitori attenendosi alle sue norme. A differenza di certi esseri umani incostanti, guidati solo dal capriccio e dal sentimentalismo, Geova non ha dubbi su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Nel corso dei millenni la sua veduta di cose come spiritismo, idolatria e assassinio è rimasta immutata. “Pure fino alla vostra vecchiaia Io sono lo stesso”, affermò tramite il profeta Isaia. (Isaia 46:4) Quindi possiamo essere certi che trarremo beneficio dal seguire le chiare norme morali che troviamo nella Parola di Dio. — Isaia 48:17-19.
Isaia 46:4 Pure fino alla [vostra] vecchiaia Io sono lo stesso; e fino ai [vostri] capelli grigi io stesso continuerò a sopportare. Io stesso certamente agirò, affinché io stesso porti e affinché io stesso sopporti e procuri scampo.
Isaia 48:17-19 Questo è ciò che ha detto Geova, il tuo Ricompratore, il Santo d’Israele: “Io, Geova, sono il tuo Dio, Colui che ti insegna per il [tuo] beneficio, Colui che ti fa calcare la via per la quale devi camminare. 18 Oh se tu realmente prestassi attenzione ai miei comandamenti! Allora la tua pace diverrebbe proprio come un fiume, e la tua giustizia come le onde del mare. 19 E la tua progenie diverrebbe proprio come la sabbia, e i discendenti [usciti] dalle tue parti interiori come i suoi granelli. Il nome di uno non sarebbe stroncato né annientato d’innanzi a me”.

11. Fate degli esempi per dimostrare che Geova mantiene sempre le promesse.


11 Geova mostra lealtà anche mantenendo le promesse. Quando predice qualcosa, ciò avviene. Infatti dichiarò: “La mia parola che esce dalla mia bocca . . . non tornerà a me senza risultati, ma certamente farà ciò di cui mi son dilettato, e avrà sicuro successo in ciò per cui l’ho mandata”. (Isaia 55:11) Mantenendo la parola, Geova mostra lealtà al suo popolo. Non lo tiene in ansiosa aspettativa di qualcosa che non intende realizzare. A questo riguardo la reputazione di Geova è così ineccepibile che il suo servitore Giosuè poté dire: “Nemmeno una promessa venne meno di tutta la buona promessa che Geova aveva fatto alla casa d’Israele; si avverò tutta”. (Giosuè 21:45) Possiamo dunque essere certi che Geova non ci deluderà mai perché manterrà sempre le promesse. — Isaia 49:23; Romani 5:5.
Isaia 55:11 così sarà la mia parola che esce dalla mia bocca. Non tornerà a me senza risultati, ma certamente farà ciò di cui mi son dilettato, e avrà sicuro successo in ciò per cui l’ho mandata.
Giosuè 21:45 Nemmeno una promessa venne meno di tutta la buona promessa che Geova aveva fatto alla casa d’Israele; si avverò tutta.
Isaia 49:23 E dei re dovranno divenire per te balii, e le loro principesse nutrici per te. Con le facce a terra si inchineranno davanti a te, e leccheranno la polvere dei tuoi piedi; e dovrai conoscere che io sono Geova, di cui non proveranno vergogna quelli che sperano in me”.
Romani 5:5 e la speranza non conduce alla delusione; perché l’amore di Dio è stato versato nei nostri cuori mediante lo spirito santo, che ci è stato dato.

12, 13. In quali modi l’amorevole benignità di Geova “è a tempo indefinito”?


12 Come abbiamo già notato, la Bibbia ci dice che l’amorevole benignità di Geova “è a tempo indefinito”. (Salmo 136:1) In che senso? Prima di tutto il suo perdono è permanente. Come è stato spiegato nel capitolo 26, Geova non rivanga gli errori del passato per cui uno è già stato perdonato. Dal momento che “tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio”, ciascuno di noi deve essere grato che l’amorevole benignità di Geova sia a tempo indefinito. — Romani 3:23.
Salmo 136:1 Rendete grazie a Geova, poiché egli è buono:Poiché la sua amorevole benignità è a tempo indefinito;
Romani 3:23 Poiché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio,

13 L’amorevole benignità di Geova è a tempo indefinito anche in un altro senso. La sua Parola dice che il giusto “certamente diverrà come un albero piantato presso ruscelli d’acqua, che dà il suo proprio frutto nella sua stagione e il cui fogliame non appassisce, e ogni cosa che fa riuscirà”. (Salmo 1:3) Immaginate un albero rigoglioso il cui fogliame non appassisce mai. Così, se proviamo sincero diletto nella Parola di Dio, la nostra vita sarà lunga, pacifica e fruttuosa. Le benedizioni che Geova lealmente concede ai suoi servitori fedeli sono eterne. Veramente, nel giusto nuovo mondo che Geova porterà, l’umanità ubbidiente proverà la sua amorevole benignità a tempo indefinito. — Rivelazione 21:3, 4.
Salmo 1:3 3 E certamente diverrà come un albero piantato presso ruscelli d’acqua,Che dà il suo proprio frutto nella sua stagioneE il cui fogliame non appassisce,E ogni cosa che fa riuscirà.
Rivelazione 21:3, 4 Allora udii un’alta voce dal trono dire: “Ecco, la tenda di Dio è col genere umano ed egli risiederà con loro, ed essi saranno suoi popoli. E Dio stesso sarà con loro. 4 Ed egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e la morte non ci sarà più, né ci sarà più cordoglio né grido né dolore. Le cose precedenti sono passate”.

Geova “non lascerà i suoi leali”


14. In che modo Geova mostra apprezzamento per la lealtà dei suoi servitori?


14 Geova ha manifestato molte volte la sua lealtà. Poiché è perfettamente coerente, la lealtà verso i suoi servitori fedeli non diminuisce mai. Il salmista scrisse: “Ero giovane, sono anche invecchiato, eppure non ho visto nessun giusto lasciato interamente, né la sua progenie cercare il pane. Poiché Geova ama la giustizia, e non lascerà i suoi leali”. (Salmo 37:25, 28) È vero, essendo il Creatore, Geova merita di essere adorato. (Rivelazione 4:11) Eppure, poiché è leale, apprezza molto le nostre azioni fedeli. — Malachia 3:16, 17.
Salmo 37:25 Ero giovane, sono anche invecchiato,Eppure non ho visto nessun giusto lasciato interamente,Né la sua progenie cercare il pane.
Salmo 37:28 Poiché Geova ama la giustizia,E non lascerà i suoi leali.ע [ʽÀyin]A tempo indefinito saranno certamente custoditi;Ma in quanto alla progenie dei malvagi, sarà davvero stroncata.
Rivelazione 4:11 “Degno sei, Geova, Dio nostro, di ricevere la gloria e l’onore e la potenza, perché tu creasti tutte le cose, e a causa della tua volontà esse esisterono e furono create”.
Malachia 3:16, 17 In quel tempo quelli che avevano timore di Geova parlarono gli uni con gli altri, ciascuno col suo compagno, e Geova prestava attenzione e ascoltava. E si cominciò a scrivere dinanzi a lui un libro di memorie per quelli che avevano timore di Geova e per quelli che pensavano al suo nome. 17 “E certamente diverranno miei”, ha detto Geova degli eserciti, “nel giorno in cui produrrò una speciale proprietà. E di sicuro mostrerò loro compassione, proprio come un uomo mostra compassione al figlio suo che lo serve.

15. Spiegate in che modo quello che Geova fece per Israele dà risalto alla Sua lealtà.


15 Nella sua amorevole benignità, Geova viene più volte in aiuto dei suoi servitori quando sono in difficoltà. Il salmista dice: “Egli custodisce le anime dei suoi leali; li libera dalla mano dei malvagi”. (Salmo 97:10) Consideriamo cosa fece per la nazione di Israele. Dopo la liberazione miracolosa attraverso il Mar Rosso, gli israeliti cantarono a Geova: “Nella tua amorevole benignità [o “amore leale”, nota in calce] hai guidato il popolo che hai ricuperato”. (Esodo 15:13) La liberazione al Mar Rosso fu certamente un atto di amore leale da parte di Geova. Pertanto Mosè disse agli israeliti: “Non perché foste il più popoloso di tutti i popoli Geova vi ha mostrato affetto così che vi ha scelti, poiché eravate il più piccolo di tutti i popoli. Ma è stato perché Geova vi ama, e perché ha osservato la dichiarazione giurata che aveva giurato ai vostri antenati, che Geova vi ha fatto uscire con mano forte, per redimerti dalla casa degli schiavi, dalla mano di Faraone re d’Egitto”. — Deuteronomio 7:7, 8.
Salmo 97:10 O voi che amate Geova, odiate ciò che è male.Egli custodisce le anime dei suoi leali;Li libera dalla mano dei malvagi.
Esodo 15:13 Nella tua amorevole benignità hai guidato il popolo che hai ricuperato;Nella tua forza certamente li condurrai al tuo santo luogo di dimora.
Deuteronomio 7:7, 8 “Non perché foste il più popoloso di tutti i popoli Geova vi ha mostrato affetto così che vi ha scelti, poiché eravate il più piccolo di tutti i popoli. 8 Ma è stato perché Geova vi ama, e perché ha osservato la dichiarazione giurata che aveva giurato ai vostri antenati, che Geova vi ha fatto uscire con mano forte, per redimerti dalla casa degli schiavi, dalla mano di Faraone re d’Egitto.

16, 17. (a) Quale vergognosa mancanza di gratitudine manifestarono gli israeliti, eppure in che modo Geova mostrò loro compassione? (b) In che modo la maggioranza degli israeliti dimostrò che per loro ‘non c’era guarigione’, e cosa ci insegna questo?


16 Come nazione gli israeliti non mostrarono gratitudine per l’amorevole benignità di Geova, poiché dopo la liberazione “peccavano ancora di più contro [Geova], ribellandosi contro l’Altissimo”. (Salmo 78:17) Nel corso dei secoli si ribellarono ripetutamente, lasciando Geova e volgendosi a falsi dèi e a pratiche pagane che non portarono altro che degradazione. Eppure Geova non infranse il suo patto. Anzi, tramite il profeta Geremia, implorò il suo popolo: “Torna, o rinnegata Israele . . . Non farò cadere la mia faccia con ira su di voi, poiché sono leale”. (Geremia 3:12) Come si è notato nel capitolo 25, però, la maggioranza degli israeliti non cambiò atteggiamento. In realtà “si facevano continuamente beffe dei messaggeri del vero Dio e disprezzavano le sue parole e schernivano i suoi profeti”. Con quale risultato? Infine “il furore di Geova salì contro il suo popolo, finché non ci fu guarigione”. — 2 Cronache 36:15, 16.
Salmo 78:17 Ed essi peccavano ancora di più contro di lui,Ribellandosi contro l’Altissimo nella regione arida;
Geremia 3:12 Va, e devi proclamare queste parole al nord e dire: “‘“Torna, o rinnegata Israele”, è l’espressione di Geova’. ‘“Non farò cadere la mia faccia [con ira] su di voi, poiché sono leale”, è l’espressione di Geova’. ‘“Non resterò risentito a tempo indefinito.
2 Cronache 36:15, 16 E Geova l’Iddio dei loro antenati mandava [avvertimenti] contro di loro per mezzo dei suoi messaggeri, mandando più volte, perché provò compassione del suo popolo e della sua dimora. 16 Ma si facevano continuamente beffe dei messaggeri del [vero] Dio e disprezzavano le sue parole e schernivano i suoi profeti, finché il furore di Geova salì contro il suo popolo, finché non ci fu guarigione.

17 Cosa impariamo da ciò? Che la lealtà di Geova non è né cieca né ingenua. È vero, Geova è “abbondante in amorevole benignità” e prova piacere nel mostrare misericordia quando vi è motivo di farlo. Ma cosa succede quando un trasgressore si dimostra incorreggibilmente malvagio? In tal caso Geova si attiene alle sue giuste norme ed emette un giudizio avverso. Come disse a Mosè, “non esenterà affatto dalla punizione”. — Esodo 34:6, 7.
Esodo 34:6, 7 E Geova passava davanti alla sua faccia e dichiarava: “Geova, Geova, Iddio misericordioso e clemente, lento all’ira e abbondante in amorevole benignità e verità, 7 che conserva l’amorevole benignità a migliaia, che perdona l’errore e la trasgressione e il peccato, ma non esenterà affatto dalla punizione, recando la punizione per l’errore dei padri sui figli e sui nipoti, sulla terza generazione e sulla quarta generazione”.


Clicca sull'immagine per Scaricare informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…