Passa ai contenuti principali

Abu Simbel > Africa | Enciclopedia di storia antica

Enciclopedia di storia antica

  1. Abu Simbel
  2. Lega achea
  3. Impero achemenide
  4. Achille
  5. Acropoli
  6. Adad Nirari ho
  7. Aedile
  8. Aegean
  9. Aegina
  10. Africa

Abu Simbel

clip_image001
Abu Simbel è un tempio, originariamente tagliate in una scogliera di roccia solida, nel sud dell'Egitto e si trova presso la seconda cataratta del Nilo. I due templi che compongono il sito (il grande tempio e il Tempio piccolo) sono stati creati durante il Regno di Ramesse II (c. 1279 - c. 1213 A.C.) sia tra 1264-1244 A.C. o 1244-1224 A.C.. La discrepanza nelle date è a causa di interpretazioni divergenti della vita di Ramesse II dagli studiosi moderni. È certo, basato sul lavoro di arte estesa all'interno del grande tempio, le strutture sono state create, almeno in parte, per celebrare la vittoria di Ramsete sopra gli Ittiti nella battaglia di Kadesh nel 1274 A.C.. Per alcuni studiosi, questo indica una probabile data di 1264 A.C. per la costruzione iniziale come la vittoria sarebbe stato fresca nella memoria del popolo. Tuttavia, la decisione di costruire il grandioso monumento in che posizione esatta, al confine con le terre conquistate della Nubia, suggerisce agli altri studiosi la data successiva di 1244 A.C. in quanto avrebbe avuto sia stata iniziata dopo il Nubian campagne Ramesse II ha intrapreso con i suoi figli e fu costruita come un simbolo del potere dell'Egitto.
Abu Simbel era sacro a Hathor lungo prima che i templi sono stati costruiti là.
Se questa seconda data iniziò la costruzione, si è convenuto che ci sono voluti venti anni per creare il complesso e che i templi sono dedicati a divinità Ra-Horakty, Ptah e il deificato Ramesse II (il grande tempio) e la dea Hathor e regina Nefertari, moglie preferita di Ramsete (il piccolo tempio). Mentre si presume che il nome, 'Abu Simbel', era l'indicazione per il complesso nell'antichità, questo non è così. Presumibilmente, l'esploratore svizzero Burckhardt è stato condotto al sito da un ragazzo di nome Abu Simbel in 1813 CE e il sito quindi è stato denominato dopo lui. Burckhardt, tuttavia, è riuscito a scoprire il sito, che fu sepolto nella sabbia fino al collo dei colossi grand e più successivamente accennato questa esperienza al suo amico e collega esploratore Giovanni Belzoni. E ' stato Belzoni che ha scoperto e primo scavato (o saccheggiate) Abu Simbel in 1817 CE e si ritiene probabile che era lui, non Burckhardt, che intitolate il complesso e che è stato condotto al sito da giovane ragazzo. Come con altri aspetti per quanto riguarda Abu Simbel (come la data che è stato cominciato), la verità di entrambe le versioni della storia è suscettibile di interpretazione e tutto ciò che è noto è che il nome originale per il complesso, se avesse una denominazione specifica, è andato perduto.
clip_image002
Il piccolo tempio di Abu Simbel

I templi

Il grande tempio si erge alte 98 piedi (30 metri) e 115 piedi (35 metri) lungo con quattro colossi seduti che fiancheggiano l'ingresso, due per ogni lato, raffigurante Ramesse II sul suo trono; ogni uno di 65 piedi (20 metri). Sotto queste figure giganti sono statue più piccole (ancora superiori a grandezza naturale) raffigurante Ramsete i nemici, Nubiani, libici e ittiti. Ulteriori statue rappresentano membri della sua famiglia e vari protezione dèi e simboli del potere. Passando tra i colossi, attraverso l'ingresso centrale, all'interno del tempio è decorato con incisioni mostrano Ramesse e Nefertari che rendono omaggio agli dèi. Grande vittoria di Ramsete Kadesh (considerato dagli studiosi moderni per essere più di un pareggio che un trionfo egiziano) è raffigurato anche in dettaglio tutta la parete nord della sala ipostila. Secondo gli studiosi Oakes e Gahlin, queste incisioni degli eventi che circondano la battaglia,
Presentare un conto vivace in testo e rilievi. Sono stati fatti i preparativi per la battaglia nell'accampamento egiziano. Cavalli sono sfruttati o dati loro foraggio mentre una saldatura ha le sue ferite vestite. Tenda del re è anche raffigurata mentre un'altra scena mostra un Consiglio di guerra tra Ramesse e i suoi ufficiali. Due spie di Hittite sono catturate e picchiate fino a quando essi rivelano il vero luogo di Muwatalli, il re ittita. Infine, i due lati impegnano in battaglia, gli egiziani di ricarica nella formazione ordinata mentre gli Ittiti sono in confusione, carri schiantarsi, cavalli bullonatura e soldati cadere nel fiume Oronte. Nel testo, Ramesse prende su tutto l'esercito ittita con una mano sola, oltre al supporto reso dal [Dio] Amun che lo difende in battaglia e infine gli porge la vittoria. (208).
Il piccolo tempio si leva in piedi vicino ad un'altezza di 40 piedi (12 metri) e 92 piedi (28 metri) di lunghezza. Questo tempio è ornato anche da colossi in tutta la facciata anteriore, tre su entrambi i lati della porta, raffigurante Ramesse e la sua regina Nefertari (quattro statue del re) e due della Regina ad un'altezza di 32 piedi (10 metri). Il prestigio della Regina è apparente, in quanto, di solito, una donna è rappresentata su una scala molto più piccola rispetto il Faraone mentre, Abu Simbel, Nefertari viene eseguito il rendering delle stesse dimensioni di Ramesse. Il piccolo tempio è anche notevole in quanto è la seconda volta nella storia dell'antico Egitto che un righello dedicò un tempio a sua moglie (la prima volta essendo il faraone Akhenaton, 1353-1336 A.C., che dedicò un tempio alla sua regina Nefertiti). Le pareti di questo tempio sono dedicate alle immagini di Ramesse e Nefertari fare offerte dei e alle raffigurazioni della dea Hathor.

Un luogo sacro

La posizione del sito era sacra a Hathor lungo prima che i templi furono costruiti c'e, si pensa, è stato scelto con cura da Ramesse proprio per questo. In entrambe le tempie, Ramesse è riconosciuto come un Dio tra altri dèi e la sua scelta di un già sacra locale avrebbe rafforzato questa impressione tra la gente. I templi sono anche allineati con l'Oriente, in modo che, due volte l'anno, il 21 febbraio e il 21 ottobre, il sole splende direttamente nel Santuario del grande tempio per illuminare le statue di Ramesse e Amon. Le date sono probabilmente corrispondono a Ramsete compleanno e incoronazione. L'allineamento delle strutture sacre con il sole nascente o impostazione, o con la posizione del sole presso i solstizi, era comune in tutto il mondo antico (meglio conosciuto a New Grange in Irlanda e Maeshowe in Scozia), ma il Santuario del grande tempio si differenzia da questi altri siti in cui la statua del dio Ptah, che si distingue tra gli altri , è accuratamente posizionato in modo che mai è illuminato in qualsiasi momento. Come Ptah è stato associato con l'oltretomba egizio, sua immagine era tenuto in una perpetua oscurità.
clip_image004
Ramesse II

Sotto la minaccia

Nel 1960 CE, il governo egiziano progettato di costruire la diga di Assuan sul Nilo che avrebbe sommerso sia templi (e strutture anche circostanti quali il Tempio di Philae). Tra il 1964 e il 1968, un'impresa enorme è stata effettuata in cui entrambi i templi furono smantellati e spostati 213 piedi (65 metri) fino sull'altopiano delle scogliere che una volta seduti sotto e ri-costruito 690 piedi (210 metri) a nord-ovest della loro posizione originale. Questa iniziativa è stata guidata dall'UNESCO, con un team internazionale di archeologi, ad un costo di oltre 40 milioni di dollari. Grande cura è stata presa per orientare su entrambe le aste esattamente nella stessa direzione come prima e una montagna artificiale fu eretta per dare l'impressione dei templi tagliate sulla rupe di roccia. Secondo Oakes e Gahlin:
Prima che il lavoro ha cominciato, una diga di scrigno doveva essere costruito per proteggere i templi dall'acqua velocemente aumentante. Quindi i templi sono stati segati in blocchi, avendo cura che i tagli sono stati fatti dove sarebbero stati meno cospicue quando riassemblato. Le pareti interne e soffitti sono stati sospesi da una struttura portante in cemento armato. Quando i templi sono stati riassemblati, i join sono state fatte bene da una Malta di cemento e sabbia del deserto. Questo è stato fatto così discreto che oggi è Impossibile vedere dove i join sono state fatte. Entrambi i templi ora stanno all'interno di una montagna artificiale, fatta di macerie e la roccia, sostenuto da due vaste cupole in cemento armato. (207).
Tutte le più piccole statue e stele che circondava il sito originale del complesso erano anche spostate e collocate nelle loro posizioni corrispondenti ai templi. Tra questi vi sono stele raffigurante Ramesse sconfigge i suoi nemici, varie divinità e una stele raffigurante il matrimonio tra Ramesse e il Naptera di principessa ittita, che ha ratificato il trattato di Kadesh. La Stele di Asha-hebsed, il capo dei giurati che hanno organizzato la forza lavoro che costruito il complesso è incluso tra questi monumenti. Questa stele si riferisce anche come Ramesse decise di costruire il complesso come un testamento duraturo alla sua gloria duratura e come egli ha affidato il lavoro alla Asha-hebsed. Oggi Abu Simbel è l'antico sito più visitato in Egitto dopo le piramidi di Giza e ha anche un proprio aeroporto per sostenere le migliaia di turisti che ogni anno giungono presso il sito.

Lega achea

da Wikipedia
La lega achea (greco: κοινὸν τῶν Ἀχαιῶν) era una Confederazione di epoca ellenistica della città greca dichiara nel Peloponneso settentrionale e centrale, che ha esistito fra 280 A.C. e il 146 A.C.. Il campionato è stato chiamato dopo la regione di Acaia.
Regionale della lega achea era riformata nel 281/0 A.C. (sulla base di un'alleanza più flessibile dei fondatori comuni che risale al v secolo A.C.) e presto esteso di là relativo heartland achea. In primo luogo è stato raggiunto dalla città di Sicione nel 251 A.C., che fornito con il suo primo grande leader, arato di Sicione. La lega è cresciuto presto per controllare gran parte del Peloponneso, indebolendo notevolmente stiva macedone sulla zona. Ha acquistato Corinto nel 243 A.C., megalopoli nel 235 A.C. e Argos nel 229 A.C.. L'aumento delle dimensioni della lega significava un cittadino più grande esercito e più ricchezza, che è stato utilizzato per assoldare mercenari. Tuttavia la lega presto incontrato difficoltà con il rivivere Sparta di Cleomene III. Arato fu costretto a chiamare in aiuto del macedone re, Antigonus Doson, per sconfiggere Cleomene a Sellasia. Antigono ristabilì il controllo macedone su gran parte della regione.
Nel 220 A.C., la lega achea entrato in una guerra contro la lega etolica, che era chiamato "guerra alleata". Il giovane re Philip V di Macedon si schierò con gli Achei e la convocazione di una conferenza panellenica a Corinto, dove è stato condannato l'aggressione etolica.
Dopo la morte di arato, tuttavia, il campionato è riuscito a raccogliere gran parte dei vantaggi di sconfitta di Macedon da Roma nel 197 A.C.. Sotto la Guida di Filopemene, il campionato è riuscito finalmente sconfiggere un pesantemente indebolito Sparta e prendere il controllo dell'intero Peloponneso.
La dominanza della lega non era durò a lungo, tuttavia. Durante la terza guerra macedonica (171-168 A.C.), la lega ha flirtato con l'idea di un'alleanza con Perseo e i Romani lo punito prendendo diversi ostaggi per garantire il buon comportamento, tra cui Polibio, lo storico ellenistico che ha scritto circa l'ascesa della Repubblica romana. Nel 146 A.C., la lega è scoppiata in una rivolta contro la dominazione romana, la guerra achea. I Romani sotto Lucius Mummius sconfissero gli Achei al Battaglia di Corinth, rasa al suolo Corinto e dissolto la lega. G. t Griffith ha scritto che la guerra achea era un'impresa senza speranza per gli Achei, mal condotto e sostenuta da nessun adeguate riserve di denaro o di uomini. Lucius Mummius ricevuto l'agnomen Acaico ("conquistatore di Acaia") per il suo ruolo.

MEMBRI

Di seguito sono i membri di Peloponesian originali, tranne le regioni antiche di Sparta, Elis e Messenia. Più tardi Contessa in Elis, Corone, Messene, Sparta e Pagae in Attica furono raggiunti da conquista. Per la Elisphasii segnalati: forse questa parola dovrebbe essere Helissonii, per il nome Elisphasii si verifica nessun altro nella storia antica. Nel 223 A.C. Megara in Attica deserta la lega achea e si unì alla Confederazione beotico.
Oltre a numerose città-stato sul continente di entrare a far parte della Federazione achea, alcune città-stato isola del Mediterraneo anche entrò a far parte della Federazione. Ad esempio, Kydonia Creta unita a un certo momento dopo 219 A.C..
Da Achaea:
  • Aegira
  • Aegium
  • Boura
  • Cerinea
  • Dyme
  • Elice
  • Patrasso
  • Pellene
  • Pharrae
  • Tritaia
Da Arcadia:
  • Alipheira
  • Asea
  • Callista
  • Caphyae
  • Cleitor
  • Dipaea
  • Gortys
  • Heraia
  • Lusi
  • Mantinea
  • Megalopoli
  • Methydrium
  • Pallante
  • Pheneus
  • Figaleia
  • Tegea
  • Mondo
  • Theisoa
  • Thelpusa
Da Argolis:
  • Alea
  • Argos
  • Asine
  • Cleone
  • Epidauro
  • Hermione
Da Corinthia:
  • Corinto
  • Sicione
  • Stymphalos
  • Tenea

ESERCITO

L'esercito acheo era un esercito del tipo tradizionale oplita. Il 270s a.c. in poi, tuttavia, come nel resto della Grecia, l'emergere dello scudo celtico conosciuto come il thureos è stato incorporato nella guerra greco ed è stato sviluppato un nuovo tipo di truppa. Riformare le loro truppe in thureophoroi, l'esercito acheo era ora composta di truppe leggere. I thureophoroi erano una miscela di Peltasti evoluta e opliti leggeri, portando lo scudo di thureos, una Spinta lancia e giavellotti. Plutarco racconta di come potrebbe essere efficace a distanza, ma nel combattimento ravvicinato lo scudo stretto thureos svantaggiati li. Inoltre descrive come formerebbero una formazione di sorta, ma sarebbe inefficace, come esso sarebbe non avere Inter-bloccato scudi o una 'linea di spears livellato'.
Arato di soli, uno dei più importanti strategoi achea e statisti era noto per il suo uso di forze leggere per operazioni irregolari, un tipo di guerra adatto per i thureophoroi ma non adatto per le operazioni in campo aperto. La lega nel 217 A.C. ha deciso di mantenere una forza permanente di 8.000 piedi mercenario e 500 cavalleria mercenaria, aggiunto ad una forza di raccolte cittadino di 3.000 fanti e 300 cavalieri, di cui 500 piedi e 50 cavallo sarebbe venuto da Argo e la stessa quantità da megalopoli. Arato anche ottenuto 500 piedi e 50 cavallo ogni Taurion e i Messeni per la difesa delle parti della lega soggetti ad attacchi tramite Laconia. La fanteria di cittadino sarebbe sono stata armata come thureophoroi, a parte le truppe di luce cittadino che sarebbe stato arcieri e frombolieri ecc. Questa forza di raccolte cittadino può ben essere antecedente queste cosiddette riforme, almeno su base ufficiale, come sappiamo di una simile forza d'Elita della stessa dimensione come Sellasia nel 222 A.C..
Tuttavia, è stato il Filopemene generale acheo nel 208 A.C. che hanno cambiato l'Acheo armi alla moda macedone e stile di combattimento. Questo era dovuto all'influenza di Philip V di Macedon, che hanno sostenuto Filopemene. Philip, al tempo delle riforme di Filopemene, era in una guerra su vasta scala e non potrebbe sostenere o finanziare la lega. Si rese conto che la lega doveva diventare militarmente autosufficiente, ma mantenuto anche nella sfera macedone, per timore che la lega Iscriviti rivali di Macedon. Filippo V probabilmente supportato Filopemene per strategos per l'anno 208/07 A.C. e in tal modo era in grado di ottenere ciò che voleva. Secondo Plutarco, Filopemene 'li persuase ad adottare picca lunga e pesante scudo invece di lancia e scudo, di proteggere i loro corpi con ciccioli e corazze e caschi e di praticare fermo e risoluto di combattimento invece gli agili movimenti di truppe armate luce'.
Queste "riforme" non erano necessariamente nuove ad alcune delle città costituenti della lega, la città di megalopoli era stato data scudi di bronzo e armata nella moda macedone da Antigonus Doson per la campagna di Sellasia molti anni prima. Filopemene poi addestrato il nuovo esercito come combattere con le nuove armi e le tattiche e come coordinare con un nuovo corpo mercenario che è stato assunto. Ha speso quasi 8 mesi nel suo mandato come strategos visitando, formazione e consulenza città in questa capacità. Alla battaglia di Mantinea nel 207 A.C. la falange achea era posizionata con intervalli tra le aziende con le truppe più leggere. Questo era ovviamente un importante tentativo di Filopemene per aumentare la flessibilità della sua falange.
Egli troppo può hanno raccolto questa tattica dalla sua esperienza presso la battaglia di Sellasia, dove la falange del Antigonus Doson era inoltre divisi con le truppe di luce/medio tra di loro. Oltre a riformare e ri-organizzare la fanteria, Filopemene fatto anche questo con la cavalleria di cittadino. La cavalleria fu reclutata, molto simile in altri Greco dichiara, dalle classi nobili e ricche. Filopemene organizzato la cavalleria in lochoi, che solitamente in antichi trattati militari significa 'files', probabilmente di 8 uomini, raggruppati in dilochiai, una formazione di doppio-file di 16 e così via. Tuttavia il tempo della guerra achea negli A.C. 140s dell'esercito della lega era diminuita in forza ed efficienza. La lega è addirittura stata ridotta a liberare e armare 12.000 schiavi. Ciò era probabilmente dovuto il declino di secondo secolo A.C. nella popolazione. Questo può ben rappresentare l'aumentata assunzione di mercenari, soprattutto cretesi e Traci.

Impero achemenide

da Atlas of Empires
clip_image005
Ad est delle montagne di Zagros, un altopiano si estende verso l'India. Mentre l'Egitto era insorgere contro gli Hyksos, un'ondata di tribù pastorali da a nord del Mar Caspio stava scendendo giù in questa zona e di fronte in India. Con il tempo che gli Assiri avevano costruito il loro nuovo impero, una seconda ondata aveva coperto tutto il tratto tra Zagros e l'Hindu Kush. Alcune tribù si stabilirono, altri mantenuto il loro stile di vita semi-nomade. Queste erano la gente iraniana.

Tribù nomadi

Come tutti i popoli nomadi carente polizia e corti di legge, un codice d'onore era centrale per la tribù iraniane, e loro credenze religiose differivano da quelli delle persone di allevamento. Considerando che i contadini di Egitto e Mesopotamia avevano trasformato dii della natura in Guardiani della città, gli iraniani avevano cominciato a distillare li in pochi principi universali. Zoroastro, che ha vissuto alcuni tempo circa 1000 A.C., ha guidato questo processo. Per lui, l'unico Dio è il creatore, Ahura Mazda, portatore di asha-luce, ordine, verità; la legge o la logica con cui è stato strutturato il mondo. Anche coloro che non praticavano zoroastriani è cresciuto a forma di una cultura che con valori semplici idee etiche quali dicendo la verita '.
Multiculturalismo di Cyrus fatta una pace duratura imperiale una possibilità reale e definito il modo imperi successivi hanno cercato di realizzare regola stabile.
In alcune zone, una tribù sarebbe riuscito a raccogliere una collezione di altre tribù sotto la sua guida. I medi erano uno di questi. Hanno costruito un capitale a Ecbatana ('luogo di incontro') in Zagros orientale da dove hanno esteso il loro potere. Nel 612 A.C., Ciassare, re dei medi, hanno preso d'assalto Ninive con i Caldei, dopo di che ha spinto nel nord-ovest. Nel 585 A.C., il Medes stavano combattendo i lidi sul fiume Halys quando un'eclissi solare spaventati entrambi i lati a fare pace. Poco dopo, Ciassare morì lasciando un impero di sorta al suo figlio Astiage (585-550 A.C.).
Una delle regioni cui tribù ha reso omaggio a medi era Persia, quali laici sud-est di Ecbatana, di là di Elam. C'erano circa 10 o 15 tribù in Persia, di cui uno era il Pasargade. Il leader di il Pasargadae sempre venuti dal clan achemenide, e, nel 559 A.C., è stato scelto un nuovo leader: Cyrus II ('il grande').
clip_image006
Tomba di Ciro il grande

Ciro II

Ci viene detto che Cyrus era il nipote di Astiage per parte di madre, ma questo non ha impedito lo vogliono scrollarsi di dosso il giogo di mediana. 552 a.c., aveva formato le tribù persiane in una Federazione e cominciato una serie di rivolte. Quando l'inevitabile scontro con suo nonno è venuto nel 550 A.C., il Medes si ammutinarono e aderito Cyrus per marciare su Ecbatana.
Cyrus ha preso il titolo '['re'] di Shah di Persia' e costruito un capitale sul sito della sua vittoria, che egli chiamò Pasargade, sua tribù. Conquistare il Medes erano sbarcati Cyrus con un vago, tentacolare Impero di innumerevoli popoli diversi, tuttavia. Ha dovuto affrontare la diversità culturale, il sospetto e vera e propria ostilità. Lydia e Caldei Babilonia aveva accordi con i medi; né sentito a mio agio su un'acquisizione persiana.
Lydia è stata vinta perché Cyrus non ha fatto rispettare le regole. Dopo una battaglia decisiva nei pressi del fiume Halys un autunno, King Croesus (c. 560 – c. 546 A.C.) restituito a Sardi, in attesa di riprendere la lotta nella primavera secondo l'usanza. Ma Cyrus lo seguì Sardis acquisita e casa stessa, Lydia di capitale e più ricchi della città ioniche. Un secolo prima, Lydia aveva coniate le prime monete, rendere Ionia un centro di commercio. Ora tutto questo è caduto a Cyrus.
Per quanto riguarda Creso stesso, sembra che Cyrus può avere risparmiata la vita, ancora una volta contro tutti i precedenti. Cyrus ha sviluppato una reputazione per risparmiatori conquistati governanti così egli potrebbe chiedere loro consigli sul modo migliore per governare le loro terre. Quanto di questa reputazione era giustificato è difficile sapere, ma prima di Cyrus nessuno avrebbe voluto comunque; sarebbe stato un segno di debolezza.

Impero di molte nazioni

Cyrus, al contrario, visto la cooperazione come un punto di forza, specialmente quando si trattava di proteggere il premio principale: Babylon. Piuttosto che cercare di prendere la città più grande del mondo con la forza, Cyrus ha combattuto una campagna di propaganda per sfruttare l'impopolarità del suo re, Nabonidus. Tradizioni di Babilonia sarebbe più sicure con Cyrus, era il messaggio. I cancelli sono stati aperti e fronde di Palma sono state poste davanti a lui come egli entrò nella città.
Una volta in Babilonia, Cyrus eseguite le cerimonie religiose Nabonidus aveva trascurato e restituito icone confiscate ai loro templi intorno al paese. Questi atti abilitato Cyrus rivendicare la legittima regola in Babilonia; regola sancita dalle divinità babilonesi. Poi ha spiegato che posto questo richiederebbe nel suo impero: la sua sarebbe stata un impero basato, in effetti, su una sorta di contratto tra se stesso e i vari popoli nella sua cura. Che avrebbero pagato il loro tributo e lui sarebbe garantire che tutti erano liberi di adorare i loro dei e vivere secondo le loro usanze.
clip_image007
Impero di Ciro il grande
Gli esuli ebrei sono stati permessi andare a casa e dato il denaro verso la costruzione di un nuovo tempio a Gerusalemme. Questo ha guadagnato Cyrus una scrittura incandescente nel Vecchio Testamento, nonché a fornire lui con uno stato di buffer utile contro l'Egitto. Multiculturalismo di Cyrus realizzato una pace duratura imperiale una possibilità reale e definito il modo imperi successivi hanno cercato di realizzare regola stabile. Era ovvio per Cyrus che questo era l'unico modo che egli possa sperare di aggrapparmi a sue conquiste, ma la sua era una visione solo qualcuno da fuori le civiltà delle valli del fiume, con il loro intensi attaccamenti alle divinità locali, avrebbe potuto concepire.

Re dei re

Figlio e successore di Cambise II (529-522 A.C.) aggiunto di Cyrus Egitto all'impero persiano, ma poi una rivolta scoppiata a casa, led, sembra, da un sacerdote di mediana in posa come fratello di Cambise, che Cambise segretamente aveva assassinato. Cambise si affrettò a tornare, ma morì durante il tragitto, lasciando uno dei suoi generali, un lontano parente, fare un passo. Il suo nome era Darius. Darius I ('il grande') ucciso il pretendente al trono, ma le rivolte erano ora scoppiare dappertutto e si trovò a dover ristabilire le conquiste di Cyrus. Sostenuto dall'esercito e il clan nobiliari di Persia, arricchiti da regola imperiale, Darius ha riguadagnato l'Impero ed estese nella valle di Indus, un premio del valore di parecchie volte più in omaggio di Babilonia.
Darius realizzato che se l'impero fosse al lavoro, aveva bisogno di organizzazione efficiente. Si divise in 20 satrapie, o province, ogni pagando un tasso fisso del tributo alla Persia. Ogni satrapia era gestito da una centrale nominato satrapo, o governatori, spesso legate a Darius. Per evitare che il satrapo di costruzione di una base di potere, Darius nominato comandante militare separato risponde solo a lui. Spies imperiale noto come le "orecchie del re' tenuto d'occhio entrambi e riferito a Darius attraverso il servizio postale – l'impero era collegato da una rete di strade lungo quali corrieri potrebbe cambiare i cavalli alle stazioni distanziati viaggio un giorno di a pezzi.
Darius ha preso molto di questa struttura, da parte degli Assiri semplicemente applicarlo su scala più ampia, ma il suo uso del tributo era qualcosa di nuovo. In precedenza, tributo era stato essenzialmente i soldi di protezione pagato per evitare guai, ma Darius trattato come tassa. Ha usato per costruire una flotta e si imbarcò massicci programmi di spesa pubblica, pompando denaro in opere di irrigazione, prospezioni minerarie, strade e un canale tra il Nilo e il mar rosso.
Fondò anche una moneta comune, che ha reso il lavoro lontano da casa molto più facile. Darius riuniti adesso squadre di artigiani da tutto l'impero per costruire, sotto la direzione di architetti persiani, una capitale imperiale a Persepoli. Qui egli poteva mantenere il suo oro e argento in un caveau gigante (che divenne presto troppo piccolo) e mostrare l'ambito multietnico del suo impero. Persepolis è diventato una vetrina per gli stili artistici di appena circa ogni cultura all'interno dell'Impero, tenuto in una cornice di design persiano. E ' stata una visualizzazione dell'idea di Cyrus di Impero.
Ma Darius mai riconosciuto Cyrus. Egli sembra aver avuto un chip sulla sua spalla circa non appartenente al ramo di Cyrus del clan achemenide. Come ha superato i successi di Cyrus, cominciò a portare se stesso in modo sempre più esaltato, far cadere il titolo Shah per il più grandioso Shahanshah (re dei re). Come Persepolis, tuttavia, questa seguita direttamente dalla visione di Cyrus. Cyrus aveva giocato la parte del re di Babilonia, quando egli entrò nella città, ma il suo concetto di Impero ha richiesto un righello che si trovava soprattutto re legati agli interessi di qualsiasi una comunità. E ' richiesto un re dei re.

Umiliazione & Decadence

Darius regola più tardi vide guai nel Mediterraneo. Nel 499 A.C. ci fu una rivolta greca in Ionia. Dopo alla fine annullamento esso, flotta di Darius ha navigato per punire Atene per sostenere i ribelli, solo per incontrare una sconfitta a sorpresa. Se la macchina amministrativa persiana non dovesse guardare pericolosamente debole, i greci avrebbe dovuto essere una lezione. Ma quando Darius generato le tasse per finanziare un'unità di riarmo, ha provocato disordini nelle più importanti aree come l'Egitto.
E ' caduto al figlio di Darius Serse I (486-465 A.C.) a ristabilire l'ordine in Egitto e prendere la questione greca. Serse ha trasportato anch'egli più alto ancora di Darius e, con due generatori di grande impero da seguire, ancor più dovuto dimostrare. Ma gli mancava loro sensibilità culturale. Quando aumenti fiscali prodotto rivolte a Babilonia nel 482 A.C., Serse saccheggiò la città, distrussero il tempio e fondere la statua d'oro massiccio di Marduk, tre volte le dimensioni di un uomo. Con esso è andato grandezza di Babylon.
Oro di Marduk ammessi Serse iniziare l'assemblaggio le sue forze per schiacciare i greci nel 480 A.C.. Costretto in battaglia troppo presto, tuttavia, ha sofferto un'umiliazione peggiore rispetto a suo padre. Dopo di che, Serse sembra in gran parte si sono ritirati nel lusso della sua corte e l'harem. Quando Cyrus entrarono Babilonia egli aveva imitato il comportamento di un re della Mesopotamia per consumo pubblico, ma ora la vita privata dei sovrani persiani ha preso forma di Mesopotamian. Chiuso in isolamento opulento, gli Achemenidi successivi giocata una pantomima sempre più sgargiante dell'assassinio di intrighi e Palazzo di harem.
L'impero di Cyrus e Darius aveva costruito era abbastanza forte da tempo questa diapositiva in decadenza per 200 anni, ma gradualmente ha preso il suo pedaggio. Satrapi intagliato fuori le proprie isole del potere. L'inflazione ha cominciato a mordere come continuato ad aumentare le tasse. Anche il multiculturalismo dell'Impero, inizialmente la sua grande forza, aveva alcuni svantaggi; l'enorme esercito era una sconcertante accozzaglia di tutte le truppe addestrati ed equipaggiati secondo le proprie tradizioni, tutti parlano lingue diverse.
Nel 401 A.C., Ciro il giovane, satrapo di Lidia, Frigia e Cappadocia, messo in scena un colpo di stato contro il fratello Artaserse II (404-358 A.C.) con l'aiuto di 10.000 mercenari greci che tornato a casa quando il colpo di stato fallito. Le informazioni che hanno portato indietro ha spianato la strada per l'arrivo trionfale di Alessandro Magno nel 334 A.C..
Persia era stato il primo vero impero, un impero con una struttura organizzativa sviluppato da un'idea realistica di come governare popoli diversi soggetti. Essa ha definito il ruolo di un imperatore e impostata un modello per futuri imperi dai Romani ai britannici. Quando Alexander è venuto a sostituire il morente impero persiano con una visione di suo, ha tenuto l'esempio di Cyrus nella parte anteriore della sua mente.
clip_image009

Achille

clip_image010
Capo dei Mirmidoni temibili, sacker delle città e la Cacciatrice di Hektor, Achille divino era semplicemente invincibile in battaglia, e solo l'intervento divino di Apollo finalmente porre fine al suo lungo regno, come il guerriero greco più grande di tutti. Il più coraggioso, più forte e anche l'eroe più bello dell'esercito greco All-Star che è andato a Troia per riconquistare Helen, Achille era anche piuttosto troppo orgoglioso e difettoso-temperato per il suo proprio bene e la sua rabbia imprudente sarebbe costato sia i suoi connazionali e il caro nemico.

Primi anni di vita

Nella mitologia greca, Achille nacque da Peleo e Teti la Nereide. Sua madre, al fine di rendere il suo figlio immortale, lo tenne sopra un fuoco divino o in alcuni conti, il fiume Stige. Tuttavia, l'infante è stato sospeso dal suo tallone e così questa parte del suo corpo è rimasto la carne mortale e in definitiva, questa debolezza avrebbe portato alla caduta di Achille. Thetis, sapendo che suo figlio era destinato a una vita gloriosa ma breve, ha cercata di nascondere Achille lontano dal mondo, e così il ragazzo è stato sollevato su Skyros con la famiglia reale di Lykomedes, anche in alcuni conti travestito da una ragazza. Alcuni conti di credito anche formazione dell'eroe a Chirone, il saggio centauro che incluso anche Hercules nel suo roll degli allievi.

La guerra di Troia

Di gran lunga la fonte più ricca della nostra conoscenza riguardo le scappatelle di Achille è account della guerra di Troia nell' Iliadedi Omero. Infatti, si può ragionevolmente sostenere che Achille è la stella del pezzo, e lo stesso Omero descrive la sua storia come un racconto della rabbia di Achille. Presto nel libro, Ulisse, l'astuto re di Itaca, è inviato in missione per trovare Achille e convincerlo a partecipare alla prossima guerra tra greci e troiani. Ulisse era un negoziatore formidabile e con sete di Achille per la gloria, l'ambasciata riusciva e Achille, lasciando dietro di sé il figlio Neottolemo, partì per Troia. Con lui siamo andati 50 navi veloci, ognuno portando 50 uomini del suo esercito privato, i Mirmidoni - temibili combattenti che erano stati trasformati da formiche da Zeus in persona e dati a suo figlio di Eaco, re di Egina e padre di Peleo.
clip_image011
Pentesilea & Achille
L'assedio achea di Troia durò per dieci anni e durante questo tempo, Achille eccelleva in battaglia e saccheggiata non meno di 23 città nella zona circostante. All'inizio del conflitto, l'eroe anche teso un'imboscata il principe troiano Troilo ha bevuto una sorgente e lui sacrificato in onore di Apollo. Questo è stato fortuito per i greci, come un oracolo aveva decretato che se il Principe sono stati uccisi prima ha raggiunto 20 anni di età, Troia sarebbe caduta. In alcuni racconti l'omicidio di Troilo si è verificato in un santuario di Apollo, e questo può spiegare il rancore fatidico di Dio arciere contro Achille.
Le cose, poi, sono state cercando piuttosto bene per i Greci a questo punto, ma le loro fortune cambiato drammaticamente in peggio quando Agamennone, re di Micene e capo delle forze greche, litigò con suo più grande guerriero e Achille si è ritirato dal conflitto. La querelle avviata dopo Achille aveva rapito due bellezze in una delle sue incursioni - Breseis e Chryseis. Mantenendo l'ex per se stesso, egli ha dato Chryseis di Agamennone. Tuttavia, padre dei Chyryseis Criseide offerto un riscatto allettante per il ritorno della ragazza. Agamennone rifiutò e forse perché la ragazza era stata una sacerdotessa di Apollo, il Dio era adirato con la decisione e inviato una pestilenza a devastare tra il campo acheo. Agamennone alla fine abbandonò il suo premio, ma per consolare se stesso alla sua perdita, prontamente preso Breseis da Achille. Mi scocciava in questo gioco di prestigio e sostenendo che egli è stato disonorato prima di tutto dei suoi compatrioti, Achille e suoi Mirmidoni andò al loro campo dove sedersi fuori il resto della guerra.
Achille l'uomo-interruttore, addobbata nella sua armatura divina era pazzo di rabbia.
Senza loro guerriero talismanica, scemato Fortune degli Achei e i Troiani ha preso fiducia da assenza di Achille, anche raggiungendo pericolosamente vicino alle mura dell'accampamento Acheo nei loro attacchi e riuscendo ad appiccare un incendio tra le navi greche. Agamennone offerti regali favolosi e il ritorno di Breseis ma senza alcun risultato e in quest'ora di grande pericolo, anche Achille grande amico Patroklos supplicò l'eroe a ri-entrare nella mischia o almeno di permettergli di portare fuori i Mirmidoni in battaglia. Achille ha accettato di quest'ultimo e dando Patroklos sua armatura, ha fatto sua promessa amico solo di impegnarsi in azione difensiva e non perseguire i Troiani torna a Troy. Quando i Troiani videro Patroklos blindata, pensarono che Achille aveva reimmesse procedimento e ne seguì un panico. Patroklos, lavata con successo, ignorato il Consiglio del suo leader e insegue i Troiani in fuga, uccidendo anche la Licia Sarpedonte, figlio di Zeus e raggiunto le mura di Troia. Purtroppo per il giovane guerriero, Apollo, protettore dei troiani, ha deciso in quel momento di intervenire e ha colpito il casco e armatura dal suo corpo e guidato la lancia del Euphorbos a colpirlo alle spalle. Patroklos fu solo ferito dal colpo ma Hektor, il principe troiano, era a portata di mano per dargli il colpo finale, fatale. Una lunga battaglia che seguì per il possesso del corpo, con gli Achei, guidati da Menelao e Ajax, riuscendo infine a prendere Patroklos caduto indietro al loro campo.

La rabbia di Achille

Quando Achille scoperto la tragedia era pazzo di rabbia; ora avrebbe combattere e prendere la terribile vendetta per la morte del suo amico. Ha immediatamente chiesto sua madre Thetis per fornire nuova armatura e si e ' arruolata Hephaistos, il Dio della metallurgia, per forgiare l'eroe l'armatura più belle mai realizzato. Omero descrive l'armatura in grande dettaglio; lo scudo luccicante raffigurato ogni sorta di scene in oro, argento e smalto, i ciccioli erano di splendente stagno, e il casco aveva una cresta d'oro.
Achille l'uomo-interruttore, che si aprono fuori nella sua armatura divina e ancora livido di rabbia, ha preso ancora una volta sul campo di battaglia e indirizzato il nemico a sinistra, a destra e il centro, l'invio di una lunga serie di eroi troiani verso Ade. Ha poi continuato dopo Hektor, e anche se Apollo tentò tre volte di proteggere il principe in nuvole di nebbia, i due finalmente incontrarono nel singolo combattimento fuori le mura di Troia. Hektor, anche se un grande guerriero se stesso, non era partita per Achille, che rapidamente spediti il Trojan e legandolo al suo carro, trascinando il cadavere davanti alle mura della città in vista della sua famiglia in lutto e poi di nuovo al campo acheo, un atto sacrilego, rompendo tutte le etichette di guerra antica.
Priamo, re di Troia, viaggiato in segreto al campo del suo nemico, al fine di perorare con Achille per restituire il corpo di suo figlio, in modo che egli potrebbe ricevere una degna sepoltura. Dopo un lungo e commovente appello e con un piccolo Consiglio supplementare da Athena, Achille finalmente accettato di richiesta del vecchio re.
clip_image012
Achille e Aiace di Exekias
Nonostante questi eventi drammatici, la guerra rumoreggiava su e Achille ha continuato a dominare il procedimento, anche uccidendo Memnone, re degli etiopi e nipote di Priamo. Tuttavia, la fine era vicina per il grande guerriero. Proprio come sua madre aveva temuto, nonostante vincente gloria e fama, il nostro eroe doveva essere abbattuto nel suo primo. Una volta di più, era Apollo che intervenne negli affari dell'uomo e diretto una freccia lasciati liberi di Parigi - il principe troiano, che aveva iniziato la guerra in primo luogo da rapire Fiera Helen. Naturalmente, la freccia ha colpito il posto solo vulnerabile, il tallone, e così Achille è stato fatto scendere negli inferi. L'Ajax di eroe è riuscito a recuperare il corpo e ha preso di nuovo al campo acheo, dove si svolgevano giochi funebri in onore del guerriero caduto. L'armatura magnifica, dopo un battibecco con Ajax, è stato dato ad Ulisse, cui stratagemma del cavallo di legno sarebbe finalmente porre fine all'assedio e la vittoria per i greci.

Rappresentazioni nell'arte

Achille è un soggetto popolare nell'antica arte greca, che compaiono sui vasi da tutta la Grecia, da Atene a Mykonos. Le scene su ceramica nero e rosso figura dal 7 al v secolo A.C. sono Peleo dare il suo figlio alle cure di Chirone, Achille riceve la sua armatura divina da sua madre Thetis, l'eroe perseguendo Principe Troilos, che uccide Hektor e trascinando il principe troiano dietro il suo carro. Achille, quando in armatura, più spesso indossa un elmo corinzio e uno scudo con un dispositivo di Gorgone. Una delle rappresentazioni più comuni (più di 150 esiste) è una raffigurazione di Achille e Aiace vestita in loro armatura e casualmente giocando un gioco da tavolo con i dadi durante una tregua nella guerra di Troia. Forse l'esempio più celebre è un anfora a figure nere risalente 530 A.C. e ora nei Musei Vaticani.

Acropoli


clip_image013
Un ' Acropoli sono una cittadella o complesso costruito su un'alta collina. Il nome deriva dalla città greca di Akro, alta o estrema/estremità o edge e Polis, tradotto come 'Città alta', 'Città sul bordo' o 'Città nell'aria', il più famoso è l'Acropoli di Atene, in Grecia, costruito nel v secolo A.C.. Anche se la parola è di origine greca, è venuto a designare qualsiasi tale struttura costruita su un'altitudine elevata in tutto il mondo. Roccia del castello a Edimburgo, in Scozia, ad esempio, su cui incombe il famoso castello, fu fortificata 850 a.c. e sarebbe stata conosciuta come un'Acropoli, quanto sarebbe quelle città della civiltà Maya che corrispondono a tale definizione, anche se non sono stati costruiti su un'elevazione naturale. Anche se c'erano altre città-stato dell'antica Grecia, che vanta un'imponente Acropoli (come Tebe, Corinto e, in particolare, a Kolona sull'isola di Egina), e l'Acropoli' indicazione' era anche usato nell'antica Roma per una serie di edifici su un'altitudine superiore rispetto la geografia circostante, nei tempi moderni l'Acropoli' parola' è sinonimo di sito dell'antica a Atene.

Acropoli di Atene

L'Acropoli di Atene è stata progettata e costruzione iniziata, sotto la guida del grande generale e statista Pericle di Atene. Oltre due anni di pianificazione dettagliata è andato in specifiche e contraenti la manodopera per il Partenone da solo, e la prima pietra fu posta il 28 luglio 447 A.C., durante il festival di Panathinaiko. Volendo creare un monumento duraturo che sia onorare la dea Atena (che presiedeva Atene) e proclamare la gloria della città al mondo, Pericle non badò a spese nella costruzione dell'Acropoli e, soprattutto, il Partenone, assumendo le abili architetti Callicrate, Mnesikles e Iktinos e lo scultore Phidias (riconosciuto come lo scultore più bella nel mondo antico che ha creato la statua di Zeus a Olimpia tra le sette meraviglie del mondo antico) a lavorare sul progetto. Secondo lo storico Pedley, "... il lavoro è stato effettuato sotto la supervisione di Fidia. Infatti, Plutarco afferma che Phidias era in carica l'intero schema di Pericle"(251). Centinaia di artigiani, operai del metallo, artigiani, pittori, intagliatori e letteralmente migliaia di lavoratori non qualificati ha lavorato sull'Acropoli. Fidia ha creato una statua d'oro e avorio di Atena che si trovava nel Partenone, conosciuto come il Tempio di Athena Parthenos ('Athena vergine' in greco), o nel centro dell'Acropoli vicino il più piccolo tempio di Atena. Durante il festival di Panathenaic, celebranti avrebbero portato una nuova veste per la statua in legno antico culto di Atena, ospitata nell'Eretteo.
Le attestazioni del sito UNESCO:
Acropoli di Atene è l'espressione suprema dell'adattamento dell'architettura di un sito naturale. Questa gran composizione di strutture massicce perfettamente equilibrati crea un monumentale paesaggio di una bellezza unica che consiste di una serie completa dei capolavori del v secolo A.C.. I monumenti dell'Acropoli hanno esercitato un eccezionale influenza, non solo nell'antichità greco-romana, un tempo, quando nel mondo Mediterraneo erano considerati modelli esemplari, ma in tempi più recenti anche.
clip_image014
Piano di Acropoli, Atene
L'Acropoli sorge 490 piedi (150 metri) nel cielo sopra la città di Atene e ha una superficie di circa 7 ettari (3 ettari). Il sito è stata una scelta naturale per una fortificazione ed era abitato almeno come presto come periodo miceneo in Grecia (1900-1100 A.C.), se non prima. C'era già un complesso costruito sulla collina e un tempio di Atena in corso, che fu distrutta dai Persiani sotto Serse nel 480 A.C., quando saccheggiarono Atene. Le strutture più tardi, oggi, famose sono state costruite come un testamento per la resilienza degli Ateniesi dopo la sconfitta delle forze di Xerxes' la battaglia di Salamina (480 A.C.) e per esemplificare la gloria della città. I quattro edifici principali nel piano originale per l'Acropoli erano i Propilei, il Partenone, l'Eretteo e il Tempio di Athena Nike. Propilei era l'ingresso ornato nel tempio complesso, mentre il Partenone era l'attrazione centrale. Pedley scrive:
Il Partenone è insolito per la sua massa di perfezionamenti dorici... Anche se queste modifiche per l'orizzontale e verticale sono minuscole, ci sono tuttavia nessun veri verticali o orizzontali nell'edificio e quindi non giuste angolazioni. Allo stesso tempo, queste raffinatezze conferiscono un senso di mobilità alle linee 'dritti' ed evitare un aspetto scatolare. Dignità della forma è stata migliorata così da dinamismo delle forme. Le richieste di massoni erano enormi. Tutti i blocchi, se curva o non, ha dovuto adattarsi a filo; ancora ovunque blocco si inserisce meticolosamente con blocco e solo su uno o due metope fa i segni di tradire intaglio di incertezza o fretta. Precisamente proporzionata, meravigliosamente costruiti senza Malta o calcestruzzo, tenuti insieme da fascette di ferro rivestiti con il piombo per resistere alla corrosione, questa magnifica struttura ci ossessiona oggi con la sua sorprendente miscela di know-how tecnico e di grandezza. (253).
clip_image015
Modello dell'Acropoli di Atene

Modifiche all'Acropoli

Altri edifici sono stati aggiunti come l'Acropoli era in uso, e il Roman Emperor Hadrian (76-138 CE) aggiunto proprio fiorisce la città, e l'Acropoli, durante il suo Regno. Con l'ascesa del cristianesimo dopo Costantino il grande (272-337 CE) il Partenone divenne una Chiesa e l'Acropoli, un centro di devozione cristiana. In linea con la prassi della Chiesa comune, tutte le immagini pagane furono distrutte e le modifiche apportate ai templi per portarli in allineamento con la sensibilità cristiana. Dopo la caduta di Roma in Occidente (476 CE) e poi quella dell'Impero bizantino in Oriente (1453 CE) ai turchi, l'Acropoli è stata trasformata in un luogo di culto musulmano e il Partenone divenne una moschea. Gli edifici dell'Acropoli sono stati danneggiati tramite uso malato e negligenza durante l'occupazione turca della Grecia (quando il Partenone fu utilizzato al quartier generale delle truppe di guarnigione e l'Eretteo è stato trasformato in harem del governatore) e subì ulteriori danni durante l'assedio veneziano del 1687 CE quando le forze italiane cercarono di sloggiare i turchi dalla Grecia. Dopo la guerra d'indipendenza del 1821 CE, i greci recuperato l'Acropoli e tentarono di riportarla al suo antico splendore. L'inglese Lord Elgin, tuttavia, con l'approvazione di turchi, aveva "rimosso un numero delle figure frontonali e grandi blocchi del fregio del Partenone e li vendette al British Museum nel 1816" (Pedley, 263). Inoltre, il danneggiamento di gran parte dell'Acropoli, dopo anni di occupazione e di abbandono, sembrava irreparabile. Solo nell'ultima parte del XX secolo CE era serio lavoro di restauro e conservazione avviato sul sito dell'Acropoli. Tale lavoro è in corso al giorno d'oggi tra cui un nuovo museo che ospita reperti significativi dal sito.

Adad Nirari ho

clip_image016
Adad Nirari che i (regnò dal 1307-1275 A.C.) fu il re dell'impero assiro, che ha avviato la prima grande espansione del regno assiro dalla città di Assur in tutta la regione della Mesopotamia. Istituì anche quello che sarebbe diventato procedura standard assiro: lo spostamento di grandi segmenti della popolazione nelle regioni conquistate. Adad Nirari regnò durante il periodo noto agli studiosi moderni, come l'impero di mezzo e ampliato i confini in maniera significativa. Egli è meglio conosciuto come il re che conquistò i Mitanni e stabilito l'impero assiro come entità nazionale uguale per le altre grandi potenze della regione.

Regno e campagne militari

Il Regno dei Mitanni era salito dalla terra dei Hurriti nell'Anatolia orientale ed era abbastanza potente per sopprimere assire speranze di autonomia. Quando il re ittita Suppiluliuma I (1344-1322 A.C.) ha rotto il potere di Mitanni, gli Assiri videro un'opportunità per lanciare le proprie iniziative e tentai di prenderlo. Essi sono stati bloccati, tuttavia, da di Suppiluliuma I tattica di immissione governanti ittiti sul trono di Mitanni e tenendo la regione saldamente sotto controllo ittita. Il re assiro Assur-Uballit I (1353-1318 A.C.) sconfisse gli Ittiti ed espanse il regno assiro verso l'esterno dalla loro capitale della città di Assur, ma i due re non ha fatto nulla per capitalizzare questi successi e gli Ittiti ha portato indietro la terra. Adad Nirari I succeduto a suo padre, Arik-Den-Ili, che aveva mantenuto il regno assiro, ma non aveva fatto nulla per espandere o svilupparlo. Adad Nirari mostrò un sovrano ambizioso fin dall'inizio del suo Regno di rivitalizzare le campagne militari e lancio che gettano le basi per la futura grandezza dello stato assiro. Assiria non era ancora considerato un'entità politica seria dalle altre nazioni della regione prima di Adad Nirari I, poiché Ashur ha avuto per tanto tempo stato soggetti alla regola del Mitanni super-potenza e quindi soggetti a dominazione dagli Ittiti.
Adad Nirari ho iniziato quello che sarebbe diventato la procedura standard per l'impero assiro: la deportazione di ampie fasce della popolazione.
Adad Nirari ho una campagna ampiamente alla testa del suo esercito e voleva assicurarsi che le generazioni future sapevano dei suoi trionfi. Egli è il primo re assiro di cui nulla si sa con certezza a causa della sua abitudine di fare iscrizioni dettagliare le sue vittorie militari e le realizzazioni. Legge di sua stele commemorativa, in parte:
Adad Nirari, illustre principe, onorato della divinità, Signore, viceré dei dii, fondatore della città, distruttore delle schiere possente dei Cassiti, Kuti, Lulumi, Shubari, che distrugge tutti i nemici, Nord e sud, che calpesta giù loro terre da Lubdu e Rapiku a Eluhat, che conquista l'intera regione di Kashiaeri (Luckenbill, 27).
Oltre ai popoli e aree che egli cita sopra, ha completamente conquistato la regione una volta tenuto da Mitanni e portato esso saldamente sotto controllo assiro di rapire il re, costringendolo a giurare fedeltà e quindi lo esonera a regola Mitanni come uno stato vassallo assiro. Iniziò quindi quello che sarebbe poi diventato procedura standard per l'impero assiro: la deportazione di ampie fasce della popolazione. Questo non era solo un castigo inflitto ad un popolo vinto, ma un mezzo di aggiunta alla crescita e alla stabilità dell'Impero, in quanto coloro che sono stati ri-trova sono stati assimilati nella comunità preesistente che ha profittato di dal loro lavoro o area di competenza. Se gli scribi erano necessari in una determinata città persone alfabetizzate sono stati riassegnati là mentre lavoro manuale, eventualmente sulla compilazione di progetti in un'altra città, operai sono stati inviati in quella posizione. Il trasferimento della popolazione autoctona certamente anche avuto l'effetto di diminuire la probabilità di una rivolta, ma sembra sono stati principalmente orientati verso il miglioramento complessivo dell'Impero nel suo complesso. Lo storico Karen Radner Commenti su questo, scrivere,
I deportati, del loro lavoro e le loro capacità erano estremamente preziose per lo stato assiro, e loro trasferimento è stato attentamente pianificato ed organizzato. Non dobbiamo immaginare trekking di fuggitivi indigenti che furono facile preda per carestia e malattie: i deportati erano significava viaggiare più comodamente e in modo sicuro possibile al fine di raggiungere la loro destinazione in buona forma fisica. Ogni volta che le deportazioni sono raffigurate nell'arte imperiale assira, uomini, donne e bambini sono mostrati che viaggiano in gruppi, spesso a cavallo su veicoli o animali e mai in obbligazioni. Non esiste alcun motivo di dubitare di queste raffigurazioni come arte narrativa assiro non altrimenti fa rifuggire dal display grafico di estrema violenza (1).
Dopo il suo trionfo sopra Mitanni, Adad Nirari estese i confini del suo sud Unito attraverso Babilonia, sconfiggendo il re Cassita di Babilonia ed esigendo tributi dalle regioni che erano stati sotto il suo controllo.
clip_image018
Stele del re assiro Adad-Nirari III

Il grande re

Ora dopo aver conquistato le regioni che una volta avevano dominato Assiria, Adad Nirari sentivo che egli aveva diritto agli stessi diritti e privilegi come gli altri re della regione. I grandi re di Egitto, gli Ittiti e quelli precedentemente di Mitanni, tutte affrontate reciprocamente come 'fratello' in corrispondenza e, di conseguenza, Adad Nirari non vidi nessuna ragione perché egli dovrebbe non ora fare lo stesso. Tuttavia, come lo storico Trevor Bryce note,
Il solo fatto di raggiungere lo status di grande re non ha automaticamente trasportato con esso il diritto di indirizzo coetanei come 'fratello'. Né garantire il diritto di effettuare automaticamente l'indirizzo di un grande re come fratello conferii al beneficiario il diritto di presentare tutti i grandi re in questo modo. Urhi-Teshub hanno reso questo evidente, nel corso della sua relativamente breve occupazione del trono ittita, il re assiro Adad Nirari I (76).
Mitanni era, naturalmente, stato sotto controllo ittita e quando Adad Nirari I conquistò la regione, ha voluto garantire rapporti di pace con gli Ittiti a nord e a ovest. Scrisse quindi all'ittita re Urhi-Teshub (noto anche come Mursilli III), rivolgendosi a lui come 'fratello' e invita a visitare il re ittita affinché cordiali relazioni tra i due di loro potrebbero iniziare ora (anche se è stato suggerito che Adad Nirari io stavo in effettivamente minacciando Urhi-Teshub e suggerita 'visita' significato un'azione militare). Urhi-Teshub ha risposto, scrivendo,
Perche ' continui a parlare di fratellanza? Per quale motivo dovrei scrivere voi sulla fratellanza? Coloro che non sono in buoni rapporti, abitualmente a scrivere ad uno altro sugli fratellanza? Su quale conto dovrei scrivere a voi sulla fratellanza? Eri tu ed io Nato da una madre? Come mio nonno e mio padre non scrivere il re di Assiria di fratellanza, deve non continuare a scrivere a me sulla fratellanza e grande Kingship. Non è il mio desiderio (Bryce, 76-77).
Questo insulto non sembrano preoccuparsi di Adad Nirari I, che ha continuato a comportarsi se stesso come un grande re degno del rispetto dei suoi coetanei fino a quando divenne evidente per gli altri governanti della regione che egli era, infatti, uno di loro e meritato gli onori stessi.
Urhi-Teshub venne rovesciato da Hattusili III, che rapidamente ha fatto ogni sforzo per rispettare gli inviati del re assiro e scrivere per chiedergli aiuto nella gestione di un problema con la città di Turira, sull'alto Eufrate (precedentemente un villaggio di Mitanni, ora al confine tra le terre degli Ittiti e quelli degli Assiri) che è stato molestare la gente della città ittita di Carchemish. Sembra non esserci nessun record che indica Adad Nirari inviato alcun aiuto a Carchemish e il resto della lettera di Hattusilli III può spiegare perché. Il re ittita si scusa per il modo suo predecessore trattati Adad Nirari I envoys e fa menzione delle loro esperienze"triste" presso la Corte di Hittite. Hattusilli III poi piuttosto petulanza si lamenta che Adad Nirari non ho mandato lui regali alla sua incoronazione, che era atteso da un grande re a altro. Potrebbe essere che Adad Nirari, ora in una posizione sicura di potere, non ho più sentito obbligato a cercare relazioni amichevoli con i re degli Ittiti. Non li aveva piu ' bisogno.
Quando aveva conquistato Mitanni, Adad Nirari ho preso il king Shattuara i mi torna alla Ashur in catene, lo fece giurare la sua fedeltà all'Assiria e poi lui rilasciato alla regola come un vassallo assiro. Quando morii Shattuara i, suo figlio Wasashatta montato una rivolta e ha fatto appello agli Ittiti per aiuto. Gli Ittiti accettano doni di Wasashatta (che avrebbero significato loro bastava per conferirgli la sua richiesta di assistenza), ma al momento sono stati preoccupati con la loro relazione con l'Egitto e, presumibilmente, per questo motivo, mai inviato il supporto. È del tutto possibile che, riconoscendo di Adad Nirari I forza e contando le sue vittorie nella regione, gli Ittiti semplicemente pensiero che più prudente di non richiedere un'azione assira contro di loro e di lasciare Wasashatta al suo destino. Adad Nirari ho marciato le sue truppe nel ex Regno di Mitanni, sconfisse le forze di Wasashatta presso il villaggio di Irrite (più tardi conosciuto come Ordi) e poi ha continuato attraverso la regione saccheggiandola e saccheggiando le città che avevano sostenuto la ribellione. Ha portato la famiglia reale Torna a Ashur come schiavi.

Eredità & progetti di costruzione

Adad Nirari I regnò per 33 anni e, in quel momento, non solo una campagna ampiamente con il suo esercito ma ha avviato progetti di costruzione impressionante. Dopo la sua distruzione delle città nella regione di Mitanni, ordinò loro ri-costruito su una scala più grande. Ha esteso e ampliato le mura della sua città capitale di Ashur, avevano scavato canali più grandi e più a lunghi e più efficaci metodi di irrigazione nella regione. Templi che erano caduti in rovina o erano stati danneggiati da impegni militari sono stati restaurati, e strade sono stati costruiti o migliorati (principalmente al fine di spostare il suo esercito più rapidamente attraverso le regioni conquistò). Spostando alcuni segmenti della popolazione, fu in grado di massimizzare l'efficienza delle Comunità nella produzione di materie prime necessarie, che ha aumentato la loro ricchezza individuale e la ricchezza dell'impero attraverso il commercio.
Dopo la sua morte, suo figlio Salmanassar I (1274-1245 A.C.) salì al trono e continuò la politica di suo padre. Figlio di Salmanassar I, Tikulti Ninurta (1244-1208 A.C.), vorrei espandere su queste politiche e campagna con il suo esercito più in là anche Adad Nirari I aveva fatto. Realizzazioni di Adad Nirari I fornito questi sovrani successivi con le risorse per espandere ulteriormente l'Impero e, soprattutto, per sostenerlo attraverso il periodo che è venuto per essere conosciuta come il crollo di età Bronze (c. 1200 A.C.). Mentre altre civiltà è crollato, l'impero assiro è rimasta relativamente intatta e, con l'aumento del grande Tiglath Pileser I (1115-1076 A.C.), avrebbe continuato a diventare il più grande impero del vicino Oriente antico.

Aedile

clip_image019
Il popolo romano è emerso dalla regola degli Etruschi re con un'innovativa forma di governo: una Repubblica. Le famiglie aristocratiche - i patrizi - creato un sistema di tre-ramo che conteneva un assembly centuriate, un Senato e due co-dirigenti chiamati Consoli; questi consuls sono stati eletti dall'Assemblea e, mentre solo che serve un periodo di un anno, aveva il potere di un re. Tuttavia, la crescita della città e l'onere di amministrare il neo-acquisite province lungo il Mar Mediterraneo chiamato per ulteriori magistrati di assumere alcuni poteri del console. Tra questi nuovi funzionari erano il pretore che dispensato la giustizia, il questore che ha gestito gli affari finanziari e l'edile che (tra le altre funzioni) mantenuto strade romane, sotto la supervisione del grano e approvvigionamento idrico e ha fornito i cittadini della città con giochi.

Evoluzione del ruolo

Mentre alcune evidenze indicano che l'ufficio ha esistito sotto gli Etruschi come custode di record e fondi pubblici, curuli - inizialmente due sono stati scelti dalla classe plebeo - emersa durante la Repubblica come ufficiali subordinati per le tribune di plebians, supervisionando i templi e culti plebeo, Cerere e Diana in particolare. Essi sono stati eletti annualmente dal Consiglio della plebe o Concilium Plebis . Nel 367 A.C. sono stati creati due aedile curules e, a differenza dei loro colleghi curuli plebeo, sono venuti dalla classe patrizia e sono stati eletti annualmente dall'Assemblea centuriate. Questi curuli quest'ultimi divennero magistrati e parte del cursus honorum. Il ruolo dell'edile è stato ampliato per includere mantenendo la cura urbis o il tessuto della città (strade, edifici pubblici e forze di polizia) e la cura dell'Annona o fornitura di grano della città. E, se la necessità è sorto, egli avrebbe assunto alcuni dei compiti del censore. Ma la cosa più importante, sono stati collocati responsabile del molti festival annuali e giochi pubblici. Più tardi, l'ufficio di aedile curules è diventato disponibile per plebians, e dopo l'ammissione di plebians al rango, si è tenuto alternativamente da patrizi e plebians.
Spesso il aedile presi in prestito o usato soldi personali per gare di gladiatori elaborata fase e giochi pubblici. In caso di successo, egli avanzerebbe; Se così non fosse, era politicamente rovinato.
Anche se non essenziale, l'ufficio di aedile è stato spesso visto come parte integrante del "Percorso di lode", un passo sulla strada per diventare una console. Un individuo potrebbe iniziare la sua scalata come un tribuno militare, raggiungendo alla fine l'ufficio del questore. Se fosse un plebeo, aveva la possibilità di diventare una tribuna dei plebians o un edile. Tuttavia, se fosse un Patrizio, sua unica opzione era di diventare un edile. Da lì, se egli ha avuto successo e ha colpito le persone appropriate come un edile, potrebbe diventare un pretore, il solo altro ufficiale al lato il consul con poteri di imperium. Infine, se avesse avuto successo e, come alcuni, corrompere le persone giuste, sarebbe diventato un console, l'apice della carriera di un politico.
Purtroppo o per fortuna, un passo importante in questo lungo cammino per il Consolato era l'edile. Mentre un ambizioso aedile ha ricevuto l'indennità di governo usuale per esercitare le proprie funzioni, non era sempre sufficiente, soprattutto se pensava di diventare un console. Spesso, avrebbe dovuto utilizzare soldi personali o prendere in prestito pesantemente per ingraziarsi con quelli nell'Assemblea e Senato, messa in scena elaborate gare di gladiatori e giochi pubblici. In caso di successo, egli avanzerebbe; Se così non fosse, era politicamente rovinato.
clip_image021
Postumo busto di Cesare

Julius Caesar come Aedile

Uno dei più riusciti di aedile curules era il futuro dittatore e un eroe delle guerre galliche: il 35enne Julius Caesar. Pochi nella Repubblica potrebbe eguagliare la sua determinazione e ambizione di raggiungere il consolato. Dal momento che è venuto da una famiglia patrizia, non poteva diventare un tribuno della plebe e pertanto messo gli occhi sull'ufficio dell'edile. Nel 65 A.C., come uno della co-curuli, ha gestito tutto da riparazioni, manutenzione di tempio, criminalità urbana e distribuzione di cereali e acqua, ma il miglior servizio a Roma è venuto attraverso la sua messa in scena dei giochi pubblici. Prestito di denaro e ponendosi più profondo in debito, ha organizzato una massiccia settembre celebrazione del Dio romano Giove, tanto per il dispiacere del suo collega aedile, Marcus Bibulus. Decorò il Forum e Colle Capitolino (la posizione del Tempio di Giove), tenutosi banchetti pubblici, concorsi di bestia selvaggia, elaborata fase produzioni e stravagante concorsi gladiatori; Egli aveva anche 320 coppie di gladiatori spediti a Roma. Sua opposizione del Senato, gli Ottimati più conservatori, lo denunciò. Nel suo The dodici Cesari Svetonio scrisse "Cesare... aveva raccolto così immenso una truppa di combattenti che oppositori politici terrorizzati correvano un disegno di legge attraverso la casa, limitando il numero di gladiatori che chiunque potrebbe tenere a Roma..." Malgrado quello che quelle nel Senato sentito, il pubblico lo amava; avrebbe presto guadagnare la posizione di pretore e poi quella di un console.
Purtroppo, l'ufficio di edile, come quello del console, è sparito sotto il dominio dell'imperatore Augustus e dell'Impero. Augusto assunse molti dei doveri di aedile stesso - molti lo consideravano un micro-manager - o loro assegnate ad altri utenti. Tuttavia, mentre l'ufficio ha esistito nella Repubblica, ha permesso di Roma eseguire senza problemi. Le strade erano tenute, il citizenry è stato alimentato e tutti era tenuti occupati.

Aegean

clip_image022
Il Mar Egeo si trova fra le coste della Grecia e Asia minore (odierna Turchia). Esso contiene oltre 2.000 isole che sono stati depositati dagli antichi greci; il più grande tra loro essendo Creta (Kriti) e il più noto e più spesso fotografato, Santorini (Thera o Thira). Entrambe queste isole hanno forti associazioni con storia greca antica e mito in quello caratteristiche di Creta significativamente nel mito di Teseo e il Minotauro mentre la distruzione di Santorini da un'eruzione del vulcano lungamente è stato considerato una fonte probabile per la descrizione di Platone di Atlantide nei suoi dialoghi del Timeo e Crizia.

Origine del nome

Nei tempi antichi c'erano varie spiegazioni per l'Egeo di nome. E ' stato detto di essere stato chiamato dopo la città greca di Aigai, o dopo Aegea, una regina delle Amazzoni che è morto in mare, o Aigaion, "capra di mare", un altro nome di Briareus, uno dell'arcaico Ecatonchiri, o, specialmente tra gli Ateniesi, Egeo, il padre di Teseo, che egli stesso annegato in mare quando pensava che suo figlio era morto nel suo famoso viaggio a Creta per sconfiggere il Minotauro. Una possibile etimologia è una derivazione da αἶγες la parola greca – aiges = "waves" (Esichio di Alessandria; uso metaforico di αἴξ (aix) "capra"), da cui "mare ondoso", cf. anche αἰγιαλός (aigialos) "costa".
Le caratteristiche di Egeo compare in molti dei più famosi miti greci.

Commercio dell'Egeo

I primi abitanti della Grecia, il Mycenaens, hanno fatto affidamento sul Mar Egeo per il commercio e, a quanto pare, ha viaggiato fino a Spagna ed Egitto. Mare commerciale trading è diventato la principale fonte di reddito e, nel tempo, hanno colonizzato le varie isole dell'arcipelago dell'Egeo e prodotto varie materie prime come fichi, uva, vino, uva passa, miele, grano, verdure assortite ed erbe. Il marmo, soprattutto, è diventato un'esportazione importante nel commercio. Questi prodotti, insieme a quella di terraferma, andati a rendere i mercanti dell'antica Grecia ricchi ma le stesse acque su cui hanno contato per la loro ricchezza e sostentamento è diventato il viale per la loro rovina.
clip_image024
Affresco di pescatore, Akrotiri

Popoli del mare

Intorno al 1200 A.C. la civiltà micenea collassò e, mentre nessuno causa è universalmente concordato, si ritiene molto probabile che hanno soccombuto agli invasori stessi misteriosi che ha devastato l'Egitto e l'Anatolia: I popoli del mare. Chi erano i popoli del mare, sono documentati come molestare gli egiziani, gli Ittiti, i greci e i Fenici (Cananei) fino a quando finalmente stabilirsi lungo la costa di Canaan e acquisendo i Filistei di nome. C'è senza dubbio tra gli studiosi, basata su fonti primarie, che i popoli del mare è venuto in Grecia da sud sul Mar Egeo e devastato la costa, facendo incursioni sulla terraferma e isole di grippaggio. Poco dopo il loro arrivo, i Dori discendono dal nord della Grecia e la civiltà micenea era finita (anche se alcuni studiosi hanno ipotizzato che Mycenaen cultura è stato mantenuto vivo attraverso quei greci che alla fine avrebbero trovato Atene mentre Sparta ha sostenuto con orgoglio ascendenza dorico). Civiltà greca come riconosciuto oggi crebbe dopo l'invasione di Dorian. È interessante notare, se si crede che la cultura micenea sopravvissuto ad Atene, che le colonie greche dell'Asia minore in gran parte sono state depositate dagli Ateniesi. Il poeta Omero dice di venire da una di queste colonie greche e i famosi eroi della sua Iliade, probabilmente il lavoro più popolare e influente del suo tempo, sono tutti i micenei.

Nella mitologia

Il Mar Egeo offre ben visibile in molti dei più famosi miti greci (Icarus e Daedelus, Teseo e il Minotauro, Jason e gli Argonauti, l'Odissea, tra gli altri) e Platone fatto ampio uso delle isole nei suoi dialoghi. Nel suo Eutifrone, ad esempio, Platone ha volutamente il giovane uomo che afferma di sapere tutto provengono dall'isola di Naxos, che era noto essere più prospere e i residenti abbastanza ricchi e condiscendenti. Secondo Erodoto, l'isola di Naxos è stata la più prospera in commercio c. 500 A.C. ed era facilmente in grado di rendere omaggio ad Atene sotto forma di aiuti dell'oro piuttosto che militare dopo il tentativo fallito delle isole di lasciare la lega di Delo nel 476 A.C.. Nell'età dell'oro della Grecia e oltre, sul Mar Egeo continuata a servire una funzione importante nel commercio e nella guerra, aiutando la cultura greca e la civiltà di prosperare fino a quando i Romani, come i popoli del mare prima di loro, impiegati i corsi d'acqua per conquista e sommesso Grecia.

Aegina

clip_image025
Egina è un'isola nel Golfo Saronico, a sud di Atene. È stato uno dei primi potenze marittime della Grecia, famose per coniare le prime monete in Grecia che sono state accettate in tutta la regione mediterranea. Secondo lo scrittore classico Ovidio, l'isola era originariamente conosciuta come Enone. Come spiega il mito, il Dio Zeus, sotto forma di una grande fiamma, portato via il ninfa Egina e teneva sull'isola. Nel tempo, diede alla luce un figlio, Eaco, che ri-denominato l'isola dopo sua madre.
Secondo Erodoto, Aegina era una colonia della città di Epidauro, un centro di culto prospera per il semi-dio Asclepio, situato sulla costa del Peloponneso. Questa città fu un'importante roccaforte di Mycenaen e manufatti scoperti su Aegina hanno stabilito che la cultura di Mycenaen sopravvissuti sull'isola per molto tempo dopo l'invasione Dorica di c. 1200 A.C., che ha soppiantato esso. La ricchezza di Epidauro sembra di essere stato messo a buon uso da parte dei cittadini di Egina in quanto l'isola fiorì fin dall'inizio e, nel tempo, è venuto a rivaleggiare con Atene. Il campione di pesi e misure sviluppati da Aegina è diventato lo standard in tutta la Grecia, sono stati i primi a coniare monete e loro flotta di navi continuato il commercio in tutto il Mediterraneo e l'Egeo fino a Egitto e il Levante persiano. Mentre Erodoto afferma che Atene ed Egina divennero nemici nel corso di una faida che coinvolge statue delle due divinità, è più probabile che la città di terraferma crebbe invidiosa della prosperità della città di isola e, preoccupata, inoltre, sul loro commercio con la Persia.
Il campione di pesi e misure sviluppati da Aegina è diventato lo standard in tutta la Grecia.
Le colonie greche dello Ionio in Asia minore, sotto il controllo persiano, erano stato una fonte di conflitto per l'impero persiano per anni. Dopo la rivolta ionica di 499-493 A.C., in cui le colonie greche furono sconfitti da forze persiane e inviato ordine ristabilito, Egina, che non era stati coinvolti nel conflitto, simboli di Persia di sottomissione che ammontavano a un patto agli occhi di Atene. Gli ateniesi avevano sostenuto la rivolta ionica (insieme con la città di Eretria) per quanto riguarda la fornitura di truppe e armi per le colonie. Gesto di Egina di buona volontà verso il nemico ateniese sarebbe non sono state prese bene. In rappresaglia per supporto greca della rivolta ionica, Dario I di Persia invase la Grecia nel 490 A.C., ma è stato battuto indietro la battaglia di maratona.
clip_image026
Aegina argento Stater
Dieci anni più tardi, figlio di Dario, Serse I, invase la Grecia per completare quello che suo padre aveva cominciato. Dopo una serie di battaglie (tra cui la famosa battaglia delle Termopili) fu sconfitto nella battaglia di Salamina nel 480 A.C. dalle forze navali Unite di Atene ed Egina. Come non c'è nessuna prova di calde relazioni tra Atene ed Egina, né alcuna prova di una crisi nelle relazioni tra Egina e Persia tra il patto nel 491 A.C. e la battaglia di Salamina, sembrerebbe come se Aegina fu costretto a combattere contro i persiani nel guaime patriottico delle Termopili. Qualunque sia la loro motivazione era, navi di Egina ha giocato un ruolo cruciale nella distruzione della flotta persiana. In seguito, tuttavia, Aegina cadde sotto l'ombra della supremazia navale e commerciale ateniese e ha cominciato a declinare.
Aegina combatté contro Atene durante la prima guerra del Peloponneso (460-445 A.C.), dove sono stato probabilmente eseguito dai persiani che non solo protetto i loro interessi commerciali ma anche sostegno il nemico del loro nemico (Atene). Con o senza supporto persiano, tuttavia, tempo di Egina della grandezza era dietro di lei. Per il momento Platone ha scritto che suo dialogo di Egina il Fedone (c-360 A.C.) è stata considerata poco più di un resort di piacere. Nella finestra di dialogo quando Echecrate chiede Fedone, "Ma Aristippo e Cleombroto, erano presenti?" Fedone risponde: "No, non erano. Si diceva di essere in Aegina". Aristippo fu il fondatore della scuola silpium della filosofia, che ha insegnato che il piacere è il bene solo intrinseco, e un lettore informato antico del dialogo di Platone avrebbe capito queste righe come una sorta di 'scherzo' equiparare l'edonismo di cirenaiche con l'isola di Egina.

Africa

clip_image027
Quando la gente ha parlato dell'Africa in tempi antichi, hanno significato generalmente costa settentrionale dell'Africa e più specificamente la costa a ovest di Egitto (Cirenaica e Maghreb). Gli antichi vagamente sapevano dell'esistenza dell'Africa sub-sahariana, ma non erano a conoscenza della sua geografia.
Nonostante la sua posizione in Africa, Egitto mai ampliato verso ovest. La distesa di deserto libico tagliato Egitto fuori dal resto del Nord Africa. Barche egiziane, benché adatto al Nilo, non erano utilizzabili nel Mediterraneo aperto. Inoltre il piccolo mercante egiziano aveva molto più prospere destinazioni su Creta, Cipro e il Levante.
I greci e i Fenici si stabilirono lungo la costa del Nord Africa tra il 900-600 A.C.. Entrambe le società hanno disegnato la loro prosperità dal mare e dal commercio di oceano-Nato. Hanno trovato solo limitate opportunità di trading con gli abitanti nativi e invece trasformato alla colonizzazione. Il commercio greco era principalmente in Aegean, Adriatico, Black e Red Seas e hanno solo istituita principali città della Cirenaica, direttamente a sud della Grecia.
Commercianti fenici arrivarono sulla costa del Nord Africa intorno al 900 A.C. e Cartagine stabilito intorno al 800 A.C.. Dal VI secolo A.C., una presenza fenicia ha esistito a Tipasa. Dal loro principale centro di potere a Cartagine, i Cartaginesi ampliato e stabilirono piccoli insediamenti (chiamati emporia in greco) lungo la costa nordafricana; questi insediamenti alla fine servito come città di mercato come pure ancoraggi. Hippo Regius e Rusicade sono tra le città di origine cartaginese sulla costa dell'odierna Algeria.
Come è cresciuta la potenza cartaginese, il suo impatto sulla popolazione indigena aumentato drammaticamente. Civiltà berbera era già in una fase in cui l'agricoltura, produzione, commercio, e organizzazione politica supportati diversi Stati. Legami commerciali tra Cartagine e i berberi all'interno è cresciuto, ma espansione territoriale ha provocato anche la riduzione in schiavitù o il reclutamento militare di alcuni Berberi e nell'estrazione del tributo da altri. Dall'inizio del quarto secolo A.C., Berberi hanno formato uno dell'elemento più grande, con Galli, dell'esercito cartaginese.
Alla fine delle guerre puniche nel 146 A.C., Roma sconfisse Cartagine e distrusse la città. Tutti i possessi cartaginesi furono annesse all'Impero Romano. Nel 30 D.C., Roman Emperor Octavian ha conquistato l'Egitto, ufficialmente annetterla all'Impero e, per la prima volta, unificando le coste nordafricane sotto un unico sovrano.
Potenza cartaginese scemato, cresceva l'influenza del leader berbero nell'entroterra. Dal II secolo A.C., erano emersa parecchi regni berberi grande ma senza bloccare amministrati. Due di loro sono stati stabiliti in Numidia, dietro le zone costiere controllate da Cartagine. A ovest di Numidia laici Mauretania, che si estendeva attraverso il fiume Moulouya in Marocco fino all'oceano Atlantico. L'alto punto della civiltà berbera, ineguagliabile fino alla venuta del Almoravidi e gli Almohadi più di un millennio più tardi, è stato raggiunto durante il Regno di Massinissa nel II secolo A.C.. Dopo la morte di Massinissa, nel 148 A.C., i regni berberi sono stati divisi e si riunì diverse volte. Linea di Massinissa sopravvisse fino al 24 D.C., quando il restante territorio berbero fu annessa all'Impero Romano.
La presenza militare romana dell'Africa del Nord era relativamente piccola, che consiste di circa 28.000 truppe ed ausiliari in Numidia e le due province di Mauretanian. A partire dal II secolo D.C., questi presidi sono stati presidiati per lo più dagli abitanti locali.
Oltre a Cartagine, urbanizzazione in Africa del Nord è venuto in parte con l'istituzione degli insediamenti dei veterani sotto gli imperatori romani Claudio, Nerva e Traiano. In Algeria di moderno-giorno tali insediamenti includevano Tipasa, arabo o Curculum, Thamugadi e Sitifis. La prosperità della maggior parte delle città dipendeva l'agricoltura. Chiamato il "granaio dell'Impero", Africa del Nord era uno dei più grandi esportatori di grano dell'Impero, che è stato esportato per le province che non produceva cereali, come l'Italia e la Grecia. Altre colture includevano frutta, fichi, uva e fagioli. Dal II secolo D.C., olio d'oliva rivaleggiava con cereali come un elemento di esportazione.
L'inizio del declino era meno gravi in Nord Africa che altrove. C'erano rivolte, tuttavia. Nel 238 CE, proprietari terrieri si ribellano invano contro le politiche di bilancio dell'imperatore. Sporadiche rivolte tribali nei Monti di Mauretanian seguita da 253 a 288 CE. La città inoltre ha sofferto di difficoltà economiche e quasi cessato l'attività di costruzione.
Quando l'Impero Romano cominciò a collassare, Africa del Nord è stato risparmiato gran parte della perturbazione fino all'invasione vandalica di 429 CE. Regni indipendenti è emerso in zone montagnose e deserto, città vennero invase e berberi, che precedentemente erano stato spinto ai bordi dell'Impero Romano, restituito.
Belisario, generale dell'imperatore bizantino Giustiniano I basata a Costantinopoli, atterrato in Africa del Nord nel 533 CE con 16.000 uomini ed entro un anno distrutto il Regno dei Vandali. Molte zone rurali ritornò alla regola di berbera e la regione come intero è stato perso dall'Impero bizantino durante le conquiste musulmane.
Tradotto dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…