Eunuchi nell'antica Cina › Cina antica › Architettura cinese antica » Origini e Storia

Articoli e definizioni › Contenuto

  • Eunuchi nell'antica Cina › origini
  • Cina antica › origini
  • Architettura cinese antica › origini

Civiltà antiche › Luoghi storici e i loro personaggi

Eunuchi nell'antica Cina › origini

Civiltà antiche

Autore: Mark Cartwright

Gli eunuchi erano potenti attori politici nell'antico governo cinese. Originari di schiavi fidati nella famiglia reale, erano ambiziosi di usare la loro posizione privilegiata per ottenere potere politico. Informando l'imperatore dall'interno del palazzo e bloccando l'accesso dei funzionari al loro sovrano, gli eunuchi furono finalmente in grado di acquisire titoli nobiliari, formare una burocrazia per rivaleggiare con lo stato e persino selezionare e rimuovere gli imperatori di loro scelta. La loro influenza sul governo porterebbe alla caduta delle dinastie e durerà fino al 17 ° secolo.

DAGLI SCHIAVI AI PESANTI POLITICI

Gli eunuchi, o "non uomini" come potevano essere conosciuti, apparvero per la prima volta nelle corti reali degli antichi stati cinesi pre-imperiali, dove furono impiegati come servitori nelle camere interne del palazzo. Erano più o meno schiavi e di solito venivano acquisiti come bambini dai territori di confine, specialmente quelli a sud. Castrati e portati a servire la famiglia reale, non avevano mezzi reali per alterare le loro vite. Gli eunuchi erano considerati i più fidati dei servi perché non potevano né sedurre le donne di famiglia né i figli di padre che potevano formare una dinastia per rivaleggiare con quella dell'imperatore seduto.
clip_image001

Eunuchi cinesi

I doveri di un eunuco, quindi, includevano esclusivamente il servizio alle donne del palazzo reale. A tutti gli altri maschi è stato vietato di pernottare nel palazzo, e ogni persona che entrava non autorizzata doveva affrontare la pena di morte. Gli eunuchi fungevano da garzoni e portatori, guardie del corpo, infermieri e svolgevano essenzialmente i ruoli di guardiani, maggiordomi, cameriere e cuochi messi insieme. Nonostante la loro posizione privilegiata, il punto di vista del pubblico in generale sugli eunuchi era estremamente negativo in quanto erano considerati la classe più bassa di tutti i servitori.
EUNUCHS CONSIGLIATI, SPIEDI E INTRIGATI IN MISURA EQUA PER ACQUISIRE LE POSIZIONI SUPERIORI DELL'APPARECCHIO DI STATO.
In contrasto con la fiducia riposta in loro dai governanti, la loro deformità fisica, il disprezzo della classe dominante e lo stigma generale a loro attribuito hanno reso gli eunuchi più propensi a cercare di sfruttare la loro posizione privilegiata e ottenere influenza politica all'interno della corte. Gli eunuchi non si accontenterebbero della vita di un semplice schiavo per molto tempo. Spesso allineandosi con i potenti monasteri buddisti, consigliavano, spiavano e incuriosivano in egual misura al fine di acquisire le posizioni migliori nell'apparato statale.
Gli eunuchi, con il loro accesso speciale alla Corte interna ( Neiting ), dove non erano permessi funzionari ordinari, potevano essere particolarmente importanti quando il sovrano non era ancora adulto e sfruttarono appieno la possibilità di non solo filtrare le comunicazioni dai ministri all'imperatore e viceversa, ma anche appuntamenti in modo che molto spesso i ministri non potessero semplicemente raggiungere un pubblico con il loro governante. Gli eunuchi si fecero ingraziarsi con l'imperatore e forse erano più compiacenti dei nobili e più studiosi studiosi di principi che rendevano l'imperatore più propenso a seguire il loro consiglio.
Un altro punto nel favore degli eunuchi era che avevano conosciuto il loro imperatore forse per tutta la sua vita e che erano gli unici maschi che il sovrano incontrò mai fino all'età adulta. Inoltre, l'imperatore sapeva che gli eunuchi non avevano una base di potere o lealtà al di fuori del tribunale, a differenza dei politici.

NELLA DINASTIA HAN

Molto spesso gli eunuchi incoraggiavano e facevano peggio le fazioni politiche, che danneggiavano l'unità del governo. Gli eunuchi sono accusati di aver giocato un ruolo importante nella caduta della dinastia Han (206 BCE - 220 CE). Durante il II secolo dC, in particolare, una serie di deboli imperatori furono facilmente manipolati dagli eunuchi a corte. Nel 124 CE hanno persino messo il proprio figlio candidato sul trono imperiale. Hanno guadagnato più favore imperiale e ulteriormente trincerato la loro posizione nel 159 CE aiutando l'imperatore Huan a risolvere una disputa di successione familiare. In segno di gratitudine, l'imperatore ha assegnato un titolo nobiliare a cinque eunuchi leader.
clip_image002

Asia orientale nell'anno 1 CE

Il potere ancora maggiore degli eunuchi portò infine funzionari governativi e studenti a riunirsi e organizzare proteste nel 166 e 168-169 CE. Gli eunuchi non sarebbero stati rimandati così leggeri e hanno istigato un'ondata di purghe che ha visto molti di coloro coinvolti nelle proteste imprigionate e 100 giustiziate. I funzionari, gli studenti e gli intellettuali più fortunati che avevano parlato contro il potere dell'eunuco erano semplicemente esclusi dal tenere un incarico pubblico. Negli eventi del 189 CE ha preso una piega ancora più brutale. Gli eunuchi assassinarono il "Grande Generale" He Jin dopo che fu scoperto che aveva complottato di radunare un esercito per purificare gli eunuchi. I seguaci del generale esigevano la vendetta immediata uccidendo tutti gli eunuchi nel palazzo. Con questo vuoto di potere seguì poi una guerra civile per il controllo dell'impero, con il risultato che gli Han caddero e la dinastia Wei fu fondata nel 220 CE.
LE EUNUCHS MANIPOLANO IL TANGCOURT E LE DIVISIONI CREATE TRA GLI UFFICI DEL GOVERNO.

IN TANG DYNASTY

Negli anni finali travagliati della Dinastia Tang (618-907 DC) gli eunuchi giocarono ancora una volta un ruolo di primo piano, questa volta nella caduta degli imperatori. In seguito alle ribellioni nelle province da parte di comandanti militari rinnegati, la corte imperiale era desiderosa di rafforzare la propria posizione e così creò un nuovo esercito di palazzo a metà dell'VIII secolo aC. Gli eunuchi furono messi a capo di questa nuova forza e presto iniziarono a creare problemi propri per l'imperatore.Proprio come nelle ere precedenti, gli eunuchi hanno manipolato la corte, creato divisioni tra i funzionari governativi e, nel IX secolo EV, hanno persino iniziato a incoronare e assassinare gli imperatori. Un imperatore autorizzò una epurazione ufficiale degli eunuchi nell'835 CE per cercare di recuperare un po 'di potere ma prima che il piano potesse essere eseguito gli eunuchi spazzarono via oltre 1.000 dei cospiratori e chiunque altro sospettassero remotamente di tentare di usurpare il loro potere.Come dimostrazione scioccante per i futuri cospiratori, tre cancellieri insieme alle loro famiglie furono giustiziati pubblicamente in uno dei mercati della capitale, Chang'an.

FAMOSI EUNUCH

Durante la dinastia Song (960-1279 dC) gli eunuchi venivano spesso fatti comandanti militari. Una di queste figure era Tong Guan (1054-1126 DC) che era il più importante generale dell'Imperatore Huizong. Vinse famose vittorie nelle regioni di confine nord-occidentale in gioventù, annullò la ribellione di Fang La nella provincia di Zhejiang e continuò a servire lealmente il suo imperatore nei suoi anni settanta. Guan è stato anche onorato con una biografia ufficiale in cui è stato registrato che era un pittore di un certo talento. La biografia, che appare nella storia della canzone, mostra il tipico disprezzo e pregiudizio che gli eunuchi hanno sofferto anche se fossero persone di talento come Guan:
Era nella sua natura essere astuto e servile. Dall'essere un accompagnatore negli appartamenti laterali del palazzo, poiché era abile nel manipolare le intenzioni pesanti e banali delle persone, era in grado, per prima cosa, di servirlo per comandare in seguito. (in Di Cosmo, 208)
Un altro famoso eunuco fu Zheng He (1371-1433 DC) che fece sette viaggi nell'Oceano Indiano per l'imperatore Chengzu.Una delle flotte di He era composta da 317 navi, tra cui 62 "navi del tesoro" piene di regali per governanti stranieri e oltre 30.000 uomini. Durante i suoi vari viaggi, seguì le rotte commerciali arabe e si fermò in posti così lontani come il Vietnam, l'Indonesia, l' India, lo Sri Lanka e l'Africa orientale. Poi è tornato in Cina e ha entusiasmato la corte con le sue catture esotiche come giraffe, leoni e favolose gemme.

ULTIMA STORIA

A partire dagli inizi del XV secolo, gli eunuchi organizzarono la loro mini-burocrazia in tribunale, dove poter scovare documenti e filtrare il contributo dei ministri del governo negli affari di stato. Comprendeva persino una filiale di servizi segreti che poteva indagare sulla corruzione o identificare i sospetti che avrebbero potuto complottare contro lo status quo e imprigionarli, picchiarli e torturarli se necessario nella prigione che gli eunuchi avevano creato a tale scopo. Alla fine del secolo, questo apparato guidato da eunuco era cresciuto in modo spettacolare fino a 12.000 dipendenti, rendendolo all'altezza della burocrazia statale ufficiale. Negli ultimi stadi della dinastia Ming (1368-1644 DC) c'erano circa 70.000 eunuchi e avevano stabilito un dominio quasi completo della corte imperiale. In quel periodo quattro famigerati dittatori - Wang Zhen, Wang Zhi, Liu Jin e Wei Zhongxian - erano tutti eunuchi.
Il potere che esercitavano e gli intrighi politici che essi suscitavano spesso portavano gli eunuchi a diventare infami, ed erano particolarmente impopolari con gli studiosi confuciani. Huang Zongxi, il pensatore neo-confuciano della dinastia Ming, riassume la visione generale degli eunuchi nella storia cinese: "Tutti hanno saputo per migliaia di anni che gli eunuchi sono come il veleno e le bestie selvagge" (in Dillon, 93).

Cina antica › origini

Definizione e origini

Autore: Joshua J. Mark

clip_image003
La Cina è un paese dell'Asia orientale la cui cultura è considerata la più antica, ancora esistente, nel mondo. Il nome "Cina" deriva dal sanscrito Cina (derivato dal nome della dinastia cinese Qin, pronunciato "Chin") che è stato tradotto come "Cin" dai persiani e sembra essere diventato popolare attraverso il commercio lungo la Via della Seta dalla Cina al resto del mondo.I romani e i greci conoscevano il paese come "Seres", "la terra da cui viene la seta "
. Il nome "Cina" non compare nella stampa occidentale fino al 1516 nelle riviste di Barbosa che narra i suoi viaggi nell'est (sebbene gli europei avessero a lungo conosciuto la Cina attraverso il commercio attraverso la Via della Seta). Marco Polo, il famoso esploratore che ha familiarizzato la Cina con l' Europa nel XIII secolo, si riferiva alla terra come "Cathay". In cinese mandarino, il paese è noto come "Zhongguo" che significa "stato centrale" o " impero medio".

PREISTORIA

Molto prima dell'avvento della civiltà riconoscibile nella regione, la terra era occupata dagli ominidi. Peking Man, un fossile del cranio scoperto nel 1927 vicino a Pechino, viveva nell'area tra 700.000 e 200.000 anni fa e Yuanmou Man, i cui resti furono rinvenuti a Yuanmou nel 1965 DC, abitarono la terra 1,7 milioni di anni fa. Le prove scoperte con questi ritrovamenti mostrano che questi primi abitanti sapevano come modellare gli strumenti di pietra e usare il fuoco. Mentre è comunemente accettato che gli esseri umani siano originati dall'Africa e poi migrati in altri punti del globo, i paleoantropologi cinesi "sostengono la teoria dell'evoluzione regionale dell'origine dell'uomo" (China.org) che rivendica una base indipendente per nascita dell'umanità. "The Shu Ape, un primate che pesa solo da 100 a 150 grammi ed è simile a un topo di dimensioni, ha vissuto [in Cina] nel Medio Eocene Epoca da 4,5 a 4 milioni di anni fa. La sua scoperta ha rappresentato una grande sfida per la teoria dell'origine africana della razza umana "(China.org). Questa sfida è considerata plausibile a causa dei legami genetici tra il fossile di Shu Ape e sia i primati avanzati che quelli inferiori, in piedi, quindi, come un "anello mancante" nel processo evolutivo. Tuttavia, se si interpretano questi dati (le conclusioni cinesi sono state contestate dalla comunità internazionale), le solide prove fornite da altri reperti confermano un'antichissima stirpe di ominidi e esseri umani in Cina e un alto livello di sofisticazione nella cultura antica. Un esempio di questo è Banpo Village, vicino a Xi'an, scoperto nel 1953 CE. Banpo è un villaggio neolitico che fu abitato tra il 4500 e il 3750 aC e comprende 45 case con i piani affondati nel terreno per una maggiore stabilità. Una trincea che circondava il villaggio forniva protezione dall'attacco e dal drenaggio, mentre le caverne artificiali scavate nel sottosuolo venivano utilizzate per immagazzinare il cibo. Il progetto del villaggio e i manufatti scoperti (come la ceramica e gli strumenti), sostengono una cultura molto avanzata al momento della sua costruzione.
È stato generalmente accettato che la "Culla della civiltà" cinese è la valle del fiume Giallo che ha dato origine a villaggi intorno al 5000 aC. Sebbene ciò sia stato contestato e siano state avanzate argomentazioni per uno sviluppo più ampio delle comunità, non vi è dubbio che la provincia di Henan, nella valle del fiume Giallo, era il sito di molti villaggi e comunità agricole.Nel 2001 CE, gli archeologi hanno scoperto due scheletri "sepolti in una casa crollata, che era ricoperta da uno spesso strato di depositi di limo provenienti dal Fiume Giallo. Nello strato di depositi, gli archeologi hanno trovato più di 20 scheletri, un altare, una piazza, vasellame e utensili in pietra e giada "(Chinapage.org). Questo sito era solo uno dei tanti villaggi preistorici della zona.

I PRIMI DINTASI

YU IL GRANDE ERA COSÌ MENTRE FOCALIZZATO SUL SUO LAVORO CHE È STATO DETTO CHE NON HA RESTITUITO LA CASA UNA VOLTA IN TUTTI QUEGLII ANNI, ANCHE SE SEMBRA CHE ABBIA PASSATO DALLA SUA CASA SU ALMENO TRE OCCASIONI...
Da questi piccoli villaggi e comunità agricole è cresciuto il governo centralizzato; il primo dei quali era la preistoria Xia Dynasty (2070-1600 aC circa). La dinastia Xia è stata considerata, per molti anni, più mito che realtà fino agli scavi negli anni '60 e '70 del secolo scorso, scoperti in siti che sostenevano fortemente la sua esistenza. Opere in bronzo e tombe indicano chiaramente un periodo evolutivo di sviluppo tra i diversi villaggi dell'età della pietra e una civilizzazione coesa e riconoscibile. La dinastia fu fondata da Yu il Grande, che lavorò instancabilmente per tredici anni per controllare l'inondazione del Fiume Giallo che distruggeva abitualmente i raccolti dell'agricoltore. Era così concentrato sul suo lavoro che si diceva che non tornasse a casa una volta in tutti quegli anni, anche se sembra che sia passato dalla sua casa in almeno tre occasioni, e questa dedica ha ispirato gli altri a seguirlo. Dopo aver controllato l'alluvione, Yu conquistò le tribù Sanmiao e fu nominato successore (dall'allora sovrano, Shun), regnando fino alla sua morte. Yu stabilì il sistema ereditario di successione e, quindi, il concetto di dinastia che è diventato più familiare. La classe dominante e l'élite vivevano in gruppi urbani mentre la popolazione contadina, che sosteneva il loro stile di vita, rimaneva in gran parte agricola, vivendo in zone rurali. Il figlio di Yu, Qi, regnò dopo di lui e il potere rimase nelle mani della famiglia fino a quando l'ultimo sovrano di Xia, Jie, fu rovesciato da Tang che stabilì la dinastia Shang (1600-1046 AC).
Tang proveniva dal regno di Shang. Le date comunemente assegnate a lui (1675-1646 aEV) non corrispondono in alcun modo agli eventi noti a cui ha preso parte e devono essere considerate errate. Ciò che si sa è che era il sovrano, o almeno un personaggio molto importante, nel regno di Shang che, intorno al 1600 aEV, guidò una rivolta contro Jie e sconfisse le sue forze nella battaglia di Mingtiao. Si pensa che la stravaganza della corte di Xia, e il conseguente peso sulla popolazione, abbiano portato a questa rivolta. Tang quindi assunse la guida della terra, abbassò le tasse, sospese i grandiosi progetti di costruzione iniziati da Jie (che stavano prosciugando i regni delle risorse) e governò con tale saggezza ed efficienza che l'arte e la cultura furono permesse di prosperare. Scrittura sviluppata sotto la dinastia Shang e metallurgia, architettura e religionein bronzo.
Prima di Shang, la gente adorava molti dei con un dio supremo, Shangti, come capo del pantheon (lo stesso modello trovato in altre culture). Shangti era considerato "il grande antenato" che presiedeva la vittoria in guerra, l'agricoltura, il tempo e il buon governo. Poiché era così remoto e così occupato, tuttavia, le persone sembrano aver richiesto più intercessori immediati per i loro bisogni e così è iniziata la pratica dell'adorazione degli antenati. Quando qualcuno è morto, si è pensato, hanno raggiunto i poteri divini e potrebbero essere chiamati per l'assistenza nei momenti di bisogno (simile alla credenza romana nei Parentes ). Questa pratica ha portato a rituali altamente sofisticati dedicati a placare gli spiriti degli antenati che alla fine includevano sepolture ornate in grandi tombe piene di tutto ciò che avrebbe avuto bisogno di godere di un confortevole aldilà.Il re, oltre ai suoi doveri secolari, servì come officiale capo e mediatore tra i vivi e i morti e il suo dominio era considerato ordinato dalla legge divina. Sebbene il famoso Mandato del Cielo sia stato sviluppato dalla successiva dinastia Zhou, l'idea di collegare un sovrano giusto con volontà divina ha le sue radici nelle credenze promosse dallo Shang.
clip_image004

Recipiente di cottura in bronzo Zhou

LA DINASTIA ZHOU

Intorno al 1046 aEV, il re Wu, della provincia di Zhou, si ribellò contro il re Zhou di Shang e sconfisse le sue forze nella battaglia di Muye, stabilendo la dinastia Zhou (1046- 256 aC circa). 1046-771 aC segna il periodo di Zhou Occidentale mentre il 771-226 aE segna il periodo di Zhou Orientale. Il Mandato dei Cieli fu invocato dal Duca di Zhou, il fratello minore del re Wu, per legittimare la rivolta poiché riteneva che gli Shang non agissero più nell'interesse del popolo. Il mandato del cielo fu quindi definito come la benedizione degli dei su un sovrano giusto e il governo su mandato divino. Quando il governo non ha più servito la volontà degli dei, quel governo sarebbe stato rovesciato. Inoltre, è stato stabilito che ci potrebbe essere un solo sovrano legittimo della Cina e che il suo governo dovrebbe essere legittimato dalla sua corretta condotta di amministratore delle terre che gli sono state affidate dal cielo. La regola poteva essere trasmessa da padre in figlio, ma solo se il bambino possedeva la virtù necessaria per governare. Questo mandato sarebbe in seguito spesso manipolato da vari governanti che affidano la successione a una progenie indegna.
Sotto lo Zhou, la cultura fiorì e la civiltà si diffuse. La scrittura fu codificata e la metallurgia del ferro divenne sempre più sofisticata. I più grandi e noti filosofi e poeti cinesi, Confucio, Mencio, Mo Ti (Mot Zu), Lao-Tzu, Tao Chien e lo stratega militare Sun-Tzu (se fosse esistito come raffigurato), provengono tutti dal periodo Zhou in La Cina e il tempo delle cento scuole di pensiero. Il carro, che è stato introdotto nella terra sotto lo Shang, è diventato più pienamente sviluppato dal Zhou.Va notato che questi periodi e queste dinastie non sono iniziate né finiscono con la stessa chiarezza con cui sembrano nei libri di storia e la Dinastia Zhou ha condiviso molte qualità con gli Shang (compresa la lingua e la religione). Mentre gli storici ritengono necessario, per motivi di chiarezza, rompere gli eventi in periodi, la dinastia Zhou è rimasta in vigore attraverso i seguenti periodi riconosciuti noti come il periodo primaverile e autunnale e il periodo degli Stati combattenti.

IL PERIODO DI PRIMAVERA E AUTUNNO E GLI STATI DI WARRING

Durante il periodo primaverile e autunnale (772-476 aEV, così chiamato dagli annali primaverili e autunnali, la cronaca ufficiale dello stato in quel momento e una fonte iniziale che menzionava il generale Sun-Tzu), il governo Zhou divenne decentralizzato nel suo la nuova capitale a Luoyang, che segna la fine del periodo "Western Zhou" e l'inizio di "Eastern Zhou". Questo è il periodo più noto per i progressi della filosofia, della poesia e delle arti e vide l'ascesa del pensiero confuciano, taoista e mohista. Allo stesso tempo, tuttavia, i diversi stati si stavano allontanando dal governo centrale di Luoyang e si proclamavano sovrani. Questo, quindi, portò al cosiddetto Periodo degli Stati Combattenti (476-221 aEV) in cui sette stati combatterono l'uno con l'altro per il controllo. I sette stati erano Chu, Han, Qi, Qin, Wei, Yan e Zhao che tutti si consideravano sovrani, ma nessuno si sentiva sicuro di rivendicare il Mandato del Cielo ancora detenuto dallo Zhou di Luoyang. Tutti e sette gli stati hanno usato le stesse tattiche e hanno osservato le stesse regole di condotta in battaglia e quindi nessuno avrebbe potuto ottenere il vantaggio sugli altri. Questa situazione fu sfruttata dal filosofo pacifista Mo Ti, un ingegnere esperto, che prese la sua missione di fornire a ogni stato la stessa conoscenza delle fortificazioni e delle scale d'assedio nella speranza di neutralizzare il vantaggio di uno stato e di porre fine alla guerra. Tuttavia, i suoi sforzi non hanno avuto successo e, tra il 262 e il 260 aEV, lo stato di Qin ha conquistato la supremazia su Zhao, sconfiggendolo definitivamente nella Battaglia di Changping.
Uno statista di Qin di nome Shang Yang (morto nel 338 aC), un grande sostenitore dell'efficienza e della legge, aveva riguadagnato la comprensione della guerra da parte dei Qin per concentrarsi sulla vittoria ad ogni costo. Sia che Sun-Tzu o Shang Yang siano accreditati con la riforma del protocollo militare e della strategia in Cina dipende dall'accettazione della storicità di Sun-Tzu. Se Sun-Tzu esistesse come sostiene la gente, tuttavia, è molto probabile che Shang Yang abbia conosciuto la famosa opera, The Art of War, che porta il nome di Sun-Tzu come autore. Prima di queste riforme, la guerra era considerata il gioco di abilità di un nobile con regole ben precise dettate dalla cortesia e dalla volontà percepita del cielo.Uno non ha attaccato i deboli o gli impreparati e ci si aspettava che ritardasse l'impegno fino a quando un avversario non si fosse mobilitato e formato sul campo. Shang sostenne la guerra totale alla ricerca della vittoria e consigliò di prendere le forze nemiche con qualsiasi mezzo fosse a portata di mano. I principi di Shang erano conosciuti a Qin, e serviti a Changping (dove oltre 450.000 soldati Zhao catturati furono giustiziati dopo la battaglia) dando alla Qin il vantaggio che stavano aspettando.Tuttavia, non hanno fatto un uso più efficace di queste tattiche fino all'ascesa di Ying Zheng, re di Qin. Utilizzando le direttive di Shang e con un esercito di considerevoli dimensioni che utilizza carri e armi di ferro, Ying Zheng emerse dal conflitto degli Stati Combattenti supremo nel 221 aEV, sottomettendo e unificando gli altri sei stati sotto il suo governo e proclamandosi Shi Huangdi - " Primo Imperatore" - della Cina.
clip_image005

Mappa dell'Impero Qin

LA DINASTIA QIN

Shi Huangdi fondò così la dinastia Qin (221-206 AC) che è anche conosciuta come l'era imperiale in Cina. Ordinò la distruzione delle fortificazioni murate che avevano separato i diversi stati e commissionò la costruzione di un grande murolungo il confine settentrionale del suo regno. Anche se oggi rimane poco del muro originale di Shi Huangdi, la Grande Muraglia cinese fu iniziata sotto il suo dominio.
Si estendeva per oltre 5.000 chilometri (3.000 miglia) attraverso collina e pianura, dai confini della Corea ad est fino al fastidioso deserto di Ordos ad ovest. Fu un'enorme impresa logistica, sebbene per gran parte del suo corso incorporasse lunghezze di precedenti mura costruite dai regni cinesi separati per difendere le loro frontiere settentrionali nel quarto e nel terzo secolo. (Scarre e Fagan, 382).
Shi Huangdi ha anche rafforzato le infrastrutture attraverso la costruzione di strade che hanno contribuito ad aumentare il commercio attraverso la facilità dei viaggi.
Cinque strade principali conducevano dalla capitale imperiale a Xianyang, ciascuna dotata di forze di polizia e stazioni di posta. La maggior parte di queste strade era di costruzione di terra battuta ed era larga 15 metri (50 piedi). La più lunga correva a sud-ovest per 7.500 chilometri (4.500 miglia) fino alla regione di frontiera dello Yunnan. La campagna era così precipitosa che le sezioni della strada dovevano essere ricavate da pareti verticali su gallerie di legno sporgenti. (Scarre e Fagan, 382).
Shi Huangdi allargò anche i confini del suo impero, costruì il Canal Grande nel sud, ridistribuì la terra e, inizialmente, fu un giusto e giusto sovrano.
Mentre faceva grandi passi avanti nella costruzione di progetti e campagne militari, il suo governo divenne sempre più caratterizzato da una mano pesante nella politica interna. Reclamando il mandato dal Cielo, soppresse tutte le filosofie tranne il legalismo sviluppato da Shang Yang e, ascoltando il consiglio del suo principale consigliere, Li Siu, ordinò la distruzione di qualsiasi libro di storia o di filosofia che non corrispondesse al legalismo, la sua linea di famiglia, lo stato di Qin o se stesso.
Poiché i libri venivano poi scritti su strisce di bambù fissate con perni girevoli, e un volume poteva essere di un certo peso, gli studiosi che cercavano di eludere l'ordine furono messi a dura prova. Ne sono stati individuati un numero; la tradizione dice che molti di loro furono mandati a lavorare sulla Grande Muraglia, e che quattrocentosessanta furono messi a morte. Tuttavia alcuni dei letterati memorizzarono le opere complete di Confucio e le passarono di bocca in bocca a pari ricordi. (Durant, 697).
Questo atto, insieme alla soppressione delle libertà generali di Shi Huangdi, inclusa la libertà di parola, lo rese progressivamente più impopolare.
L'adorazione degli antenati del passato, e la terra dei morti, cominciò a interessare l'imperatore più del suo regno dei viventi e Shi Huangti divenne sempre più assorbito da ciò in cui consisteva questo altro mondo e da come avrebbe potuto evitare di viaggiare lì. Sembra che abbia sviluppato un'ossessione per la morte, diventando sempre più paranoico per quanto riguarda la sua sicurezza personale e ardentemente ricercato l'immortalità. Il suo desiderio di provvedere a se stesso un aldilà commisurato al suo presente lo portò a commissionare un palazzo costruito per la sua tomba e un esercito di oltre 8.000 guerrieri di terracotta creati per servirlo nell'eternità. Questo esercito di ceramica, sepolto con lui, comprendeva anche carri di terracotta, cavalleria, un comandante in capo e vari uccelli e animali. Si dice che sia morto mentre era alla ricerca di un elisir di immortalità e Li Siu, sperando di ottenere il controllo del governo, mantenne la sua morte un segreto fino a quando non poté cambiare la sua volontà per nominare il suo figlio flessibile, Hu-Hai, come erede. Questo piano si dimostrò insostenibile, tuttavia, dal momento che il giovane principe si dimostrò piuttosto instabile, eseguendo molti e iniziando una ribellione diffusa nella terra. Poco dopo la morte di Shi Huangdi, la Dinastia Qin rapidamente crollò attraverso l'intrigo e l'inettitudine di persone come Hu-Hai, Li Siu, e un altro consigliere, Zhao Gao, e la Dinastia Han iniziò con l'adesione di Liu-Bang.

LA CONTENUTA CHU-HAN

Con la caduta della dinastia Qin, la Cina era precipitata nel caos. Due generali emersero tra le forze che si ribellarono contro i Qin, il principe Liu-Bang di Hanzhong e il re Xiang-Yu dello stato di Chu, che combatterono per il controllo del governo. Xiang-Yu, che si era dimostrato il più formidabile avversario dei Qin, assegnò a Liu-Bang il titolo di "Re degli Han" in riconoscimento della decisiva sconfitta di Liu-Bang delle forze Qin nella battaglia finale. I due ex alleati divennero presto antagonisti, tuttavia, nella lotta per il potere conosciuta come la contesa Chu-Han finché Xiang-Yu negoziò il trattato di Hong Canal e portò una pace temporanea. Xiang-Yu suggerì di dividere la Cina sotto il dominio di Chu a est e Han a ovest, ma Liu-Bang voleva una Cina unita sotto il dominio di Han e, spezzando il trattato, riprese le ostilità. Alla battaglia di Gaixia nel 202 AC, il grande generale di Liu-Bang, Han-Xin, intrappolò e sconfisse le forze di Chu sotto Xiang-Yu e Liu-Bang fu proclamato imperatore (noto ai posteri come l'imperatore Gaozu di Han). Xiang-Yu si è suicidato ma alla sua famiglia è stato permesso di vivere e persino di servire in posizioni governative. Liu-Bang ha trattato tutti i suoi ex avversari con rispetto e ha unito la terra sotto il suo dominio. Spinse indietro le tribù nomadi di Xiongnu, che avevano fatto incursioni in Cina, e fece pace con gli altri stati che si erano ribellati contro la fallimentare dinastia Qin. La dinastia Han (che trae il suo nome dalla casa di Liu-Bang nella provincia di Hanzhong) governerà la Cina, con una breve interruzione, per i prossimi 400 anni, dal 202 BCE al 220 CE.
clip_image006

Han Dynasty Farm Model

THE HAN DYNASTY

La risultante pace avviata da Liu-Bang ha portato la stabilità necessaria affinché la cultura possa prosperare e crescere di nuovo. Il commercio con l'occidente è iniziato durante questo periodo e le arti e la tecnologia sono aumentate in sofisticazione.Gli Han sono considerati la prima dinastia a scrivere la loro storia ma, poiché Shi Huangti ha distrutto così tanti dei documenti scritti di coloro che sono venuti prima di lui, questa affermazione è spesso contestata. Non c'è dubbio, tuttavia, che grandi progressi sono stati fatti sotto l'Han in ogni area della cultura. Il Canone della Medicina dell'Imperatore Giallo, la primissima documentazione scritta della Cina sulla medicina fu codificata durante la dinastia Han. La polvere da sparo, che i cinesi avevano già inventato, divenne più raffinata. La carta è stata inventata in questo momento e la scrittura è diventata più sofisticata. Liu-Bang ha abbracciato il confucianesimo e ne ha fatto la filosofia esclusiva del governo, stabilendo uno schema che continuerà fino ai giorni nostri. Anche così, a differenza di Shi Huangti, praticò la tolleranza per tutte le altre filosofie e, di conseguenza, la letteratura e l'educazione prosperarono sotto il suo regno. Ridusse le tasse e sciolse il suo esercito che, tuttavia, si mobilitò senza indugio quando fu chiamato.
Dopo la sua morte nel 195 AC, il principe ereditario Liu Ying gli succedette e continuò la sua politica. Questi programmi mantenevano stabilità e cultura permettendo al più grande degli imperatori Han, Wu Ti (noto anche come Han Wu il Grande, 141-87 aEV), di imbarcarsi nelle sue imprese di espansione, opere pubbliche e iniziative culturali. Mandò il suo emissario Zhang Qian a ovest nel 138 aC, che provocò l'apertura ufficiale della Via della Seta nel 130 AC. Il confucianesimo fu inoltre incorporato come la dottrina ufficiale del governo e Wu Ti fondò scuole in tutto l'impero per promuovere l'alfabetizzazione e insegnare i precetti confuciani. Ha anche riformato i trasporti, le strade e il commercio e ha decretato molti altri progetti pubblici, impiegando milioni di lavoratori statali in queste imprese. Dopo Wu Ti, i suoi successori, più o meno, mantennero la sua visione per la Cina e godettero di eguale successo.
L'aumento della ricchezza portò alla nascita di grandi latifondi e alla prosperità generale ma, per i contadini che lavoravano nella terra, la vita divenne sempre più difficile. Nel 9 EV, il reggente attore, Wang Mang, usurpò il controllo del governo rivendicando il Mandato del Paradiso per se stesso e dichiarando la fine della dinastia Han. Wang Mang fondò la Xin Dynasty (9-23 CE) su una piattaforma di ampia riforma agraria e ridistribuzione della ricchezza. Inizialmente ebbe un enorme sostegno dalla popolazione contadina e fu osteggiato dai proprietari terrieri. I suoi programmi, tuttavia, furono mal concepiti ed eseguiti con conseguente disoccupazione diffusa e risentimento. Le insurrezioni e le inondazioni del Fiume Giallo hanno ulteriormente destabilizzato il governo di Wang Mang ed è stato assassinato da una folla inferocita di contadini per conto dei quali aveva apparentemente preso il governo e avviato le sue riforme.

LA CADUTA DI HAN E LA SORGENTE DELLA XIN DYNASTY

L'ascesa della Dinastia Xin terminò il periodo noto come Han Occidentale e la sua fine portò alla creazione del periodo di Han Orientale. L'imperatore Guang-Wu restituì le terre ai ricchi proprietari terrieri e ristabilì l'ordine nel paese, mantenendo le politiche dei precedenti sovrani occidentali. Guang-Wu, nel recuperare terre perse sotto la dinastia Xin, fu costretto a passare gran parte del suo tempo a reprimere ribellioni e ristabilire il dominio cinese nelle regioni della moderna Corea e del Vietnam.La Trung Sisters Rebellion del 39 EV, guidata da due sorelle, richiedeva "dieci strane migliaia di uomini" (secondo il verbale ufficiale dello stato di Han) e quattro anni di abbattimento. Anche così, l'imperatore consolidò il suo dominio e allargò persino i suoi confini, fornendo stabilità che diede origine ad un aumento del commercio e della prosperità. Al tempo dell'imperatore Zhang (75-88 dC), la Cina era così prospera che collaborava con tutte le principali nazioni del tempo e continuò in questo modo dopo la sua morte. I Romani sotto Marco Aurelio, nel 166 EV, consideravano la seta cinese più preziosa dell'oro e pagavano alla Cina qualunque prezzo fosse richiesto.
Le dispute tra la nobiltà terriera e i contadini, tuttavia, continuarono a causare problemi al governo come esemplificato nella Ribellione dei Turbanti Gialli e nei Cinque becchi di ribellione del riso (entrambi nel 184 dC). Mentre i Cinque becchi della ribellione di riso iniziarono come conflitto religioso, coinvolse un gran numero di classi contadine in contrasto con gli ideali confuciani del governo e dell'élite. Il potere del governo di controllare il popolo iniziò a disintegrarsi fino a quando scoppiò la ribellione su vasta scala. I generali ribelli Cao Cao e Yuan-Shao si sono quindi combattuti per il controllo della terra con Cao Cao che sta emergendo vittorioso. Cao fu quindi sconfitto nella Battaglia delle Scogliere Rosse nel 208 CE e la Cina divisa in tre regni in guerra: Cao Wei, Wu orientale e Shu Han.
La Dinastia Han era ora un ricordo e altre dinastie di breve durata (come Wei e Jin, Wu Hu e Sui ) presero il controllo del governo e iniziarono le loro piattaforme da circa 208-618 CE. La dinastia Sui (589-618 DC) finalmente riuscì a riunire la Cina nel 589 CE. L'importanza della dinastia Sui sta nella sua implementazione di una burocrazia altamente efficiente che ha semplificato l'operato del governo e ha portato a una maggiore facilità nel mantenere l'impero. Sotto l'imperatore Wen, e poi suo figlio, Yang, fu costruito il Canal Grande, la Grande Muraglia fu ingrandita e le parti ricostruite, l'esercito fu aumentato al più grande registrato nel mondo in quel momento, e le monete furono standardizzate attraverso il regno. La letteratura fiorì e si pensa che la famosa leggenda di Hua Mulan, su una ragazza che prende il posto di suo padre nell'esercito, fosse composta, o almeno calata, in questo momento (la dinastia Wei è stata anche citata come l'era della composizione del poema).Sfortunatamente, sia Wen che Yang non erano contenti della stabilità interna e organizzarono massicce spedizioni contro la penisola coreana. Wen aveva già mandato in bancarotta il tesoro attraverso i suoi progetti di costruzione e le sue campagne militari e Yang seguì l'esempio del padre e fallì ugualmente nei suoi tentativi di conquista militare. Yang fu assassinato nel 618 aEV da cui scatenò la rivolta di Li-Yuan che prese il controllo del governo e si fece chiamare l'imperatore Gao-Tzu di Tang.
clip_image007

Tang Dynasty Camel

LA DINASTIA TANG

La dinastia Tang (618-907 DC) è considerata l'età dell'oro della civiltà cinese. Gao-Tzu mantenne con prudenza e migliorò la burocrazia avviata dalla dinastia Sui mentre si occupava di stravaganti operazioni militari e progetti di costruzione. Con piccole modifiche, le politiche burocratiche della dinastia Tang sono ancora in uso nel governo cinese nei tempi moderni. Nonostante il suo governo efficiente, Gao-Tzu fu deposto da suo figlio, Li-Shimin, nel 626 CE. Dopo aver assassinato suo padre, Li-Shimin ha poi ucciso i suoi fratelli e altri della casa nobiliare e ha assunto il titolo di Imperatore Taizong. Tuttavia, dopo il sanguinoso colpo di stato, Taizong decretò la costruzione di templi buddhisti nei siti delle battaglie e la commemorazione dei caduti.Continuando e sviluppando i concetti dell'adorazione degli antenati e del Mandato dei cieli, Taizong rivendicò la volontà divina nelle sue azioni e intimò che quelli che aveva ucciso ora erano i suoi consiglieri nell'aldilà. Come dimostrò di essere un sovrano straordinariamente efficiente, oltre che un abile stratega e guerriero militare, il suo colpo di stato fu indiscusso e si dedicò al compito di governare il suo vasto impero.
Taizong seguì i precetti di suo padre nel mantenere gran parte di ciò che era buono dalla dinastia Sui e nel migliorarlo. Questo può essere visto specialmente nel codice legale di Taizong che ha attinto pesantemente ai concetti di Sui, ma li ha ampliati per specificità di crimine e punizione. Ignorò tuttavia il modello di politica estera di suo padre e intraprese una serie di campagne militari di successo che estesero e assicurarono il suo impero e servirono anche a diffondere il suo codice legale e la cultura cinese. Il commercio fiorì nell'impero e, lungo la Via della seta, con l'Occidente. Essendo ora caduta Roma, l' impero bizantino divenne un primo acquirente della seta cinese. Al tempo del dominio dell'imperatore Xuanzong (712-756 DC) la Cina era il paese più grande, più popoloso e più prospero del mondo. A causa della grande popolazione, gli eserciti di molte migliaia di uomini potevano essere arruolati in servizio e le campagne militari contro i nomadi turchi oi ribelli nazionali erano rapidi e di successo. L'arte, la tecnologia e la scienza prosperarono sotto la dinastia Tang (anche se il punto più alto nelle scienze è considerato la successiva dinastia Sung del 960-1234 dC) e alcuni dei pezzi più impressionanti della scultura cinese e dell'argento -work provengono da questo periodo.

LA CADUTA DI TANG & AUMENTO DELLA DINASTIA DEL CANZONE

Tuttavia, il governo centrale non era universalmente ammirato e le rivolte regionali erano una preoccupazione costante. La più importante di queste fu la ribellione degli An Shi (conosciuta anche come ribellione An Lushan) del 755 CE. Il generale An Lushan, uno dei favoriti della corte imperiale, si ritrasse contro ciò che considerava eccessiva stravaganza nel governo. Con una forza di oltre 100.000 truppe, si ribellò e si dichiarò il nuovo imperatore dai precetti del Mandato dei Cieli. Sebbene la sua rivolta fu messa giù nel 763 EV, le cause alla base dell'insurrezione e ulteriori azioni militari continuarono a tormentare il governo fino al 779 CE. La conseguenza più evidente della ribellione di An Lushan fu una drammatica riduzione della popolazione cinese. È stato stimato che quasi 36 milioni di persone sono morte come conseguenza diretta della ribellione, sia in battaglia, in rappresaglie, o attraverso la malattia e la mancanza di risorse. Il commercio ha sofferto, le tasse non sono state raccolte e il governo, che era fuggito da Chang'an quando è iniziata la rivolta, è stato inefficace nel mantenere qualsiasi tipo di presenza significativa. La dinastia Tang continuò a soffrire di rivolte interne e, dopo la Rivolta di Huang Chao (874-884 DC) non si riprese mai. Il paese si ruppe nel periodo noto come Le cinque dinastie e dieci regni (907-960 dC), con ogni regime che rivendicava la sua legittimità, fino all'ascesa della dinastia Song (alias Sung).
Con la canzone, la Cina è tornata stabile e istituzioni, leggi e costumi sono stati ulteriormente codificati e integrati nella cultura.Il neoconfucianesimo divenne la filosofia più popolare del paese, influenzando queste leggi e consuetudini e dando forma alla cultura cinese riconoscibile nei tempi moderni. Eppure, nonostante i progressi in ogni area della civiltà e della cultura, l'antica lotta tra i ricchi proprietari terrieri ei contadini che lavorarono quella terra continuò nei secoli successivi. Le rivolte contadine periodiche furono schiacciate il più rapidamente possibile, ma nessun rimedio per le lamentele del popolo fu mai offerto e ogni azione militare continuò ad affrontare il sintomo del problema invece del problema stesso. Nel 1949 CE, Mao Tse Tung guidò la rivoluzione popolare in Cina, rovesciare il governo e istituire la Repubblica popolare cinese sulla premessa che, alla fine, tutti sarebbero stati ugualmente benestanti.

Architettura cinese antica › origini

Definizione e origini

Autore: Mark Cartwright

clip_image008
Composti murati, padiglioni rialzati, colonne e pannelli in legno, tegole smaltate gialle, giardini paesaggistici, e un'attenta applicazione dell'urbanistica e dell'uso dello spazio sono tutti elementi degni di nota dell'architettura dell'antica Cina, con molti di loro che giocano ancora una parte importante nell'architettura moderna in tutta l'Asia orientale. Gli architetti furono influenzati da idee dell'India e del Buddismo che nacquero lì, ma gli edifici della Cina antica rimasero notevolmente costanti nell'aspetto fondamentale nel corso dei secoli, ispirando gran parte dell'architettura di altri stati dell'Asia orientale confinanti, specialmente nell'antico Giappone e Corea. Sfortunatamente, pochi antichi edifici cinesi sopravvivono oggi, ma le ricostruzioni possono essere fatte sulla base di modelli in argilla, descrizioni in testi contemporanei e rappresentazioni in arte come dipinti murali e vasi di bronzo incisi.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

L'architettura cinese rimase straordinariamente costante in tutta la storia del paese. A partire dalla regione della terra gialla, gli stessi tipi di materiali e strutture sono stati impiegati per secoli. Il legno era sempre preferito piuttosto che pietra, e il materiale del tetto scelto era piastrelle di ceramica smaltata. L'edificio più tipico, almeno per le strutture più grandi per l'elite o per l'uso pubblico come i templi, le sale e le torri delle porte, fu costruito su una piattaforma rialzata fatta di terra compatta e rivestita di mattoni o pietra. I primi esempi risalgono alla dinastia Shang (1600 circa - 1046 AC) e con il passare del tempo diventano più grandi con più livelli aggiunti per creare un impressionante terrazzo a gradoni. Esempi di fondazioni di terra nei siti di Erlitou, che datano tra il c. 1900 e c. 1550 BCE, vanno da 300 metri quadrati a 9.600 metri quadrati e spesso includono tubature sotterranee in ceramica.
EDIFICI CINESI UTILIZZATI COLORI LUMINOSI: VERMIGLIO PER COLONNE, GIALLO PER PIASTRELLE LUCIDATE E VERDE PER PARTI DECORATIVE COME LE STAFFE SOTTO LE EAVES.
Il tipo di edificio più comune aveva postazioni di legno regolarmente distanziate, rinforzate da traverse orizzontali. Per proteggere meglio l'edificio dai danni causati dal terremoto, sono stati utilizzati pochissimi chiodi e le giunzioni tra le parti in legno sono state realizzate per interbloccare usando mortase e tenoni che hanno conferito maggiore flessibilità.I montanti in legno supportato un tetto di paglia in architettura prima e poi due spioventi e tetto di tegole con angoli leggera curvatura verso l'esterno e verso l'alto in corrispondenza degli angoli. Dal 3 ° secolo dC anca e tetti a capanna sono comuni. Non ci sono prove della cupola in architettura cinese, inutile comunque con strutture in legno, anche se in pietra e mattoni tombe di varie epoche si dispone di arco porte e volte o tetti a sbalzo.
clip_image009

Porta Towers, Chang'an

Per distribuire il peso del tetto sui montanti in legno di supporto e permettere il tetto di diffondersi oltre l'area dell'edificio stesso, il dougongcreato che è una staffa di adesione superiore del post e trave orizzontale. E 'probabile che la progettazione di tetti, che proiettano oltre le pareti dell'edificio - una caratteristica tipica dell'architettura asiatica - è stato destinato prima a proteggere le colonne di legno e le loro basi dal deterioramento dovuto a esposizione alla pioggia. In un desiderio di creare spazio più chiaro nel interno dell'edificio, meno colonne sono stati utilizzati e la struttura del tetto rese più complesse per diffondere il peso ulteriormente, risultato ottenuto combinando staffe con travi a sbalzo e trasversali sotto le travi del tetto. Nel frattempo, sul lato esterno, edifici cinesi utilizzati colori vivaci con vernice vermiglia applicata ai pilastri e balaustre, giallo per tegole smaltate, e vernice verde per le parti decorative, come le staffe sotto la grondaia.
Buddisti templi seguirono la stessa formula di base come descritto sopra. Anche se nessuno sopravvive oggi, esempi possono essere visti nel 7 ° secolo dC Horyuji tempio complesso e la Kofukuji complesso, sia nei pressi di Nara in Giappone, che fedelmente copiato l'architettura del tempio a Chang'an, la Tang capitale. La maggior parte dei templi sono stati costruiti su un preciso orientamento bussola e gli edifici in una piattaforma rialzata di non meno di un metro di altezza. Edifici sussidiari erano disposti simmetricamente attorno all'edificio principale tempio che potrebbe avere più di un piano, una rarità nell'architettura cinese.
La prova più tangibile di influenza su architettura cinese in India è la costruzione pagoda. Derivato dal stupa edificio, gli architetti cinesi hanno fatto la struttura pagoda molto più grandiosa e ha aggiunto molte altre storie, spesso fino a dodici. Tuttavia, le torri erano per mostrare solo ed i differenti storie non erano per uso, quindi la riduzione delle dimensioni di ogni storia successiva e la mancanza di accesso ad essi. Le balaustre spesso aggiunti su ogni piano sono stati solo una parte l'illusione che ogni piano era accessibile.
Pagode erano in legno intorno ad una centrale in legno colonna, e solo in seguito erano pietra e mattoni utilizzati, pur legno fatto una rimonta quando è stato realizzato un maggiore altezza era possibile utilizzando tale materiale. E 'probabile pagode erano coperte di intonaco di calce ad imitare le strutture in pietra che copiati da India. La pagoda anche fornito l'idea per torri monumentali tombe per segnare. Queste sono strutture a più piani tipicamente quadrati spesso con finestre su ogni livello, sempre per fornire l'illusione di accessibilità e non avendo alcuna funzione particolare se non per impressionare lo spettatore a distanza. Un buon esempio è l'8 ° secolo CE tomba pagoda di Xuan Zang nella provincia di Henan.
clip_image010

Pagoda, Tempio Tianning

Chinese architecture was, in the main, then, remarkably constant. One of the few developments was to simplify the roof beams to make the structure lighter and to increase the height of the supporting pillars to give a more elegant proportion of height against width. Roofs also became much more curved at the corners. Another change was the eventual addition of decorative tiles and figures such as dragons to the ends and ridges of roofs. The extra weight of these roof additions was carried by better design in roof brackets and clustering four on one column, employing more cantilevered beams and using wider column capitals.

CITY PLANNING

Town planning was of particular concern to the Chinese and was best seen in their two longest-serving capitals of Luoyangand Chang'an. There the cities were laid out with wide avenues and smaller secondary streets crossing each other at right angles to create a carpet of precise rectangles. The entire area, some 8,000 hectares in the case of the larger cities, was surrounded by a sloping wall which could be up to 10 metres high. Towered gates gave access to the city, with Luoyang, for example, having 12.
The location of individual buildings was often decided based on the surrounding geography. Many important buildings and royal palaces were aligned on a north-south axis with the main entrance facing south. If a building was composed of different parts joined by intervening courtyards, these were all aligned on the same axis one behind another. Less important structures were built on the east and west sides of the main buildings.
clip_image011

Chang'an Street Plan

The relationship between buildings and between rooms within those buildings was also important to the Chinese. Architecture could be used to express social and political hierarchies as the historian ME Lewis here explains:
From earliest times, Chinese political power was articulated in terms of the authority of the inner over the outer. Temples, palaces, and houses in early China and throughout its history were walled on the outside, and the first buildings encountered after entering the gate were the more public ones where men conducted their business. Here "insiders", that is, members of a family or the ruler and his household, would receive people from the outside. As a visitor moved toward the back, buildings became more "inner" and private, and access to them became more restricted. In a residential compound, these buildings would be the private chambers of the men and women of the house. In an imperial palace, these buildings would be the emperor's living quarters, which in the Han dynasty became the locus of the inner court. (163)
Regarding the imperial palace complexes of successive dynasties, the movement from outer to inner involved crossing a number of intervening courtyards, and at each new perimeter officials would have met and vetted the visitor, with the right of access becoming ever-more limited. Thus, not for nothing would the emperor's palace eventually acquire the name, the “Forbidden City” with the consequence that, "Power and prestige were marked by the ability to move ever inward into the holy of holies that was the imperial presence" (Lewis, 164). The huge and impressive royal palaces, then, dominated the capital city and became a symbol of the presence yet invisibility of the Chinese emperor.

DOMESTIC ARCHITECTURE

The small private homes of the ancient Chinese were usually built from dried mud, rough stones, and wood. The most ancient houses are square, rectangular, or oval. They had thatch roofs (eg of straw or reed bundles) supported by wooden poles, the foundation holes for which are often still visible. House remains excavated at Neolithic Yangshao period sites (5000-3000 BCE) indicate houses were built with a subterranean level. Houses at Banpo in Shaanxi were sunk some 60 or 70 cm below the ground surface, but examples elsewhere (eg at Anyang) were up to three metres below ground. Often villages consist of a cluster of five dwellings built around a shared courtyard. Some houses are quite large, measuring 16 x 15 metres. The interiors have a hearth and raised surfaces for beds, sometimes the floor was covered with white or yellow clay, and many have storage pits. Houses in areas prone to flooding, such as the lower Yangtze River, region were built on stilts. Raised houses of this type are depicted on engraved bronze vessels.
clip_image006[1]

Han Dynasty Farm Model

Costruzioni successive hanno colonne poggiante su basi di pietra o bronzo che sono impostati poco sotto il livello del suolo, spesso su una cava di ghiaia-riempita. Avevano semplice terracotta tegola, tetti spioventi con tegole avendo perforazioni o manopole per aiutarli a interblocco. Il loro design è possibile ricostruire dai modelli di argilla di edifici che sono stati comunemente lasciati nelle tombe del Han dinastia (206 aC - 220 dC). Questi modelli sono spesso di fabbricati agricoli modesti che sono costruiti intorno ad un piccolo cortile interno e, talvolta, con un composto adiacente per gli animali.
PRIVATE CASE CINESI IN città imperiali avevano camere Collegamento di più, con la costruzione SCHERMATA dalla strada da un alto muro.
Vi sono prove di alternative all'architettura comune di legno e mattoni di fango essiccati. Gli spazi di parete tra colonne di legno possono in alcuni casi essere stati riempiti con pannelli di legno laccato piuttosto che con fango. Tali pannelli erano intagliati e intarsiati; esempi sopravvissuti sono stati trovati a Xiaotun. In alternativa, le tombe dell'Henan durante il II e il I secolo aC furono costruite con mattoni di argilla cava, come le mura di fortificazione e le torri d'avvistamento dell'epoca, e sembra ragionevole supporre che lo stesso materiale fosse usato in alcune architetture domestiche, anche se si preferiva il legno.
Le case private cinesi nelle città imperiali avevano diverse stanze tutte interconnesse tra di loro e l'intero edificio era schermato dalla strada da un alto muro. Il riscaldamento è stato fornito da tubi sotto pavimento. Case in zone più rurali e regioni più calde avevano stanze che si aprivano direttamente sulla strada o sui campi.

CAVE ARCHITETTURA

I santuari delle caverne cinesi di solito consistono in un'unica camera rettangolare scavata nella roccia e molte nicchie tagliate nelle pareti. La facciata è stata avvicinata da una scala scavata nella roccia o fatta di legno, e molte grotte sono collegate l'una all'altra da passerelle e verande.
Le grotte di Longmen (dette anche grotte di Longmen) sono forse il gruppo più famoso e consistono in centinaia di santuari e sculture prevalentemente buddisti creati dal V secolo aC in poi. Situato vicino all'ex capitale Luoyang, le grotte sono state scolpite, utilizzate e ampliate da diverse dinastie cinesi, in particolare Wei e Tang del nord. Scavato tra le rocce calcaree che delimitano il fiume Luo, il sito vanta santuari rupestri, sculture a figure di grandezza naturale e innumerevoli iscrizioni di elogi e preghiere. Le figure scavate nella roccia di Longmen possono raggiungere un'altezza di oltre 17 metri e raffigurano Buddha, bodhisattva e figure di guardiani demoniaci.
Un altro impressionante gruppo di santuari e sculture buddiste può essere visto presso le grotte di Yungang vicino alla moderna città di Datong. Creato anche dal Wei del Nord, il primo gruppo di 53 caverne del sito è stato scolpito dalle scogliere di arenaria anche prima delle Grotte di Longmen, a volte tra il 460 e il 494 DC. Il sito vanta oltre 50.000 immagini buddiste.

IL GRANDE MURO

Il più famoso risultato architettonico dell'antica Cina è senza dubbio la Grande Muraglia Cinese, in gran parte costruita durante il regno dell'imperatore Qin Shi Huangti negli ultimi decenni del 3 ° secolo aC. Il muro inglobò molti tratti di mura difensive più antiche e fu nuovamente esteso durante la dinastia Han usando pietra e mattoni. Estendendosi a circa 5.000 chilometri dalla provincia di Gansu ad est fino alla penisola di Liaodong (anche se non senza soste), è stato progettato per aiutare a proteggere la frontiera settentrionale della Cina contro l'invasione dalle tribù delle steppe nomadi. Le torri di guardia quadrate erano costruite nel muro a intervalli regolari, e una comunicazione veloce tra di loro era possibile grazie ai cavalieri dei carri che avevano abbastanza spazio per cavalcare lungo la cima delle mura.

Licenza

Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:
con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported.Licenza CC-BY-NC-SA