Sommario: le quattro stagioni | Antonio Vivaldi

Famoso gioiello di musica barocca, i concerti delle quattro stagioni sono i pezzi più universali di Antonio Vivaldi e il suo tempo. Pubblicato ad Amsterdam all'interno della raccolta Il cimento dell'armonia e dell'inventione op. 8, ciascuno di questi quattro concerti per strumenti a corda chiamati dal titolo una stagione dell'anno.

Antonio Vivaldi
L'ensemble strumentale è costituito da un violino solista, di primi e secondi violini, viole, violoncelli e contrabbassi, con il sostegno del Basso continuo (clavicembalo e organo). Spesso derivano da diversi violini da solo, unendo il violino principale, formando così chiamato concertino del "concerto grosso"; Tuttavia, il violino solista emerge quasi sempre sulla massa della corda, cosicché ottiene una media tra il "concerto grosso" e "concerto solo" sul diagramma allegro-adagio-allegro.
Ogni concerto è anteposto un "dimostrativo sonetto" per l'illustrazione delle immagini evocato nella musica. Prima del primo sonetto concerto, primavera, inizio: la primavera è qui e felice / uccelli salutano con il suo canto, / e fonti per il suono del vento morbido / con dolce mormorio flusso in entrambi. Allora venite lampi e tuoni, che gli uccelli tornano a gorgheggiare a cesar. Ciò forma il soggetto del primo Allegro in mi maggiore, penetrato vitalità gioiosa e piena di cinguettio passaggi dei violini si alternano con ondulazioni lisce e impetuoso tremolo.

Antonio Vivaldi. La primavera. Allegro [3' 35 '].
La seconda volta, a lungo in c sharp minor, descrive il sogno del pastore, dormito tra il mormorio delle fronde e con il suo cane fedele al lato. È una canzone di violini e viole; un modo un po' breve ma potente pezzo che è tra le più belle ispirazioni di Vivaldi. La terza volta, Allegro, è una danza di paese.
Estateconcerto in Sol minore, esprime l'ottusità di uomini, animali e piante sotto il calore del sole (sotto la stazione di sole bruciato duro / uomo e gregge è mustian e brucia il pino), accompagnato dal Bassettino triste il cuculo, colomba e il cardellino e venti, precursore della tempesta che erutta dopo lotta feroce. Il primo Allegro è, al contrario l'usanza, sbriciolato in diversi blocchi, alternativamente agitate e triste; Secondo e più di tutti quest'ultimo, che esprime le grida di paura della tempesta, pezzo di pastore che ha sporto reclamo espressività con armonie che modulano molto audace cromatismo sono particolarmente belli.

Antonio Vivaldi. L'estate. Allegro [5' 2 "].
L'atmosfera di tristezza del secondo concerto si svolge principalmente nell' Adagio (rimuove i membri lax suo riposo / paura dei fulmini e feroce temporale / e il gregge furioso di vespe e mosche), che è forse il momento più bello, penetrato un senso di calma espressa in impressionista, ma senso idealizzato nella sua forma. L' Allegro impetuoso che segue descrive la tempesta.
In autunno, Concerto in fa maggiore, il primo Allegro è una scena di Scienze ed in medicina che si conclude con l'espressione di abbandono stanco (celebra l'abitante con balli e canzoni / bella piacere nella vendemmia felice / e Baco liquore abusato sia / che termina nel sogno lei si diverte). Anche qui il tono della fine del primo semestre è continuato nel secondo, un altro Grand Adagio in cui l'ottusità è quasi trasfigurato e idealizza in oblio felice. L'Allegro finale è una scena di caccia con l'imitazione del suono dei corni, la descrizione della persecuzione della bestia, gli ultimi rantoli di questo e la sua morte.
In inverno, Concerto in fa minore, Vivaldi giocare, anche con procedure che possono essere chiamate, per quanto riguarda il tempo, impressionisti, le sensazioni di freddo e ghiaccio. L'espressione del primo tempo si associa in questo concerto con quest'ultima, mentre l' Adagio è un intermedio tranquillo morbido che esprime la serenità della casa domestica. La finale, impetuosisimo, produce tuttavia un impressione gioiosa che, infatti, risponde al versetto finale del sonetto (così è inverno e quanta gioia), come se il dramma dell'alternanza delle stagioni è stato risolto alla fine nell'entusiasmo per la creazione della vita.
Tale entusiasmo è, in definitiva, il significato di questa opera d'arte, sembra nel bel mezzo di un'ispirazione musicale da idillio del XVIII secolo, quasi di rivivere il mito classico di Bacco, personificazione dell'eterna alternanza di fiorente, decadenza e rinascita della natura. Ritmica, specialmente nelle parti del violino solista, inoltre, passa il mouse sopra l'elemento descrittivo e sono, ancora una volta rivelando autore profonda e grande conoscenza dello strumento l'opulenza e la vitalità contribuisce notevolmente alla bellezza del lavoro.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici