Sommario: discorso sull'origine della disuguaglianza tra gli uomini di Jean-Jacques Rousseau.

Questo famoso saggio filosofico di Jean-Jacques Rousseau, il cui titolo completo è discorso sull'origine e i fondamenti della diseguaglianza tra gli uomini (1755), è uno dei capolavori della letteratura politica moderna. Rousseau ha stabilito le basi della sua dottrina politica e sociale con l'affermazione che tutti i mali e le miserie e altre aberrazioni che causano le disuguaglianze umane hanno la loro causa unica nello stato di socialità in questo lavoro.
La prima e più elementare nozione che deve essere chiarita prima di tentare di spiegare l'origine della disuguaglianza è la nozione dell'uomo. Ma il concetto stesso dell'uomo è difficile da risolvere, perché l'uomo moderno è come la statua di Glauco, "quel tempo, il mare e gli uragani avevano deturpato in modo tale che hanno reso più simile a una bestia feroce che un Dio". Occorre pertanto guardando indietro e dall'uomo in uno stato di natura, quando la sua anima fu corrotto da errori e passioni di tutti i tipi.

Prima edizione del discorso sull'origine e i fondamenti della diseguaglianza tra gli uomini (1755)
Dal bilancio Rousseau che la struttura e la figura dell'uomo sono sempre stati lo stesso, sembra l'uomo primitivo come un essere dedicato alla vita errante e selvaggio. Moralmente l'uomo selvaggio è distinto dell'animale di essere libero e perfettibile, permettendo di seguire non ciecamente il loro istinto, ma determinato nel senso che vuole. In questo stato l'uomo vive solo, fuori dalla società; le sue passioni sono limitate alla soddisfazione dei desideri naturali, sentimentale e sovrastrutture immaginarie pulite.
Contro la tesi sostenuta dal filosofo inglese Thomas Hobbes, Rousseau nega che un simile uomo è malvagio per natura; al contrario, esso è dotato di un sentimento naturale, pietà, che inclina lui per dare sollievo a chi soffre, senza un'ombra di riflessione. All'esterno di questi pochi contatti, uomo nello stato naturale non partecipa ai suoi simili e, in tali condizioni, le disuguaglianze tra gli uomini hanno un valore inestimabile e non va di là di alcune differenze naturali di resistenza, salute, bellezza, ecc. Benessere e conservazione, da un lato e da altro la naturale ripugnanza a perire e a soffrire ai suoi simili, fonte di misericordia, guidato sua condotta.
Fu così, secondo Rousseau, fino alla comparsa della proprietà. "Il primo avendo poco terreno ha detto:" questo è mio "e persone hanno trovato abbastanza ingenuo a credere, che fu il vero fondatore della società civile." Un fatto del genere non si è verificato improvvisamente; È stato preparato da una lenta maturazione. L'uomo ha cominciato a sentire il bisogno di stabilità; le famiglie e le cabine sono state formate e, soprattutto, emersero industrie e l'agricoltura, il germe della proprietà risiede precisamente.
Proprietà nacquero le richieste, esigenze e lussi; e poi gli uomini impegnati a correre rampanti verso la ricchezza, lo sviluppo di tutti i suoi poteri a beneficio a scapito di altri. Solo che questa tendenza è nata anche l'imponente sugli altri, dominare; i ricchi e i poveri, i più forti e il primo occupante di una terra erano gettati contro l'altro come lupi di fame. Ed ecco, ai ricchi, per salvare la loro, concepito alle dipendenze di progetto in loro favore le forze che hanno combattuto; ed è costato poco per convincere i poveri che era nell'interesse della loro si uniscono tutti i tutela congiunta.
Così fu creata la società civile, le leggi sono state emanate ed è stato sicuramente distrutto la libertà naturale dell'uomo. Come il diritto alla libertà, provengono dalla stessa natura, non possono essere assegnato, ne consegue che i poteri politici fondati su tali trasferimenti sono per definizione arbitraria. Disuguaglianza politica conduce alla disuguaglianza civile, per prendere un ciclo tragico cui fase culminante stabilisce una disuguaglianza di comune, di fronte al naturale: dispotismo, in cui tutti sono ugualmente schiavi, "perché non hanno nessuna legge più rispetto la volontà del Signore".
Contemporanei di Rousseau ha visto nel discorso sull'origine della disuguaglianza tra gli uomini una requisitoria spietata contro istituzioni sociali e politiche del suo tempo e acclamato autore per il chirurgo audace che ha osato immergersi il coltello nel profondo la ferita. Discorso sottolinea un momento fondamentale nella storia delle dottrine politiche, in quanto contiene i locali della dottrina che Rousseau si svilupperà nel contratto sociale. Secondo Solari, l'alleanza tra deboli e potenti che accenna il discorso è il risultante empirica di un processo storico che legalmente stabilisce uno stato ingiusto, mentre quella del contratto sociale è la nuova alleanza che andrà a sostituire il primo: un lavoro compatto della ragione e della legge, destinato, secondo l'idealismo di Rousseau, affinché la regola di giustizia e di felicità.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici