Scrittura dell'Indo | La scrittura dell'Indo è il sistema di scrittura sviluppato dalla civiltà della valle dell'Indo

clip_image029
La scrittura dell'Indo è il sistema di scrittura sviluppato dalla civiltà della valle dell'Indo ed è la prima forma di scrittura conosciuta nel subcontinente indiano. L'origine di questo script è capito male: questo sistema di scrittura rimane indecifrato, non non c'è nessun accordo sulla lingua rappresenta, testi bilingui non sono stati trovati finora e la sua connessione con sistemi di scrittura indiana corretto (ad esempio script di Brahmi, Devanagari e Bengali) è incerta. Questa è la ragione principale perché la civiltà della valle dell'Indo è uno dei meno conosciuti delle importanti prime civiltà dell'antichità.
Durante i primi Harappan fase (c. 3500-2700 A.C.), troviamo i primi esempi conosciuti dei segni dell'Indo, attestati su ceramica Ravi e Kot Diji scavata a Harappa. Basato sul fatto che solo un segno viene visualizzata sulla superficie ceramica, questi esempi rappresentano una fase precoce nello sviluppo della scrittura dell'Indo. Suo sviluppo completo è stato raggiunto durante il periodo di urbano (c. 2600-1900 A.C.), quando vengono registrati più iscrizioni. Migliaia di iscrizioni è noti da alcuni siti di 60 scavo: la maggior parte di loro sono breve, la durata media è di cinque segni e nessuno di loro è più lungo di 26 segni.

USO & forma materiale

Esempi di Indus di scrittura è stato trovato sulle guarnizioni e guarnizione impressioni, ceramica, bronzo strumenti, braccialetti di gres porcellanato, ossa, conchiglie, mestoli, avorio e su piccoli ridurre in pani in steatite, bronzo e rame. Timbro quadrato guarnizioni sono la forma dominante di Indus scrittura media; Essi sono normalmente un pollice quadrato (2,54 centimetri) visualizzazione dello script stesso sulla parte superiore e un motivo animale al centro. Principalmente sono fatti di steatite, alcuni di essi includono uno strato di materiale vetroso di aspetto liscio, ma ci sono anche esempi di guarnizioni in argento, maiolica e calcite. I sigilli sono stati premuti su una superficie flessibile (ad es. argilla) al fine di replicare la sua immagine.
Purtroppo, nessun Iscrizioni bilingui sono stati trovati ancora per consentire la scrittura dell'Indo essere paragonato a un sistema di scrittura conosciuta.
Poiché la scrittura dell'Indo non è stata ancora decifrata, il suo utilizzo non è noto con certezza e tutto ciò che pensiamo di che sapere è basata sull'evidenza archeologica da solo. Alcuni dei sigilli sono stati utilizzati come amuleti o talismani, ma avevano anche una funzione pratica come un indicatore per l'identificazione. Poiché la scrittura nell'antichità è associata generalmente con le élite cercando di transazioni record e controllo, si ritiene inoltre che la scrittura dell'Indo era utilizzata come uno strumento di amministrazione. Ci sono anche esempi di questo script utilizzato su argilla etichette attaccate ai pacchi di beni che sono stati scambiati tra mercanti; alcuni di questi tag di argilla sono stati trovati nella regione Mesopotamia, ben di fuori della Valle di Indus, una testimonianza delle merci come vasta viaggiato nei tempi antichi.
La scrittura dell'Indo era utilizzata anche nel contesto del 'immaginario narrativo': queste immagini incluse scene legate a miti o storie, dove lo script è stato combinato con immagini di esseri umani, animali e/o creature immaginarie, raffigurate in pose attive. Questo ultimo uso è simile all'uso religioso, liturgico e letterario, che è ben attestata in altri sistemi di scrittura.

tentativi di decifrazione della scrittura dell'Indo

Segni di base leggermente oltre 400 sono stati identificati come parte dello Script Indus. Solo 31 di questi segni si verificano più di 100 volte, mentre il resto non sono stati utilizzati regolarmente. Questo porta i ricercatori a credere che una grande quantità della scrittura dell'Indo è stata effettivamente scritta su materiali deperibili, come foglie di Palma o di betulla, che non sopravvisse alla distruzione del tempo. Questo non sorprende considerando che foglie di Palma, betulla e tubi di bambù sono stati ampiamente utilizzati come superfici di scrittura nel sud e sud-est asiatico. Alcuni ricercatori hanno sostenuto che i circa 400 simboli effettivamente possono essere ridotto a 39 segni elementari, il resto è solo variazioni di stili e le differenze tra gli scribi.
Ci sono una serie di fattori che impedisce l'apertura del mistero della scrittura dell'Indo di studiosi. Per cominciare, alcune delle lingue dei tempi antichi, come egiziano, sono stati decifrati grazie alla ripresa delle Iscrizioni bilingui, cioè confrontando un script sconosciuto con uno noto. Purtroppo, nessun Iscrizioni bilingui sono stati trovati ancora per consentire la scrittura dell'Indo essere paragonato a un sistema di scrittura conosciuta.
clip_image030
Guarnizioni della valle dell'Indo
Un altro ostacolo per la sua decifrazione si riferisce al fatto che tutte le iscrizioni trovate finora sono relativamente brevi, meno di 30 segni. Questo significa che analizzando modelli ricorrenti di segno, un'altra tecnica che può aiutare a sbloccare il significato di un sistema di scrittura, non possono essere eseguite con successo per la scrittura dell'Indo.
L'ultima ragione importante, perché la scrittura dell'Indo rimane indecifrata e forse il più dibattuto di tutti, è che la lingua (o lingue) che rappresenta lo script sono ancora sconosciuti. Gli studiosi hanno suggerito una serie di possibilità: indoeuropee e Dravidian sono le famiglie di due lingua più comunemente favorite, ma altre opzioni sono state proposte anche, ad esempio Austroasiatic, sino-tibetano o forse una famiglia linguistica che è stato persa. Sulla base di cultura materiale connesso con la civiltà della valle dell'Indo, alcuni studiosi hanno suggerito che questa civiltà non era indoeuropea.

che cosa è conosciuto circa la scrittura dell'Indo?

Anche se decifrazione della scrittura dell'Indo non è stato possibile ancora, la maggior parte degli studiosi che hanno studiato e concorda un numero di punti:
  • La scrittura dell'Indo era generalmente scritti da destra a sinistra. Questo è il caso nella maggior parte degli esempi trovati, ma ci sono alcune eccezioni in cui la scrittura è bidirezionale, il che significa che la direzione della scrittura è in una direzione su una sola riga, ma in direzione opposta sulla riga successiva.
  • La rappresentazione di determinati valori numerici è stata identificata. Una singola unità era rappresentata da una corsa verso il basso, mentre semicerchi sono stati usati per le unità di dieci.
  • La scrittura dell'Indo combinato sia parola segni e simboli con valore fonetico. Questo tipo di sistema di scrittura è conosciuto come "logo-sillabico", dove alcuni simboli esprimono idee o parole mentre altri rappresentano suoni. Questa vista è basata sul fatto che all'incirca 400 segni sono stati identificati, che lo rende improbabile che la scrittura dell'Indo era esclusivamente fonetica. Tuttavia, se l'ipotesi che le centinaia di segni possono essere ridotto a soli 39 è true, vuol dire che la scrittura dell'Indo potrebbe essere esclusivamente fonetica.

DECLINO DELLA SCRITTURA DELL'INDO

Dal 1800 A.C., la civiltà della valle dell'Indo ha visto l'inizio del suo declino. Come parte di questo processo, scrittura iniziata a scomparire. Come civilizzazione della Valle di Indus stava morendo, così ha fatto lo script che hanno inventato. La cultura vedica che avrebbe dominato il nord dell'India per i secoli a venire non hanno un sistema di scrittura, né fatto essi adottano la scrittura dell'Indo. Infatti, India avremmo dovuto aspettare più di 1.000 anni per vedere il ritorno di scrittura.
Tradotto dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.