Riepilogo: Contratto sociale di Jean-Jacques Rousseau

Quest'opera di Jean-Jacques Rousseau è il risultato finale di un progetto iniziato nel 1743, quando fu segretario dell'ambasciatore a Venezia; Quello che doveva per essere un grande volume di istituzioni politiche, alla fine è diventato un sommario l'autore intitolato il contratto sociale o principi del diritto politico (1762). Da qui l'avviso iniziale: "questo piccolo trattato ha stato Estratto da un più grande lavoro, avviato senza consultare le mie forze e abbandonato dopo qualche tempo." Vari frammenti che potrebbero essere estratti da esso, questo è il più significativo, e quello che ho trovato meno indegno di essere offerti al pubblico. Il resto è scomparso".
Nel suo discorso sulle scienze e arti (1750), assegnato dalla Accademia di Digione, Rousseau aveva affermato la natura inconciliabile tra natura e cultura (scienza e lettere non hanno promosso le luci dell'umanità, hanno svilito lei, premendo più volte le loro catene); poi, nel discorso sull'origine e i fondamenti della diseguaglianza tra gli uomini (1754), stabilito la società nociva, sua corruzione intrinseca, carattere essere basato sulla negazione della natura.

Jean-Jacques Rousseau
Se la società è intrinsecamente cattiva, ora chiede di Rousseau, dalla base alla disuguaglianza e hanno remoto uomo dallo stato di natura (stato primordiale che l'essere umano vive a Spalato tra il fatto e la legge, ma in armonia con la sua bontà originaria), quest'uomo già danneggiato da società può costruire una società giusta? Risposta di Rousseau è affermativa, perché male è non nell'uomo, ma nel suo rapporto con la società. Perversione si è verificato dal malgoverno ed è il "cuore dell'uomo" che può cambiare la situazione.
Il contratto sociale, Rousseau ha stabilito la possibilità di una riconciliazione tra natura e cultura: l'uomo può vivere in libertà in una società veramente equa. Il problema fondamentale è "trovare una forma di associazione che difendere e proteggere con tutta la forza comune fornita dalla persona e la proprietà di ciascun partner, e perché ciascuno, unendo tutti gli altri, non sarà obbedire più che se stesso e rimangono, pertanto, come libero come prima".
La soluzione è, secondo Rousseau, un contratto sociale basato sull'alienazione di tutti i testamenti, in modo tale che ognuno recupera infine tutto ciò che ha dato alla comunità. Così, dando a ciascuno individuale, non dato a chiunque e non c'è nessun membro della società che non ha acquisito lo stesso diritto che viene trasferito. Guadagnano in equivalenza, la stessa cosa che si perde, l'acquisizione di una maggiore forza per preservare ciò che ognuno di noi ha.
Il contratto sarà, pertanto, espressione della volontà generale. La volontà generale è diversa dal semplice desiderio di tutto perché non si tratta di aggregazione di un mero numerica maggioranza dei desideri individuali ed egoisti, cui il risultato è sempre puri interessi privati. La volontà generale, d'altra parte, è sempre giusto e guarda per l'interesse comune, l'interesse sociale della Comunità, di pubblica utilità. Di questo generale emanerà l'unica e legittima autorità dello stato.

Prima edizione del contratto sociale (1762)
A differenza di tutte le monarchia assoluta, o qualsiasi forma di potere autocratico, con l'esercizio del generale sovranità sarà risiederà nel villaggio. Questa sovranità è, pertanto, assoluta, poiché non non dipendono da qualsiasi altra autorità politica, non essendo limitato nient'altro che se stesso; È inalienabile, dato che la cittadinanza sarebbe contro la propria condizione se ha rinunciato a ciò che è espressione del suo potere; e, infine, è indivisibile, poiché appartiene alla comunità, per l'intero sociale e non un gruppo sociale o uno strato privilegiato.
Il villaggio, parte della sovranità, anche è contemporaneamente soggetto e deve presentare alle leggi dello stato che sono state le stesse persone, nell'esercizio della loro libertà. Essi sono così conciliare libertà e obbedienza attraverso la legge, che non è ma la realizzazione del generale sarà e l'anima del corpo politico dello stato. La questione di chi detta le leggi Rousseau viene a contatto con la figura del legislatore, che sarà "il meccanico che inventa la macchina".
I principi qui insieme costituiscono le idee alla base dei primi due libri del contratto sociale. Sono basati su una situazione storica e servono a progettare l'ipotesi legale del transito di allo stato naturale di stato civile, in modo che l'uomo perde la sua libertà naturale ma vince la libertà civile, circoscritto al generale volontà, e la loro eguaglianza naturale non viene distrutta da una società che è imposto su di lui, ma è sostituita da uguaglianza morale.
Gli ultimi due libri, Rousseau è il governo, che è definito come un "organismo intermedio stabilito tra i soggetti e il sovrano per la loro comunicazione reciproca, che è l'esecuzione delle leggi e il mantenimento delle libertà civili e politiche". Il ramo esecutivo è delegato dal sovrano unico, le persone, e i suoi membri possono essere rimossi dal soggetto stesso.
Rousseau sembra preferire la democrazia come forma di governo, considerando che applicazione adatta, soprattutto per i piccoli stati. Infatti, la costituzione di uno stato come il postulato di Rousseau sembra democrazia ginevrina del relativo tempo, in cui le leggi sono state proposte al popolo sovrano da un numero limitato di giudici. Ma Rousseau detiene anche un certo relativismo che lo fa per essere considerato che una forma di governo adatto per tutti i paesi, c'è anche se, in ogni caso, qualsiasi forma di governo deve essere espressione del generale volontà del citizenry di essere legittimo.
Infine, Rousseau ha esaminato le condizioni per il suffragio e le elezioni; l'antica Roma si propone come un modello per evitare violazioni, e si conclude con la necessità di fondare una religione civile, cui dogmi positivi includono la santità del contratto sociale e le leggi stabilite come espressione del generale. Questa religione civile avrebbe un unico dogma negativo: l'intolleranza.
Contenute nel contratto sociale teorie esercitato un'azione decisiva nell'evoluzione del pensiero politico e morale del mondo moderno; hanno influenzato molti pensatori (come Kant e Fichte) e nella stessa rivoluzione francese del 1789, che ha adottato uno slogan di ispirazione rousseauiste ("uguaglianza, libertà, fraternità") e che ha provato, in diverse occasioni, soprattutto nella costituzione del 1793, di seguire i contorni della dottrina legale del contratto sociale. La dichiarazione dei diritti umani troverebbero anche le sue idee una fonte di ispirazione.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici