Rabbia, ciò che ci rende enfademos? | Malattie e condizioni.

Controllare la rabbia

Rabbia è un sentimento universale e base. Base perché è al servizio della nostra sopravvivenza da tre funzioni; facilitare il rapido sviluppo di comportamenti del Portogallo, il rinvigorimento della nostra condotta e la regolazione dell'interazione sociale. Universale perché qualsiasi membro della specie sano esperienze rabbia. Pertanto non solo arrabbiato è normale, ma anche necessario. Tuttavia, quando la rabbia è troppo prevalente nella nostra vita o sproporzionate, vengono visualizzati i problemi. Per questo motivo, oltre a sperimentare, dobbiamo imparare a controllare la rabbia e so come esprimerlo.

Cosa ci rende enfademos?

Le emozioni sono molto collegate ai nostri pensieri, in modo che una situazione possa essere "vissuta" in modi molto diversi a seconda della persona. Pertanto ci riferiamo a situazioni di "obiettivo" che danno luogo all'emozione di rabbia, la cosa giusta è fare riferimento ai pensieri associati a quella situazione che causano la rabbia. La rabbia è un'emozione che viene visualizzata quando siamo sottoposti a situazioni che portano alla frustrazione o siamo sgradevole, perché ci sentiamo attaccati. Di conseguenza, esistono due grandi categorie di trigger questa situazioni di emozione:

Situazioni frustranti

• Ostruzione di raggiungere un obiettivo: quando viene interrotto i nostri obiettivi, la valutazione cognitiva (pensieri) quella persona effettuata sulla relazione tra la loro condotta e i risultati della stessa determinerà il tipo di emozione derivanti. Quando si stima che è possibile agire sui fattori che bloccano l'accesso, ripristino di precedenti situazioni, appare l'ira.
• Trasgressione di norme e diritti: quando vengono superate le norme sociali, i nostri diritti vengono violati o ci trattano ingiustamente sentire rabbia.
• Estinzione delle contingenze imparate: quando non viene visualizzata la ricompensa preveduta dopo l'esecuzione di un comportamento ci arrabbiamo (ad esempio quando non ottenere la lattina di Coca-Cola dopo introduzione della moneta).

Situazioni che ha avversione

Esperienze spiacevoli contribuiscono per l'emozione di rabbia facilitando l'espressione di comportamenti aggressivi. L'esempio più chiaro di questo è l'esperienza del dolore. Ad esempio, quando qualcosa fa male, fiori nostro cattivo carattere.
Sapere ciò che sconvolge noi ci aiuterà ad essere in grado di controllare l'ira.

L'espressione di rabbia e le sue conseguenze

Ci sono due principali forme di espressione della rabbia. L'espressione esterna della rabbia si riferisce a quando la nostra espressione di rabbia l'altro permette di sapere che siamo arrabbiati attraverso i nostri gesti, espressioni facciali o tono di voce. Al contrario, l'espressione di rabbia interna fa riferimento all'espressione di rabbia "verso l'interno", cioè, altri non hanno motivo di sapere che siamo arrabbiati ma sappiamo grazie alle sensazioni di tensione o i pensieri di vendetta che abbiamo a cuore.
Suoni? Infatti, è ciò che ha reso le nostre nonne riferimento con "faccia rossa" e la "faccia gialla" o "vergogna sulla faccia" e il "heartache". Avevano ragione quando dicevano "migliore una volta rispetto a venti viso rosso giallo" o "meglio imbarazzo in faccia che il dolore del cuore"? La verità è sì. Ciascuna delle forme di espressione e la rabbia hanno loro conseguenze, ma la rabbia verso dentro peggiore nemico di rabbia esterna.
L'espressione esterna della rabbia di in modo improprio può portare a problemi interpersonali. Tuttavia, l'espressione interna della rabbia può tenere questo stato troppo lungo, conseguente a un alto livello di attivazione psicofisiologica che riguarda notevolmente alterata salute, soprattutto cardiovascolari (ipertensione, infarto, ecc). Inoltre, la rabbia interna è accompagnata da emozioni negative come la frustrazione, tristezza...

Profilo di persone che soffrono di più Stati di rabbia

Non tutte le persone reagiscono ugualmente a situazioni di conflitto. Ci sono tratti di personalità e l'ambiente socio-culturale che agiscono modulando i diversi aspetti dell'elaborazione emozionale dell'ira.
• Fattori di personalità: sperimentare ulteriori stati di ira contro il popolo estroverso introverso. Il nevrotico hanno un'ira più intenso e frequente rispetto alle persone con basso nevroticità. Allo stesso modo, persone con più autostima e un narcisista principali caratteristica tendono a sperimentare la rabbia più frequentemente.
• Fattori ambientali o contesto: il contesto socio-culturale modula l'espressione di rabbia (ad es. sembra peggio vista più alti codici categoria socio-economica). Nelle società individualista come la nostra è meglio accettati in collettivista (ad es. orientale cultura), dove un valore importante è dato per l'autocontrollo e l'inibizione della rabbia.

Come controllare la nostra rabbia?

Non possiamo chiedere impedire rabbia poiché, come abbiamo detto, è un'emozione di base che deve essere visualizzato. Sua assenza sarebbe motivo per una possibile patologia emozionale. L'obiettivo è pertanto vivendo l'ira in situazioni che lo richiede, ma che sì, saperlo esprimere e gestire in modo corretto, in ultima analisi, imparare a controllare la rabbia. Così, una rabbia sana permette di rilevare e risolvere i problemi, raggiungere obiettivi e facilità o superare gli ostacoli che ci impediscono di raggiungerli. Al contrario, una rabbia eccessiva può bloccare il noi emotivamente, facendoci percepire adeguatamente la situazione.
Per ottenere un controllo adeguato e l'espressione di rabbia, poi vi offriamo linee guida quindi si passi la tua rabbia in modo sano:
• Rileva i primi segni di rabbia: questo è fondamentale affinché cominci a autoregolamentarsi, impedendo che i vostri pensieri e le sensazioni fisiche aumentano.
• Prova a rilassarti per essere in grado di pensare. Pertanto talvolta è necessario fuori la rabbia evocativa è sempre possibile e questo si traduce in un'altra provocazione alla persona con cui discute.
• Almeno come un primo tentativo, cerca di minimizzare l'accaduto dando scelta per il "malinteso".
• Dare il giusto ritorno. Non sono pentiti nella stessa settimana.
• Datevi tempo e dà tempo per l'altra persona che passa il tempo di massima rabbia, ciò che noi chiamiamo fase di esplosione in psicologia.
• Gestire la rabbia non sopprimerla. Pertanto, quando ti ritrovi più calmante esprimere ciò che ha infastidito si utilizza uno stile di comunicazione assertiva (si prega di vedere il tuo punto di vista ma nel rispetto di quella altrui).
Pubblicato per scopi didattici
Questo sito web non fornisce consigli medici, diagnosi o trattamento
Malattie e condizioni