Passa ai contenuti principali

Quali sono i biosimilari, farmaci alternativi al biologico | Malattie e condizioni.

Un biosimilare è un farmaco che è simile a un agente biologico che potrebbe sostituire nel trattamento di una malattia, anche se non si tratta di prodotti identici, che utilizzano ancora genera alcuni dubbi.
Alcuni brevetti di farmaci biologici sono già scaduto (e quella degli altri è in procinto di farlo), quindi si prevede di aumentare il numero di farmaci biosimilari disponibili, droghe sviluppate con l'obiettivo di essere molto simile a loro biologiche di riferimento, in termini di qualità, sicurezza ed efficacia, e che offre un'alternativa più economica, favorire la concorrenza e a fornire accesso a questo tipo di trattamento.
Farmaci biologici sono quelli che sono realizzati utilizzando uno o più principi attivi sintetizzati o derivato da una fonte biologica (microrganismi, come batteri, lieviti e virus, tessuti umani o animali...), come è il caso con l'insulina, l'eritropoietina o anticorpi monoclonali. E per un biosimilare è considerato una valida alternativa al suo riferimento di medicina biologica - o farmaco innovativo - si deve passare attraverso un processo di comparabilità, che è un confronto completo tra i due prodotti.
È importante notare che biosimilari hanno le stesse caratteristiche come il generico. Quest'ultimo hanno strutture chimiche più semplici e sono considerato identico ai loro farmaci di riferimento, anche se il principio attivo di un biosimilare e il suo farmaco di riferimento è la stessa sostanza biologica, entrambi sono soggetti a un certo grado di variabilità naturale a causa della sua natura complessa e loro metodi di produzione.

Sicurezza e l'efficacia dei farmaci biosimilari

Farmaci biosimilari hanno lo stesso profilo di qualità, sicurezza ed efficacia che fanno riferimento a loro biologico
L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) richiesto che ogni droga biosimilari, che intende commercializzare mostrano che la sua qualità è simile al riferimento e che non ci sono differenze rilevanti tra i due prodotti. Inoltre, il biosimilare dovrà essere sottoposti a test clinici che consentono di rilevare eventuali differenze con l'innovativo, e che servono anche per garantirne l'efficacia e la sicurezza.
Entrambi i farmaci biologici e biosimilari possono indurre una risposta immunitaria nel paziente - che cosa è conosciuto come l'immunogenicità, che potrebbe influenzare sia sulla sicurezza e sull'efficacia del trattamento; Pertanto, prima di sostituire un farmaco da un medico deve valutare rischi e benefici, e il paziente deve comunicare qualsiasi effetto negativo che l'esperienza.
Tuttavia, gli esperti dicono che biosimilari presentato lo stesso profilo di qualità, sicurezza ed efficacia che loro biologico di riferimento, hanno le stesse opportunità che causano effetti negativi o indesiderate reazioni immunitarie, e dopo autorizzazione anche subire un processo di farmacovigilanza che controlla tutti questi possibili effetti.
Come con la prescrizione di qualsiasi farmaco, il medico deve prendere in considerazione le caratteristiche del paziente, la vostra storia medica e la fase della malattia, tra altri fattori, per decidere se un biosimilare è il trattamento più adatto ove opportuno.
Pubblicato per scopi didattici
Questo sito web non fornisce consigli medici, diagnosi o trattamento
Malattie e condizioni

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…