Passa ai contenuti principali

Nilometro: Antiche strutture utilizzate per misurare il livello del fiume Nilo

Ogni anno che il Nilo inizia a salire in estate, l'acqua trabocca sue banche e depositi a taglio nelle pianure circostanti. È questa inondazione annua che rende la terra fertile che permette di essere coltivata e civiltà di esistere. Fin dai tempi antichi, gli Egizi dipendevano dell'inondazione del Nilo e il suo ritorno regolare per il loro sostentamento. Ma l'alluvione era imprevedibile. Mentre un inundation moderato era una parte vitale del ciclo agricolo, troppa acqua di inondazione è stata disastrosa come si lavò colture e gran parte dell'infrastruttura costruita sulla pianura alluvionale. Se il fiume non è riuscita a salire, ha causato siccità e carestia. L'alluvione ha anche giocato un importante ruolo politico e amministrativo, poiché la qualità del raccolto dell'anno è stata usata per determinare l'importo dell'imposta da pagare. Gli egiziani cominciarono pertanto di misurare il livello dell'acqua del Nilo al fine di prevedere la raccolta. nilometer-11
Il nilometro sull'isola Elefantina. I passi portano giù il Nilo, mentre le altezze di inundations precedente hanno registrato i brevi segni orizzontali sulle pareti (a sinistra della scalinata). Photo credit
In un primo momento questi record sono stati poco più di marchi sulla riva del fiume, ma più tardi contrassegnato scale, pilastri, pozzi e altre strutture chiamate nilometers sono stati costruiti. Il sacerdote regale monitorato il livello quotidiano del fiume e record mantenuti. Era il suo dovere di annunciare l'atteso arrivo della piena estate, o la mancanza di. La capacità di prevedere il volume di inondazione prossimo entrò a far parte della mistica del sacerdozio egiziano antico.
Il disegno più semplice Nilometro è una colonna verticale sommersa nelle acque del fiume, con intervalli contrassegnati che indica la profondità dell'acqua. Più tardi queste colonne ha cominciato a essere alloggiata all'interno della struttura in pietra elaborata e ornata. Una tale Nilometro ancora può essere visto sull'isola di Rhoda nel centro del Cairo. Sebbene questo Nilometro è stato costruito nel 861AD, è stato creato su un sito di un precedente esemplare.
Un altro Nilometro storicamente importante si trova l'isola di Elefantina ad Assuan, che consistono di una rampa di scale che conduce giù all'acqua, con tacche di profondità lungo le pareti. Elefantina segnava il confine meridionale dell'Egitto ed era quindi il primo posto dove è stata rilevata l'insorgenza dell'inondazione annua.
Il disegno più elaborato coinvolto un canale o il canale sotterraneo che ha portato dalla riva del fiume, spesso in esecuzione per una distanza considerevole e poi hanno alimentato un pozzo, serbatoio o cisterna. Questi pozzi Nilometro si trovavano più frequentemente entro i confini dei templi, dove solo i sacerdoti e i governanti hanno potuti accedere. Un esempio particolarmente fine di tali un Nilometro può essere visto presso il Tempio di Kom Ombo a nord di Assuan.
Nilometers antico dell'Egitto continuò ad essere utilizzata dalle civiltà successive fino al XX secolo, quando la costruzione delle dighe di Aswan porre fine alla annuale inondazione del Nilo, rendendo obsoleta la nilometers.
nilometer-4
Nilometro sull'isola Elefantina. Vista dalla cima della scalinata. Photo credit
nilometer-14
Crediti fotografici
nilometer-9
Il Nilo vicino al fondo dei passaggi Nilometro. Il precedente livello di acqua può essere visto nelle pareti. Photo credit
nilometer-1
La cupola sopra il nilometro nell'isola di Roda al Cairo. Photo credit
nilometer-6
Crediti fotografici
nilometer-2
Il nilometro presso Isola di Roda è composto da una singola colonna con segni sul suo corpo. Photo credit
nilometer-5
Crediti fotografici
nilometer-15
Il nilometro presso il Tempio di Kom Ombo. Photo credit
nilometer-10
Il nilometro presso il Tempio di Kom Ombo. Photo credit
nilometer-8
Crediti fotografici
Fonti: Wikipedia / www.reshafim.org.il

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…