Il drago nell'antica Cina › Amarna Periodo dell'Egitto › Amaterasu » Origini e Storia

Articoli e definizioni › Contenuto

  • Il drago nell'antica Cina › origini
  • Amarna Periodo dell'Egitto › origini
  • Amaterasu › Chi era

Civiltà antiche › Luoghi storici e i loro personaggi

Il drago nell'antica Cina › origini

Civiltà antiche

Autore: Mark Cartwright

I draghi appaiono nella mitologia di molte culture antiche ma in nessun'altra parte del mondo era la creatura abbastanza venerata come in Cina. Lì, in netto contrasto con le altre mitologie del mondo, il drago era quasi sempre visto in una luce positiva e particolarmente associato alle piogge e alle fonti d'acqua vivificanti. Considerato il più augusto segno dell'anno, indossato sulle vesti degli imperatori, raffigurato nei materiali più preziosi dai gioielli in oro alle statuine di giada, e con innumerevoli riferimenti nella letteratura e nelle arti dello spettacolo, il drago era ovunque nell'antica Cina e si profila così grande oggi nella psiche cinese come sempre.
clip_image001

Mattonelle di tetto del drago cinese

ORIGINI E ATTRIBUTI FISICI

Una delle prime creature ad apparire nei racconti e nelle leggende dell'antica Cina, il drago è spesso raffigurata come una bestia gigantesca e agile che risiede nelle sorgenti d'acqua o nelle nuvole. Il drago cinese è straordinariamente potente, e quando vola, di solito è accompagnato da fulmini e tuoni. Quando, da chi, e su quale realtà il drago fu inventato per la prima volta non è noto, anche se alcuni storici suggeriscono un legame con arcobaleni e un "serpente del cielo" che si vede dopo le piogge o le cascate. Draghi di giada intagliati sono stati scavati in siti della cultura Hongshan, che possono essere datati al 4500-3000 aC, molto prima che comparissero tutti i documenti scritti della creatura. Lo storico R. Dawson fornisce la seguente descrizione degli attributi fisici del drago cinese:
Come capo degli animali, il drago doveva essere composto da caratteristiche eccezionali di altri animali. La descrizione tradizionale dà le corna di un cervo, la fronte di un cammello, gli occhi di un demone, il collo di un serpente, il ventre di un mostro marino, le squame di una carpa, gli artigli di un'aquila, il cuscinetti di una tigre e le orecchie di un bue. (231)
Descrizioni alternative danno attributi simili ma a volte con il corpo di un serpente, gli occhi di un coniglio, il ventre di una rana e le corna di un cervo. Altre qualità del drago erano che poteva cambiare forma e dimensione a piacimento e scomparire o riapparire ovunque desiderasse.
clip_image002

Drago di giada cinese

Lo studioso cinese Wen Yiduo ha suggerito che questa fantastica raccolta di parti bestiali fosse in realtà basata sull'unione politica di diverse tribù, ognuna con un animale diverso come totem. Il drago era, quindi, una rappresentazione simbolica dell'assimilazione di queste tribù in una singola nazione. Un'ipotesi interessante, tuttavia, non spiega l'aspetto dei draghi molto prima che tali associazioni politiche esistessero nelle prime comunità cinesi.

POTERI E ASSOCIAZIONI

Nonostante l'aspetto spaventoso del drago, di solito non è stato visto come il mostro dalle cattive intenzioni che abita i miti di altre culture in tutto il mondo dove è solitamente ucciso da una coraggiosa figura dell'eroe. In effetti, in Cina, il drago era ed è considerato una creatura giusta e benevola. È per questo motivo che sono stati associati al potere e specialmente agli imperatori della Cina che, in quanto detentori del Mandato dei Cieli e come rappresentante di Dio sulla terra, devono sempre governare in modo giusto e imparziale per il bene di tutti. i loro soggetti.
LA POPOLAZIONE CINESE, IN GENERALE, HA CONSIDERATO IL DRAGO COME SIMBOLO FORTUNATO E BRINGER OF WEALTH.
Un'altra ragione per cui i governanti dovrebbero emulare i draghi è che la creatura era considerata uno dei quattro animali più intelligenti (insieme alla fenice, all'unicorno e alla tartaruga). Un famoso mito narra che un drago aiutò attivamente un sovrano, Yu il Grande (2070 aC circa), il leggendario fondatore della dinastia Xia, che fu aiutato da un drago (o in realtà era un drago) e da una tartaruga per gestire le inondazioni che stavano devastando il suo regno e quindi li controllano in un sistema di irrigazione migliore.
La popolazione, in generale, considerava il drago come un simbolo fortunato e portatore di ricchezza. Inoltre, gli antichi contadini ritenevano che i draghi portassero le piogge e l'acqua necessarie per aiutare i loro raccolti. I draghi erano anche ritenuti responsabili di forti venti, grandinate, tuoni, fulmini e trombe d'aria - questi ultimi sono ancora noti oggi come "vortice del drago" o long juanfeng. È anche interessante notare che molte prime rappresentazioni di draghi in giada sono circolari.
Nelle comunità rurali, c'era una danza del drago per indurre la generosità della creatura a distribuire la pioggia e una processione in cui veniva portata una grande figura di drago fatta di carta o stoffa su una struttura di legno. In alternativa, piccoli draghi erano fatti di ceramiche o bandiere con la raffigurazione di un drago e preghiere scritte che chiedevano la pioggia. Gli assistenti avrebbero seguito la processione trasportando secchi d'acqua e, usando rami di salice, avrebbero fatto sguazzare spettatori e gridare "Arriva la pioggia!". Quando sembrava imminente una siccità, un altro appello per la pioggia era di disegnare immagini di draghi appesi fuori dalla casa.
clip_image003

Elsa della spada cinese del drago

Anche le processioni danzanti avevano un altro scopo utile, che era quello di scongiurare malattie e malattie, specialmente in tempi di epidemie. La danza del drago divenne parte delle feste rurali e venne strettamente associata alle celebrazioni del capodanno cinese. Il legame tra draghi e pioggia, danza e guarigione può derivare tutti dallo sciamanesimo, praticato comunemente nell'antica Cina.
Nei racconti popolari c'era una razza di draghi guidati dal loro re drago Lung-Wang. Con corpi squamosi, quattro zampe e corna possono assumere forme umane e portare via le ragazze. Sono simili ai Nagas, le creature simili a serpenti del folclore indù che proteggono le fonti d'acqua. Nell'arte cinese, questi draghi spesso possiedono una magnifica perla la cui lucentezza iridescente ricorda un arcobaleno e che può rappresentare l'idea di un tesoro connesso a quel fenomeno.
Un'altra credenza tradizionale era che i Quattro Mari del mondo (agli antichi cinesi ce ne fossero quattro e non sette) erano ciascuno presieduto da un re drago. I loro nomi sono Ao Kuang (che governa l'est), Ao K'in (sud), Ao Jun (ovest) e Ao Shun (nord). Ao Kuang è il capo, ma tutti e quattro devono inchinarsi alla volontà dell'Imperatore di Giada a cui offrono omaggio nel terzo mese dell'anno, il mese delle piogge più pesanti. Oltre a queste figure più nobili, i locali credevano spesso che qualsiasi fonte d'acqua vicina fosse la casa di un drago. La lunga relazione tra draghi e fiumi è attestata dal fatto che oltre 40 fiumi cinesi hanno la parola drago nel loro nome.
PER I TAOISTS, IL DRAGO RAPPRESENTAVA LA FORZA CENTRALE OMNIPRESENTE CONOSCIUTA COME "MODO CENTRALE" O TAO.
Il drago arrivò ad avere un certo significato in alcune delle più formali religioni cinesi. Nei dipinti del Buddhismo Chan, un drago che appare da dietro le nuvole era un simbolo di verità e le difficoltà nel vederlo chiaramente. Per i taoisti, il drago era ancora più importante e rappresentava la forza onnipresente centrale conosciuta come la "Via centrale" o il Tao. I quattro re dragoni dei Quattro Mari furono anche adottati dai taoisti. Infine, il drago è il quinto segno dello zodiaco cinese o shengxiao e associato a uno dei 12 anni del ciclo del calendario, il più recente "anno del drago" che va da gennaio 2012 a febbraio 2013.

DRAGON ROBES

Come abbiamo visto, il drago e l'imperatore cinese erano una coppia perfetta - la creatura suprema della mitologia e la persona più importante nel regno, il Figlio del Cielo, nientemeno. In effetti, per molti, l'imperatore era in realtà l'incarnazione del supremo drago che portava la pioggia. L'imperatore, quindi, per sottolineare questa associazione di buon auspicio, indossava abiti di seta con motivi di draghi squisitamente ricamati su di essi, seduto su un trono con draghi intagliati, e aveva il suo palazzo adornato con decorazioni architettoniche che mostravano draghi. Il drago associato all'imperatore aveva sempre cinque artigli per distinguerlo dagli altri draghi minori che avevano solo quattro artigli.
clip_image004

Taizong

Le cosiddette vesti del drago dell'imperatore, o longpao, variavano a seconda della dinastia. Gli imperatori di Qin ebbero uno dei più impressionanti risvegli con una sottoveste a tutta lunghezza che si fissò sul fianco e fu decorata con nove draghi a cinque artigli che galleggiavano su nuvole, rocce e mare, che simboleggiavano i tre elementi dell'universo. Le mogli dell'imperatore e alcuni funzionari privilegiati e di alto rango della corte e le loro stesse mogli potevano anche indossare draghi, ma le dimensioni, i colori e il taglio di queste vesti erano tutti rigorosamente controllati in una complessa gerarchia di convenzioni sociali. Occasionalmente, i dignitari e gli ambasciatori di stati stranieri hanno avuto l'onore di indossare le vesti da dragone durante la loro visita ufficiale in tribunale.

DRAGHI IN ARTE CINESE

Come accennato in precedenza, i draghi erano un tema popolare in alcuni dipinti religiosi, ma erano troppo sorprendenti per far resistere altri artisti laici. I draghi apparivano in pezzi di gioielleria, erano scolpiti in giada, dipinti su porcellane fini, intagliati e intarsiati in lacca, scolpiti nella pietra per decorare giardini, incisi su armi e armature, e dipinti in dipinti e arazzi. I draghi erano usati in confini decorativi su ceramica e bronzi, e questi diventavano sempre più stilizzati in modo da non essere più riconoscibili come la creatura che li aveva originariamente ispirati.
La prima rappresentazione conosciuta di un drago è una rappresentazione stilizzata a forma di C scolpita nella giada. Trovato nella Mongolia interna orientale, apparteneva alla cultura Hongshan, che prosperò tra il 4500 e il 3000 AC. Proprio come il drago continua ad essere un soggetto popolare nell'arte cinese, la figura di Hongshan, sebbene sia la prima, è ancora probabilmente la più conosciuta come viene usata oggi in tutto, dai loghi aziendali ai poster che accolgono i visitatori all'aeroporto internazionale di Pechino.
clip_image005

Hongshan Jade Dragon

IL FESTIVAL DELLA BARCA DEL DRAGO

Il Longzhou Jie o Dragon Boat Festival era originariamente tenuto in onore del poeta e statista Qu Yuan (340-278 aC circa). Il Ministro di Stato Chu aveva concluso la sua vita saltando nel fiume Miluo, che era la sua drammatica risposta all'esilio dopo un attacco diffamatorio contro il suo personaggio da parte di un politico rivale. Le barche furono lanciate per cercare il suo corpo, ma senza successo, e così i suoi sostenitori gettarono nelle acque gnocchi di riso ( zongzi ) nella sua memoria. Per commemorare ulteriormente la tragedia, ogni anno si è tenuta una corsa in barca sul fiume - una pratica che poi si è diffusa in altri fiumi attraverso la Cina e che presto ha assunto la più ampia funzione di placare il drago che porta la pioggia. Di conseguenza, le barche hanno tipicamente una testa di drago sulla loro prua e una coda di drago alta a poppa. La gara è oggi una parte colorata del Festival di Duanwu e di solito si tiene il quinto giorno del quinto mese lunare.

Amarna Periodo dell'Egitto › origini

Definizione e origini

Autore: Joshua J. Mark

clip_image006
Il periodo di Amarna dell'antico Egitto era l'era del regno di Akhenaton (1353-1336 aC), noto come "il re eretico". Nel quinto anno del suo regno (1348 aC circa), emanò radicali riforme religiose che portarono alla soppressione delle tradizionali credenze religiose politeistiche / enotetiche della cultura e all'elevazione del suo dio personale Aten alla supremazia. Secondo alcuni studiosi, il periodo è limitato al regno di Akhenaton, mentre altri sostengono che si estende nel periodo dei successori di Akhenaton e termina con l'ascesa del faraone Horemheb (1320-1292 AC). Quest'ultima affermazione è quella più comunemente favorita dalla cultura tradizionale, e l'era è, quindi, più spesso designata tra c. 1348-1320 aC
Le riforme religiose di Akhenaton sono considerate la prima vera espressione del monoteismo nella storia del mondo e sono state elogiate e criticate nell'era moderna dagli studiosi che discutono a favore e contro il cosiddetto "re eretico". Il periodo di Amarna è, in effetti, l'era della storia dell'antico Egitto che ha ricevuto maggiore attenzione perché il regno di Akhenaton è visto come un allontanamento così drammatico dallo standard della tradizionale monarchia egiziana.
Seguendo le riforme di Akhenaton, i templi di tutti gli dei tranne quelli di Aten furono chiusi, le osservanze religiose furono bandite o severamente represse e la capitale del paese fu trasferita da Tebe alla nuova città di Akhetaten (l'odierna Amarna).Akhetaten era essenzialmente una città costruita per il dio, non per il popolo, e questo riflette l'attenzione centrale del regno di Akhenaton.
Dopo aver abbracciato la sua nuova credenza religiosa e sopprimendo quella degli altri, Akhenaten si ritirò più o meno nella città del suo dio dove assunse il ruolo di dio incarnato e si dedicò all'adorazione e all'adulazione del suo padre celeste, Aten.Le vite della sua gente, i contratti commerciali e le alleanze con potenze straniere, così come il mantenimento delle infrastrutture e dell'esercito del paese, sembrano essere diventate secondarie preoccupazioni per le sue devozioni religiose.
Le riforme religiose da lui istituite non sarebbero durate oltre la sua morte. Suo figlio e successore Tutankhamon (1336-1327 aC circa) rovesciò le sue politiche e riportò le pratiche religiose tradizionali. Gli sforzi di Tutankhamon furono interrotti dalla sua morte prematura, ma furono proseguiti, con uno zelo molto più grande, da uno dei suoi successori, Horemheb che distrusse la città di Akhetaten e cancellò il nome di Akhenaten dalla storia.

AKHENATEN & THE GODS OF EGITTO

Akhenaton era il figlio del grande Amenhotep III (1386-1353 aEV) il cui regno era segnato da alcuni dei più imponenti templi e monumenti del Nuovo Regno d'Egitto (1570 circa - 1069 AC) come il suo palazzo, il suo complesso mortuario, i Colossi di Memnon che lo custodivano, e tanti altri che in seguito gli archeologi ritenevano di dover governare per un tempo eccezionalmente lungo per averli commissionati a tutti. Questi grandi progetti di costruzione sono la prova di un regno stabile e prospero che permise ad Amenhotep III di lasciare al figlio un regno ricco e potente.
LE VITE DELLE SUE PERSONE, CONTRATTI COMMERCIALI E ALLEANZE CON POTERI STRANIERI, INFRASTRUTTURE E MILITARI DEL PAESE, TUTTI SEMBRANO DIVENIRE A PREOCCUPAZIONI SECONDARIE ALLE DEVOZIONI RELIGIOSE DI AKHENATEN.
A quel tempo, Akhenaton era conosciuto come Amenhotep IV, un nome preso da monarchi egizi per onorare il dio Amon e che significa "Amun is Content" (o "Amun is Pleased"). Amenhotep IV continuò la politica del padre, fu diligente nella diplomazia per quanto riguarda gli affari esteri e incoraggiò il commercio. Nel quinto anno, tuttavia, improvvisamente invertì tutto questo comportamento, cambiò il suo nome in Akhenaton ("Efficace per Aton"), abolì la tradizionale struttura di credenze dell'Egitto e spostò la capitale del paese da Tebe (centro del culto di Amon) in una nuova città costruita su un terreno vergine nel Medio Egitto che chiamò Akhetaten ("Horizon of Aten", ma anche data come "Luogo in cui Aten diventa efficace"). È proprio ciò che ha motivato questo improvviso cambiamento nel re, e gli studiosi hanno scritto e discusso questa domanda per il secolo scorso.
Lo stesso Akhenaten non fornisce alcuna ragione per la sua trasformazione religiosa in nessuna delle sue iscrizioni - anche se molti restano ancora esistenti - e sembra aver creduto che la ragione della sua improvvisa devozione a un solo dio fosse evidente: questo era l'unico vero dio gli esseri umani dovrebbero riconoscere e tutti gli altri erano falsi o molto meno potenti.Per quanto chiaro possa aver sentito le sue ragioni per essere, tuttavia, non erano capiti allo stesso modo dalla sua corte o dalla gente.
Gli antichi egizi - come ogni società politeista - adoravano molti dei per una semplice ragione: il buon senso, o almeno così avrebbero visto la loro posizione. È stato abbastanza facile vedere che nella propria vita quotidiana una singola persona non poteva soddisfare le esigenze di ogni individuo - una persona interagiva con insegnanti, medici, il coniuge, il proprio capo, colleghi di lavoro, padre, madre, fratelli - e ognuna di queste persone aveva le proprie abilità e contributi unici alla propria vita.
Affermare che una persona poteva soddisfare ogni bisogno di un individuo - che tutto ciò che era richiesto nella vita era solo quest'altra persona - sarebbe sembrato assurdo per un egiziano antico come dovrebbe a chiunque viva ai giorni nostri. Le divinità erano viste nello stesso identico modo in cui non si pensava di chiedere aiuto a Hathor per scrivere una lettera - quella era l'area dell'esperienza di Thoth - e non si pregava la dea letteraria Seshat come aiuto per concepire un bambino - si dovrebbe consultare Bes o Hathor o Bastet o altri che erano esperti divini in quella zona.
Gli dei erano parte integrante delle vite della gente e il tempio era il centro della città. I templi dell'antico Egitto non erano case di culto per il popolo ma le case terrene degli dei. I preti non esistevano per servire una congregazione ma per prendersi cura della statua del dio nella sua casa. Questi templi erano spesso enormi complessi con il loro personale che cucinava, puliva, produceva birra, grano immagazzinato e altro cibo in eccedenza, copiava manoscritti, insegnava agli studenti, serviva come medici, dentisti e infermieri, e interpretava sogni, segni e presagi per il persone.
clip_image007

Coppia reale

L'importanza dei templi si è sentita molto al di fuori dei complessi in quanto hanno generato e sostenuto intere industrie. La raccolta e la lavorazione del papiro dipendevano in gran parte dai templi, così come i produttori di amuleti, i gioiellieri, coloro che creavano bambole shabti, tessitori e molti altri. Quando Akhenaton decise di chiudere i templi e abolire le credenze religiose tradizionali, tutte queste imprese ne soffrirono.
Al giorno d'oggi, quando la comprensione monoteistica è comune, Akhenaton viene spesso considerato un visionario che ha visto oltre i confini della sua religione e riconosciuto la vera natura di Dio; ma questo lontano da come veniva percepito ai suoi tempi. Inoltre, è molto probabile che le sue riforme non abbiano avuto a che fare con una visione divina e fossero più un tentativo di strappare il potere dal Culto di Amon e recuperare la ricchezza e il potere che avevano accumulato a spese della corona.

IL RE E IL CULTO DI AMUN

Il Culto di Amon ottenne il potere nell'Antico Regno d'Egitto (circa 2613-218 aEV) quando i re della 4a Dinastia ricompensarono i preti con lo status di esenzione fiscale in cambio della loro diligenza nell'eseguire riti mortuari e nel mantenere i riti appropriati al complesso della piramide reale a Giza e altrove. Anche uno studio superficiale della storia dell'antico Egitto da questo periodo in avanti chiarisce che questo particolare culto era un problema perenne per la nobiltà in quanto crescevano solo più ricchi e potenti anno dopo anno.
Dal momento che non pagavano tasse sotto forma di grano coltivato sulle loro terre, erano in grado di venderlo come desideravano. I re della IV dinastia avevano anche concesso loro enormi e fertili appezzamenti di terra perpetuamente, e questa combinazione consentiva loro di accumulare incredibili ricchezze e che la ricchezza si traduceva in potere. In ognuno dei cosiddetti "periodi intermedi" nella storia egiziana - quelle ere in cui il governo centrale era debole o diviso - i sacerdoti di Amon rimasero più potenti che mai, e nel Terzo Periodo Intermedio dell'Egitto (1069 ca -525 aC), i sacerdoti Amon di Tebe regnarono nell'Alto Egitto con una maggiore manifestazione di potere di quanto i re di Tanis (nel Basso Egitto) potessero radunare.
Non c'era alcun modo in cui un re successivo potesse invertire le politiche del vecchio regno senza indebolire l'autorità della monarchia. Un re nel Medio Egitto, ad esempio, non poteva sostenere che Khufu del Vecchio Regno avesse commesso un errore riguardo al culto di Amun senza ammettere che i re, compreso se stesso, fossero fallibili. Il re era il mediatore tra gli dei e le persone che mantenevano gli aspetti più importanti della cultura, e quindi il re non poteva essere visto come qualcosa di tutt'altro che perfettamente divino. L'unico modo in cui un re sarebbe stato in grado di reclamare la ricchezza donata ai preti era di abolire il sacerdozio, per renderli meno degni della loro posizione e del loro potere, e questo è il corso che Akhenaton intraprese.
Persino nel regno prosperoso di Amenhotep III ci sono prove di conflitto tra i sacerdoti di Amon e la corona e la divinità solare minore nota come Aten era già venerata da Amenhotep III insieme ad Amon e altri dei. Potrebbe essere stata la moglie di Amenhotep III (e la madre di Akhenaton), Tiye (1398-1338 aEV) che suggerì la strategia della riforma religiosa a suo figlio.
clip_image008

La regina Tiye

Tiye esercitò un'influenza significativa su suo marito e suo figlio e, attraverso loro, sulla corte e sulla burocrazia dell'Egitto. Il suo sostegno alle riforme di Akhenaton è ben documentato e, in quanto politico esperto, le avrebbe riconosciute come l'unico mezzo per elevare il potere del faraone a spese dei sacerdoti. Alcuni studiosi hanno anche suggerito la famosa regina di Akhenaton della Nefertiti (1370 circa - 1336 aC) come ispirazione per le riforme, poiché anche lei sosteneva e partecipava chiaramente alla nuova fede.
Un numero di studiosi nel corso degli anni ha affermato che le riforme religiose di Akhenaton non erano monoteiste ma semplicemente una soppressione dell'attività di altri culti per elevare quella di Aton. Questa affermazione ha poco senso, tuttavia, se si è consapevoli di quello stesso tipo di iniziativa nel passato dell'Egitto. Amun era elevato all'apice del re degli dei, e il suo tempio a Karnak era (ed è tuttora) il più grande edificio religioso mai costruito nella storia. Ciononostante, i culti di tutti gli altri dei furono autorizzati a prosperare proprio come avevano sempre fatto.
Non si può sostenere che le iniziative religiose di Akhenaton avessero lo stesso significato del precedente dei sacerdoti di Amon; loro non erano. Il grande inno di Akhenaton al dio Aten - così come le sue politiche religiose - chiarirono che c'era un solo dio degno di adorazione. Il Grande Inno all'Atene, scritto dal re, descrive un dio così grande e così potente che non poteva essere rappresentato in immagini e non poteva essere sperimentato in nessuno dei templi o città di tutta la nazione;questo dio aveva bisogno della sua nuova città con il suo nuovo tempio, e Akhenaton lo avrebbe costruito per lui.

Akhetaten

La città di Akhetaten era la massima espressione della nuova visione di Akhenaton. È stato costruito c. 1346 aEV sulla terra vergine nel mezzo dell'Egitto sulla riva orientale del fiume Nilo, costruita a metà strada tra le tradizionali capitali di Menfi a nord e Tebe a sud. Stele di confine sono state erette ad intervalli attorno al suo perimetro che ha raccontato la storia della sua fondazione. Su uno di questi, Akhenaten racconta la storia di come ha scelto il luogo:
Ecco, è il Faraone, che lo ha trovato - non essendo la proprietà di un dio, non essendo la proprietà di una dea, non essendo la proprietà di un sovrano maschio, non essendo la proprietà di una governante donna, e non essendo di proprietà di qualsiasi persona (Snape, 155)
La nuova città non poteva appartenere a nessuno prima di Aten. Allo stesso modo in cui il dio doveva essere compreso in una nuova luce, quindi il suo luogo di culto doveva essere completamente nuovo. Amun, Osiris, Isis, Sobek, Bastet, Hathor e molti altri dei erano stati adorati per secoli in diverse città a loro consacrate, ma il dio di Akhenaton aveva bisogno di un sito dove nessun dio era stato venerato prima.
I quattro quartieri principali erano la città del nord, la città centrale, la periferia meridionale e la periferia. La città del nord era disposta attorno al palazzo settentrionale, dedicato ad Aten. Durante la storia dell'Egitto il re e la sua famiglia vivevano nel palazzo, e Akhenaton stesso sarebbe cresciuto nell'enorme e lussuoso palazzo di suo padre a Malkata. Ad Akhetaten, tuttavia, la famiglia reale viveva in appartamenti sul retro del palazzo, e le stanze più opulente, dipinte con scene all'aperto raffiguranti la fertilità della regione del Delta, erano dedicate ad Aten che si pensava di abitarle. Per accogliere Aten nel palazzo, il tetto era aperto verso il cielo.
clip_image009

Amarna, Palazzo del Nord

La Città Centrale fu progettata attorno al Grande Tempio di Aton e al Piccolo Tempio di Aton. Questo era il centro burocratico della città dove gli amministratori lavoravano e vivevano. I sobborghi meridionali erano il quartiere residenziale per la facoltosa élite e presentavano grandi proprietà e monumenti. I dintorni erano dove vivevano i contadini contadini che lavoravano nei campi e costruivano e mantenevano le tombe vicine nella necropoli.
Akhetaten era una meraviglia ingegneristica pianificata con cura, con enormi tralicci al suo ingresso, un maestoso palazzo e templi e ampie strade lungo le quali Akhenaton e Nefertiti potevano cavalcare il loro carro al mattino. Tuttavia, non sembra che sia stato progettato con il comfort o gli interessi di chiunque altro a parte loro. Dal momento che la terra non era mai stata sviluppata prima, qualsiasi altra persona che viveva e lavorava lì avrebbe dovuto essere sradicata da altre città e comunità e trapiantata ad Akhetaten.

LE LETTERE DI AMARNA

L'area della Città Centrale è stata di grande interesse per gli archeologi sin dalla scoperta delle cosiddette Lettere di Amarna nel 1887 CE. Una donna del posto che stava scavando nel fango per fertilizzante ha scoperto queste tavolette cuneiformi diargilla e ha messo in allerta le autorità locali. Risalenti ai regni di Amenhotep III e Akhenaton, queste tavolette sono risultate essere registri di sovrani mesopotamici e anche corrispondenza tra i re dell'Egitto e quelli del Vicino Oriente.
Le lettere di Amarna hanno fornito agli studiosi informazioni inestimabili sulla vita in Egitto in questo momento, nonché sulla relazione tra l'Egitto e le altre nazioni. Queste tavolette chiariscono anche quanto il piccolo Akhenaten si sia occupato delle responsabilità del governo una volta sistemato nella sua nuova città. I faraoni del Nuovo Regno estesero i confini del paese, formarono alleanze e incoraggiarono il commercio attraverso la regolare corrispondenza con altre nazioni. Questi monarchi erano acutamente consapevoli di ciò che stava accadendo sia oltre che all'interno dei confini dell'Egitto. Akhenaten scelse semplicemente di ignorare qualunque cosa accadesse oltre i confini dell'Egitto e, a quanto pare, qualsiasi cosa oltrepassasse i confini di Akhetaten.
clip_image010

Amarna Letter

Le lettere dei governanti stranieri e gli appelli per chiedere aiuto rimasero inascoltati e senza risposta. L'egittologa Barbara Watterson nota che Ribaddi (Rib-Hadda), re di Biblo, che era uno dei fedeli alleati dell'Egitto, inviò oltre cinquanta lettere ad Akhenaton chiedendo aiuto per combattere Abdiashirta (noto anche come Aziru) di Amor (Amurru) ma questi non hanno ricevuto risposta e Byblos è stato perso in Egitto (112). Tushratta, il re di Mitanni, che era stato anche uno stretto alleato dell'Egitto, si lamentò che Amenhotep III gli aveva inviato statue d' oro mentre Akhenaten inviava solo statue placcate in oro.Ci sono prove che la regina Nefertiti sia intervenuta per rispondere ad alcune di queste lettere mentre suo marito era impegnato in altri modi con i suoi rituali religiosi personali.

AMARNA ART

La natura trasformativa di questi rituali si riflette nell'arte del periodo. Gli egittologi e altri studiosi hanno spesso commentato la natura realistica di Amarna Art e alcuni hanno addirittura suggerito che queste raffigurazioni sono così accurate che le infermità fisiche del re possono essere rilevate. L'arte di Amarna è la più caratteristica di tutta la storia dell'Egitto e la sua differenza nello stile è spesso interpretata come realismo.
A differenza delle immagini di altre dinastie della storia egiziana, le opere del periodo di Amarna raffigurano la famiglia reale con colli allungati, braccia e gambe affusolate. Gli studiosi hanno teorizzato che forse il re "soffriva di una malattia genetica chiamata sindrome di Marfan" (Hawass, 36) che spiegherebbe queste raffigurazioni di lui e della sua famiglia così magre e apparentemente stranamente proporzionate.
clip_image011

Akhenaton e la famiglia reale benedetti da Aten

Una ragione molto più probabile per questo stile artistico, tuttavia, è il credo religioso del re. L'Aton era visto come l'unico vero dio che presiedeva tutto e infondeva tutte le cose viventi attraverso raggi di trasformazione e di vita. Immaginato come un disco solare i cui raggi terminavano con le mani che toccavano e accarezzavano quelli sulla terra, Aten non solo ha dato la vita, ma ha cambiato radicalmente la vita dei credenti. Forse, quindi, l'allungamento delle figure in queste immagini era inteso a mostrare la trasformazione umana quando veniva toccato dal potere di Aton.
La famosa Stele di Akhenaton, raffigurante la famiglia reale, mostra i raggi dell'Aten che li toccano tutti e ciascuno di loro, anche Nefertiti, raffigurato con lo stesso allungamento del re. Considerare queste immagini come raffigurazioni realistiche della famiglia reale, afflitte da qualche disordine, sembra essere un errore in quanto non ci sarebbe ragione per Nefertiti di condividere la presunta sindrome del re. L'affermazione che il realismo nell'arte dell'antico Egitto sia un'innovazione del Periodo di Amarna è anche insostenibile. Gli artisti del Medio Regno (2040-1782 AC) iniziarono il realismo nell'arte secoli prima di Akhenaton.

TUTANKHAMUN & HOREMHEB

Queste opere sono state create per adornare la tomba del re e della sua famiglia nella città di Aten. Akhetaten fu progettato come la dimora del dio nello stesso modo in cui un tempo erano stati costruiti i singoli templi degli dei. Akhetaten è stato creato per essere più grande di qualsiasi di questi templi e, di fatto, più opulento di qualsiasi altra città in Egitto. Akhenaten sembra aver tentato di introdurre Aten nel grande Tempio di Amon a Karnak all'inizio delle sue riforme, ma questi tentativi furono sgraditi e lo incoraggiò a costruire altrove. Ogni aspetto della città è stato accuratamente progettato dal re e l'architettura è stata progettata per riflettere la gloria e lo splendore del suo dio.
Akhetaten prosperò durante il regno di Akhenaton, ma, dopo la sua morte, fu abbandonato da Tutankhamon. Sembra esserci la prova che la città era ancora operativa durante il regno di Horemheb, in particolare un santuario di quel faraone trovato sul posto, ma la capitale fu trasferita a Menfi e poi di nuovo a Tebe.
clip_image012

Tutankhamon

Tutankhamon oggi è meglio conosciuto per la scoperta della sua tomba nel 1922, ma, dopo la morte di suo padre, sarebbe stato rispettato come il re che restaurò le antiche credenze e pratiche religiose della terra. I templi furono riaperti e le aziende che dipendevano da loro iniziarono ad operare come prima. Tutankhamon non visse abbastanza a lungo per vedere le sue riforme, tuttavia, e il suo successore (l'ex visir Ay) li portò avanti.
Fu il faraone Horemheb, però, a restaurare definitivamente la cultura egiziana. Horemheb può aver servito sotto Amenhotep III ed è stato comandante in capo dell'esercito sotto Akhenaton. Quando arrivò al trono, fece della sua vita la missione di distruggere ogni traccia del Periodo di Amarna.
Horemheb rase al suolo Akhetaten e scaraventò le rovine dei monumenti e delle stele in fosse per riempire i suoi monumenti.Il lavoro di Horemheb fu così accurato che Akhenaten fu cancellato dalla storia egiziana. Il suo nome non fu mai più menzionato in nessun tipo di documentazione, e dove il suo regno doveva essere citato, si riferiva solo come "l'eretico di Akhetaten".

CONCLUSIONE

Horemheb considerava il suo ex re degno di ciò che è diventato noto come Damnatio Memoriae (in latino "condanna della memoria") in cui ogni ricordo di una persona viene cancellato dall'esistenza. Sebbene questa pratica sia più comunemente associata all'Impero Romano, fu praticata per la prima volta in Egitto secoli prima attraverso iscrizioni conosciute come testi di esecrazione. Un testo di esecrazione era un passaggio inscritto su un'ostrica (un frammento di una pentola di terracotta) o talvolta su una figura (sulla falsariga di una bambola voodoo) e spesso su una tomba che avvertiva come potenziali ladri degli orrori che li attendevano se dovessero entrare non invitato.
Nel caso di Akhenaton, il testo dell'esecuzione ha assunto la forma fisica di sradicare completamente la sua memoria dalla storia. Aveva inscritto il suo nome e quello del suo dio nel Tempio di Amon a Karnak; questi sono stati cancellati. Aveva eretto altri monumenti e templi altrove; questi sono stati abbattuti. Aveva sostituito il nome di Amon nel Tempio di Hatshepsut con il nome di Aten; questo è stato cambiato di nuovo. Aveva costruito una grande città sulle rive del Nilo circondata da iscrizioni che raccontavano la storia del suo edificio, del suo costruttore e del suo dio; questo è stato raso al suolo. Infine, Horemheb retrodatò il suo regno in iscrizioni ufficiali a quello di Amenhotep III per cancellare completamente il ricordo di Akhenaton, Tutankhamon e del visir Ay.
Il nome di Akhenaton fu perduto nella storia fino al XIX secolo quando la pietra di Rosetta fu decifrata da Jean-Francois Champollion nel 1824 DC. Gli scavi in Egitto hanno portato alla luce le rovine dei monumenti di Akhenaton utilizzati come materiale di riempimento, e il sito di Akhetaten è stato mappato e disegnato all'inizio del XVIII secolo. La scoperta delle Lettere di Amarna, insieme a questi altri reperti, raccontò la storia dell'antico "re eretico" dell'Egitto nell'età moderna in cui il monoteismo è stato accettato come evoluzione naturale e desiderabile nella comprensione religiosa.
In questa età, Akhenaton è stato spesso salutato come un visionario ed eroe religioso che ha mosso i primi passi, anche prima di Mosè, nel tentativo di illuminare le persone alla vera natura di Dio. Akhenaton è un esempio fondamentale di un proto-cristiano, secondo alcune intese, che - secoli prima dell'era cristiana - riconobbe la realtà di una divinità diversa dalle sue creazioni, una che dimora in "luce inaccessibile" (Isaia 55: 8-9 e I Timoteo 6:16). Questo rispetto per l'antico re e il suo regno, tuttavia, dovrebbe essere riconosciuto come uno sviluppo moderno basato sulla comprensione moderna della natura della divinità.
Ai suoi tempi, e per secoli dopo, Akhenaton e il periodo di Amarna erano sconosciuti al popolo egiziano e per una buona ragione: le sue iniziative religiose avevano gettato il paese fuori equilibrio e sconvolto il valore culturale fondamentale dell'armonia tra gli dei, il la gente, la terra in cui vivevano e il paradiso dell'aldilà che speravano di godere eternamente. Una comprensione attuale potrebbe vedere Akhenaton come un eroe religioso, ma per il suo popolo era semplicemente un sovrano povero che si permetteva di dimenticare l'importanza dell'equilibrio e si sbagliava.

Amaterasu › Chi era

Definizione e origini

Autore: Mark Cartwright

clip_image013
Amaterasu Omikami ("la grande divinità che illumina il paradiso") è la dea del sole, la divinità più importante della religionescintoista e sovrano di Takama no Hara (l'Alta pianura celeste), il dominio dei kami o degli spiriti.
Conosciuto anche come Oho-hir-me-no-muchi o Amaterasu-oho-hiru-me, Amaterasu è la figlia di Izanami e Izanagi che hanno reso la loro figlia la regina del cielo. Quando suo padre Izanagi fuggì dalla sua visita agli inferi, dovette eseguire un rituale di purificazione nel fiume Woto e fu allora, dall'occhio sinistro del dio, che nacque Amaterasu. È anche la sorella maggiore di Susanoo (o Susa -no-wo) il dio della tempesta. Amaterasu litigava continuamente con il suo malizioso fratello minore e finalmente avendo abbastanza, lo esiliava dal cielo.

AMATERASU E LA GROTTA

Forse il mito più celebrato riguardante Amaterasu è quando si è bloccata in una grotta a seguito di una discussione con Susanoo quando ha sorpreso la dea con un mostruoso cavallo scorticato quando stava tranquillamente tessendo nel suo palazzo con la sorella minore Waka-hiru-me. Come conseguenza della scomparsa di Amaterasu, il mondo è stato proiettato nella totale oscurità e gli spiriti malvagi si sono scatenati sulla terra. Gli dei tentarono ogni sorta di modi per persuadere la dea irritata a lasciare la caverna. Su consiglio di Omohi-Kane, i galli furono messi fuori dalla caverna nella speranza che i loro corvi avrebbero fatto credere alla dea che l'alba fosse arrivata. Gli dei misero anche un grande albero di sakaki ( Cleyera japonica ) fuori dalla grotta e lo decorarono con gioielli scintillanti ( magatama ), bei vestiti bianchi e uno specchio al centro. Inoltre, la dea Amenouzume (o Ama-no-Uzeme) ha ballato così selvaggiamente in una routine da strip-tease che le risate fragorose degli altri dei hanno finalmente eccitato la curiosità di Amaterasu. Aprendo la grotta ostruita quel tanto che bastava per vedere cosa stava succedendo e mentre si distrasse vedendo il suo stupefacente riflesso nello specchio, il forte dio Ame-no-tajikara-wo strappò la dea dalla grotta. Tuto-Tamu poi ha tenuto dietro la dea un palo di paglia intrecciata ed enfaticamente dichiarato che la dea non poteva più nascondersi e il mondo era di nuovo bagnato dalla sua radiosa luce solare.
LA NOBILITÀ GIAPPONESE HA ANCHE SOSTENUTO LA DISCESA DALLA DEA.
Il figlio di Amaterasu è Ama-no-Oshiho-mimi che è stato richiesto da sua madre per regnare sul regno terrestre. Tuttavia, quando si trovava su Ama-no-hashidate, il ponte che collegava il paradiso alla terra, e vedeva il disordine tra le divinità terrene, rifiutava piuttosto petulantemente il ruolo. A questo Amaterasu chiese il consiglio di Taka-mi-Musubi e conseguentemente fu convocato un consiglio di tutti gli dei. La decisione di questo consiglio era di mandare Ama-no-Hoki sulla terra e valutare correttamente la situazione. Tuttavia, dopo un periodo di tre anni non c'era ancora stata alcuna parola da parte di Ama-no-Hoki e così fu chiamato un secondo consiglio. Questa volta gli dei inviarono Ame-waka-hiko armati del suo arco e delle frecce divine. Anche lui, però, si rivelò un inviato non affidabile quando fu distratto e sposò Shita-teru-hime (la figlia di Oho-kuni-nushi), così che dimenticò completamente la sua missione originale. Dopo otto anni senza notizie, gli dei inviarono il fagiano Na-naki-me per trovare Ame-waka-hiko. Quest'ultimo però, vedendo il fagiano, prese l'uccello di cattivo auspicio e colpì rapidamente la povera creatura sul posto con una delle sue frecce. Tuttavia, poiché la freccia era divina, colpì il fagiano sfortunato e proseguì dritto verso il cielo, atterrando infine ai piedi di Taka-mi-Musubi. Il dio, senza dubbio indifferente, gettò prontamente la freccia sulla terra dove atterrò, sfortunatamente, nel petto di Ame-waka-hiko e lo uccise a titolo definitivo.
clip_image014

Amaterasu che emerge dall'esilio

REGOLARE IL SOTTOFONDO

Questi eventi richiesero un terzo consiglio degli dei per essere chiamati e fu deciso di inviare Take-mika-zuchi, il dio del tuono, e Futsu-nushi, il dio del fuoco, armato con le loro spade per negoziare con Oho-kuni- nushi, il sovrano terreno, e persuaderlo della saggezza di riconoscere la rivendicazione di Amaterasu alla sovranità sulla terra e al cielo. Oho-kuni-nushi, comprensibilmente riluttante a cedere il suo potere senza tante storie, consultò i suoi due figli. Il figlio maggiore Koto-shiro-nushi consigliò a suo padre di concedere pacificamente, ma il figlio minore Take-minakata consigliò resistenza. Quest'ultimo ha poi combattuto saggiamente con Take-mika-zuchi, ma non ha potuto eguagliare il dio del tuono ed è stato facilmente sconfitto. Vedendo la disperazione della sua posizione, Oho-kuni-nushi cedette graziosamente la sovranità ad Amaterasu e invece lasciò il potere per governare gli inferi.
Ora che le cose erano finalmente risolte in basso, Amaterasu chiese ancora una volta a suo figlio Ama-no-Oshiho-mimi, di governare la terra. Per la seconda volta rifiutò, ma nominò al suo posto suo figlio Ninigi -no-Mikoto. A questo Amaterasu acconsentì e diede a Ninigi tre regali per aiutarlo nel suo cammino. Questi erano gli Yasakani, un gioiello (o perle), fonte dell'antica contesa tra Amaterasu e Susanoo; Yata, lo specchio dall'episodio delle caverne; e Kusanagi, la spada che Susanoo aveva strappato dalla coda di un mostro. Questi sarebbero diventati i tre emblemi del potere di Ninigi ( sanshu no jingi ) e divennero le insegne imperiali dei suoi discendenti, gli imperatori del Giappone. In effetti, il primo imperatore, Jimmu (660-585 aC circa), che fondò lo stato giapponese nel 660 aEV, fu dichiarato discendente diretto di Amaterasu. Questa convinzione permise ai successivi imperatori di rivendicare anche l'ascendenza divina e quindi esercitare l'autorità assoluta.
clip_image015

Susanoo

NOBILITÀ E ARTE

La nobiltà giapponese reclamò anche la discesa dalla dea quando, prima dell'episodio della caverna, prese la spada di Susanoo, la spezzò in tre pezzi, li mangiò e poi li sputò fuori come tre divinità femminili. Allo stesso modo, Susanoo prese dalla sorella la sua collana di 500 gioielli, li mangiò e li sputò come una nebbia dalla quale formarono cinque divinità maschili.Collettivamente, queste otto divinità furono ritenute gli antenati dei nobili giapponesi.
Nell'arte giapponese la dea viene spesso raffigurata come una persona di buon cuore, spesso seduta di spalle con l'altro fratello, Tsukiyomi-no-Mikoto, il dio della luna. I galli sono associati a lei mentre annunciano il sorgere del sole e così anche il corvo ( yata garasu ) che si crede sia il messaggero della dea. Il Grande Santuario di Ise o Jingu, il più importante santuario shintoista in Giappone, è dedicato ad Amaterasu e la dea è rappresentata lì da uno dei suoi altri simboli: uno specchio ottagonale ( yata kayami ).

Licenza

Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:
con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported.Licenza CC-BY-NC-SA