RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

Guerra navale romana | Supremazia militare dei mari potrebbe essere un fattore cruciale

ADS

clip_image043
Supremazia militare dei mari potrebbe essere un fattore cruciale nel successo di qualsiasi campagna di terra, e i Romani sapevano bene che una potente flotta navale potrebbe fornire le truppe e le attrezzature per dove erano più necessari nel più breve tempo possibile. Navi da guerra potrebbero anche fornire porte assediate sotto attacco nemico e, a sua volta, blocco porte sotto controllo nemico. Una potente flotta era anche indispensabile per pirati, che hanno sconvolto con mare-operatori commerciali e anche, occasionalmente, bloccati porte. Guerra navale aveva suoi unici pericoli, però, con tempo avverso è la più grande minaccia per il successo, motivo per cui campagne navali erano in gran parte limitate tra aprile e novembre.

Navi & armi

Antiche navi da guerra erano fatte di legno, impermeabilizzato con pece e vernice e spinto da vela e a remi. Navi con più livelli di vogatori, come la trireme, erano veloci e abbastanza maneggevole per attaccare navi nemiche di speronamento. Le più grandi navi erano quinqueremi, con tre banchi di rematori, due ciascuno per i superiori due remi e un vogatore sul Remo inferiore (circa 300 in totale). Navi potrebbero anche essere dotati di una piattaforma attraverso la quale marines potrebbe facilmente bordo navi nemiche - un dispositivo noto come il corvus (corvo). Costruito per la velocità, la maggior parte delle navi da guerra erano leggeri, angusto e senza spazio per l'archiviazione o anche un grande corpo di truppe. Tali scopi logistici sono stati realizzati meglio utilizzando navi da trasporto di truppe e navi di rifornimento sotto la vela.
A parte il bronzo Ariete coperto sotto la linea di galleggiamento sulla prua della nave, altre armi incluso balista di artiglieria che poteva essere montato sulle navi per fornire Salve letale sulle posizioni nemiche terra da un fianco inaspettato e meno protetto o anche contro altre navi. Palle di fuoco (vasi di pece infiammata) potrebbero essere lanciate anche presso il vascello nemico per distruggerlo da fuoco piuttosto che di piantatura.

Personale

Flotte è venuto per essere comandata da un prefetto (praefectus) nominato dall'imperatore, e la posizione necessaria qualcuno con grandi doti di abilità e leadership per il marshalling con successo una flotta di navi a volte ingombrante. Il capitano di una nave ha tenuto centurione rango o il titolo di trierarchus. Flotte erano basate alle porte fortificate come Portus Julius in Campania che comprendeva porti artificiali e lagune collegati da gallerie. Gli equipaggi delle navi militari romane potrebbero essere addestrati nei porti suddetti, ma erano, in realtà, più soldati che marinai come ci si aspettava che agiscono come truppe di terra armati di luce quando necessario. Infatti, essi sono in genere indicati come miles (soldati) nei documenti e monumenti funebri, e hanno anche ricevuto la stessa paga come fanteria auxillaries ed erano similmente soggette a legge militare romana. Gli equipaggi erano in genere reclutati localmente e disegnati dalle classi più povere (i proletarii) ma potrebbero anche comprendere reclute da Stati alleati, prigionieri e schiavi. Formazione era, quindi, un requisito essenziale, affinché la forza di lavoro collettivo è stato utilizzato in modo più efficiente e disciplina è stata mantenuta nella frenesia e l'orrore della battaglia.
Blu marino di Roma spazzati via i pirati Cartaginesi e Cilicia, portando il totale dominio del Mediterraneo.

Tattiche

Tattiche navali romane differivano poco dai metodi impiegati dai greci precedenti. Vasi sono stati azionati da rematori e vela per il trasporto di truppe, e nelle battaglie navali i vasi divennero arieti utilizzando loro arieti di bronzo-avvolto. Nella battaglia reale, vela manovrabilità era limitata e così vogatori azionato i vasi quando a fuoco ravvicinati con il nemico. Vele e sartiame sono stati memorizzati sul puntello che salvato il peso, maggiore stabilità dell'imbarcazione e lasciato più spazio per i marines. L'obiettivo era di posizionare la ram per fare un buco della nave nemica e poi ritirarsi per permettere all'acqua nella nave colpita. In alternativa, un colpo ben assestato poteva rompere una banca di remi del nemico e quindi disattivarlo. Per ottenere questo tipo di danno, il migliore angolo di attacco è stato il nemico sul fianco o sul retro. Di conseguenza, non solo era manovrabilità sotto Remo una necessità ma così era troppo la velocità. Questo è perché, nel corso del tempo, le navi avevano più rematori, non lungo la lunghezza della nave che avrebbe rendono la nave insicura, ma accatastando vogatori in cima a vicenda. Così la trireme dei greci, con tre livelli di rematori, era evoluto da brireme con due livelli, e la trireme poi evoluto nella quinquereme romana.

Contro Cartagine

Roma aveva impiegato navi da guerra all'inizio della Repubblica nel IV secolo A.C., soprattutto in risposta alla minaccia dai pirati nel Mar Tirreno, ma era nel 260 A.C. che hanno costruito, in soli 60 giorni, loro primo blu marino significativo. Una flotta di 100 quinqueremi e 20 triremi è stata assemblata in risposta alla minaccia da Cartagine. In moda tipicamente romana, i progettisti copiato da e migliorato, una quinquereme cartaginese catturati.
I Romani avevano riconosciuto anche l'inferiorità del loro marineria rispetto ai Cartaginesi molto più esperti. Per questo motivo essi impiegati il corvus. Questa è stata una piattaforma lunga 11 metri che potrebbe essere abbassata dalla prua della nave verso i ponti di navi nemiche e fissata tramite un enorme picco di metallo. Le truppe romane (circa 120 su ogni nave) potrebbero quindi bordo della nave avversaria e far funzionare a corto dell'equipaggio nemico.
Il primo impegno dove i corvi sono stati impiegati con grande effetto fu la battaglia di Mylae largo della costa della Sicilia settentrionale, nel 260 A.C.. Le due flotte sono alla pari con 130 navi a testa, ma i Cartaginesi, i Romani per essere qualsiasi ottimi frullati a guerra navale, non si aspettava nemmeno la briga di formare linee di battaglia. La corvus si è rivelata un'arma devastante attacco contro i Cartaginesi disorganizzati, e una vittoria romana era il risultato, anche se, un imprevisto. Non solo abbiamo il comandante e il console Caio Duilio la soddisfazione di vedere il suo numero opposto fuggire la sua nave ammiraglia in una barca a remi, ma egli è stato anche concesso un trionfo militare per questo, prima grande vittoria di Roma in mare.
clip_image044
Sbarco navale

Ecnomo

La battaglia di Ecnomo, nel 256 A.C. fuori la costa meridionale della Sicilia, è stato uno dei, se non più, grandi battaglie di mare nei tempi antichi, e lo avrebbe mostrato che Mylae era stato fluke. I Romani, incoraggiati dal loro primo successo, avevano ampliato la loro flotta che avevano ora 330 quinqueremi con un totale di 140.000 uomini pronti per la battaglia. I Cartaginesi salparono con 350 navi, e le due flotte massicce incontrato al largo della Sicilia. I Romani si sono organizzati in quattro squadroni disposti a forma di Cuneo. I Cartaginesi ha cercato di invogliare i due squadroni romani anteriori verso la parte posteriore due e li cattura in un movimento a tenaglia. Tuttavia, sia attraverso una mancanza di manovrabilità o corretta comunicazione delle intenzioni, la flotta cartaginese attaccò invece lo squadrone di trasporto posteriore romana mentre i frontale due squadroni romani provocato il caos all'interno del centro cartaginese. Nei combattimenti ravvicinati, Nautica contato per poco e il corvii per tutto. Ancora una volta, la vittoria è stata di Roma. Cartagine perse 100 navi per soli 24 perdite romane.
La guerra si trascinò, però, come il invasione immediato di Roma del Nord Africa si è rivelata un fallimento costoso. Una notevole spedizione guidata da Gneo Servilio Rufus nel 217 A.C. cancellato acque italiane dei raiders di Cartaginesi e romani hanno finalmente sconfitto la flotta cartaginese, ma in gran parte perché erano in grado di sostituire navi perdute e gli uomini più rapidamente in quello che divennero una guerra di logoramento reale. Vittorie sono stati mescolati con sconfitta a Drepna nel 249 A.C. e disastri come la perdita di 280 navi e 100.000 uomini in una singola tempesta al largo della costa di Camarina in Sicilia sud-orientale, ma, alla fine, Roma è prevalso. La guerra era costata Roma 1.600 navi, ma il premio è valsa la pena: dominazione del Mediterraneo. Questo controllo di mare è diventato utile nelle guerre di Roma con i regni di successore di Alexander nelle guerre macedone. Tra il 198 e 195 A.C., ad esempio, Roma lanciato ripetutamente successo marittimo incursioni contro Philip V di alleato della Macedonia Nabis, il tiranno spartano.

Pompeo & pirati

Con il declino di Rodi, che ha avuto per secoli presidiarono il Medtierranean e il Mar Nero per proteggere i suoi itinerari di commercio lucrativi, la pirateria è diventato diffusa nei secolo A.C.. Più di 1.000 navi pirata, spesso organizzati su base militare con flotte e ammiragli, ora erano il flagello del commercio marittimo. Sono cresciuti anche fiducia, l'acquisizione di triremi e razziando persino Italia stessa, attaccando Ostia e interruzione della fornitura di grano così importante. Nel 67 A.C. Roma ancora una volta accumulato una flotta, e Gneo Pompeo Magno aveva il compito di liberare i mari del parassita pirata in tre anni.
Con 500 navi, 120.000 uomini e 5.000 cavalieri a sua disposizione, Pompeo diviso la sua forza in 13 zone e, lui stesso guidava uno squadrone, prima cancellate Sicilia, poi Nord Africa, Sardegna e Spagna. Infine, ha navigato per Cilicia in Asia minore, dove i pirati avevano loro basi e dove erano stati dliberately ha permesso di raccogliere da Pompeo per un'ultima battaglia decisiva. D'attacco via mare e terra e vittorioso nella battaglia di Coracesium, Pompeo negoziò una resa di pirata con un dolcificante di terra libera per coloro che si diedero a pacificamente. L'ultima minaccia per il controllo completo di Roma del Mediterraneo era sparito.
Alla fine, l'unica minaccia per Roma era Roma se stessa e, così è stato, guerra civile devastata Italia.

Guerra civile

Ora l'unica minaccia per Roma era Roma se stessa e, così è stato, guerra civile devastata Italia. Julius Caesar è emerso il vincitore e i resti della flotta di Pompeo divennero la spina dorsale della Marina romana, che è stato usato con buoni risultati nelle spedizioni di invadere la Gran Bretagna - la più grande seconda spedizione nel 54 A.C. partecipano una flotta di 800 navi. Dopo l'assassinio di Cesare, la flotta passò sotto il controllo di Sextus Pompeius Magnus, ironia della sorte, il figlio di Pompeo. Da 38 A.C. Ottaviano, erede di Cesare, ha dovuto raccogliere un'altra flotta per fronteggiare la minaccia di Sesto. Dare il comando a Marcus Vipsanius Agrippa, 370 navi sono state spedite per attaccare la Sicilia e la flotta di Sesto. Ancora una volta, la mancanza di marinai ben addestrati costretto ai comandanti di innovare, e Agrippa andò per forza bruta manovrabilità e impiegato un lombrico azionato catapulta sulle sue navi. Questo dispositivo ha permesso alle navi di essere trainato in quarti vicini per facilitare l'imbarco da marines. L'arma si dimostrò devastantemente efficace nel 36 A.C. nella battaglia di 600-nave di Naulochos (ancora una volta in Sicilia), e sesto è stato sconfitto.

Actium

Nel 31 A.C., nei pressi di Actium sulla costa occidentale della Grecia, vi fu una delle battaglie navali più significative nella storia. Ancora in lotta per il controllo dell'Impero Romano, Octavian ha affrontato ora Mark Antony e il suo alleato, regina egiziana, Cleopatra. Entrambi i lati accumulato una flotta e si prepararono ad attaccare l'altro. Mark Antony guidò una flotta di 500 navi da guerra e 300 navi mercantili contro forza di dimensioni simili di Octavian, sebbene Antony aveva le navi più grandi e meno maneggevole ellenistico-tipo. Agrippa, ancora in comando, lanciò il suo attacco all'inizio della stagione di navigazione e così colto Antony di sorpresa. Gli avamposti del nord delle forze del Antony sono state il bersaglio, una mossa che ha creato un diversivo mentre Octavian atterrato il suo esercito. In ogni caso, Antony rifiutato di trarre dal suo porto fortificato nel Golfo di Ambricia. Blocco era l'unica opzione di Agrippa. Forse, Antony stava giocando per tempo, in attesa di sue legioni assemblare da tutta la Grecia. Ottaviano, però, non verrebbe disegnato in una battaglia di terra e scavato-nella sua flotta dietro una talpa difensiva 8 km a nord. Come malattia devastata le sue truppe e le sue linee di rifornimento è diventato sempre più minacciati da Agrippa, Antony aveva poca scelta ma per cercare di rompere il 2 settembre. Non ha aiutato da un disertore dando Octavian i suoi piani e diversi generali i lati di commutazione, Antony potrebbe radunare soltanto 230 navi contro le 400 di Agrippa.
clip_image045
Trireme speronamento
Strategia di Agrippa era di mantenere la stazione in mare e attirare Antony lontano dalla costa. Tuttavia, questo sarebbe hanno esposto Antony alla maggiore manovrabilità dei vasi di Agrippa, quindi ha cercato di abbracciare la costa ed evitare l'accerchiamento. Come la rosa dei venti intorno a mezzogiorno, Antony ha visto sua probabilità per fuga come la sua flotta era sotto la vela mentre Agrippa aveva riposto le vele sul puntello, pratica standard in antica guerra navale. Le due flotte incontrato e impegnati e nella confusione, squadrone 60-nave di Cleopatra così fuggì dalla battaglia. Antony rapidamente seguito l'esempio; abbandonando il suo fiore all'occhiello per un'altra nave, ha seguito la sua amante e sinistra sua flotta per essere schiacciato da Agrippa e di Ottaviano uniscono le loro forze. Poco dopo, esercito di terra di Antony, ora leaderless, si arrese a Octavian con una pace negoziata. La propaganda dei vincitori colpa prevedibilmente codardia di Antony e Cleopatra per la sconfitta, ma il fatto che Antony era impegnato Agrippa sotto vela suggerisce che, fortemente in inferiorità numerica, aveva, fin dall'inizio, inteso volo piuttosto che combattere.

Roma si leva in piedi da solo

Dopo la vittoria ad Azio, il nuovo imperatore Octavian, ora che si fa chiamare Augustus, stabilito due flotte 50-nave - classis Ravennatium basato a Ravenna e la classis Misenatium basato a Miseno (vicino a Napoli), che erano in funzione sino al IV secolo D.C.. C'erano anche più tardi flotte basate a Alessandria, Antiochia, Rodi, Sicilia, Libia, Ponto e Gran Bretagna, come pure uno sul Reno e un altro due sul Danubio. Queste flotte ammessi Roma per rispondere rapidamente a qualsiasi esigenze militari in tutto l'Impero e per fornire l'esercito nelle sue varie campagne. In verità però, non c'era alcuna concorrenza reale navale alle flotte di Roma. Ciò è dimostrato dal fatto che nei secoli successivi, Roma fu coinvolta nella sola più grande battaglia navale - nel 324 CE tra Costantino e il suo rivale Licinio - e così, nell'antico Mediterraneo almeno, dopo Azio, i giorni delle grandi battaglie navali erano finiti.
Tradotto dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.

RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

ADD THIS