Evoluzione dell'universo: origine, materiali e radiazioni, forze e movimenti, espansione

Evoluzione dell'universo

clip_image001
Gli astronomi sono convinti la maggioranza che l'universo è sorto da una grande esplosione (Big Bang), tra 13.700 e 13.900 milioni di anni prima del tempo presente.
I primi segni di questo fatto sono stati scoperti dall'astronomo americano Edwin Hubble, nel 1920, quando ha dichiarato che l'universo è in espansione e ammassi di galassie distanti. La teoria della relatività generale proposta da Albert Einstein predice anche questa espansione.
Se facciamo un "quadro dell'universo" in un dato momento, noi non vediamo loro stato attuale, ma la sua storia. La luce viaggia a 300.000 km al secondo. Anche quando guardando la luna (il più vicino oggetto celeste), vediamo come è stato più di un secondo fa.
In questo capitolo vedremo come è formato l'universo e come si evolve. Ci darà anche una recensione materiali che formano, le forze che dirigono e i movimenti che hanno origine.
·

Origine dell'universo

clip_image002
Edwin Hubble scoprì che l'universo è in espansione. La teoria della relatività generale di Albert Einstein aveva già pianificato.

Riavvolgimento

È stato trovato che galassie spostare lontano, ancora oggi, l'uno da altro. Se passiamo il film indietro, dove arriviamo?
Gli scienziati cercano di spiegare l'origine dell'universo con diverse teorie, supportate da osservazioni e alcuni calcoli matematici coerenti. Le più accettate sono la e la teoria del Big Bang Inflacionaria, completata tra se.

Teoria del Big Bang

clip_image003
La teoria del Big Bang o big bang, presumibilmente, rende tra 13.700 e 13,9 milioni di anni, tutta la materia nell'universo era concentrata in un'area estremamente piccola di spazio, un unico punto ed esploso. Questione è stato guidato con grande energia in tutte le direzioni.
Le scosse che inevitabilmente da sprodujeron e un certo disordine fatto quella materia sono fasciate e di concentrarsi maggiormente su alcuni luoghi in spazio e le prime stelle e galassie prima formata. Da allora, l'universo continua in evoluzione e movimento costante.
Questa teoria circa l'origine dell'universo si basa su osservazioni rigorose ed è matematicamente corretta da un primo momento dopo l'esplosione, ma non ha una spiegazione per il tempo zero dell'origine dell'universo, chiamata "singolarità".

Teoria inflazionaria

Teoria inflazionaria di Alan Guth tenta di spiegare l'origine e i primi momenti dell'universo. Sulla base di studi di forti campi gravitazionali, e che ci sono vicino a un buco nero.
clip_image004
Teoria inflazionaria presuppone che un'unica forza era diviso in quattro che ora sappiamo, producendo l'aumento all'universo.
La spinta iniziale è durato praticamente prezioso tempo, ma l'esplosione fu così violenta che, mentre l'attrazione di gravità rallenta le galassie, l'universo ancora cresce, si espande.
Tempo Evento
Big Bang Densità infinita e volume a zero.
10 e 43 secs. Forze non differenziate
10 e-34 secs. Zuppa di particelle elementari
10 e-10 secs. Protoni e neutroni sono formati
1 sec. 10.000.000.000 gradi. Dimensioni universo sole
3 minuti in secondo luogo 1.000.000.000. Nuclei degli atomi
30 minuti 300.000.000 °. Al plasma
300.000 anni Atomi. Universo trasparente
1.000.000 di anni Germi di galassie
100 milioni di anni Prime galassie
miliardi di anni Star. Il resto, si raffredda
5 miliardi di anni Formazione della Via Lattea
10000 milioni di anni Sistema solare e la terra

Nessuno dovrebbe immaginare il Big Bang come l'esplosione di un punto della materia nel vuoto, perché a questo punto, si concentravano tutte le materia, energia, spazio e tempo. Non c'era nessuna 'out' o 'prima'. Lo spazio e il tempo sono anche ampliati con l'universo.
·

Materiali e radiazione

Nell'universo ci sono materiali sparsi, dentro e fuori galassie. Abbiamo parlato di materia interstellare, luce, radiazione di fondo e materia oscura.

Materia interstellare

clip_image005
È il gas e la polvere tra le stelle e galassie. La maggior parte non è visibile, ma può essere rilevato attraverso i suoi effetti gravitazionali e le emissioni elettromagnetiche.
Si compone, principalmente, di idrogeno, ma ci sono anche piccole quantità di elio, azoto, ossigeno, carbonio e semplici molecole di acqua, alcool e ammoniaca.

Astro-bio-chimica

Un atomo di idrogeno e uno di ossigeno possa essere combinato per formare un gruppo o (hidroxilico), molto attivo, in grado di entrare a far parte con quasi qualsiasi materiale. Se sei con un atomo di idrogeno, formare una molecola di acqua.
Molecole più complesse, formate da decine di atomi sono stati individuati dagli anni settanta.
Alcuni potrebbero, in condizioni favorevoli, che formano la materia organica, che è alla base degli organismi viventi.

Luce, onde o particelle?

clip_image006
Onde di luce, come raggi X, non possono essere rilasciate uno per uno, ma solo nei pacchetti chiamate "quanti". La scienza che studia è la meccanica quantistica.
Questi tipi di radiazioni ad alta frequenza, a seconda di come si guarda, si comportano come particelle e, allo stesso tempo, come le onde. Le particelle di luce sono fotoni. Essi non hanno massa e viaggia a circa 300.000 km/s.

La radiazione cosmica di fondo

clip_image007
La prova "tangibile" del Big Bang è stata trovata nel 1965. Controllando un rilevatore a microonde molto sensibile, due scienziati hanno scoperto una radiazione strano derivata ugualmente da tutti i punti dello spazio.
Altri teorici avevano già predetto che dovremmo osservare, provenienti da tutto l'universo, una "bagliore" testimonianza del Big Bang, e che questa luce, a causa dell'espansione dell'universo, sarà presentata in forma di forno a microonde.

Materia oscura

Si ritiene che la materia oscura è un materiale che non emette alcuna radiazione elettromagnetica. Sua esistenza si basa su considerazioni teoriche ed è, di gran lunga, uno dei principali problemi dell'astrofisica.
Studiando le forze dell'universo, si stima che il totale della materia è molto più del rilevato dai nostri strumenti. Come non sappiamo nulla di esso, si chiama materia oscura.
·

Forze e movimenti

clip_image008
La gravità è la forza di attrazione tra gli oggetti.
Nell'universo tutta la materia si muove a causa di questo e di altre forze.
La gravità dipende dalla massa degli oggetti e la distanza che li separa. Quanta più massa hanno e sono più vicini, maggiore è la forza. Quando separare doppio, la forza è ridotta a un quarto.
La gravità agisce come se tutta la massa di un corpo di concentrarsi su un singolo punto, il centro di gravità. La zona sferica attorno ad un corpo agisce dove la sua gravità è il campo gravitazionale.
La legge di gravitazione universale è stata formulata dal fisico britannico Isaac Newton durante l'anno 1684.
Se ci siamo fermati due corpi con massa e a riposo, a meno che non ti comporti qualsiasi altra forza tranne nel loro attrazione, inevitabilmente, si scontrerebbero. Ma nell'universo ci sono molti "pesi", essi agiscono altre forze e corpi sono in movimento.

Crollo

clip_image009
Quando un corpo diventa più piccolo a causa della sua stessa gravità, ad esempio, una nube di gas per formare una stella, o una stella per formare un buco nero è un collasso gravitazionale. Gli atomi sono rotti e l'edificio crolla.
Gli atomi sono scatole vuote, dove una forza mantiene la struttura. Ma se la gravità supera questa forza, non si terrà la struttura centrale e questione inizia una reazione a catena.
Gli aumenti di densità (il corpo è piccolo senza perdere massa), il campo gravitazionale si intensifica e si verifica il collasso.

Forze fondamentali dell'universo

Ci sono quattro forze fondamentali che determinano tutte le forme di interazione della materia:
-interazione nucleare forte,
-interazione nucleare debole,
-elettromagnetismo e
-gravitazione.
La gravità è il più debole dei quattro e l'unico che funziona solo in una direzione. Gli scienziati speculano sul fatto che il supplementare.

Movimenti

clip_image010
Stelle, galassie e l'universo spostare. Un'altra cosa è di rilevare il movimento di alcuni corpi, soprattutto in quelle più lontane.
Il movimento di molti oggetti nell'universo è stato misurato. Così sappiamo che, per spostare una distanza apparente uguale al diametro della luna, la stella più vicina Centauro alfa, bisogno 506 anni. Necessità di Arthur 815; Siriano, 1.410; Altair, 2.830; Capella, 4270 e Fomalhaut, più di 5.000.
Orbita chiamato la traiettoria di un oggetto che ruota attorno ad un altro. Il periodo orbitale è il tempo che l'oggetto necessario per completare un'orbita. Sembra che tutti gli oggetti nello spazio, che orbita intorno gli altri con più massa.
·

L'espansione dell'universo

clip_image011
La scoperta dell'espansione dell'universo ha cominciato in 1912, con le opere dell'astronomo americano Vesto Slipher M.. Mentre studiava gli spettri delle galassie osservate che, tranne nelle linee di spettro più vicine, si spostano verso il rosso.
Ciò significa che la maggior parte delle galassie l'abbandono della Via Lattea dal correggere questo effetto negli spettri delle galassie, dimostra che le stelle che lo compongono sono composti da elementi chimici conosciuti. Questo spostamento verso il rosso è dovuto all'effetto Doppler.
Se misuriamo il redshift nello spettro di una stella, possiamo sapere se esso si avvicina o si allontana da noi. Principalmente questo spostamento è verso il rosso, che indica che il fuoco della radiazione distanza. Questo viene interpretato come una conferma dell'espansione dell'universo.
A prima vista sembra che galassie abbandonare la Via Lattea in tutte le direzioni, dando la sensazione che la nostra galassia è il centro dell'universo. Questo effetto è una conseguenza del modo in cui l'universo si espande. È come se la Via Lattea e altre galassie erano punti sulla superficie di un palloncino. Gonfiare il palloncino, tutti i punti di allontanarsi da noi. Se dovessimo modificare la nostra posizione a uno qualsiasi degli altri punti ed eseguire la stessa operazione, osserviamo esattamente lo stesso.

La legge di Hubble

clip_image012
L'astronomo americano Edwin Powell Hubble correlati, nel 1929, lo spostamento verso il rosso osservato negli spettri delle galassie con l'espansione dell'universo. Egli ha suggerito che questo spostamento verso il rosso, chiamato lo spostamento rosso cosmologico, è causato dall'effetto Doppler e quindi indica la velocità delle galassie sfuggente.
Hubble ha anche notato che la velocità di recessione delle galassie era più grande e più lontani erano. Questa scoperta portò a enunciare la sua legge della velocità di recessione delle galassie, conosciuta come la "legge di Hubble", che afferma che la velocità di una galassia è proporzionale alla loro distanza.
L'Hubble o costante di proporzionalità è il rapporto tra la distanza di una galassia alla terra e la velocità con cui si muove lontano da esso. Si stima che questa costante è tra 50 e 100 Km/s per megaparsec.
Recuperato per scopi didattici autorizzati da: Astronomía: Tierra, Sistema Solar y Universo