Definizione di Schiavitù | Concetto, significato e che cosa è Schiavitù

Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

La schiavitù è lo stato dello slave (qualsiasi persona che è sotto il dominio di un altro e che, pertanto, la mancanza di libertà). Il concetto consente di riferirsi a un istituto giuridico che definisce la situazione personale degli schiavi.
Gli storici dicono che la schiavitù è emerso con l'uso del lavoro di questi prigionieri dopo una guerra. Precedentemente, queste persone sono state uccise a da arma da fuoco, ma, successivamente, persone preferito per utilizzarli come schiavi per ottenere un beneficio economico o un servizio.
La schiavitù è stata accettata e difeso nell'antichità. Infatti, filosofi come Aristotele si vedevano come una situazione naturale. Durante la conquista europea delle Americhe, schiavitù ha raggiunto il suo picco e fu essenziale per il successo dell'azienda.
Gli europei necessaria manodopera a basso costo per realizzare i loro piani di espansione, ragione perché hanno deciso di ridurre in schiavitù i popoli indigeni nativi d'America per portare schiavi dall'Africa. Di conseguenza, ha iniziato il commercio slave, dove i neri erano comprati e venduti sul mercato come se fossero oggetti.
Nel corso del tempo, un anti-slavery forte movimento è apparso nel XVIII secolo. Gli abolizionisti sono stati basati sulle idee dell'Illuminismo, sostenendo che tutti gli uomini dovrebbero avere gli stessi diritti. C'erano anche ragioni economiche che hanno contribuito ad per abolire la schiavitù: la rivoluzione industriale basato su lavoro retribuito e non schiavitù.
Oggi, schiavitù è vietato nella maggior parte dei paesi, anche se c'è ancora del lavoro regimi che assomigliano a passato nel XVIII secolo.
Pubblicato per scopi didattici