Definizione di Pensiero divergente | Concetto, significato e che cosa è Pensiero divergente

Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

Ciò che esiste attraverso intellettuale attività fa parte del pensiero. È un prodotto dello spirito che proviene da attività razionale dell'intelletto o le astrazioni della fantasia.
È possibile distinguere tra i diversi tipi di pensiero, tutto dipende il funzionamento mentale in questione. Deduttivo pensiero, pensare induttivo, pensiero sistematico, il pensiero critico e pensiero analitico sono alcuni di loro.
Differiscono, inoltre, si intende che diverge (che è in disaccordo, che è diverso, che si allontana o che separa). Il pensiero divergente o pensiero laterale, pertanto, sta cercando alternative o possibilità creative e diversi per risolvere un problema.
Il pensiero divergente può essere inteso in pensiero creativo, di fantasia, piuttosto che il pensiero logico e razionale. Questo concetto è stato inventato dallo psicologo Maltese Edward de Bono. Secondo lui, il pensiero divergente è un modo di organizzare il processo di pensiero attraverso strategie non ortodosse. L'obiettivo è pertanto generare idee che sono di là degli orientamenti di pensiero abituale.
Per Bono, il pensiero laterale può sviluppare mettendo in pratica le tecniche che aiutano a vedere lo stesso oggetto da diverse prospettive. Pensiero divergente è un motore di cambiamento personale e sociale, dal momento che porta nuove risposte ai problemi noti.
Lo psicologo Maltese riconosce tre tipi principali di ostruzioni del pensiero, vale a dire: la mancanza di informazioni, il blocco mentale e il peso delle prove. Per quanto riguarda quest'ultimo, quando l'evidenza del problema impedisce di prevedere un'opzione migliore, può essere superato attraverso il pensiero divergente.
Pubblicato per scopi didattici