Definizione di Pensiero complesso | Concetto, significato e che cosa è Pensiero complesso

Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

La nozione di pensiero complesso è stata inventata dal filosofo francese Edgar Morin e si riferisce alla capacità di interconnettere diverse dimensioni della realtà. Con l'emergere di eventi o oggetti multidimensionali, interattivi e componenti casuale siamo obbligati a sviluppare una strategia di pensiero che non sono semplicistico o totalizzante, ma piuttosto riflessivo. Morin chiama questa capacità complesso pensata.
Questo concetto si oppone alla sezione disciplinare e promuove un approccio interdisciplinare e olistico, ma senza abbandonare il concetto degli elementi costitutivi del tutto. La sistemica, cibernetica e teorie di informazioni supportano il pensiero complesso.
Possiamo dire che il pensiero complesso si basa su tre principi fondamentali: la diaphore (la coerenza del sistema viene visualizzato con il paradosso), ricorsione (la capacità di feedback per cambiare il sistema) e hologrammie (la parte a tutti e tutti a parte).
Pensato complesso è quindi una strategia o un modo di pensare che intende un fenomeno olistico ma che, allo stesso tempo, riconosce la specificità delle parti. La soluzione è riarticolano conoscenza mentre l'attuazione di tali principi.
Tutto ciò che riguarda il pensiero complesso è relativo all'epistemologia (la dottrina dei metodi di conoscenza scientifica). L'oggetto di studio dell'epistemologia o teoria di conoscenza è la produzione e la validazione delle conoscenze scientifiche attraverso l'analisi dei diversi criteri.
Pubblicato per scopi didattici