Passa ai contenuti principali

Definizione di Formato | Concetto, significato e che cosa è Formato

Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

Du français (formato) ou de l'Italien formato, taille di le terme formato se réfère à la et aux mesures d'une feuille de papier, d'une photographie, d'un tableau, ecc. Esempi: «Tu veux bien imprimer ces documenti au formato A4? Je dois les présenter au maire», «Le manuel est en formato Contabilità, nous avons donc besoin d'un più gran dossier pour le ranger», «Fabien m'a donné un cadre au formato 13 × 18».
I formati de papier les plus populaires sont ceux standardisés en 1922 par la norme DIN 476 d'une istituzione allemande. Cette norme base de servi à un équivalent internazionale (ISO 216), bien de nombreux autres pays utilisent encore des systèmes traditionnels.
I formati reconnus par la norme ISO 216 sont divisées en trois Ensemble (A, B et C), avec des tailles allant de 0 à 10. Le formato de le papier più le di populaire dans le monde entier est formato A4 (c'est à dire, série A Taille 4, équivalent à 210 x 297 mm).
Aux États-Unis et dans certains pays d Amérique latine, des formati tels que lettera (la Lettre), legale (Légal) et Ledger sont les plus utilisés.
All'ensemble des caractéristiques techniques et formelles d'un programma de télévision ou de radio ou d'un articolo de est également connu sous la désignation de formato journal: «L'actrice a annoncé qu ' elle participera à une série mexicaine au formato de bande dessinée», «J'aime les émissions de radio au formato magazine», «Je pense qu ' il va falloir changer le formato de la revue si il veut séduire plus de sponsor».
Concernant l'Informatique, ONU formato est une struttura particulière permet à l'ordinateur de convertir les informazioni it codice binaire et vice-versa. Les formati JPEG (immagine), AVI (vidéo) et DOC (fichier texte) sont les plus célèbres.
Pubblicato per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…