Definizione di Clamore | Concetto, significato e che cosa è Clamore

Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

Clamore è un termine che deriva dal latino e si riferisce al grido o frase pronunciata con forza e intensità. Esempi: "il figlio della vittima ha sentito suo clamore nella Corte", "giocatori riunivano in un clamore contro i leader", "Vi assicuro che il mio grido si sentirà da parte delle autorità."
Un tumulto è una voce di frase che riflette l'afflizione, dolore, angoscia e disperazione. Il termine è usato spesso riferirsi alle applicazioni o espressioni delle vittime dei tragici eventi. La madre di un giovane uomo ucciso in una rapina può parlare con i media per trasmettere il suo clamore e la giustizia esigente.
La voce pubblica, formata da più espressioni, è anche considerata un clamore. In questo caso, il clamore è la somma delle opinioni concordante di molte persone. Questa molteplicità di opinioni in un medesimo significato è che l'applicazione dovrebbe essere rafforzata e che esercita una pressione sociale. In caso di 100.000 persone in strada per chiedere le dimissioni di un presidente corrotto, è possibile che questo clamore sarà molto importante per le autorità, che non sarà in grado di ignorarlo.
Un altro uso della nozione di tonalità si riferisce alla preghiera che è fatto con passione e dedizione. La tonalità può essere una preghiera rivolta a Dio o un superiore essendo, sperando di essere ascoltato: "Oh Signore, raccogliere i clamori della vostra mandria e aiuta a superare questi momenti difficili," "mio figlio, vostro grida è sempre ascoltato da Dio, anche se i suoi disegni non possono essere capiti dalle nostre menti.
Pubblicato per scopi didattici