Definizione di Abdicazione | Concetto, significato e che cosa è Abdicazione

Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

Dal latino abdicatĭo, l'abdicazione è l'azione e l'effetto ad abdicare (negare la sovranità o rinunciare, rinuncia a diritti o benefici). Il termine è anche usato per riferirsi al documento che contiene questa abdicazione.
Esempi: "il principe ha deciso la sua abdicazione dopo la guerra con il. Città nelle vicinanze», «che tutti i soggetti e i servitori conoscono: abdicazione non è un'opzione per sua Maestà "," "l'abdicazione del re Martino IV lasciò il trono a suo figlio Philippe.
L'abdicazione: l'atto mediante il quale un soggetto cede volontariamente doveri prima della scadenza del termine precedentemente stabilito. Si tratta di un concetto simile alla rassegnazione.
Precedentemente, il concetto è stato anche utilizzato per designare l'azione di privare un membro della famiglia (diseredare un figlio, ad esempio). Attualmente, tuttavia, l'abdicazione si riferisce quasi esclusivamente al senso di rassegnazione di un potere o un carico.
Nel corso della storia, c'erano molte rinunce trascendente. Diocleziano (244-311), per esempio, era il primo imperatore romano, che ha volontariamente lasciato il suo posto. Quest'uomo ha abdicato durante l'anno 305 a causa della sua malattia e problemi di alcun genere.
Cristina di Svezia (1626-1689), da parte sua, ha abdicato nel 1654, lo stesso anno in cui ha lasciato il protestantesimo per convertirsi al cattolicesimo. Filippo V di Spagna, Louis Bonaparte dell'Olanda, Victor-Emmanuel della Sardegna, Archduke Franz Ferdinand dell'Austria, Nicholas II di Russia e Faruq I d'Egitto sono altri monarchi che ad un certo punto del loro regno, ha optato per l'abdicazione.
Pubblicato per scopi didattici