Codice di legge di Draco | Draco era un aristocratico che nel VII secolo A.C.

clip_image014
Draco era un aristocratico che nel VII secolo A.C. Atene è stato consegnato il compito di comporre un nuovo corpo di leggi. Non abbiamo nessuna particolare indizi riguardo alla sua vita e la biografia generale e l'unica certezza è che, come un aristocratico e un uomo colto, egli era nel posto giusto al momento giusto per prendere la sua occasione e legiferare. Durante l'infanzia del sistema giuridico ateniese Draco composto della città prima scritto codice di legge con l'obiettivo di ridurre le decisioni arbitrarie di punizione e faide tra le parti. In definitiva, però, le leggi aiutato e legittimato il potere politico dell'aristocrazia e ha permesso loro di consolidare il loro controllo della terra e poveri. Notoriamente duro, le leggi, infine, sono state sostituite da Solone nel 594 A.C..

Sfondo storico

Αfter la creazione di città-stato (πόλις - politico, polis - kratos) in Grecia, attorno al VIII secolo A.C., sovrani nelle grandi città come Atene iniziato a perdere potenza. Il re, al fine di mantenere il potere e la sicurezza nella sua città iniziato a condividere la terra con vari nobili, che in primo luogo, erano stati membri del suo Consiglio di guerra. Successivamente, questi nobili creati la falange oplitica (οπλιτική φάλαγγα, oplitiki falagga). La falange non era solo un gruppo militare di uomini ma gradualmente modellato in un organo politico e alla fine ha guadagnato potere dal re. Nacque così un'aristocrazia. Ad Atene, gli aristocratici controllato la terra e hanno avuto la maggior parte dei privilegi, i diritti politici e, naturalmente, i soldi nella polis. La legge era detenuta da loro ed è stato scritto solo per i propri scopi e dalla propria prospettiva. La maggior parte Ateniesi erano costretti a vivere in povertà relativa e sotto questo regime semplici operai e contadini non avevano altra scelta ad essere governata da aristocratici. Gradualmente gli ateniesi si trovarono in una città dove pochissimi detenuti politici potere, denaro, terra e, soprattutto, il controllo della legge (non scritta).
Le leggi di Draco erano noti per la loro crudeltà e i loro pregiudizi verso i ricchi proprietari terrieri in contrasto con quelli che si trovarono a causa di soldi.
Giustizia non è sempre stata erogata dai giudici operano sotto una legge scritta o comune ugualmente applicabile a tutti. A presto Atene, giustizia non era una questione di applicare una norma scritta per qualsiasi situazione o controversia. Ci sono stati scritti in modo non esplicito condanna guide o precedenti giudiziari in cui chiamare. Piuttosto, le vittime stesse erano responsabili di esigenti castigo o compensazione per alcun reato. Se la vittima era morta, la famiglia è stata lasciata per vendicarsi o chiedere un risarcimento. Queste faide di sangue potrebbe durare per generazioni come famiglie cercarono di vendicare una perdita, raramente ammettere il difetto e sempre alla ricerca di assoluzione. (Salowey & Northen Magill).

L'inizio di un sistema giuridico

Mentre il tempo passava, gruppi di cittadini si sono riuniti per riflettere su come evitare trasgressioni o punire i criminali provenienti da altre aree e quindi evitare prolungate guerre basate su faide. Assemblee popolari sono stati chiamati per questo scopo in casi dove l'azione colpito la Comunità nel suo complesso. Nel corso degli anni, leader all'interno del aristocracy di Atene ha cominciato a pubblicare le loro sentenze. Questo sistema non era priva di problemi, come questi "capi" erano spesso i destinatari delle tangenti.
Inoltre, secondo Aristotele, indebitamento nell'antica Atene è stato permesso e come una garanzia, o come un deposito di sicurezza, è stato "permesso che uno può prendere in prestito da un altro con una garanzia di sua proprietà e la sua libertà personale". (La costituzione ateniese, 1306b 22-25, 1307a 7). Quindi, il problema fondamentale era non solo chi ha avuto la terra o il potere politico, ma che un sacco di proprietari terrieri piccolo gradualmente ha indebitato e iniziato a perdere la loro terra, finendo servi ai ricchi. Il problema principale era che nessuna legge di cui sopra sono stata annotata e i poveri non erano in grado di stare in un tribunale dove solo gli aristocratici erano a giudicare e nessuna legge scritta era lì per proteggerli.
Circa 632 A.C., un aristocratico e l'ex vincitore ai giochi olimpici, chiamato Kylon (Κύλων), ha cercato di superare il partito aristocratico che governò Atene e diventare un unico tiranno. Kylon, in realtà, stava tentando di usare la volontà di ateniese per un cambiamento: ovvero un cambiamento contro gli aristocratici che tengono la terra e il potere politico in Atene in quel particolare momento. Il tentativo di farsi tiranno, alla fine, non è riuscito e suoi seguaci furono massacrati dagli aristocratici e Kylon fuggì a suo suocero, Theageni (Θεαγένη), il tiranno di Megara (Mέγαρα). Se guardiamo un po' più profondamente nella vicenda, Kylon stava veramente cercando di afferrare lo slancio della povera gente (per lo più agricoltori e proprietari terrieri piccolo) che avevano perso la loro terra ai proprietari terrieri ricchi principalmente a causa di debiti e il fatto che nessuna legge mai è stato scritto in Atene da che tempo e così, la terra era detenuto da pochi aristocratici e giustizia era introvabile.
Se sommiamo i due sopra fatti, la ribellione di Kylon e la reazione di proprietari di terreni agricoltori e piccole a tutti questo, arriviamo alla conclusione che leggi avevano finalmente doveva essere scritto. Infatti, gli aristocratici convocato Draco (Δράκων) di annotare il codice di legge prima di Atene. Questo è accaduto nel 621/620 A.C.. Il testo delle leggi è stato conservato solo da Aristotele nel suo libro La costituzione ateniese.

Leggi di Draco

Le leggi di Draco erano noti per la loro crudeltà e i loro pregiudizi verso i ricchi proprietari terrieri in contrasto con quelli che si trovarono a causa di soldi. La sua serie di punizioni drastiche (l'origine del termine 'draconiano') per una varietà di crimini non erano effettivamente in vigore per molto tempo e certamente non riusciti nel loro intento. Questo legge-codice rudimentale di cui sappiamo che sono state scritte solo le disposizioni relative all'omicidio, secondo la tradizione e mito nel sangue a causa della loro crudeltà percepita. Sotto sono alcuni esempi citati in Pur ateniese (tradotto dall'autore secondo Inscriptiones Greacae 1 115) :
... .political i diritti (in Atene) possono appartenere solo a quelli che portano armi. Questi diritti sono soprattutto per signori di rango inferiori, considerando che in ordine di qualcuno per essere eletto come un generale o il capo della cavalleria (ίππαρχος, ipparxos) dovrebbe avere una fortuna di oltre 100 imprese multinazionali e hanno una legittima moglie ateniese e i bambini sopra i 10 anni.
Colui che uccide un altro ateniese, senza uno scopo o per caso dovrebbe essere bandito da Atene per sempre. Se l'assassino si scusa con la famiglia dell'uomo assassinato e la famiglia accetta le scuse, l'assassino può soggiornare ad Atene.
Un parente di una vittima di omicidio, può cacciare e prenda in custodia l'assassino e così glielo consegnamo le autorità dove egli sarà giudicato. Se un parente uccide l'assassino non potrà accedere al Forum ateniese («omai», agora), o partecipare a concorsi o mettere piede in luoghi sacri...

Alla fine del codice di diritto di Draco

Codice di legge di Draco successivamente è stato considerato come intollerabilmente duro, soprattutto in relazione ai crimini di banali punisce con la morte; era probabilmente insoddisfacente ai governanti contemporanee troppo, poiché Solon, che era l'Arconte nel 594 A.C., successivamente abrogato codice di Draco e pubblicato nuove leggi, mantenendo solo gli statuti di omicidio di Draco. La crudeltà dietro le leggi potrebbe essere stato l'unico modo per sostenere il potere all'interno del partito aristocratico, nonché a prevenire faide di sangue che potrebbe durare per generazioni. Inoltre, gli aristocratici trovati un modo per garantire la terra prendendo legittimamente dai poveri secondo leggi oltre il loro potere politico reale scritte. Sotto il codice di leggi di Draco i governanti erano al potere in conformità alla legge e, come l'hanno visto, giustizia.
Tradotto dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.