Che cosa è l'empatia | Malattie e condizioni.

Empatia, qualità che ci aiuta a capire gli altri

Empatia è una capacità che ci aiuta a comprendere i sentimenti altrui, anche facilitando la comprensione delle ragioni per il suo comportamento, e che quindi permette di prevenire i conflitti principali. Tuttavia, molte persone hanno livelli estremamente bassi (in casi patologici può diventare inesistente) questa capacità.
L'empatia di parola è derivato dal termine greco Emphateia (sensazione all'interno di affetto), ma non sarà fino alla fine del XVIII secolo, quando, dal termine tedesco Einfulung (sedersi all'interno), diventa un vero ravvicinamento etimologico a quello che oggi intendiamo come empatia.
Ha detto Gandhi che "i tre quarti delle miserie e male comprese nel mondo sarebbero finita se persone sono stati messi nei panni dei suoi avversari e capito il loro punto di vista". In modo armonioso e metaforico, Gandhi esemplificato con questa frase che si riferisce all'empatia. Dal punto di vista delle relazioni, l'empatia è la capacità di "mettere al posto di un altro" e "far loro sapere". Questo ultimo componente è davvero fondamentale, è quindi importante capire emozione o motivazioni di altro, come la raccolta di loro, sanno come restituirli.
Poiché esso è sostenuta dall'esistenza di più tipi di intelligenza (spazio, astratto, artistico, ecc.) autori come Gardner capiscono come un "tipo di intelligenza interpersonale". Quando una persona è priva di empatia, il loro comportamento è egoista, perché non è in grado di comprendere le emozioni e i problemi degli altri. Questo fatto rende il presupposto di norme e di rispetto per loro, come pure causare importanti problemi a livello sociale, lavoro, partner, ecc.

Empatia è acquisito

Non siamo nati essere empatico, ma che questa abilità interpersonale è parte del nostro corretto emotivo e sociale comincia a sviluppare dallo sviluppo della prima infanzia.
Psicologia di base, basata sull'empatia risiede in neuroni specchio, un tipo di neuroni umani e primati hanno nel cervello e consentendo astrazione e imitazione degli stati emotivi degli altri. Questo dono che ci rende la nostra biologia successivamente deve coniugarsi con la socializzazione per ottenere adeguati livelli di empatia.
Empatia primitivo, che appare già da tre mesi di età, si sviluppa grazie a delle situazioni di interazione con adulti, facilitando la creazione di legami affettivi privilegiati e intensi.
In questo senso, l'atteggiamento e l'educazione emozionale dei genitori è essenziale affinché un bambino può sviluppare empatia. Per esempio, un bambino cui sentimenti vengono ignorati dai suoi genitori, che dicono frasi come "Smettila di piangere", "non fare così", si impara a ignorare i loro sentimenti e quelli degli altri. Allo stesso modo, un bambino che frequenta emotivamente (si sente quando si lamenta, dare baci, carezze, ecc) sarà imparare ad ascoltare le proprie emozioni e quelle degli altri, spianando la strada per i primi passi nello sviluppo di empatia.

Profilo di una persona premurosa

Empatici persone ottiene grandi benefici da sociale grazie alla sua capacità, perché ottengono che gli altri si sentono capiti e sentito emotivamente raccolti.
Profilo del popolo empatica è caratterizzato da:
• Hanno un'elevata sensibilità sociale: li preoccupato per i problemi degli altri, i sentimenti degli altri, ecc.
• Acquisizione di comunicazione non verbale degli altri: può leggere nei gesti, nel tono della voce, ecc gli stati emotivi degli altri.
• Sapere dare feedback sociale: sono in grado di mostrare agli altri che hanno catturato i loro sentimenti.
• Essere rispettoso: sapere accettabili sentimenti e i comportamenti degli altri indipendentemente dal fatto non li adottano.
• Piace ascoltare (non ascoltare), e sono buone chiacchieroni.
• Rispettare o capire le ragioni per il comportamento degli altri.

Come sviluppare empatia

Come il resto delle abilità sociali, empatia è anche acquistabile per tutta la vita (con l'eccezione di individui che hanno patologie che ostacolano lo sviluppo dello stesso).
La pratica migliore sarebbe che si acudieras uno psicoterapeuta che ti ha aiutato a farlo dopo il voto con competenze conti e ciò che è necessario acquistare. Ma mentre si decide di richiedere l'assistenza di un esperto, si può andare per addestrarti te seguendo questi suggerimenti per sviluppare empatia:
• Imparare ad ascoltare cosa dicono gli altri senza parole: imparare a interpretare comunicazione non-verbale degli altri è uno strumento fondamentale nella comprensione loro stati emotivi. Oltre ai corsi specifici per questo scopo, ci sono interessanti manuali di auto-aiuto che servirà come un primo approccio.
• La tecnica delle tre colonne: di fronte a una situazione di conflitto, discussione, ecc., note da parte questa situazione (che cosa è accaduto), qual è la tua opinione al riguardo e qual è l'opinione o la posizione di altra persona. Mentre lo avete molto chiaro, o di molto arrabbiato, sei, provare a forza di vedere il conflitto dal punto di vista di altro.
• Pratica di ascolto attivo: quando gli altri dicono loro problemi cerca di non pensare a come ti senti, terapista o pensare. Invece, cercare di sentire, atto e pensare come le altre. Per effettuare questa operazione, ponetevi la domanda: "prendendo in considerazione ciò che lui e la sua situazione, come si sente?"
• Pensate "Con" piuttosto che "Da" il vostro partner: quando qualcuno sta dicendo loro problemi o preoccupazioni, cerca di aiutarti a pensare, a dare le stesse risposte alle vostre domande. Si prega di utilizzare cautela nel dare una risposta di consolazione o consulenza magica. Aiuta gli altri a pensare e riflettere.
• Imparare a raccogliere e restituire l'emozione a altra: per fare questo, esistono specifiche formulazioni come "parafrasi". Por_ejemplo, r: "Sono preoccupato per la malattia di mio padre", B (parafrasato): "Ho capito, sei preoccupato per la malattia di tuo padre"). Anche se si ascolta attentamente si può evitare il confronto aiutando gli altri a vedere le proprie incoerenze emotive. Ad esempio: "tu sei deluso perché fai tutto per tornare con il tuo partner, tuttavia, mi dicono che quando sei con lei, ti senti che ti tratta in modo dispregiativo". Accompagna il tuo post è sempre un "ho capito", "Io posso prendermi cura di...", "Credo che al tuo posto pensare / sentire...".
Pubblicato per scopi didattici
Questo sito web non fornisce consigli medici, diagnosi o trattamento
Malattie e condizioni