Che cosa è la resilienza? | Malattie e condizioni.

Resilienza

Perché a un trauma o qualsiasi circostanze avverse persone sono in grado di affrontare con successo mentre altri sprofondare loro emozioni negative? Una volta che abbiamo tutti conosciute persone che sembrano di acciaio, nel senso di essere in grado di affrontare tutto ciò che accade a loro. Forse, se riflettere e prendere indietro, quella persona può essere te stesso, in quell'occasione difficile che non si sa come, ma alla fine ci si avvicina molto meglio di quanto si potrebbe aspettare. Cosa si nasconde dietro la spiegazione di questo fenomeno è la resilienza, sempre più di moda non solo nella ricerca scientifica ma anche nel linguaggio popolare.
Fattori di personalità, apprendimento e anche biologici sono coinvolti nello sviluppo della residenza di ognuno di noi. Vediamo nel dettaglio cosa e come si sviluppa.

Che cosa è la resilienza?

Possiamo definire la resilienza come un fenomeno o un processo che riflette un relativo adattamento positivo nonostante i contesti di rischio, significativa avversità o traumi. C'è qualche conflitto circa il momento in cui siamo in grado di valutare se una persona è o non resilienti. Alcuni autori considerano che il fatto di avere un'adeguata capacità di recuperare l'evento minaccioso sarebbe sufficiente per ritenere che una persona è resiliente, mentre altri credono che oltre a questo recupero deve essere anche crescita personale. Un esempio di quest'ultimo sarebbe l'aumento della fiducia in se stessi e la fortezza di personale, rivalutare la vita, persone, eventi che ci circondano..., cercare di essere migliore degli individui.
Questo è il motivo che, attualmente, ci sono due opinioni riguardo al concetto di resilienza; coloro che considerano come un processo e definirla come risultato:
• I primi studi esplorando la relazione tra fattori di rischio e i risultati (positivi o negativi) e la mediazione di altre variabili al momento di affrontare le avversità. Questi fattori sono chiamati guardie per la sua capacità di attenuare o eliminare l'effetto di avversità. Un esempio di questo è ottimismo.
• Per parte sua, gli studi che considerano la resilienza come risultato alla ricerca di soggetti che, dopo aver subito un trauma, continuano a mostrare comportamenti ed emozioni che mostrano buoni risultati. Questi studi hanno permesso lo sviluppo di programmi di trattamento finalizzate a valorizzare i punti di forza in diversi domini specifici, come ad esempio il cognitivo e quello emotivo.
Infine, molti autori insistono sulla differenziazione la resilienza della personalità resistente e robustezza. Questo concetto deriva dalla ricerca con adulti e condivisioni con resilienza, buon adattamento al trauma, ma spiegando che in questo caso solo a seconda delle caratteristiche della personalità.

Profilo della persona resiliente

Tenendo conto di ciò che avete letto finora esso è possibile venire a mente persone nel proprio ambiente che sono resistenti o un ideale su come essere. Persone resilienti presentano il seguente profilo:
• Sono persone positive e con un senso dell'umorismo.
• Come godere di rapporti umani; sono socievole, essere facilmente coesistere con loro, sono assertivi quando si tratta di comunicazione, ecc.
• Presentare un adeguato controllo degli impulsi e delle emozioni in generale.
• Di fronte alle avversità hanno un Locus of Control interno, vale a dire, penso che ci sia un elevato rapporto tra il suo comportamento e le conseguenze di esse. Allo stesso modo, considera che di fronte alle avversità hanno risorse per risolvere il problema o controllare la sua emozione ("cosa mi è successo è controllabile da me o posso controllare come influisce me").
• Hanno un'elevata capacità di auto-motivazione.
• Avere un adeguato livello di autostima e sono percepiti come competente, in modo da contare su se stessi.
• Persone con resilienza sono flessibili nei loro pensieri.
• Il loro comportamento tende a altruismo; gli piace fare le cose per gli altri, essere importante per loro che sta bene con coloro che li circondano.

Chiave per lo sviluppo della resilienza

• Lontano da quello che molte persone pensano, con resilienza «non nascere», ma che "fa». Diversi studi evidenziano l'importanza dell'ambiente in cui sono stati sviluppati gli individui resilienti: avevano età poco al verificarsi di qualche evento traumatico, loro famiglie avevano competenti figure paterne e corrette relazioni sociali che forniscono una buona fornitura di supporto sociale.
• Questi studi indicano che tre fattori precedenti, il più importante al momento sviluppare adeguati livelli di resilienza è il fatto di avere relazioni, all'interno e all'esterno della famiglia, garantendo un adeguato sostegno e raccogliendo il più importante di tutti. Il ruolo di queste relazioni sociali è la creazione di sostegno e la fiducia per lo sviluppo e la manutenzione di resilienza.
• Il ruolo dei genitori e degli adulti che circondano il bambino è un altro dare loro chiave nel facilitare lo sviluppo della resilienza di questo. A livello di famiglia, è essenziale che famiglia faciliterà lo sviluppo di adeguati livelli di autostima e fin da piccolo aiuta bambini accettare le emozioni negative derivanti da circostanze avverse (ad esempio "è normale essere arrabbiati quando..., ma sono sicuro che saprai come risolvere il problema, sei un ragazzo pronto".
• Per quanto riguarda il settore dell'istruzione, l'atteggiamento degli insegnanti e l'ambiente scolastico sarà essenziale per lo sviluppo della resilienza del bambino. La creazione di uno spazio aperto che permetterà di migliorare le competenze di ogni piccolo, dove consentito per migliorare che cosa dato bene, che presenta sfide pratiche per esso è obbligato a farlo. Questo spazio dovrebbe cercare di educare da rinforzo e non punizione.
• Infine, sebbene a un livello più distale, comportamento sociale e il modo in cui i giovani è integrato nel loro quadro sociale sarà altrettanto importante affinché il bambino può sviluppare adeguati livelli di resilienza. Ecco perché la società dovrebbe promuovere, agevolare e premiare i comportamenti prosociali. Famiglia a sua volta può facilitare questo fatto offrendo opportunità a suo figlio di svolgere un comportamento prosociale (per esempio offrendo l'appartenenza di un'ONG).

Come diventare più resilienti

Ecco alcuni semplici consigli per ottenere essere più flessibili nel vostro giorno per giorno e sapere come utilizzare al meglio il viso le difficoltà che possono sorgere nella vostra vita:
• Tentativi di eventi avversi la giusta importanza: per questo voi non magnifiques problemi ed Elimina catastrofici pensieri nella tua testa. A parte preoccupati frasi come "E se..." e concentrarsi su ciò che sta accadendo qui e ora.
• Conoscere te stesso che decide la tua vita e le tue emozioni: prova a prendere decisioni in modo razionale a parte impulsività. Quando le cose sono andate male non si tortura con il 'perché' e concentrarsi sul 'come superarla o risolverlo' nei casi in cui questo può essere.
• Non vergognarti di provare emozioni negative come paura, ansia, tristezza o rabbia. Soffrono situazioni avverse è sinonimo di salute mentale.
• Sei il vostro alleato più importante: deve fidarsi di voi e vostri successi per campo minato nelle occasioni dove si sta andando storto.
• Costruisce tutta la vita una rete adeguata di persone (famiglia, amici, ecc.) che ti fa sentire amati e sicuro. Rapporti sociali positivi svolgono un ruolo di supporto sociale che smorza l'effetto delle emozioni negative e rafforzino la resilienza.
• Essere coinvolti nei problemi di altre persone; aiutarli e si concentra non solo su te stesso. Aiutarvi a relativizzare la realtà, di creare legami sociali e di sentirsi bene.
Pubblicato per scopi didattici
Questo sito web non fornisce consigli medici, diagnosi o trattamento
Malattie e condizioni