Passa ai contenuti principali

Biografia: Svante August Arrhenius | Svedese chimico e fisico.

(Uppsala 1859 - Stoccolma, 1927) Svedese chimico e fisico. Appartenente ad una famiglia di agricoltori, suo padre era Manager e geometra di un'azienda agricola.
Ha studiato all'Università di Uppsala, dove ha conseguito il dottorato nel 1884 con una tesi che ha affrontato la conduzione elettrica dell'elettrolito dissoluzioni, che esposto il germe della sua teoria secondo la quale le molecole di elettrolita si dissociano in due o più ioni e la forza di un acido o una base è in relazione diretta con la sua dissociazione.

Svante August Arrhenius
Questa teoria è stato fortemente criticata dai suoi insegnanti e compagni di classe, che concesse il suo lavoro il voto minimo possibile. Tuttavia, il grande si Papi di prodotto chimico straniero, come Wilhelm Ostwald, Ludwig Boltzmann e J. H. Van ' t Hoff, hanno solo apprezzato la sua teoria e offrono il loro sostegno e qualsiasi altro contratto, con ciò che la sua reputazione cresceva nel proprio paese.
Lo sviluppo totale della relativa teoria vorrebbe dire lui cinque anni di studio, durante i quali suoi compagni erano accettare i risultati. Nel frattempo, dal 1884, Arrhenius ha lavorato come professore di fisica presso l'Università di Uppsala e, dal 1891, presso il Royal Institute of technology di Stoccolma; più tardi fu rettore della Università di Stoccolma. Nonostante avesse ricevuto diverse offerte da diversi paesi, ha scelto di seguire nella capitale svedese, dove continuò gli studi, anche di formulare (indipendentemente da Ostwald) nuove definizioni di acido e di base.
Con l'assegnazione del premio Nobel per la chimica nel 1903 anche ottenuta una maggiore considerazione nella loro patria: nel 1905 fu nominato direttore dell'Istituto Nobel di chimica fisica, creato appositamente per lui e molto presto divenne un centro di ricerca di importanza mondiale. Durante una stagione che è andato all'Università della California è stata dedicata alla immunochimica e pubblicato Inmunochemistry (1907).
Grande uomo di scienza, il lavoro di Svante August Arrhenius coperto molto disparati campi. La sua ricerca sull'influenza della temperatura sulle reazioni chimiche lo ha portato a stabilire l'equazione che porta il suo nome. Per il suo lavoro sull'ionizzazione degli elettroliti, che ha permesso di interpretare le leggi fisiche di elettrolisi, ottenne nel 1902 la prestigiosa Medaglia Davy della Royal Society di Londra; Oltre al premio Nobel in chimica nel 1903, Gibbs della medaglia degli Stati Uniti ha ricevuto nel 1911. Si dovrebbe anche la prima constatazione della serra effetto (aumento della temperatura dell'atmosfera a causa dell'aumento della concentrazione di anidride carbonica).
Arrhenius affrontato anche cosmogonia in opere come Lehrbuch der kosmischen Physik (1900); i suoi contributi comprendono una teoria sulla formazione delle comete basato su pressione di radiazione e una teoria cosmologica che spiega l'evoluzione delle stelle. Lei era anche molto fortemente interessata al problema dell'origine della vita, che è stato considerato un universale e non solo proprietà di possedere la terra. Nel suo libro Erde und Weltall (1926), compilazione dei lavori precedenti, formulato un'ipotesi (chiamata di "panspermia") secondo la quale i germi della vita sono diffuse in tutto l'universo, ma sono sviluppati solo quando trovano le condizioni giuste. Questa teoria è stato raccolto anni più tardi da molti scienziati, che includono Fred Hoyle e Francis Crick.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…