Biografia: Sri Aurobindo | Filosofo e poeta indiano

(Sri Aurobindo Ghose;) Calcutta, 1872 - Pondichery, 1950) filosofo e poeta indiano. Terzo figlio del Dr. Krishnadhan Ghose, medico bengalese ammiratore della cultura britannica, il giovane Ghose ha ricevuto due nomi personali: Aurobindo (pronuncia bengalese del sanscrito Aravinda, Lotus) e Ackroyd, in inglese. Come i suoi fratelli, ricevette un'educazione inglese.

Sri Aurobindo
Nel 1879 fu affidato, insieme ai suoi fratelli, da una famiglia di Manchester, dove ha iniziato i suoi studi in latino. Nel 1885 entrò alla St. Paul School di Londra. Ci ha studiato greco, storia, come pure varie lingue europee, iniziando a sviluppare il suo talento poetico. Nel 1889 entrò il King ' s College di Cambridge, dove si unì un'associazione di studenti indiani e lasciato il suo nome. Suo padre voleva destinare e al servizio civile indiano, ma è stato rifiutato sua applicazione non superare prove di equitazione, anche se aumentato sentimenti nazionalisti già fatto è poco adatto per servizio coloniale.
Egli quindi ha catturato l'attenzione di James S. Cotton, fratello di un ex governatore del Bengala, e il Maharaja di Baroda, al cui servizio è venuto, lasciare l'Inghilterra nel 1893. Ha cominciato a collaborare, in linea di principio in forma anonima, nella rivista nazionalista Induprakash, insufficiente a giudicare le prestazioni del Congresso nazionale indiano, appena fondata nel 1885 con l'intento di riforme d'ispirazione al governo britannico. Desiderano approfondire la loro conoscenza della cultura indiana, ha immerso nello studio della tradizione sanscrita e bengalese, senza rinunciare alla cultura europea, con una vista, anche allora, per raggiungere una sintesi superiore che danno luogo al meglio delle due culture.
Ha lottato in organizzazioni segrete che hanno combattuto per l'indipendenza, senza escludere (come se sarebbe Gandhi) il ricorso alla violenza. Dopo la partizione del Bengala realizzato da Lord Curzon nel 1905, che ha provocato grande indignazione, Baroda sinistro e, dal 1906, ha fatto il tour politico del Bengala, ha diretto il Collegio Nazionale di Bengala e il giornale nazionalista Bande Mataram. Un oggetto di persecuzione l'amministrazione inglese, ha lasciato la direzione del Collegio nel 1907.
Sri Aurobindo poi suonato nel gruppo del Congresso nazionale indiano e fu arrestato a seguito di azioni terroristiche in cui la sua fazione è stato coinvolto. Ha trascorso in carcere un intero anno (1908-1909), imprigionato tra i prigionieri comuni, periodo dedicato alla pratica dello yoga, meditazione e lavoro letterario. Se durante il suo soggiorno in Inghilterra, Sri Aurobindo professato ateismo modernista, poi nuovamente alla divinità nello studio della filosofia indiana. Ancora una volta minacciato di carcere, Sri Aurobindo trascorso clandestinamente a Chandannagar, sotto il dominio francese e nel febbraio 1910, si stabilisce definitivamente a Pondichery.
Da allora in poi esso si astenuta da qualsiasi attività politica. Nel 1914 fondò la rivista Arya insieme a Paul Richard e un piccolo gruppo di discepoli. Il suo lavoro ha cominciato a essere tradotto in francese da Madame Richard che è associato con l'opera di Sri Aurobindo nel 1920: la creazione della Sri Aurobindo Asram, comunità guidata dal filosofo, ha organizzato e diretto (dal 1926) come "Madre", mentre il pensatore fu ritirato, fare poche apparizioni pubbliche l'anno, in vari anniversari e solennità.
Sri Aurobindo Asram, comunità spirituali e temporali, con sede a Pondicherry, distribuito una grande attività educative secondo la dottrina di Sri Aurobindo, alla ricerca di una sintesi tra scienza e spiritualità, sport e regime di vita sana. Alla sua morte (non accettato come tale da molti dei suoi discepoli), Sri Aurobindo è stato sepolto nella sua Asram, in un oggetto di tomba di costante venerazione al presente. La Comunità aveva nel 1968 oltre duemila membri, con filiali in diverse città di l'India, Europa e America.
Corso obbligatorio di ogni esistenza, Dio, secondo il pensiero di Sri Aurobindo, è presente nel campo e nel mentale e supramental dimensioni. La verità che copre tutte le verità particolare è espressa in modo speciale attraverso l'intelligenza umana e tendente a manifestarsi in modo più chiaro e più pienamente di questa intelligenza in continua evoluzione (una delle funzioni della Sri Aurobindo Asram è, precisamente, dirigere, guidare questa evoluzione). Quella verità è già contenuta in antichi testi indiani o qualsiasi altra cultura. Sri Aurobindo si trova soprattutto in Eraclito, i veda, le Upanisad e il Bhagavadgita.
Lo scopo ideale della vita dell'uomo sarà per le prestazioni completa e disinteressata della condizione umana, adatto per veicolare e manifesto divinità. Secondo Sri Aurobindo, non non c'è nessuna dottrina religiosa o filosofica universale quell'uomo a schiavizzare. Yoga, adeguamento e sviluppo integrale, si adatta ad ogni natura, prendendo per la realizzazione, per essere testimone di emergenza nella propria divinità, basata sulla conoscenza all'interno.
Il pensiero di Sri Aurobindo è sia una dottrina spirituale e un sistema filosofico e lo yoga: una sintesi che integra la tradizione vedica speculativa con l'influenza della filosofia occidentale. Nucleo della vostra riflessione sono due dei principi delle Upanisad: "tutto è Brahma" e "uno ha nessun secondo", che, secondo l'interpretazione di Sri Aurobindo, si fonde con un'altra corrente di Vedic pensiero per dire: "uno ha nessun secondo perché in realtà tutto è Brahma", unità, pertanto non è negazione della molteplicità, ma tutti in costante evoluzione. Alla conoscenza della realtà divina dirige il programma di yoga integrale, che cerca di trovare che divinità in sé, con la conoscenza come via.
Le opere di Sri Aurobindo includono Base di Yoga (fondamenti di Yoga), 1936; La mère (La madre), 1938; Yoga di la Synthese des (La sintesi del yogas), 1939; La vita divina. La filosofia di Sri Aurobindo (la vita divina, la filosofia di Sri Aurobindo), in tre volumi, (1942), che è la sua opera più conosciuta, sintesi, secondo Romain Rolland, il più completo tra il genio di Asia ed Europa; Il ciclo umano (Il ciclo umano), 1949; Evoluzione (Evoluzione), 5a edizione nel 1950; Ideale di Karmayogin (Ideale del Karma Yoga), 7 ° edizione nel 1950; Luci su problemi della vita (Luci nei problemi della vita), 1950; Il fondamento della cultura indiana (Il fondamento della cultura indiana), 1954; Il Veda (Su dai veda), 1956; Aforismi e pensieri (Pensieri e aforismi), 1958; R. saggi della Gita (Saggi sul Bhagavadgita), 1959 e La futura evoluzione dell'uomo (il futuro dell'uomo), pubblicato a Londra nel 1963.
Biografie di personaggi famosi e storici