Passa ai contenuti principali

Biografia: Rómulo Gallegos | Romanziere e politico venezuelano.

(Rómulo Gallegos Freire;) Caracas, Venezuela, 1884-1969) romanziere e politico venezuelano. Rómulo Gallegos fatto Università Studi topografici e diritto presso l'Universidad Central del suo paese, ma non finire li. Dipendente delle ferrovie e insegnante nelle scuole private, divenne assistente direttore della scuola normale e direttore del Liceo de Caracas (1922-1928).
Il dittatore Juan Vicente Gómez nominato senatore dello stato di Apure nel 1931, ma sue convinzioni democratiche lo fece espatriare e dimettersi. Nel 1935, dittatore morto, Rómulo Gallegos tornò in Venezuela e nel 1936 fu nominato ministro della pubblica istruzione nel governo di López Contreras, una carica si dimise anche per lo stessi scrupoli morali.

Romulo Gallego
Nel 1947 è stato eletto Presidente della Repubblica, ma l'anno seguente fu rovesciato da una giunta militare guidata da Carlos Delgado Chalbaud. Esiliato a Cuba e in Messico, Rómulo Gallegos tornò al suo paese per rilasciare questa dittatura di Marcos Pérez Jiménez nel 1958.
All'inizio del narratore, Rómulo Gallegos pubblicato avventurieri (1913), una raccolta di racconti. Continuò a lavorare la trama Ultima (1920), un romanzo che reeditaría nel 1930 sotto il titolo di Reinaldo solari, storia del declino di una famiglia aristocratica attraverso il suo ultimo rappresentante, in cui si può vedere il suo amico Enrique Soublette, con cui fondò nel 1909 l'alba rivista.
Ha scritto dopo lo scalatore (1925), con un personaggio femminile, Victoria Guanipa, ambizioso e senza scrupoli. Doña Bárbara (1929) è una vera epopea che ha come scenario la pianura venezuelana. Cantaclaro (1934) è il romanzo di un cantante popolare che attraversa villaggi e campi. Canaima (1935) narra l'esistenza maleducato di alcuni proprietari terrieri sulle rive del fiume Orinoco. Successivamente pubblicò nero povero (1937), lo straniero (1942), sulla stessa terra (1943), il filo di paglia nel vento (1952), posizione nella vita (1954) e la fanciulla e il Patriot ultimo (1957), lavoro è che otterrebbe il premio nazionale di letteratura.
Non vi è unanimità nell'indicare Doña Bárbara (1929) la più importante delle opere di Rómulo Gallegos, come lei inizia un tempo brillante per tutti i romanzi sudamericani: delle grandi storie native (privo di qualsiasi influenza europea) cui asse è costituito da eventi e personaggi affascinanti da un ambiente esplorato : le Highlands, la pianura e le enormi giungle dell'America. E ' in scena la vecchia opposizione tra civiltà e barbarie, tassa tradizione umanista liberale del XIX secolo, attraverso l'uso di una simbolizzazione di personaggi, ambienti e descrizioni che possono a volte sembrare schematico, ma che è una grande efficacia narrativa.
Più che un romanzo tradizionale o folk, Doña Bárbara è un grande poema epico nativo, a volte animata da una forza splendida lirica. Tutto ciò che gira e si muove in uno spazio affascinante, le pianure di venezuelano, dal cui seno, duro e coraggioso, uomini e donne, agitate dalle emozioni più complesse emergono. L'ispirazione senza confini di Rómulo Gallegos si unisce qui un'arte originale e unico, che descrive questi personaggi classici nella letteratura venezuelana e del continente: Santos Luzardo, Pajarote, non Pernalete, Mujiquita, El Brujeador Marisela e, naturalmente, Doña Bárbara, è simbolo sconcertante e patetico che figura del romanzo Gallegos la più rivelatrice.
Doña Bárbara è semplice ma emozionante. Santos Luzardo, un ranger che ha vissuto molto della sua vita nella città, tornare a Savannah per recuperare le proprietà della sua famiglia. Ci deve fare i conti con una natura selvaggia e affascinante, pericolose bestie, infetto mondo dove l'uomo è visto in permanente bisogno di dominare la natura per sopravvivere. Non meno complicato sarà la sfida di affrontare una società rurale disciplinata dall'arbitrarietà, autoritarismo e vecchie tradizioni. I santi devono anche combattere contro coloro che cercano di conquistare la loro terra, come è il caso nella vicina Doña Bárbara, una donna senza scrupoli, avventurosi ed enigmatici, attraente e malefica, proprietario terriero che estende il suo potere in tutta la zona.
Il giovane e impetuoso Santos Luzardo non può soccombere al fascino di questa femmina sensuale e potente, che a sua volta si innamora di lui. Infine, con l'aiuto di alcuni fedeli pegni, le forze del bene a trionfare sul male, pace torna a regnare nella savana e Doña Bárbara finisce per lasciare il posto. Santos sposa sua cugina Marisela, una ragazza selvaggia e tenera allo stesso tempo.
Doña Bárbara simboleggia l'anima primitiva e complesso della femmina dominante e allo stesso tempo lo spirito della terra. Per questo motivo non è possibile dire che è buono o cattivo; Agisce in conformità del suo istinto che schiava esso ed esso infonda il suo potere elementale e ostinato. Di fronte, Santos simboleggia lo spirito civilizzatrice che lotte e trionfi dei suoi poteri, infiammata e sostenuta dall'amore per la terra stessa a inutilmente dona Barbara vuole mantenere soggetti a sua avidità cupo.
In effetti, il trionfo del Santos Luzardo (che alla fine è dato dal volo di dona Barbara, in un gesto di rassegnazione tragico), non è venuto per essere qualcosa di diverso dal trionfo della terra, che sarà sicuramente dedicato Luzardo, difendendolo dai suoi molti nemici e portando ad esso suoi nobili fini della giustizia e dell'umanità. Questo è in breve sintesi la Fondazione di quest'opera magistrale che, dal suo contenuto e le sue molte bellezze, è una delle creazioni più importanti della letteratura americana di tutti i tempi.
 Biografie di personaggi famosi nella storia e celebrità
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…